Popol Vuh
Spirit of Peace

()

Voto:

In questi ultimi tempi ho potuto constatare con fermezza l'entrata dei Popol Vuh nelle mie glorie, come uno dei miei gruppi preferiti in assoluto.
Ho pure notato che nei circoli del DeBasio non tutti i loro lavori sono stati affrontati, solo una piccola parte; penso anche che siamo tutti d'accordo su quali siano i picchi di maggior splendore della creatura di Florian Fricke ma se si va a scavare tra i dischi dimenticati si trova del buono (buonissimo!), eccome.

"Spirit Of Peace" non può essere catalogato come disco "minore", spesso dimenticato forse, ahimè. Si tratta del quindicesimo capitolo della discografia dei tedeschi, che di strada ne avevano già fatta e ne faranno altra (sebbene con qualche uscita controversa negli anni '90) per un'altra quindicina d'anni, fino alla morte di Fricke.
Siamo nel 1985 e i Popol Vuh sono immersi nel mondo musicale New Age in modo totale; ci troviamo, però, di fronte ad un prodotto ancora puro e fermamente attaccato alle loro radici, ai vari sound affrontati in precedenza.

A mio parere è in questo album che i Popol Vuh riescono ad esprimere di nuovo al 100% tutta la loro spiritualità e il loro carattere più trascendentale, dai tempi del taumaturgo "Hosianna Mantra", riuscendo a creare questo alone mistico con pochi elementi essenziali. Cori, chitarre, pianoforte.

Come spesso è successo in svariate occasioni durante la lunga carriera, prendono in prestito melodie per poi ri-arrangiarle: nell'iniziale "We Know About The Need" creano una sorta di sequel di "Hand In Hand" (dal precedente disco "Agape-Agape - Love-Love", 1983), continuando il coro unanime come se fosse stato lasciato in sospeso.
Nel caso di "Song Of Earth" si parla proprio di totale ri-arrangiamento di una delle melodie più semplici e più belle che io abbia mai sentito, ricercabile in moltissimi brani dei nostri beniamini in varie facce musicali (sono pignolo quindi ecco la lista: "Ja, sie sollen Gottes Kinder heißen" da "Seligpreisund"; in "Gutes Land" da "Einsjäger & Siebenjäger"; in "Agnus Dei" da "Aguirre"; in "...als lebten die Engel auf Erden" da "Sei still, wisse ICH BIN"). La colonna sonora dell'ascesa nei cieli targata Popol Vuh; lo dico qui: nel caso dovessi morire prematuramente, voglio questa canzone durante lo spargimento delle mie ceneri nel fiume Gange e nel fiume Yamuna.

La title-track è un puro brano solo pianoforte, le cui note incarnano la più dolce malinconia vagabonda. A sua volta la conclusiva "Take The Tension High", nei suoi lunghi 17 minuti, è quasi completamente costituita da un mare di chitarre, perlopiù classiche, che vanno a sposarsi con i religiosi cori cominciati con "We Know About The Need", chiudendo così un meraviglioso cerchio.

Dovremmo rimanere tutti quanti in silenzio.

Questa DeRecensione di Spirit of Peace è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/popol-vuh/spirit-of-peace/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quattordici)

hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Guarda che sia un disco figo è probabile, non ne dubito, non mi sono però mai spinto così avanti con loro,i Vuh post "Nosferatu" sono una mia lacuna. Cercherò di rimediare.
BËL (01)
BRÜ (00)

Galensorg: Secondo me potrebbe piacerti! Dell'era post "Nosferatu" posso tranquillamente dirti che è il miglior disco di quelle annate.
Meritano tutti di essere ascoltati, tranne forse "City Raga" e "Messa Di Orfeo", prodotti che devo ancora capire: "City Raga" sembra stato fatto da un altro gruppo, molto elettronico e tentativo di adeguarsi alle sonorità moderne di quegli anni; invece "Messa Di Orfeo" (che è un live album registrato in Italia) è un misto di Ambient/Drone praticamente e poesie in italiano narrate. Personalmente lo eviterei proprio.
Con il resto delle uscite trovi sicuramente del buono.
hjhhjij: Si dovrei evitare un disco con Fricke che recita poesie in italiano ? E la curiosità dove me la metti ?
Galensorg: Ma non le recita lui! Ahahah
Sono state recitate da una certa Guillermina De Gennaro.
hjhhjij: Eh no, allora sti cazzi de Gigliermina.
Pinhead
Opera: | Recensione: |
Quando compravo dischi via catalogo, c'era sempre la sezione «Age and relaxation» e l'ho sempre saltata a piè pari :-)
BËL (00)
BRÜ (00)

Galensorg: Ahahah ma dai! Mi sa che questa è una New Age molto diversa da quella di cui parli.
Prova a darci un ascolto, Pin! Consiglio "Song Of Earth".
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Penso di non averli mai ascoltati; gravissima lacuna la mia...basta ora faccio silenzio.
BËL (01)
BRÜ (00)

teenagelobotomy: DeMa!!!!! questa tua lacuna è da scomunica totale, ora vai con una full immersion di Hosianna Mantra, In den garten pharaos, Aguirre e Nosferatu giusto per iniziare a trovare la via della redenzione :D
Galensorg: Non posso che citare il buon @[teenagelobotomy] ! ;-)
teenagelobotomy: @[Pinhead] anche tu non fare lo zozzo a vita. ogni volta che ascolto la titletrack di Hosianna è come entrare in una dimensione parallela e purificatrice. 03 - Hosianna Mantra (Hosianna Mantra, 1972) - Popol Vuh
Galensorg: Ti voglio sempre più bene! Ahahah
Pinhead: Ma non è una canzone di due minuti e tre barrè chords :-)
Galensorg: Tra l'altro @[teenagelobotomy] , tu che ne pensi del disco in questione?
Battlegods: Ahah fiondati diretto su "Vuh" del secondo album ;)
teenagelobotomy: ecco appunto ho commentato qui sotto il disco Gal :)
teenagelobotomy: un anno e mezzo fa comunque mi sono accaparrato un cofanetto di 5 cd con tutte le soundtrack dei film di Herzog, se lo trovi Gal non ci pensare due volte.
Galensorg: E' il "The Werner Herzog Soundtracks" uscito nel 2010, per caso?
teenagelobotomy: è lui sì, fatto stupendamente come cofanetto.
Galensorg: Lo conosco allora! E' già nella mia wishlist di Discogs! ;)
teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera: | Recensione: |
Spirit of peace (definizione semplice ma perfetta per la musica di Fricke) definirlo minore è ingeneroso, ma non me la sento per il voto massimo in questo caso, ad ogni modo gruppo sempre immenso.
BËL (01)
BRÜ (00)

Galensorg: Volevo anche specificarlo nella recensione infatti, il voto esatto sarebbe un 4 e mezzo arrotondato per eccesso. Comunque un disco sublime!
algol
Opera: | Recensione: |
Ancora non sono riuscito a colmare la lacuna Popol Vuh. Ottima recensione. Loro dovrebbero vellicare le mie anguste orecchiette.
BËL (01)
BRÜ (00)

Galensorg: Algol, qual buon vento! Sono curioso di sapere quale sarà il tuo giudizio su di loro quando sarà possibile.
Grazie d'esser passato da queste parti.
RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
So-gno, daccoecon quello che hai scritto e adesso mi cerco Nosferatu
BËL (01)
BRÜ (00)

RinaldiACHTUNG: *d'accordo
Galensorg: Bella lì, Rinaldi! Dacci dentro.
IlConte
Opera: | Recensione: |
Sempre sentiti sempre nominare, visto che dovrebbero avere attraversato tutti i settanta. Penso che mi verrebbe un attacco d'ansia dopo 5 minuti dall'inizio dell'ascolto ahah! Troppo ambient e calma per i miei gusti che ci vuoi fare ma proverò, proverò ce la metterò tutta ahahah. Grande ragazzo, sei apertissimo come gusti così si fa!
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ah dobbiamo chiamare @[Pinhead] . Pin, per cortesia 5 nobili stelline al ns ragazzo grazie!
Pinhead: Mi sa che mi conviene di più se ti regalo un ipad nuovo :-)))
IlConte: Ahahahahah! Ma no! Lo fa pure con quello della Contessa Apple nuovo di pacca... sono i demoni del blues li conosco torneranno a fare i bravi quando vorranno loro....
Galensorg: Ti ringrazio molto per le sempre belle parole che hai nei miei confronti, Conte!! Riguardo la musica dei Popol Vuh: tentar non nuoce, ogni disco ha la sua sonorità quindi penso potresti trovare qualcosa che ti piace senz'altro!
luludia
Opera: | Recensione: |
Conosco solo i loro meravigliosi straclassici...prima o poi colmero' la lacuna...
BËL (01)
BRÜ (00)

Galensorg: Dacci dentro e fammi sapere che ne pensi, Lulù!
lector
Opera: | Recensione: |
Mischiare i Popol Vuh con il calderone new age è una bestemmia, la loro è trascendenza.
BËL (00)
BRÜ (00)

Galensorg: Dici a me, carissimo?
lector: No, no parlavo di un vecchio preconcetto critico che ha, purtroppo, allontanato molte persone dall'ascolto di questo gruppo fondamentale.
Galensorg: Concordo pienamente con te. Che poi c'è New Age e New Age, naturalmente.
lector: Se ti piacciono queste sonorità ti consiglio l'ascolto dei Between, gruppo in cui suona quell'Eliscu che suona splendidamente in Hosianna Mantra
Galensorg: Questi mi mancano! Me li segno assolutamente. Grazie mille Lector, preziosissimo!!
lector
Opera: | Recensione: |
Questo è un capolavoro!

BËL (04)
BRÜ (00)

Mr. Money87: segnati assolutamente!!!
proggen_ait94: Sottoscrivo! Scoperto anni fa e torna sul "disco" regolare come una cometa.
Mr. Money87
Opera: | Recensione: |
Per quanto riguarda i Popol Vuh devo ammettere che a parte i primi sono piuttosto ignorante. Questo me lo segno, grazie.
BËL (01)
BRÜ (00)

Galensorg: Ma figurati, è un piacere!
che!?
Opera: | Recensione: |
i caffe´ di zona sono gia´ tutti chiusi, chi mi offre una birra?
BËL (00)
BRÜ (00)

bluesboy94
Opera: | Recensione: |
Anch'io non sono mai andato oltre la colonna sonora di Nosferatu, evidentemente sbagliando...
BËL (01)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
meh
BËL (00)
BRÜ (00)

Galensorg: Buttati sui Popol Vuh degli anni '70, amigo! :D
proggen_ait94: Conosco a dovere :)
Galensorg: Allora va benissimo! In effetti, immaginavo li conoscessi già!

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: