Sto caricando...

Steven Hall
Le memorie dello squalo

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Non sono convinta di riuscire nell'impresa : ho il difetto di cimentarmi in quello che si potrebbe definire una "rottura cosmica" o peggio una "rottura di balls".

Recensire, o meglio tentare di recensire, un libro come questo è una fatic-accia, che potrebbe portare ad una figur-accia da <nasconditi, che è meglio!>.         Il di sopra scritto equivale ad "Attenzione donne incinta, bambini e malati di cuore non oltrepassate questo rigo!"

Eccomi, vado...: Uno dei Migliori Libri del genere che abbia mai letto, se si considera che è  il primo dell'autore e che tratta del "puro astratto":  parole, concetti, informatica, universi paralleli (n.d.s. Prof. Max Tegmark Dept. of Physics, MIT) e forse anche "teoria quantica".

Steven Hall sceglie un narratore d'eccezione: Eric Sanderson, il protagonista, che in realtà è un tutt'uno con il Primo Eric Sanderson, che si farà vivo con lettere che arriveranno giornalmente e per mesi al suo successore (il contenuto degli scritti indica i modi per difendersi dal Ludoviciano, uno squalo concettuale, che ha annientato il Primo Sanderson divorandogli la mente). La storia inizia sul pavimento della stanza da letto di Eric nel momento in cui ... rinasce:

<<Ero privo di conoscenza. Avevo smesso di respirare.
Non son bene da quanto tempo, ma i motori e le centraline che tengono in funzione la macchina umana a livello meccanico dovevano essere andati in blocco, reagendo all'immobilità con un arresto generale del sistema. Avaria del pilota automatico - passare al controllo manuale d'emergenza.
Fu così che ebbe inizio la mia vita, la mia seconda vita>>.

Eric Sanderson non ricorda niente, assolutamente vuoto di ricordi: non sa chi è, dove è, cosa fa o faceva, si guarda allo specchio e non si riconosce... è solo. Cerca fra gli oggetti che lo circondano e... "si trova"... un nome (il suo), un altro nome con il numero di telefono (la sua psichiatra) e dei post-it, tanti, sparsi ovunque con i nomi delle cose a cui sono attaccati, con le indicazioni più disparate... frammenti di vita trascorsa, ma da Chi? Dove? Quando?

My God: se questo è l'inizio, cosa ci sarà nel seguito (!?!)... ebbene: tante cose assurde, tante storie assurde, tanti posti assurdi come "Il Non Spazio", collocato nei sotterranei, nei magazzini abbandonati, nelle < intercapedini> del mondo dove nessuno ti trova perché le pareti costruite con libri, lettere, giornali, elenchi telefonici, insomma con carta stampata, ti rendono invisibile e ti proteggono con i loro flussi concettuali dagli attacchi degli SQUALI!

Si incontrano  anche spezzoni di vita normale, che fluiscono benefici negli occhi e nella mente del lettore, che trova un po' di riposo neuronale: è come un time out, necessario!

-Scout (o Clio, il suo amore perduto sull'isola di Naxos) è appassionata, tenera quanto imprevedibile; i loro dialoghi sull'amore, sul ricordare e sul dimenticare, cioè su tutto quello che ci rende umani, sono inspiegabilmente comprensibili.

-Fidorous è il professore, amico del Primo Eric Sarderson, che lo aiuterà a far sparire il Ludoviciano: lo scontro finale avviene in mare aperto, che è un <concetto> di mare, sulla nave Orpheus, che è un <concetto> di nave e tutti, compresi i lettori, dovranno sforzarsi di mantenere vivo il <concetto> o la nave non potrà mai materializzarsi e prendere il largo...

-Mycroft Ward non appare mai, in realtà è la causa di tutti i mali, il PUPARO: è stato una uomo che, capace di clonarsi attraverso le reti informatiche, è diventato eterno e si moltiplica all'infinito, acquisendo e inglobando dati e identità di milioni  di persone ignare.

Il racconto incalzante e il ritmo frenetico, rendono difficile la vita al lettore, a volte sembra impossibile visualizzare... eppure, se ti concentri, ti appare il tutto nella sua assurdità più reale. E' tutto irragionevolmente vero... ed esagerato.

Pagina 430 : La fine, ma... chissà, forse..., può darsi che..., non lo so...

P.S.: riferimenti a Matrix e Lo Squalo? probabili, Mark Haddon ne è convinto. Ma se fosse un grande puzzle (100008 pezzi) da ricomporre con Eric?

Ahi, ahi, ahi allora la vedo proprio brutta: GAME OVER!

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciannove)

madcat
madcat
Opera:
Recensione:
non c'ho capito molto (magari non l'ho letta attentamente, o forse è proprio il libro che è molto particolare) però mi hai incuriosito


voodoomiles
voodoomiles
Opera:
Recensione:
Mi piace assai come scrive.


Geo@Geo
Geo@Geo
Opera:
Recensione:
Mi rendo conto che un libro del genere può essere solo trovato per "caso", ovvero basandosi su apparenze: il titolo, la foto, la recensione sul pieghevole della copertina... amenità, sentimenti di <pancia>! Poi però... ecco *a love at first sight*. L'autore scrive in modo eccellente e racconta una storia in modo geniale; l'assenza (o quasi) di commenti, sottolinea la non conoscenza dello scrittore, ma le visite non sono male: la curiosità c'è e non è poco, se qualche DeBaseriano D.O.C. lo leggesse sarebbe già un successo!!!


Geo@Geo
Geo@Geo
Opera:
Recensione:
dimenticavo: grazie ai due solitari coraggiosi:)


teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera:
Recensione:
"si guarda allo specchio e non si riconosce..." azz mi ricorda qualcuno del tipo "mi guardo allo specchio dico quello chi è?!" ;))) Bella recensione e proposta interessante, non lo conosco ma se lo dovessi mai trovare in giro giuro che ci faccio un pensiero. Alla peggio torno sulla rece e faccio un commento un pò più serio :)) Ciao Geo.


seagullinthesky
seagullinthesky
Opera:
Recensione:
Se lo trovo me lo compro di sicuro.


reverse
reverse
Opera:
Recensione:
purtroppo per me leggere è solo più un divertissement. Non seguo più un filo logico.


Geo@Geo
Geo@Geo
Opera:
Recensione:
Per Reverse: allora questo libro non fa per te:)


JURIX
JURIX Divèrs
Opera:
Recensione:
Ma questa è una recenZione, che è più un <concetto> di recenZione, assurdamente azzeccata. Devo trovarlo sto libro (se esiste) e lo leggerò, fosse anche nella prossima vita, a meno che non ri-nasca analfabeta.


madcat
madcat
Opera:
Recensione:
ho fatto qualche ricerca sulla rete e pare che ne stiano preparando una versione cinematografica, mi attira sempre di più sto libro, ho letto che l'hanno effettivamente definito come il figlio bastardo di matrix e lo squalo


Geo@Geo
Geo@Geo
Opera:
Recensione:
Chi leggerà il libro avrà la sensazione che S Hall abbia nel cervello un innesco a tempo e che, se non butterà giù i <concetti>, gli esploderà il cervello...


fosca
fosca Divèrs
Opera:
Recensione:
Mi sa che questo libro è coontoooortoooo... Recensione invogliante.


madcat
madcat
Opera:
Recensione:
l'ho cercato in una libreria e mi hanno detto che è fuori catalogo :-(


Geo@Geo
Geo@Geo
Opera:
Recensione:
Difficile non trovarlo nelle librerie di Giunti al Punto, prova lì!


madcat
madcat
Opera:
Recensione:
ho provato a chiamare a giunti al punto di Roma e niente manco lì, proverò in altre librerie ma ho paura che toccherà aspettare una (eventuale) ristampa


zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Mi sa che ho trovato la mia "anima gemella" (tu che dici, fosca?). @GEO. Mi sa che questo me lo regalo io per Natale ... Ed ora completo la lettura della recsnione...


Geo@Geo
Geo@Geo
Opera:
Recensione:
Spero che qualcuno di voi (Zair?) abbia trovato il libro: ne vale la pena! Grazie per l'attenzione dei lettori: smack:))


Geo@Geo
Geo@Geo
Opera:
Recensione:
Sorry, ho appena finito di ri-leggere il libro: se fosse possibile, mi piacerebbe ancora di più:) Se potessi cancellerei le prime 5 righe della review:DD Il voto all'opera deve essere dato...


lector
lector
Opera:
Recensione:
Scrivi bene.


Geo@Geo: Mi piace esprimere sensazioni, ma tu dimostri pazienza a leggere le mie revew:)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Le memorie dello squalo è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link