Peter Bjorn And John
Writer's Block

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Se ci fosse giustizia a questo mondo, il tormentone dell'estate italiana non sarebbe una "canzone" (le virgolette sono d'obbligo) stantia, banale, nata al seguito della vittoria italiana ai mondiali di calcio, con incorporato errore d'ortografia volontario nel titolo e nel refrain per suscitare simpatia... avete capito a chi mi sto riferendo.

Come dicevo, se ci fosse giustizia a questo mondo, la palma di tormentone spetterebbe a "Young Folks", primo singolo tratto dall'album "Writer's Block" del trio svedese "Peter Bjorn and John" (senza virgole). È da tempo che non sentivo una canzone così orecchiabile e trascinante, impregnata di spirito indie-pop fino al midollo senza per questo risultare fastidiosa, con un ritornello-killer che resta in testa subito dopo il primo ascolto. La formula del singolo viene mantenuta anche in tutte le restanti tracce e, tralasciando i facili giochi di parole con il titolo dell'album, vado subito al punto per affermare che sono nate delle nuove star.

Certo, "Peter Bjorn and John" sono sulla scena musicale già da qualche tempo e possono vantare al loro attivo tre LP (compreso quello in questione) e svariati EP, ma è senz'altro con quest'ultimo album che si sono imposti all'attenzione del pubblico europeo; inutile dire che la strada al successo è ancora lunga, come dimostra la difficile reperibilità (almeno in Italia) dei loro album, però il simpatico video a cartoon di "Young Folks" si sta già facendo strada su MTV e penso (spero) che sia solo questione di tempo.
Come ho già anticipato, le restanti nove canzoni di "Writer's Block" (escludendo la title-track rumoristica d'introduzione) si attestano su ottimi livelli: tutte quante sembrano uscite da un disco pop degli anni Sessanta, ed il debito verso i Beatles è ben evidente, senza per questo schiacciare la qualità intrinseca dei brani. Gli arrangiamenti sono ottimi, molto "indie", caratterizzati da suoni distorti e voce in bilico sulla stonatura, in modo da creare l'illusione (perchè di illusione si tratta) che ogni traccia sia stata registrata al volo, in un'unica take, per essere ascoltata unicamente fra amici e non destinata alla vendita al pubblico.

Nello specifico, sono senz'altro degne di nota "Let's Call It Off", ritmata e impreziosita da begli assoli di chitarra, "The Chills", la canzone più cupa del disco e dotata di una suggestiva parte finale a voci sovrapposte, "Roll The Credits", una sorta di "Politik" coldplayana più solare, e il brano conclusivo "Poor Cow", sostenuto solo da una chitarra acustica e poco altro. Non mancano i brani minori, se non proprio riempitivi: "Start To Melt" è del tutto prescindibile, mentre "Up Against The Wall", con i suoi oltre sette minuti, vorrebbe essere epica, ma risulta solo noiosa e ripetitiva (con una potatina sarebbe un buon pezzo).

Per concludere, un ottimo album per questa band semisconosciuta che punta in alto e ha le capacità per ottenere un grande successo. Un successo che, senza dubbio, si meriterebbe.

Questa DeRecensione di Writer's Block è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/peter-bjorn-and-john/writers-block/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Nove)

Stronko
Opera: | Recensione: |
Beh...avere qualche sampler non sarebbe male... scusa quale sarebbe la "canzone stantia, banale, nata al seguito della vittoria italiana ai mondiali di calcio, con incorporato errore d'ortografia volontario nel titolo e nel refrain per suscitare simpatia? avete capito a chi mi sto riferendo"... io non l'ho capita?! quale canzone?
BËL (00)
BRÜ (00)

Chopinsky
Opera: | Recensione: |
La canzone è "Siamo una squadra fortissimi"... sorry, pensavo si capisse.
BËL (00)
BRÜ (00)

Stronko
Opera: | Recensione: |
Boh...io non me la ricordo (dai un po' troppo per scontato le cose tipo che TUTTI siano appassionati di calcio) :-)))
BËL (00)
BRÜ (00)

Chopinsky
Opera: | Recensione: |
Io non sono appassionato di calcio... il problema è che quella canzone adesso la si sente dovunque, volenti o nolenti.
BËL (00)
BRÜ (00)

Liamyes
Opera: | Recensione: |
Recensione incompleta
BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
Opera: | Recensione: |
Sì è vero è un disco carino, ma non da 4 punti. Comunque bravo Chopinsky, continua così a proporre delle novità :)
BËL (00)
BRÜ (00)

Mopaga
Opera: | Recensione: |
Giusto per la cronaca, la canzone di Checco Zalone è nata come inno dei mondiali alternativo a quello ufficiale (''Cuore Azzurro'' dei Pooh), non in seguito alla vittoria :) Per quanto riguarda Peter Bjorn and John, condivido il giudizio sul singolo, ma non le aspettative. Sei troppo fiducioso nei confronti di MTV e del suo pubblico :)
BËL (00)
BRÜ (00)

xac
xac
Opera: | Recensione: |
bella la recensione, ma più il disco, :) secondo me vale una nota anche Objects Of My Affection, che secondo me è tra le più belle dell'album
BËL (00)
BRÜ (00)

stiff.kitten
Opera: | Recensione: |
grandi! lunedì prossimo suonano a Bologna! la recensione mi è piaciuta, per me 'Start to Melt' e 'Up Against the Wall' sono però pezzi tutt'altro che prescindibili. In particolare la seconda, che apre con quel beat asciutto e poi si dipana in una ballata sognante, mi sembra un episodio assai indovinato anzichè pretenzioso o malriuscito. :) bellalì!
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: