Sto caricando...

Spoon
Gimme Fiction

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Strana e affascinante creatura questi Spoon.
Originari del Texas confermano con questo quarto lavoro di essere una delle più interessanti realtà della scena indie rock.
Difficili per loro stessa volontà da catalogare, il quartetto capitanato dall'eclettico Britt Daniel, in quaranta minuti di disordine e creatività riesce a confondere e ammaliare al tempo stesso, creando una trama sonora che, ascolto dopo ascolto, diventa sempre più intensa e avvolgente.
E' un rock instabile, caricaturale, elusivo e malinconico quello degli Spoon.

La partenza con Beast and Dragon, una marcia lenta e incalzante, catapulta immediatamente in un mondo instabile e irreale, dove sembra di essere in uno dei salotti del duca bianco.
Ma già con The Two Sides of Monsieur il ritmo cambia, apriamo gli occhi e un Lou Barlow occhialuto appare con la sua smorfia inconfondibile.
Le undici tracce risultano un collage bizzarro e imprevedibile di citazioni, cambi di direzione, canzoni con la luna storta : Beatles e Pavement, melodia e lo-fi, funky e folk, anche un pianoforte in alcune occasioni rafforza le linee melodiche e soprattutto gli slanci pop
Non manca l'indie rock di scuola Pixies (My Mathematichal Mind), che sono uno dei tanti punti di riferimento della band, ma lo spettro delle influenze è molto più ampio e spesso è solo un pretesto per provare linguaggi nuovi.

Gimme Fiction è un rock da tempo sospeso, avvolto in una nebbia da sottile mistero, dove è bello abbandonarsi senza sapere cosa succede o cosa succederà, perchè la fiducia in questo caso viene sempre ripagata da emozioni vibranti.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quindici)

easycure
easycure
Opera:
Recensione:
Molto interessante!


kosmogabri
kosmogabri
Opera:
Recensione:
mo lo riascolto, non mi aveva convinto, chissà forse ora si, grazie ai debaserioti m'è già successo :)


Anonimo
Anonimo
Opera:
Recensione:
hanno aperto il concerto degli interpol a firenze aprile scorso. a me sono piacuti


rosemary
rosemary
Opera:
Recensione:
hanno aperto il concerto degli interpol a firenze aprile scorso. a me sono piacuti


damaskinos
damaskinos
Opera:
Recensione:
jonathan fisk e that's the way we get back, sono due gran pezzi del cd che precede questo, mi pare si chiami kill the moonlight. E lasciatemelo dire. Sono molto meglio degli interpol. Questo lo devo ancora ascoltare.


samterra
samterra
Opera:
Recensione:
approvo, anche Kill the moonlight è un'ottimo disco


blacksheep
blacksheep
Opera:
Recensione:
bellino davvero 'sto disco :)


Hal
Hal
Opera:
Recensione:
trellheim
trellheim
Opera:
Recensione:
sentito oggi. davvero bellino. e sam è bravo come al solito


charles
charles
Opera:
Recensione:
molto bello. mi è piaciuto al primo ascolto, io ci sento molto i pavement.


giov
giov
Opera:
Recensione:
bello non poco direi. My Mat.Mind è fantastica. A me ricordano un po' i Supergrass e i Gomez a dire il vero. Rece molto ben scritta.


uoppocop
uoppocop
Opera:
Recensione:
Vì
Opera:
Recensione:
molto bella "The Two Sides Of Monsieur Valentine"...


AristarcoScannabue
AristarcoScannabue
Opera:
Recensione:
lo sto sentendo proprio adesso... in genre l'indi nn mi paice molto, vedremo...


AristarcoScannabue
AristarcoScannabue
Opera:
Recensione:
azz come cacchio ho scritto.. indie...piace


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Gimme Fiction è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link