Sto caricando...

Rob Zombie
31

()

Voto:

Quando vidi La Casa dai Mille Corpi mi innamorai perdutamente ed all’istante del cinema di Rob Zombie.

Una lettera d’amore ad un certo filone horror degli anni 70 che vedeva la rivincita dei reietti (del diavolo) dei red-neck dei pazzi sanguinari e cannibali, che sdoganava l’era dello splatter e del grand-guignol su cellulosa. Qualcuno addirittura (si amputò un dito) paragonò questo suo folgorante esordio ad una sorta di remake del leggendario massacro della motosega (nonapritequellaporta in Italia) di Toby Hooper.

Il tutto in una chiave post-moderna, decisamente pulp, dove gli echi del maestro Quentin Tarantino riverberavano costantemente ed armoniosamente tanto da far definire, da chi scrive, Rob Zombie: il Tarantino dell’horror. Non credo però che il rob mortovivente apprezzerebbe questo paragone ma chi lo sa e chi se ne frega dopotutto.

La famiglia Firefly (dei millecorpi) tornò nonostante fossero stati cacciati anche dal diavolo, in un sorprendente road-movie crudo, arso e logoro. Un film meno cazzone del precedente, tecnicamente più centrato e con un finale da strapparsi la pelle.

Poi com’è come non è Rob diresse due remake della saga di Halloween del grande John Carpenter, operazione nettamente bocciata come “concetto” dal sottoscritto ed il curioso Lord of Salem che non nascondeva velleità autoriali ma che fece storcere la bocca a più di un fan avvezzi com’erano ai sadici sventramenti di quei guasconi dei Firefly.

E sono passati già 15 anni tra l’esordio del 2001 e questo 31 del 2016.

Con 31 Rob Zombie torna alle origini.

Ambientato nel 1976 nel periodo di Halloween.

Di nuovo gli anni 70, di nuovo Halloween, di nuovo l’America del Sud, il Texas… con la sua polvere. tabacco e whisky, di nuovo gli hippies in nessuna faccenda affaccendati.

Veniamo subito introdotti in questo mood già dai titoli di testa, belli sgranati e settantiani più che mai ma ancor prima dei titoli di testa assistiamo ad un magnifico prologo in bianco e nero e facciamo subito la conoscenza di Doom-Head un pazzo sadico sanguinario davvero niente male che sventra e ammazza con gran gusto ma lo fa solo per denaro è solo lavoro…

Già, perché 31 non è altri che un gioco, son quei giochini che fanno i ricchi annoiati che rapiscono un manipolo di malcapitati, che so magari degli hippies rincoglioniti dentro a un furgone, li chiudono dentro ad una struttura, tipo un magazzino abbandonato ed hanno 12 ore per portare a casa la pelle. Durante queste 12 ore verranno cacciati a vari livelli, tipo video-gioco (appunto) dai loro carnefici invero pittoreschi. Ed è in questo aspetto che il flim sbraca (alla millecorpi ma con molto meno gusto e stile) presentandoci una galleria di personaggi tanto malvagi quanto ridicoli. Il nano spagnolo Sick-Head ad esempio mezzo nudo e con una grossa svastica tatuata sull’addome, due fratelli clown sozzi e malvagi armati di motosega, un gigante mezzo tedesco e mezzo ritardato e la sua sorellina sexy e pazzissima…

Sarà una caccia all’uomo serrata, c’è il sangue, c’è il divertimento, non ci si annoia ma neanche si è coinvolti. Il film non ha il minimo spessore, se non si è appassionati del genere se ne sconsiglia vivamente la visione.

A robbè-zzò… bravo sei bravo ma gira che te rigira dopo 15 anni ai millecorpi sei tornato… come dovemo fa co ‘tte?

Commenti (Cinque)

TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
Quello che scrivi non é molto diverso dalla precedente recensione. Nell'altra si premia l'aspetto "ludico" dell'horror fine a se stesso e invece tu per la stessa ragione quasi l'affossi. Magari lo vedo... Bello scritto, fila liscio.


JOHNDOE: beh sai avrei dovuto dire che il comparto tecnico è di tutto rispetto e che ci sono alcune sequenze azzeccate ma i personaggi eccetto Doom non lasciano il segno, a differenza dei due casa con corpi e diavolo

sulle prime ne volveo dare 4 anch'io ma poi siccome erano 3 e mezzo ho optato per le 3

non l'affosso ma troppo vuoto però se ti piace il genere vale la visione
TataOgg: In verità, che il film sia ben realizzato si capisce. Leggendo la tua e l'altra penso di aver capito che potrebbe essere di quel divertente involontario. Se mi gira lo vedo.
ZiorPlus
ZiorPlus
Opera:
Recensione:
I am the Devil, and I'm here to do the Devil's work. (Cit. 3 from hell)


madcat
madcat
Opera:
Recensione:
I 1000 corpi uno degli horror più brutti di sempre, a mio avviso. Figurati questo


JOHNDOE: Non credo tu sia un appassionato del genere horror per dire addirittura tra gli horror più brutti di sempre...


ZiorPlus: Horror sono quelli che non vai in cantina per un pezzo o almeno fin che non te ne scordi, questo genere invece è di quelli che ti fai 4 risate in spensieratezza.
madcat: @[JOHNDOE] Sono un grande appassionato di horror invece, come @snes può confermare (suo malgrado 😁). E questo l'ho trovato quasi inguardabile, sotto tutti i punti di vista (a differenza del successivo). @ziorplus il punto è che manco ridere m'ha fatto. Insomma l'ho trovato osceno, che vi devo dire. E ip bello è che pure al cinema ci sono andato, all'epoca, per vedere sta roba. Mi ricordo che uscii incazzato nero per aver buttato i soldi praticamente.
JOHNDOE: no e allora se ti piacciono gli horror ma non ti è piaciuto i 1000 corpi si vede che non ti droghi (non trovo altre spiegazioni)
JOHNDOE: dov'è che snes può confermare suo malgrado? ti ci sei appicciato per un horror?
ZiorPlus: Nell' ultima affermazione di @[madcat] riguardo al confermare, se ho capito bene, mi sembra di cogliere un sottile doppio senso, forse meglio non indagare.
Ho visto solo "3 From Hell" per sbaglio a notte fonda (Ha la sua importanza...) a casa di nonricordochi però mi piacque proprio per il suo essere strambo (O forse proprio perchè è l'unico che ho visto, boh!) e non ero neanche fumato o forse mi era piaciuto per quello, chi può dirlo.
madcat: Ti ci sei appicciato per un horror" perdonami ma non ho capito cosa vuoi dire. Per il resto ripeto, per quanto mi riguarda uno dei più brutti in assoluto. Manco lo voto che 1 sarebbe pure troppo per me 😁
madcat: Per quanto riguarda snes, semplicemente anni fa parlavamo spesso di horror (in particolare found footage) e segnalai un film con uno dei finali più terrificanti che avessi mai visto, e mi diede ragione scrivendoci pure su una rece
JOHNDOE: appiccicato non appicciato errore di battitura
pensavo ci avessi discusso (appiccicato è sinonimo di attaccato)
dimmi il film e la rece
snes: La casa dei 1000 corpi è il primo? Se è nquello nella colonna sonora c'è pussy liquor (parecchio presente tra l'altro se non ricordo male) e basta come ragione per aver prodotto il film. Ci aono un sacco di robe brutte e registicamente non si capisce bene che direzione voglia prendere, se quella del trash anni 90 o quella dello slasher anni 70, ma ripeto: basta pussy liquor per farmi ringraziare il cielo che esista. Se invece parliamo del secondo, quello osannato da mezza internet, mi ha annoiato a morte. Questo l'ho scaricato ma manco ricordo se l'ho visto. Mi aveva divertito il remake non dihiarato di polanski. Le streghe di qualche cosa, o comunque un titolo con le streghe.
snes: Lords of salem, quello che mi aveva divertito si intitola lords of salem. Ma ha divertito solo me credo, mi sa che quando è uscito l'han sotterrato tutti.
JOHNDOE: no tranquillo è piaciuto anche a me. anche lord of salem pieno di difetti ma anche diversa roba buona.
macmaranza
macmaranza
Opera:
Recensione:
Genere di merda, come i Serial Killer. Non capisco perché vedere una serie di aberranti mutilazioni senza senso alcuno, con una pletora di pseudo motivazioni così astruse da non risultare nemmeno ridicole. Solo fastidiose. Mah: si vede che il masochismo incondizionato ha il suo fascino.


Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Se ci devono essere degli zombie e splatter vado su questo:


JOHNDOE: azz! che maleeeee

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di 31 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link