Not Yet Fallen
Homebound

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Tra i “veterani” della scena metalcore italiana troviamo sicuramente i Not Yet Fallen, band di Padova attiva da circa dieci anni e con alcune autoproduzioni all’attivo. Oggi li ritroviamo con “Homebound” EP che vede per la prima volta l’entrata in scena di una label – l’italianissima Indelirium Records – e un passo in avanti evidente in chiave artistica del progetto stesso. Il gruppo sembra essersi infatti adattato benissimo ai nuovi cliché del genere, navigando in territori che vanno dal metalcore vecchia scuola – leggasi breakdown – alla new school, con divagazioni post che danno ossigeno ai brani. Come spesso accade anche nel loro caso non manca il dualismo vocale, elemento ormai immancabile all’interno di questi contesti musicali che se non altro riescono nell’intento di “spezzare” l’andamento del lavoro stesso. I brani si basano su un concept introspettivo, andando a toccare vari punti legati all’emotività umana, tra sicurezze, paure e instabilità. Un lavoro sui testi decisamente ben strutturato. In conclusione i Not Yet Fallen si confermano su livelli medio-alti in fatto di metalcore, mostrandosi abili sia nei panny heavy che più soft.

Questa DeRecensione di Homebound è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/not-yet-fallen/homebound/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Uno)

Falloppio
Opera: | Recensione: |
Ho visto un video. Batterista suona in click ed è molto bravo.
Cantato che non mi piace.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: