Pale Waves
My Mind Makes Noises

()

Voto:

Con i Pale Waves sembra di essere tornati indietro a dieci, quindici anni fa, quando l’NME in Inghilterra era alla costante ricerca di una next big thing da dare in pasto a stampa e pubblico.

Adesso il mondo è cambiato, ma il modus operandi nel caso dei quattro ragazzi capitanati dalla frontwoman Heather Baron-Gracie è sempre lo stesso. Dopo un EP (buono) dato alle stampe sei mesi fa, i mancuniani Pale Waves si presentano sul mercato con questo esordio “My Mind Makes Noises”, ed è subito hype alle stelle. La stampa britannica non parla d’altro e i “nuovi The 1975” sono già sulla bocca di tutti.

Paragone assolutamente non casuale: il leader della suddetta band, Matthew Healey, è un sostenitore della band di Manchester, figura tra i produttori di questo esordio (assieme al compagno di band George Daniel) e i due gruppi condividono addirittura la stessa casa discografica, la Dirty Hit. Inevitabile che il sound dei Pale Waves sia molto vicino a quello dei lanciatissimi “colleghi”, se non altro perché l’intento (perlomeno iniziale) è lo stesso: prendere certo pop anni ottanta ed aggiornarlo alle moderne fascinazioni indie rock.

L’operazione riesce? A metà, e per diversi motivi. Il cocktail sembra quello giusto: i Cure più commerciali, i Duran più caciaroni e i Genesis post Gabriel (da “Invisible Touch” in poi) presi, frullati per bene, spolverati con zucchero a velo di marca 1975 e risputati fuori cantati da una specie di versione edulcorata della compianta Dolores O’Riordan. Tutto punta al mix perfetto, che però non funziona sempre a dovere, a causa di alcuni eccessi e di certe scelte davvero fuori fuoco.

L’album parte bene con una potenziale hit come “Eighteen”, e tiene botta quando i Pale Waves pompano deliziosamente dei synth bombastici quanto basta (“Red”, “Drive”), oppure cercano di asciugare il sound e costruire impalcature sonore leggermente più compiute, come nelle belle ballad “When Did I Lose It All?” e “She”, fino ad estremizzare nella conclusiva “Karl (I Wonder What It’s Like To Die)”, che porta tutto al minimo indispensabile.

Il giochino funziona meno, invece, quando i ragazzi strafanno e, complici testi assolutamente non all’altezza e davvero troppo adolescenziali per essere sempre e comunque onesti, sciorinano una serie di episodi troppo dozzinalmente pop, fino ad evocare fantasmi indesiderati come Taylor Swift e la peggiore Katy Perry.

Il debutto dei Pale Waves è vincente a metà; ci sono un discreto gusto melodico ed una scrittura di buona fattura, e si sente, ma si sente anche che i ragazzi si sforzano di piacere per forza, e che c’è una certa consapevolezza di voler mirare ad una fetta di pubblico ben precisa che però è volubile e soggetta a cambiamenti repentini.

Alcuni episodi fanno pensare che Baron-Gracie e soci possano prendere le adeguate contromisure con i lavori a venire, ed aggiustare di conseguenza il tiro. Con un altro EP già annunciato, assieme ad una virata (almeno nelle intenzioni) verso un suono più grezzo e punk, pare che la lezione (almeno a parole) sià già stata assimilata. In ogni caso, verificheremo molto presto.

Traccia migliore: “Karl (I Wonder What It’s Like To Die)”

Questa DeRecensione di My Mind Makes Noises è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/pale-waves/my-mind-makes-noises/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tre)

Stanlio
Opera: | Recensione: |
quanti bei nomi ma Loro mai sentiti, proviamo "the best track" intanto...
BËL (01)
BRÜ (00)

GrantNicholas: E' più rappresentativa Television Romance, se vuoi un assaggio del loro sound
Stanlio: l'ho vistascoltata prima e in effetti... comunque mi paion abbastanza ripetitivi nonchè bravi
GrantNicholas: Come ho scritto nella recensione, ci sono parecchi difetti da smussare, ma la stoffa si sente
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
"i Cure più commerciali, i Duran più caciaroni e i Genesis post Gabriel (da “Invisible Touch” in poi) presi, frullati per bene, spolverati con zucchero a velo di marca 1975 e risputati fuori cantati da una specie di versione edulcorata della compianta Dolores O’Riordan"

mi sa che evito e per sicurezza, non so, mi muro
BËL (01)
BRÜ (00)

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
non mi piace il solo pezzo che ho sentito , ma anche leggendo la tua segnalazione credo che il solco sia quello. Tu bravo a prescindere dalla scelta che non può far tutti contenti
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: