Sto caricando...

Mr. Oizo
Lambs Anger

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"Siete degli animali/Morirete tutti/Smettetela subito di riprodurvi"

Delirio acido in salsa elettronica staminale.

Esistono dei dischi, che per quanto strani, spiazzano e si fanno subito amare. E poi esistono cose frutto di una mente folle, che ti fanno assumere una mimica facciale pari al mio nickname. E tra questi ultimi, tal Quentin Dupieux non esita a prendere posto. Trionfato dieci anni fa con un pezzo come "Flat Beat", bomba elettronica che gira sulle stesse note all'infinito senza stancare, con l'invenzione del pupazzo Flat Eric, il successo, la fama di artista folle, simpatico, delirante. E poi il nulla. 

Qualche film, qualche lacrima malinconica. E basta. 

Un grido dall'oltre tomba nel 2005. "Moustache": il cambio di svolta. Rifiuto totale per l'ascoltatore, rifiuto totale per il dancefloor, realizza l'impensabile: ritmi analogici, deliri grotteschi, fanfare notturne,  giri infiniti, battiti anali. Inascoltabile e geniale insieme, un disco da affrontare più che da vivere, in grado di corrodere 18 brani in 45 minuti.
"Lambs Anger", fortunatamente, ne segue le gesta e parte da un macabro pezzo-bomba: "Positif", summa e sintesi dell'anti-dancefloor, che porta irrimediabilmente allo shock. Ma c'è anche un delirio electro-sinfonico come "Blind Concerto", dove gli archi non esistono, sono schizzi, vomiti di elettronica sperimentale che si rincorrono instancabilmente sconfortando e spezzando chi ascolta.

E via di questo passo, tra squarci brevissimi da brivido (la title-track), volutamente inutili ("Lars Von Sen"), e poi sterzate jazzate quasi vintage ("Cut Dick"), bombe a mano senza alcuna logica che ti squartano inevitabilmente ("Erreur Jean"), e poi ci sono mezze schifezze ("Gay Dentists"), che ti farebbero venir voglia di falciare il primo stronzo che la balla con un mitra, ma che poi ti ritrovi di soprassalto a canticchiarla. 

O che dire dell'imballabile dance di "Pourriture 7", che picchia forte e si trasforma come crisalide in Daft Punk sotto l'effetto di LSD? O di "Z", che suona marcia nel suo continuo ripetersi all'infinito e, dapprima sorprende, poi trascina? E poi, dietro l'angolo, una cosa come "Bruce Willis Is Dead", house sperimentale irrisolta e inumana che si fa prima odiare e poi mette tenerezza.  

Sono loop, pixel, voci bianche, rumori neri. Solo questo. Ma che bello decommercializzare un genere commerciale come l'house, e disintegrarlo, farlo a pezzi fino allo sfinimento. Lasciando solo follia, intrepida, insana folia

Mr. Oizo, che recentemente ha realizzato anche un film altrettanto delirante ("Rubber", storia di un pneumatico che fa esplodere le persone) fotte con un laptop chi gli dà un minimo di retta. E "Lambs Anger" con il suo diapanarsi di 17 tracce in 43 minuti, si rivela un colpo di genio in bilico tra il sublime e l'irritante, che non lascia, però, di certo indifferenti e se c'è una cosa che riesce a fare benissimo questo folle transalpino è decisamente di allontanare gli ascoltatori a suon di pugni, per poi riaccoglierli con effimere carezze. E quanta voglia mi viene ora di far esplodere una pista da ballo per ballare, folli, in un prato in fiamme. 

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciassette)

Skeletron
Skeletron
Opera:
Recensione:
voto la copertina come la migliore degli ultimi 150 anni. sul disco sorvolo.


kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera:
Recensione:
molto bella rece, Occhioni.


Frankie89
Frankie89
Opera:
Recensione:
"Bruce Willis Is Dead" ricordo mi gasava una cifra... il resto me lo son dimenticato.


Suonoonous
Suonoonous
Opera:
Recensione:
musica electro per Vertifight. E ho detto praticamente tutto. Ma Oizo pare essere uno di quelli che l'electro-house l'ha praticamente forgiata 10 anni fa...(spero di non dire boiate troppo grosse) quindi magari un ascoltino non si nega. Bella recensia.


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
La citazione da Bunuel spakka! :D


voodoomiles
voodoomiles
Opera:
Recensione:
Tonitruante recensione. Riavvolgere il nastro su i Residents (vera Alta Cucina, qui si parla di pseudo-trattorie da Chiantishire dei poveri),veri pro-genitori di tanta brodaglia elettronica, please.


alexx
alexx
Opera:
Recensione:
l'anno di "Flat Beat" ho rovinato una vacanza ai miei amici mettendola a ripetizione in auto, fantastica...


Workhorse
Workhorse
Opera:
Recensione:
Pensavo fosse troppo danzereccio per i miei gusti, ma se la mettiamo così non negherò un ascolto a Mister Oeezo/Monsieur Uazò che dir si voglia. Copertina fantastica.


giorgioladisa
giorgioladisa
Opera:
Recensione:
Buona recensione anche se hai utilizzato il termine house un po' impropriamente. Sicuramente sei uno dei "ragazzi di oggi" che associa all'house tutta la musica con la cassa dritta. Forse ti riferisci alla dance commerciale perchè l'house è davvero un'altra cosa (vedi alla voce Carl Craig, Lil'Louis, Underground Resistance, MAW ecc) . Per quanto riguarda Mr. Oizo penso che abbia fatto buone cose ma, a volte, il voler essere a tutti i costi sperimentale o alternativo, rischia di annoiare o disgustare l'ascoltatore.


puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini
Opera:
Recensione:
Un mio amico dice che Mr.Oizo è uno di quelli che dici "hey, ma non è becera unz unz, questo è folle ed indecifrabile quindi è cool!", perchè non hai il coraggio di dire "bei suoni, ma non si capisce dove vuole andare". Per me, non ha proprio senso del ritmo, e rovina spesso belle intuizioni.


Dopesmoker
Dopesmoker
Opera:
Recensione:
Il termine Idm associato a Mr. Oizo proprio no. Si è sempre diviso tra proiettili groove danzerecci e bozzetti elettronici. Spesso anche di buona fattura. In quest'album, tra l'altro, salvo praticamente solo i proiettili groove.


nes
nes
Opera:
Recensione:
Oizo senza desossinorefedrina non ha alcun senso... E non ho più diciotto anni grazie a dio. @ dope: ma "IDM" non è che potrebbe essere equiparato come termine ad "AOR": vale a dire, non è che IDM sia un'ulteriore etichetta inutile che viene affibiata all'elettronica ( genere che di etichette mi sembra ne abia già parecchie) esattamente come l'etichetta AOR applicata al rock non vuol dire un cazzo d'altro se non è rosck fatto da gente che vuole essere presa sul serio? Insomma sotto IDM vedo gente come Venetian Snares, autechre, boards of canada, Isan, aphex twin, Orbital... gente che fa roba che non c'entra un cazzo l'una con l'altra ( a meno che secondo alcuni i boards of canada e VSnares siano simili...) non si farebbe prima a dire che autechre invece di fare musica glitch idm, fa musica glitch fatta bene?


nes
nes
Opera:
Recensione:
scusate, rischio di essere frainteso: quello che viene classificato come IDM nel 98 % dei casi mi piace un sacco, quello classificato AOR nel 98 % dei casi mi pare merda per exadolescenti incapaci di crescere. ( Senza offesa per nessuno)


Dopesmoker
Dopesmoker
Opera:
Recensione:
Io per Idm intendo musica elettronica cerebrale e totalmente distaccata dal formato canzone digitale canonico. Autechre, certi rami meno intransigenti della Breakcore (Somatic Responses, lo stesso Venetian Snares), Aphex Twin, Amon Tobin, Muziq, Squarepusher e chi più ne ha più ne metta. Per dirti: questo (https://www.debaser.it/main/Video.aspx?y=AmqBbBTVcHQ) lo vedo più in mezzo ad un Dj Set Electro Breaks che in un Live Set Idm, no?


nes
nes
Opera:
Recensione:
forse non ci siamo capiti: idm mi sembra un etichetta del cazzo. esattamente come aor. hanno solo valori opposti: IDM= elettronica figa; AOR: rock di merda.


nes
nes
Opera:
Recensione:
e aggiungo, invece di parlare di idm preferisco sentir parlare di elettronica figa ( che non vuol dire un cazzo ma neppure idm tanto) e al posto di AOR preferirei... ma no, lasciamolo perdere l?aor che mi fa cagare troppo.


Tobby
Tobby
Opera:
Recensione:
Mr.Oizo mai filato a parte Flat Beat per l'appunto.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Lambs Anger è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link