Robert Aldrich
Hush...Hush, Sweet Charlotte (Piano... piano, dolce Carlotta)

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Su Bette Davis ci sarebbe fin troppo da dire: una carriera leggendaria (e tormentata) sviluppatasi, soprattutto, tra gli anni '30 e gli anni '60, ruoli primari in film che hanno fatto la storia del Cinema come "Jezebel" ("La Figlia del Vento"), 1938,  o "All about Eve" ("Eva contro Eva"), 1950, e 2 Premi Oscar (entrambi negli anni '30). Una prima parte di carriera contrassegnata da ruoli romantici e da "pasionaria" ed un viale del tramonto dedicato ad opere grandguignolesche che l'hanno resa una delle attrici più eclettiche della storia. Curioso come, a lungo andare, nell'immaginario comune venga ricordata soprattutto per i ruoli (spesso sanguinolenti) svolti proprio in età "matura" e non in quelli giovanili che le diedero maggiori soddisfazioni, sia come riconoscimenti che come (immediato) riscontro popolare. In particolare i due film realizzati con Robert Aldrich : "What ever happened to Baby Jane?" ("Che Fine ha fatto Baby Jane?"), 1962 e questo, del 1964, di cui andrò a parlare, sono da considerarsi il vero e proprio testamento spirituale (anche se lei poi lavorò, pur in film minori, fino ad anni '80 inoltrati) della grande attrice dagli occhi magnetici (qui vi aspettavate un link diverso vero?)

I due film citati (entrambi tratti da racconti di Henry Farrell) s'inseriscono in quel filone Thriller-psicologico (e talvolta, come in questo caso, con derive Horror) che nelle due decadi a metà del secolo scorso ad Hollywood ebbe molta fortuna e, bisogna pur riconoscerlo, picchi di creatività ancor oggi difficili da raggiungere: credo che dovrebbe bastare citare Hitchcock per chiudere la questione. Oltre all'interprete principale sono anche altri i punti in comune che vanno a confermare che il regista li aveva pensati, per poi rinunciare per difficoltà logistiche, come una sorta di "saga" gotica americana (non so voi ma io non riesco a non associarci Grant Wood): inizialmente, per esempio, il ruolo spalla doveva esser affidato, in entrambe le pellicole, alla storica "nemica" della Davis (Joan Crawford) che però rinunciò (in circostanze mai del tutto chiarite) alla seconda (pellicola) lasciando il posto ad Olivia de Havilland (qui in un ruolo decisamente diverso da quello che la rese celebre). Se poi aggiungiamo le ambientazioni in decadenti magioni (e le atmosfere ansiogene che derivano dal sempre inquietante bianco e nero), i temi della bellezza appassita, del senso di colpa, del disagio psichico, della dualità e rivalità tra consanguinee (sorelle nel primo, cugine nel secondo) il gioco dei parallelismi è pressochè fatto. Probabilmente l'ordine cronologico finì con rendere più celebre, almeno in Italia, il primo (che di diverso presentava un tono più "melodrammatico") ma è mio parere che entrambi siano dello stesso (elevato) valore artistico.

La Trama:

Carlotta vive, insieme alla sua governante, ormai da quarant'anni rinchiusa nella sua villa nel Sud degli States: da giovane era innamorata di un uomo sposato ma la notte in cui dovevano scappare insieme lui viene brutalmente ucciso e mutilato. Da quel momento, pur riconosciuta estranea al fatto, viene bersagliata da macabri scherzi e lettere anonime che finiscono per minare il suo equilibrio psichico e renderla convinta di aver commesso il delitto. Un giorno arriva a renderle visita ed ad aiutarla sua cugina Miriam che, quarant'anni prima, era a conoscenza dei progetti di fuga di Carlotta...

Piccola e futile analisi:

Pur essendo un film datato "Piano... piano, dolce Carlotta" è tutt'ora capace d'inquietare con le sue atmosfere morbose e con sprazzi (come la scena dell'omicidio dell'amante di Carlotta) di puro orrore: come detto i riferimenti Gotici ed al Grand Guignol si sprecano e momenti di palpabile tensione vengono a volte risolti da scene di efferratezza che ancor oggi impressionano e a volte con nulla di fatto che però non tranquilizzano. La regia è minimale e lascia alla fotografia lo spazio per approfondire le caratteristiche dei personaggi (sia la Davis che la de Havilland a livelli di recitazione altissimi), la sceneggiatura è scritta abilmente per portare lo spettatore in una spirale psicologica che sembra continuamente sviare ma che alla fine si rivela implacabile.

Un film d'altri tempi per riscoprire un Cinema, come sempre meno spesso capita oggi, fatto di talento e passione: guardatelo in piena notte.

 

Mo.

Questa DeRecensione di Hush...Hush, Sweet Charlotte (Piano... piano, dolce Carlotta) è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/robert-aldrich/hushhush-sweet-charlotte-piano-piano-dolce-carlotta/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciotto)

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzz
Opera: | Recensione: |
'Her hair is hollow gold-
Her lips sweet surprise-
Her hands are never cold-
She's got Bette Davis eyes' Perà Joseph Cotten... che uomo.

BËL (00)
BRÜ (00)

kosmogabri
kosmogabri Divèrs
Opera: | Recensione: |
linda wow che avatar grintoso! :-) bella rece CptGaio me ne ricorderò se passerà in tele, che non l'ho mai visto.
BËL (00)
BRÜ (00)

alia76
Opera: | Recensione: |
non lo conoscevo. notevole! grazie
BËL (00)
BRÜ (00)

Lupin
Opera: | Recensione: |
Sì l'ho visto in concerto questo Robert Aldrich, abbastanza bravo, ma la vera stella della serata era Carlotta al piano, sublime.
BËL (00)
BRÜ (00)

Cornell
Cornell Divèrs
Opera: | Recensione: |
Bella Capitano! Bravo..
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Troppo buoni, grazie!
BËL (00)
BRÜ (00)

panapp
Opera: | Recensione: |
Film famosissimo insieme al suo fratellino "Che fine ha fatto Baby Jane?", sogno di vederlo da anni, ma sono troppo pigro per andarlo a noleggiare ed aspetto la trasmissione nel pomeriggio di Rete 4. Dopo aver letto questa recensione ho cambiato idea: domani vado a noleggiarlo. La sola presenza di Bette Davis e soprattutto della mitica Melania Hamilton/Olivia de Havilland giustifica la visione del film. Grazie della recensione!
BËL (00)
BRÜ (00)

Bubi
Opera: | Recensione: |
Vale un pò meno di: Che fine ha fatto Baby Jane? Ma è buono anche questo. A proposito di Joan Crawford, attrice bellissima ma molto meno dotata della Davis, era una grandissima figlia di puttana nella vita. Di certo molti conoscono il libro accusa dei suoi figli, "Mammina cara".
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
@Panapp: figurati, grazie a te! @Bubi: eh, la Crawford... infatti ho messo un link ("nemica") per far capire il "rapporto" che aveva con la grande Davis. Bisogna dire che molte vicende ora sono ammantate di leggenda ma che non avesse un facile carattere quello era abbastanza certo. Ti ringrazio per esser passato!
BËL (00)
BRÜ (00)

jackskellington
Opera: | Recensione: |
questo film lo vidi qualche anno, convinto si trattasse di un melò: rimasi di sasso quando mi accorsi che si trattava di un horror-thriller psicologico, molto divertente e molto morboso, con tanto di sangue e decapitazioni. bette davis è immensa, una delle 5 attrici più grandi di tutti i tempi: molti suoi vecchi film girati da wyler (piccole volpi, ombre malesi, il già citato jezebel..) andrebbero decisamente riscoperti.
BËL (00)
BRÜ (00)

lazy84
Opera: | Recensione: |
e qui emerge tutta la mia ignoranza in materia...mai sentito in vita mia!
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
@Jack: nulla da aggiungere a quello che dici. @Lazy: DeBaser e' qui apposta! ;-) Grazie ad entrambi!
BËL (00)
BRÜ (00)

Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera: | Recensione: |
Grande segnalazione: me lo procuro al volo. Bravissimo Capitano..
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ti ringrazio Bartle!
BËL (00)
BRÜ (00)

pi-airot
Opera: | Recensione: |
I miei incubi d'infanzia (questo, "Che fine ha fatto Baby Jane" e "Suspense" di Jack Clayton). Passavano spesso sulle TV private anche in prima serata (altri tempi: oggi le veline possono mostrare un assortimento vario di patate all'ora di cena, ma questi film ormai vengono relegati in quarta serata). Da bambino ero convinto che Bette Davis recitasse solo in film dell'orrore, tanto che mi faceva paura anche il video della canzone di Kim Carnes (anche se la Davis non compariva).
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Quarta serata...io direi prima mattina piu' che altro ;-)
BËL (00)
BRÜ (00)

azzo
Opera: | Recensione: |
Sarò in serata di esagerazioni, ma vado di doppio 5. A Te, per aver tirato fuori questo piccolo capolavoro misconosciuto (lunghissima sarebbe la discussione da intraprendere sulla circostanza che il bianco e nero è ormai bandito dalla nostra tv: qualsiasi merdata, purchè sia a colori), ed al film, che viene considerato sempre un po'sotto a Baby Jane, ma quando lo vidi mi fece impazzire uguale. CHARLOTTE SOMETIMES!
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Merci Monsieur Azzò! ;-)
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: