M.C. Escher
Mani Che Disegnano

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Due mani che disegnano... quale delle due disegna l'altra? Chi ha impugnato per prima la matita e cominciato a disegnare la manica da cui sbuca fuori l'altra mano?

Nonostante Escher sostenesse che il significato di un'opera si fermi alla sua mera e semplice rappresentazione, la particolarità dei suoi disegni ci invita ad andare al di là di essi.

Mani che disegnano è una litografia del 1948.

Ad un primo sguardo potrebbe sembrarci che la mano destra stia disegnando la manica della sinistra... però, riguardando attentamente, appare il contrario: la mano sinistra che poggia la punta della matita sulla manica della mano destra sembra ormai stanca di disegnare ed è così inclinata verso il foglio, come se fosse in posizione di riposo. Mentre, la destra, rialzata sul foglio grazie ad un effetto di rilievo incredibilmente realistico, è intenta a disegnare l'altra manica. E' da notare come l'effetto del rilievo sia dato dalle ombreggiature che Escher ha disegnato sul dorso delle mani e sulle dita. Sembra che pian piano le mani prendano volume e allo stesso tempo vita dal foglio. Le maniche sono rapprensentate a due dimensioni e anche parte del polso; poi le mani prendono volume e si rialzano rispetto al piano bidimenzionale del foglio.

Forse queste mani così vive avrebbero poi deciso di staccare, da quell'ipotetico foglio, le puntine che lo tengono fisso sul piano, e così uscire da quella gabbia di carta... continuare a disegnare il resto del corpo, finendo insieme di tracciare le linee di matita sulla bocca della persona che avrebbe posseduto quelle mani, e dargli infine la voce.

Infondo però, riflettendo sull'opera di Escher, bisogna indirizzare la nostra attenzione su un particolare: se la mano destra fosse la prima mano che avrebbe dato vita alla sinistra, allora cosa ha dato precedentemente vita alla destra? Siccome è impossibile stabilirlo credo sia meglio dunque considerarle l'una come la conseguenza dell'essere dell'altra. Una sorta di ciclo infinito come in altre sue opere, quali "Cascata", "Rettili" e "Relatività".

Questa DeRecensione di Mani Che Disegnano è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/mc-escher/mani-che-disegnano/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (QuarantaNove)

geenoo
Opera: | Recensione: |
"se la mano destra fosse la prima mano che avrebbe dato vita alla sinistra..." Dici che fila?

Deep-Frenk
Opera: | Recensione: |
Non mi stupisce più di tanto la litografia (ben spiegata da te tra l'altro). Allora vale il detto: "è nato prima l'uovo o la gallina?".

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
Escher, questo sconosciuto. Ancora, nonostante la lettura.

fedeee
Opera: | Recensione: |
a me questa è sempre piaciuta, trix bella scelta. Certo ti sei un po' persa per spiegare il tutto, fra mano destra, sinistra e diquaedilà XD!Da sottolineare oltre al concetto di ciclo infinito anche il fatto che l'opera sia un paradosso logico (e da qui il concetto di disegno-illusione). (p.s. Kosmo chiede più spiegazioni sugli artisti e le do ragione.)

trix
Opera: | Recensione: |
mi dispiace ma se approfondisco troppo mi accusano di copiare, quindi le informazioni sull'artista le terrò per me...

GonzoBiputre
Opera: | Recensione: |
blechtrommel
blechtrommel Divèrs
Opera: | Recensione: |
Escher è uno di quegli artisti che ho scoperto da me, senza la scuola, senza nessuno che mi dicesse di studiarlo. Forse è per questo che mi piace così tanto. Non c'è un suo disegno, litografia, bozzetto, che trovi geniale. Il MIO artista preferito. La rece è buona, per me manca un po' di un inizio e di una fine e di alcuni dati fondamentali per introdurre l'artista a chi di Escher non ne sa una benemerita mazza, ma comunque si capisce che c'è passione..Per migliorare c'è sempre tempo..

yan
yan
Opera: | Recensione: |
blechtrommel
blechtrommel Divèrs
Opera: | Recensione: |
Skeletron
Opera: | Recensione: |
intanto l'hai segnalato. a chi interessa se lo cerca su wikipedia et similia, senza pretendere un debaser emulo di encarta.

Nosebleed
Opera: | Recensione: |
Questo non è il tipo della foto di Blechtrommel? Comunque sconosciuto sì, se è sempre lo stesso tizio, io me lo ricordavo solo perchè viene citato sia nella sigla di una puntata dei Simpson sia in Futurama (quando Fry e Bender cercano casa).

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
ah, perché su encarta si può commentare?

blechtrommel
blechtrommel Divèrs
Opera: | Recensione: |
Quello è, Nose. Cercati qualcosa di suo, ti piacerà.

Nosebleed
Opera: | Recensione: |
Blech non mi fido di un adoratore del feticcio. Metti che poi mi fai una fattura.

panapp
Opera: | Recensione: |
Buona recensione ed opera intelligente come tutte quelle che ci ha lasciato Escher (ma le mie preferite sono le sperimentazioni grafiche). Potrebbe sembrare un artista da poster o da puzzle, ma concordo con blechtrommel nell'apprezzarlo come un artista di genio.

Deep-Frenk
Opera: | Recensione: |
Cmq ahi ahi i voti sbagliai XD. Mi associo a Skeletron, alle enciclopedie le vite degli autori a DeBaser le opere.

MaTaCà
Opera: | Recensione: |
Escher ad vitam. Recensione un pò stringata...

fosca
Opera: | Recensione: |
Skeletron
Opera: | Recensione: |
"ah, perché su encarta si può commentare?" no, però ci trovi le informazioni che cerchi.


kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
ah, ok, e su debaser che ci trovo allora?

reverse
Opera: | Recensione: |
un bel bianco e nero come quella litografia... :)

Firestartah
Opera: | Recensione: |
Skeletron
Opera: | Recensione: |
"ah, ok, e su debaser che ci trovo allora?" recensioni scritte da chi vuole.



kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
recensioni e non tesine e/o segnalazioni, vero Skeletron?

fedeee
Opera: | Recensione: |
mezza riga mezza su chi ha fatto l'opera non ha mai fatto morire nessuno ... trallallerotrallallà

MuffinMan
Opera: | Recensione: |
grande Escher...ottima la tua rece

voodoomiles
Opera: | Recensione: |
Detto altrimenti la BREVE storia dell'INFINITO (consultare il catalogo Adelphi, please). Miss Trix prende quota, con levità naturale, m'attizza (absit iniuria verbis).

Skeletron
Opera: | Recensione: |
"mezza riga mezza" ma si dai, siamo per la completezza di informazioni. trix, la prossima rece che sia un equilibrio tra la qui presente e la tesina di prima, cosi accontenti tutti che siano essi brontoloni o affamati di sapere.

reverse
Opera: | Recensione: |
e indirizzi e numeri di telefono.

fedeee
Opera: | Recensione: |
trix
Opera: | Recensione: |
grazie ragazzi...questo si che lo accetto con piacere: la prossima rece con maggiore equilibrio..mi impegnerò ;)

zaireeka
Opera: | Recensione: |
Non mi è piaciuta per niente. Alquanto banalizzante.

zaireeka
Opera: | Recensione: |
Il voto a Escher è chiaramente errato. Rimedio e chiudo scusa ai devoti come lo sono io.

(!)
(!)
Opera: | Recensione: |
E' yin e yang,il riposo e il movimento,la sinistra e la destra..il concetto é quello.

Workhorse
Opera: | Recensione: |
Escher, quanto lo amo!

paolafrancesca
Opera: | Recensione: |
Non concordo con questo ragionamento sull'opera. Credo che se addirittura Escher stesso sostenesse che i suoi lavori non andassero oltre la rappresentazione stessa della cosa, sia inutile stare a ricamarci sopra. Però è ben scritta e si fa leggere che è un piacere.

enbar77
Opera: | Recensione: |
Il genio del paradosso!

Mariaelena
Opera: | Recensione: |
Escher e Bacon, i miei preferiti in assoluto. Ciao

voodoomiles
Opera: | Recensione: |
@MARIA ELENA Strano connubbio Escher e Francis Bacon : il punto di vista da un inferno perfettamente regolato l'uno e l'inferno interiore portato fuori, alla luce della catastrofe l'altro. Ad Escher interessa la cosa stessa, a Bacon l'estetica della cosa rappresentata, a nessuno dei due (l'unico punto di contatto) non importa che cosa significa.

extro91
Opera: | Recensione: |
L'ho sempre trovato molto interessante

Mariaelena
Opera: | Recensione: |
Infatti io amo la fusione tra sacro e profano, non potrei farne a meno e loro ne sono l'esempio incarnato.

Voyage34
Opera: | Recensione: |
Un genio, c'è poco da fare..

The Punisher
The Punisher Divèrs
Opera: | Recensione: |
Bello questo e questa.

Truman
Opera: | Recensione: |
Quoto Blecchotrommelluccio mio.

Truman
Opera: | Recensione: |
E via con la media.

lazy84
Opera: | Recensione: |
m'incuriosisce assai, approfondirò per colmare questa mia grave lacuna

tia
tia
Opera: | Recensione: |
è un disegno palindromo....superlativo escher rehcse ovitalrepus....omordnilap ongesid nu è

DizionarioRock
Opera: | Recensione: |
Escher mi ha sempre affascinato ma non sono mai riuscito ad spprofondirlo per problemi di tempo e spesso anche di superficialità. comunque, davvero interessante

Deep-Frenk
Opera: | Recensione: |
boh manco due anni fa avevo messo 3 ad Escher quando merita 5 per questa genialata! c'avevo la merda nella testa

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: