The Czars
Goodbye

()

Voto:

Vengono da Denver gli Czars, ma ascoltando la loro musica con la memoria non si può far altro che andare alle nebbiose atmosfere londinesi, per vie notturne in cui la pioggia sembra non smettere mai di cadere e le nostre anime si perdono e si disperano alla ricerca di un eterno abbandono.

Non è l'eterea e sublime voce di Elizabeth Frazer quella che accompagna queste affascinanti melodie musicali, ma quella calda e avvolgente di John Grant, vocalist ed autore di quasi tutti i brani degli Czars, band che ha ben da spartire con gli scozzesi Cocteau Twins: fu, infatti, grazie all'interessamento di Simon Raymonde, bassista dei Cocteau, che ebbero la chance produttiva per il primo album "Before... But Longer" nel 1998 per l'etichetta londinese Bella Union, ma che vide la luce (almeno in Europa) solo nel 2000, a causa di alcune incomprensioni proprio con Raymonde che si aspettava un suono più "americano". Seguì poi il valido "The Ugly People vs. Beautiful People" nel 2001, fino a giungere a questo "Goodbye" nel 2004, profetico sin dal titolo, infatti pochi mesi dopo l'uscita dell'album la band si è quasi dissolta, lasciando l'unica luce guida nello stesso Grant, ora circondato da turnisti contribuiscono a mantenere, oltre al nome, anche le scintillanti note musicali.

Le canzoni di questo album sono dei gioiellini incastonati nella corona di poesie composte da altri "eroi" quali Nick Drake, Tim o Jeff (fate voi) Buckley, in cui si mescolano dolci note acustiche ad influenze di vario genere.
Si va quindi dalla triste delicatezza del pianoforte dell'"Intro" alla title-track ("Goodbye goodbye goodbye - I love to see you fade and die - I love to see you kicking, screaming as you try to reach the sky") alle atmosfere progressive che ricordano i Porcupine Tree in "I Am The Man", in cui si respira un'aria di riscatto ("I’m not just a man - I am the man you can’t have - I need something else - You are the one who can’t help"), oppure alle note tex-mex à la Calexico di "Paint The Moon", ai malinconici struggenti violini tzigani di "L.O.S." ("I want you to remember me - For things I never did - ‘Cause none in this world deserves - To see my happiness") o all'aria fumosa jazz blues di "Little Pink House" e "I Saw A Ship". Insomma non vi sono pezzi fuori posto in questo album che merita di essere ascoltato dall'inizio alla fine che arriva con un pezzo potente come "Pain", che riversa fuori tutta la rabbia in un colpo solo ("And if you think you need more pain - You can get all that you need - You can get it all for free - Just keep doing what you are").

Sperando che la creatività di John Grant continui a proliferare e a dispensare brani della stessa levatura, nell'attesa di un degno successore di "Goodbye", va segnalata l'uscita di "Sorry I Made You Cry", una interessante raccolta di cover, alcune nuove, molte già edite come b-sides, dalle quali consiglio due perle come "My Funny Valentine" e "Song To The Siren".

Vota la recensione:

Questa DeRecensione di Goodbye è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/the-czars/goodbye/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Dieci)

Adriano Bernard
Opera: | Recensione: |
Eh no scusa caro mio, mica puoi fare così, eh?!Diavolo, mia hai incuriosito, metti dei samples. Io adoro il dream pop!PS: comemai nessun commento dopo più di 6 mesi?!BAH!
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

Uno
Uno
Opera: | Recensione: |
Curioso che anche io sia giunto qui a lasciare un commento due giorni dopo il primo che ha ricevuto. Dov'ero quando è passata questa recensione? Conosco bene i Czars, questo disco però è l'unico che mi manca, giuro che provvedo subito. Bravo Waldo, scandalosi questi sei mesi di silenzio su una pagina così. Ho adorato l'esordio, Before but longer, sarà la mia prossima recensione, spero che abbia un pò più successo.
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

Waldo
Opera: | Recensione: |
Non vengo molto spesso a controllare i commenti, sorry, ma mi chiedevo proprio come mai a tutti fosse passato inosservato questo disco... Era ora che qualcuno ci inciampasse. Se riesco cercherò di schiaffarci su qualche samples quanto prima...
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

AMALTEO
Opera: | Recensione: |
dico anche qui: occhio e orecchio agli czars!!! sono bravi, davvero bravi. il cantante-leader del gruppo dopo 7 anni di studi in germania è tornato negli usa con qualche gusto classico e con la sua voce arci-bella fa canzoni ognuna da 5 stelle. la recensione di waldo è all'altezza. meriterebbe un rilancio di attenzione
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

AMALTEO
Opera: | Recensione: |
avevo dimenticato i punteggi
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

Anonimo
Opera: | Recensione: |
Questo disco non mi dispiace. Non e' brutto.Sarebbe esagerato dirlo.Anzi ci sono delle canzoni non male,benche' piuttosto stereotipate... Pero' a me personalmente sembra frutto del vuoto di idee che in questo momento c'e in circolazione . Mi sembra fin troppo evidente che questi ragazzi hanno ascoltato ,e molto, i Coldplay . :-(
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

Adriano Bernard
Opera: | Recensione: |
sCUSATE MA NON SONO D'ACCORDO. Ho ascoltato recentemente la canzone "Paint The Moon" di questo gruppo e devo dire che è piuttosto banale, positivista e da preti.Bay bay
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

Adriano Bernard
Opera: | Recensione: |
Evidentemente l'avevo ascoltata troppe poche volte...:-)
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

mavk84
Opera: | Recensione: |
Disco favoloso! poi la voce di sara lov ci sta alla grande in Hymn e Trash
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

Schizoid Man
Opera: | Recensione: |
che cazzo milioni di commenti alle recensioni degli Iron Cacca (cazzo pure i miei adesso m'incastro le palle nel cassetto per punizione!) e solo 9 qui? merde! disco meraviglioso...
BËL ( 0 )
BRÜT ( 0 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

DeBaser non è un giornale in linea ma una "bacheca" dove vengono condivise . DeBaser è orgogliosamente ospitato sui server di memetic. Informativa sulla privacy