Renato Polselli
L'amante del vampiro

()

Voto:

Il cinema italiano di un tempo era grande cinema, cinema fatto come si deve, quel cinema che nonostante non sempre ricavava dei capolavori risultava sempre essere un cinema dignitoso e che addirittura veniva citato e omaggiato dai registi inglesi, americani e cinesi.

"L'amante del vampiro" non è certo uno di quei titoli che sono rimasti impressi nella memoria, ma è un film di inizio anni sessanta che secondo me fa la sua bella figura ancora oggi, sopratutto per gli amanti del vampire-movie.

Un film che vive di bellezza, quante bellissime donne ci sono in questo film, questo già vale la visione! Una regia molto buona, solida, elegante ed esperta, una fotografia straordnaria, eccellente gioco di luci e ombre, insomma un bel film, una favola horror dignitosissima. A parte il meraviglioso omaggio al film "Vampyr" che mi ha fatto letteralmente saltare dalla sedia. La scena della ragazza morta che riapre gli occhi dentro la bara e si accorge che la stanno seppellendo e girata straordinariamente bene, inquientante e drammatica allo stesso tempo. Certo, magari non raggiunge i livelli della famosissima scena di "Vampyr", ma d'altra parte difficilmente una citazione supera l'originale, ed è anche giusto che sia così. Tolto questo in ogni caso la scena è veramente stupenda.

Le ambientazioni sono molto belle, l'atmosfera riesce a ricreare un qualcosa di freddo, di rigido, merito di una straordinaria fotografia (come ho giù scritto) e poi la bellezza delle attrici è quel tocco finale che rende il tutto decisamente interessante. Il vero "cattivo" del film, il vampiro dalla faccia mostruosa è forse il punto debole in quanto all'inizio del film sembra essere veramente inquietante e fa paura, poi come iniziamo a "conoscerlo" ci rendiamo conto che non fa poi così tanta paura. Diciamo che quel personaggio poteva essere sviluppato molto meglio! Ottimi i trucchi utilizzati nella scena finale e a proposito di finale di questo film...ancora una volta mi sono convinto che gli effetti fatti con le manine se fatti veramente come si deve superano di gran lunga quelli fatti al computer. Guardatevi questo film e nel finale avrete una prova/lezione di come gli effetti artigianali se fatti con cura e maestria risultano essere meravigliosamente spaventosi e riusciti.

Un film che non annoia per niente, una trama che cattura, donne di una bellezza strardinaria, vampiri, atmosfere buone per i temi trattati, insomma io ve lo consiglio, un bel filmetto di inizio anni sessanta che almeno una visione la vale.

VinnySparrow

Questa DeRecensione di L'amante del vampiro è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/renato-polselli/lamante-del-vampiro/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Nessuno ha ancora commentato questa recensione.
Non è che vuoi farlo tu? Oh, solo se vuoi, eh.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: