PFM
Dracula opera rock

()

Voto:

Ma state scherzando?

Queste sono le parole che mi vengono in mente, dopo aver letto le recensioni di "Dracula opera rock", della P.F.M. Qui sul deb.

"Dracula opera rock", è un album pubblicato nel 2006, dalla storica band rock progressiva italiana formata da musicisti, (Franz Di Cioccio-batteria&percussioni, Patrick Djivas-basso, Franco Mussida-chitarre, Flavio Premoli-tastiere) come si sa, di tutto rispetto, questo però non significa che dobbiamo esaltare ogni ciofeca che la "Premiata" tenta di spacciare per opere divine.

Ho scritto ciofeca?

Quindi stò affermando che questo album fa schifo? No nella maniera più assoluta, perché è suonato bene, registrato benissimo e i cantanti,(Vittorio Matteucci interpretato Dracula, Sabrina De Siena, interpretato Mina etc), sono bravissimi, ma l'album è terribilmente noioso, ripetitivo e scontato, per quelli che come me (ma non solo), hanno visto il bellissimo film di F. F. COPPOLA.

"DRACULA OPERA ROCK" è un concept, quella tipologia di album, che fece la fortuna e in seguito portò alla crisi artistica e commerciale (col nascere della new wave e del punk), molte band coetanee di quest'ultima, Genesis, yes, King Crimson, Le orme, Area, etc, quindi nel 2006 ma anche oggi è un genere musicale abbastanza inusuale, e (mio parere) anche un po' azzardato da proporre soprattutto in Italia, ma un buon amante del rock progressivo apprezzerà molto, se il lavoro in questione risultasse buono, cosa che non è.

Il concept quindi ha la particolarità di assomigliare, per quello che riguarda i testi, di più ad un romanzo che un album tradizionale, perché i testi dei brani dell'opera, fanno riferimento ad un unico concetto base, che può essere un romanzo, (come in questo caso), una favola, un racconto inventato o quello che volete.

Secondo il mio punto di vista, proprio qui casca l'asino, perché prendere come concetto base(mio parere), il famoso romanzo di Bram Stoner, non è affatto originale, la quale mi risulta una bella operazione commerciale studiata a puntino dalla P.F.M., per far elevare il lavoro a definizione di capolavoro, con un soggetto (Dracula), conosciutissimo è scontato.

Breve ricostruzione degli eventi.

Franco Mussida: Ciao ragazzi, ok dobbiamo fare un bell'album concept, siete d'accordo? D'accordissimo risponde F. Premoli, magari inventiamo una bella storia originale che sia farina del nostro sacco, naahhh risponde F. Di Cioccio, troppo faticoso e poi dobbiamo considerare anche il lato commerciale, allora facciamo un album fatto bene, ma che non sia un concept, ribatte P. Djivas. Scherzi.... replica F. Mussida, non siamo mica i Dik Dik.

Mmmmm...... Mmmmm....... Mmmmm....

Ho trovato, Dracula opera rock, bravooo... applaudono gli altri, risultato? Una noia mortale. L'intera opera (2 dischi) si divide in due atti, che comprendono in tutto 28 brani, che rappresentano per intero tutto il romanzo, "Ouverture" il brano strumentale che apre le danze è senza dubbio il migliore dell'intera opera, il problema di quest'ultima secondo me è la parte cantata, molto più adatta ad un opera teatrale, che ad una rock appunto la quale mal si accosta con strumenti tipici rock.

Altri brani interessanti sono, "Non guardarmi, "Un destino di rondine", "Il punto debole" decisamente migliore il secondo atto. Quasi tutta l'opera segue schemi molto rigidi, scontato, quindi quando le vicissitudini, la storia diventa più movimentata, la musica reagisce di conseguenza è viceversa, penalizzando e banalizzazione il tutto.

Il sound è potente, cristallino e completo, ma scordatevi virtuosismi tipici del rock progressivo "classico" dei tempi passati, orchestrazione a manetta per dare tanta drammaticità, ridicoli i cori dei vampiretti. Per concludere: Sono arrivato alla fine di questo polpettone, annoiato, mezzo addormentato e deluso, misera consolazione la confezione super lusso a forma di libro molto bella, che prenderà molta polvere.

Mi sembra di aver letto da qualche parte, che anche il tour omonimo sia stato un mezzo flop, ma era inevitabile, consiglio questo album, solo ai fans più sfegatati, e concludo che i capolavori della P.F.M. appartengo no al passato (remoto).

Questa DeRecensione di Dracula opera rock è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/pfm/dracula-opera-rock/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

mrbluesky
Opera: | Recensione: |
Proprio perche sono un fan sfegatato ne ho fatto volentieri a meno,come di ogni altro disco uscito dopo l'81,forse Ulisse è stato l'unico,diciamo "passabile"
BËL (00)
BRÜ (00)

polpetta
Opera: | Recensione: |
Si il gioco non vale la candela... Non compratelo originale consiglio mio, oppure prima scaricatevelo poi giudicate.
BËL (00)
BRÜ (00)

JeyTonMan
Opera: | Recensione: |
un gruppo di miserabili che non produce un disco decente da almeno trent'anni. che dracula azzanni il collo di questi tizi bolliti.
BËL (01)
BRÜ (01)

Falloppio
Opera: | Recensione: |
Gruppo alla frutta. Che tristezza.....
BËL (00)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
perché non avete sentito l'ultimo
BËL (00)
BRÜ (00)

zappp
Opera: | Recensione: |
senza dover ricorrere ai classici degli anni 70 preferisco ricordarli con il non troppo vecchio Stati d'Immaginazione.
Sui livelli del passato che fu.
BËL (01)
BRÜ (00)

mrbluesky: hai ragione anche li qualcosa di interessante c'era
Zimmy: "Stati di immaginazione" però è successivo rispetto a "Dracula"
zappp: certo, ma era per dire che della PFM ultima preferisco ricordarmela con Stati d'Immaginazione anzichè dischi appente precedenti e/o antecedenti
Cialtronius
Opera: | Recensione: |
anche la recensione è noiosa
BËL (02)
BRÜ (00)

Falloppio: Doveva essere allineata al disco speravi mica di avere una recensione in endecasillabi alternati AB AB 😀
Stanlio
Opera: | Recensione: |
ho fatto un giretto sul web e pare che l'album in questione comprenda un solo cd da 11 brani... com'è sta faccenda? mi son perso qualcosa?
BËL (00)
BRÜ (00)

polpetta
Opera: | Recensione: |
Sicuramente migliore di questo polpettone con 28 brani, non conosco codesta versione la mia comunque è la Deluxe, ma non avrei mai immaginato che contenesse più brani.
BËL (00)
BRÜ (00)

Zimmy
Opera: | Recensione: |
Dunque, facciamo ordine. Quello che hai recensito non è l'album della PFM ma la colonna sonora del musical che ne venne tratto, con più brani e le voci degli attori del musical a cantarli. L'album omonimo della PFM invece, oltre ad essere costituito da soli 11 brani, è cantato dai componenti della band. Non conosco la versione musical, il mio voto va quindi all'album che ricordo migliore di come lo descrivi, per quanto non sia sicuramente da annoverare tra le vette della Forneria.
BËL (00)
BRÜ (00)

polpetta: Non c è nessun errore zimmy anche questa versione è suonata dalla P.F.M.,ma come dici tu è la versione ampliata teatrale, ho preso una cantonata e invece di prendermi la versione normale mi sono preso questa lungagna, non né sapevo nulla della versione normale io invece pensa un po'?
Zimmy: Certo non c'è nessun errore, non ho parlato di errori infatti. Ho solo voluto precisare la situazione. Entrambe le versioni sono suonate dalla pfm, solo che la versione "normale" oltre a comprendere meno brani è anche cantata dai componenti della band

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: