Phantomsmasher
Phantomsmasher

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Forse ho trovato un disco a cui mettere tutti i generi di debaser. Forse no, in ogni caso ci andrò vicino.

Phantomsmasher è un trio messo su da James Plotkin. Il buon James è noto ai più (o ai pochi) per essere l'infamante bassa-frequenza dei Khanate, quella sottospecie di mammuth sonoro a otto mani (che di recente ha fatto finalmente uscire il proprio quarto nonché ultimo lavoro), ma è anche in mezzo ai KHLYST, ai Flux (gruppo pressoché introvabile) e ad un'altra mezza dozzina di gruppi, chi più chi meno (l'anno scorso ha prodotto e anche remixato i Pyramids).

Stavolta James è affiancato da due dubbi figuri, uno è Dave Witte, la mitragl-il batterista già in Discordance Axis, Burnt by the Sun, Municipal Waste, East West Blast Test, bla bla bla. L'altro losco figuro è DJ Speedranch (chi?), a cui sono accreditate le voci.

Insomma. Non abbiamo a che fare con gente che sta bene di testa, e lo si capisce subito. Questo dischetto pregevole, uscito come self-titled nel 2002 tramite Ipecac non assomiglia a niente che sia già uscito o che negli anni successivi uscirà sull'etichetta. In effetti non assomiglia a niente. E non è drone. Basso, batteria e voce sono gli strumenti del trio, con occasionali sprazzi di chitarra, eppure sono tutto così strapazzati e deturpati da Plotkin, che il disco presumibilmente lo produce pure, che ciò che ne viene fuori è un "eh, beh. Eh?". Il materiale sonoro già all'origine, e anche pressappoco nel risultato, doveva contenere/contiene dosi notevoli di rumorismo, ritmi anfetaminici (se non lo sapete Witte già nei Discordance Axis aveva scoperto come dilatare il tempo a piacimento per suonare veloce quanto gli pare), sample che definirli 'weird' è riduttivo (compreso un carillion della sigla dei teletubbies), sparate vocali assurde a opera di DJ Speedranch, che manipola in lungo, in largo e anche in profondità la voce, e anche una bizzarra e deviata, ma quasi onnipresente, vena melodica. I suoni che vengono dal basso potrebbero essere definiti felici, se non fossero così torturati. Il bello è che la felicità rimane nonostante la tortura. E anche l'impianto sonoro regge alla tortura: insomma, gli strumenti per quanto strani suonino si capisce che ci sono, il marasma c'è, ma non affoga tutto in una folla di suoni non comprensibili o illeggibili (anche se poco ci manca, in effetti). In effetti non ho usato, forse per la prima volta da quando ho ricominciato a scrivere qui, la locuzione saliscendi dinamico, però in effetti ci starebbe. Il saliscendi c'è, e la dinamica pure.

Lo si potrebbe definire sia un disco non impegnato, sia un disco che più impegnato non si può. Chiariamo: non aspettati le pitture sonore mortuarie e maniacali dei Khanate, o quelle free-form ma altrettanto viscerali e ancestrali di tizi come KHLYST, Pyramids, Runhild Gammelssæter. Aspettatevi il rumore, la decostruzione e la ricostruzione, aspettatevi insomma di doverlo affrontare questo disco. Ma non aspettatevi di trovare molto oltre la musica. È appunto musica free, musica che vive da sé e per sé. Non c'è insomma dietro quell'apparato, magari quell'immaginario che poteva sostenere una band come i sopraccitati Khanate. Ma occhio, questo non è un difetto, anzi. Il fatto che questo tour de force sia così libero anche nei princìpi che lo sorreggono aiuta anche a fruirne senza dover staccare ogni tre secondi per il mal di testa. E questo per me è un bene.

Insomma, non so quanti generi riuscirò ad appiccicarci a sto disco, resta il fatto che i più coraggiosi tra di voi potrebbero trovare in questo disco un'ulteriore, sorprendente e anche (a modo suo) divertente esperienza sonora.

Questa DeRecensione di Phantomsmasher è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/phantomsmasher/phantomsmasher/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Dieci)

Coelum
Opera: | Recensione: |
"Eh, beh. Eh?" :D
BËL (00)
BRÜ (00)

Sid
Sid
Opera: | Recensione: |
bé la recensione è intrigante, magari del disco mi piaceranno quelle 2 note post-hc e quei due effetti techno XD
BËL (00)
BRÜ (00)

Sid
Sid
Opera: | Recensione: |
=> oddio... devo provare sotto lsd, magari lo apprezzo di più :P

BËL (00)
BRÜ (00)

Hybris
Opera: | Recensione: |
Prendi con le pinze quel video, ché il secondo disco è meno grindrumortotalista e più miscelato e sperimentale sui suoni
BËL (00)
BRÜ (00)

macaco
Opera: | Recensione: |
Visto che é cosí difficile da definire, un samplozzo lo potevi mettere. comunque interessante la rece.
BËL (00)
BRÜ (00)

telespallabob
Opera: | Recensione: |
Quoto Macaco in toto
BËL (00)
BRÜ (00)

IcnarF
Opera: | Recensione: |
Alcuni li hai messi a minchia, confessa! :D Loro non li conosco, ma passo di brutto.
BËL (00)
BRÜ (00)

giovanniA
Opera: | Recensione: |
il "Non Classificabile" è un po' autocontraddittorio in mezzo a tutti quei de-generi ... :)
BËL (00)
BRÜ (00)

Hybris
Opera: | Recensione: |
È il mio stile. Il sample non l'ho messo perchè non ho programmi adatti per farne e al momento non ho proprio tutto il tempo del mondo (anche se qualcuno direbbe di sì .p)
BËL (00)
BRÜ (00)

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
C'è molto di più di quel che sembra in questo lavoro. Talvolta la carrozza salta fuori dai binari della montagna russa, con destinazione sconosciuta
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: