Nicholas Meyer
The Day After

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


1983. Piena guerra fredda.

A Lawrence, nel Kansas, la vita trascorre tranquilla, come sempre. Una cittadina rurale, composta per lo più da fattorie. Una madre stende i panni coi suoi due bambini; una ragazza amoreggia col suo fidanzato in vista delle nozze fissate per qualche giorno dopo. In un ospedale dei bravi medici si danno tanto da fare per salvare la vita ad un bambino e per sollecitare le doglie di una donna incinta.

Intanto i telegiornali trasmettono notizie inquietanti: in Europa la Germania Orientale chiude le frontiere con la Germania Occidentale. L'Unione Sovietica minaccia l'Occidente, truppe NATO si ammassano lungo i confini della Cortina di Ferro. La tensione internazionale è alle stelle, ma nessuno si aspetta il peggio: «bisognerebbe essere proprio pazzi», dicono tutti. Ma la follia umana va oltre ogni aspettativa. Il pulsante viene schiacciato, le armi nucleari vengono sganciate. È la terza guerra mondiale. Kansas City viene completamente distrutta, Lawrence viene cancellata dalla faccia della terra. I pochi superstiti subiscono le orribili conseguenze delle radiazioni. Nicholas Meyer, regista di quello che è divenuto un film cult del genere, descrive lo scenario apocalittico post bellico che la fantasia umana ha sempre temuto in quarant'anni di Guerra Fredda. L'accuratezza dei particolari e le atmosfere post-nucleari cariche di angoscia e desolazione descrivono magistralmente quel che sarebbe il mondo al 'giorno dopo' di un conflitto nucleare.

Un film imperdibile sia per gli appassionati del genere catastrofico, sia per chiunque voglia aprire la mente e non dimenticare che se la guerra fredda è finita, non lo è la minaccia nucleare data dalla presenza di ordigni atomici nell'arsenale di molti Paesi, molti dei quali decisamente 'pericolosi' come USA, Iran, Nord Corea e Israele.

Questa DeRecensione di The Day After è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/nicholas-meyer/the-day-after/recensione-bodhisattva

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciassette)

The Punisher
Opera: | Recensione: |
Bellissimo e angosciante come pochi. Quando lo vidi avevo 19 anni e dopo la visione mi apparvero già i primi capelli bianchi per il panico e l'impotenza che mi colse..
BËL (00)
BRÜ (00)

M.Poletti
Opera: | Recensione: |
happypippo
Opera: | Recensione: |
mah, didascalico e moralista per me; code di paglia a stelle a strisce. Mi Polettizzo
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
Opera: | Recensione: |
la stavo scrivendo io. no future e j'accuse....amore mio di faust'iana memoria.............. mo che faccio?
BËL (00)
BRÜ (00)

fenni
Opera: | Recensione: |
iside io la invierei...
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
Opera: | Recensione: |
forse Fenni, forse.....
BËL (00)
BRÜ (00)

nightdriver
Opera: | Recensione: |
Quando vidi questo film ero un piccolo gagno e me lo ricordo ancora oggi pur avendolo visto una sola volta. Film molto interessante per i contenuti e la ricostruzione anche se girato con budget ridotto (mi pare inizialmente prodotto per la TV e successivamente distribuito nelle sale). Quando penso a questo film mi chiedo come mai non sia stato più mandato in onda (o forse mandato in onda come tappabuchi a ore inpensabili). Un plot decisamente fastidioso al potere e per come ricordi nella recensione (est-asiatico) purtroppo ancora oggi di attualità. GRANDISSIMO RIPESCAGGIO CONSIGLIO DI VEDERLO A TUTTI SE RIUSCITE A REPERIRLO! Bravo Ciao night
BËL (00)
BRÜ (00)

Bodhisattva
Opera: | Recensione: |
Grazie Nightdriver!
Io l'ho beccato per caso da blockbuster... è stato un colpo di fortuna!
BËL (00)
BRÜ (00)

dreamwarrior
Opera: | Recensione: |
Terrificante, altro che l'Esorcista. Ricordo le notti insonni passate dopo la visione di questo film. Ma da quanti anni non lo ritrasmettono in tv?
BËL (00)
BRÜ (00)

Bodhisattva
Opera: | Recensione: |
Grazie Nightdriver!
Io l'ho beccato per caso da blockbuster... è stato un colpo di fortuna!
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
Opera: | Recensione: |
si trova a pochi euro, nei cestoni dei supermercati. in TV non lo trasmettono perché , magari , fa pensare...........................
BËL (00)
BRÜ (00)

vellutogrigio
Opera: | Recensione: |
Mi ricordo che negli anni '80 Canale 5 lo trasmetteva in prima serata, almeno una volta all'anno. Però non l'ho mai visto...
BËL (00)
BRÜ (00)

Flinstone
Opera: | Recensione: |
Al tempo era stato un bel documentarione shock, ne parlavano tutti. Tre anni dopo arrivò Chernobyl. Classico caso di quando la realtà supera la finzione cinematografica. Rece anche troppo stringata. @iside: adesso mi piacerebbe leggere la tua:-)
BËL (00)
BRÜ (00)

iside
Opera: | Recensione: |
io mi ricordo di averlo visto solo una volta in TV. ma negli anni '80 mica restavo in casa la sera...........
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
Opera: | Recensione: |
io dopo averlo visto andai a fare un corso di sopravvivenza :)
BËL (01)
BRÜ (00)

Sanjuro
Opera: | Recensione: |
SVELATA L' IDENTITA DEL PAGLIACCIO POLETTI: DIGITANDO SU MYSPACE MARCO POLETTI MESI FA, MI FA NOTARE UN CARO AMICO, ECCO COSA APPARIVA, LUI: Featured Content on Myspace
BËL (00)
BRÜ (00)

Bartleboom
Opera: | Recensione: |
Premetto di aver visto questo film la prima volta quando ero pischello e di averlo successivamente rivisto in anni più recenti. Secondo me il film, in sè, non è affatto male. Il problema, semmai, è che, oggi come oggi, non potrà mai avere lo stesso effetto inquietante-disturbante che poteva avere sul pubblico del'epoca, se non altro per l'improbabilità del "pretesto" da cui scaturisce l'attacco nucleare (scazzi Berlino Est-Ovest). E comunque il mio film preferito sulla bomba rimane Rapsodia D'Agosto dell'Imperatore..
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: