Sto caricando...

The Mermen
Krill Slippin'

()

Voto:

Tutto sommato il surf da onda rimane, almeno dalle nostre parti, ancora in parte uno sport di nicchia. Il Mar Mediterraneo che è un mare interno permette di praticarlo per buona parte dell’anno senza tuttavia restituire quella frequenza costante che si ritrova alle Canarie bagnate dall’Oceano Atlantico ed esposte costantemente agli Alisei. Nonostante ciò Sicilia, Sardegna e Toscana hanno tra i migliori spot dove poterlo praticare con soddisfazione.

La surf-mania ha origine negli anni 60’ nelle assolate coste della California dove nelle spiagge si balla al ritmo di “Pet Sounds” dei Beach Boys.

Anche se è più corretto parlare di surf-music come genere vero e proprio soltanto con nomi quali Dick Dale, colui che forse più di tutti diede un grosso apporto alla causa, utilizzando il proprio strumento in maniera liquida, creando quel tipico effetto chitarra bagnata con generose dosi di riverbero. Altri nomi di rilievo al tempo furono Link Wray e The Ventures che insieme al prima citato crearono un vero e proprio movimento.

Come spesso accade nella storia della musica anche per questo sottogenere strumentale del rock ‘n’ roll negli anni Novanta si ebbe un revival a cui diede una mano anche il recupero di un classico quale “Misirilou” di Dale che insieme ad altri venivano inclusi nella colonna sonora di Pulp Fiction di Tarantino.

I Mermen sono un power-trio californiano composti al tempo di questo esordio datato 1989 da Jim Thomas, Martyn Jones ed Allen Whitman.

Riprendono la lezione di un maestro della chitarra quale Dick Dale, apportando gocce di psichedelica che poi saranno più presenti a partire dal successivo “Food for Other Fish”.

La natura, il mare, la montagna vanno rispettati e non sottovalutati. Bisogna ricordare sempre che siamo soltanto ospiti di passaggio di questi ambienti che bisogna lasciare intatti come li avevamo trovati.

Lo spirito dell’Oceano può essere docile, ma divenire tempestoso dopo pochi attimi.

La musica dei Mermen in fondo vive di questa doppia anima tra dolci carezze sul bagnasciuga e brusche correnti elettriche che spingono al largo. Mi piace citare qui “The Goodbye” la traccia di chiusura che con un riff azzeccatissimo e con quel suo tocco malinconico riesce a commuovere facendo viaggiare la mente all’indietro verso i propri posti del cuore. Il mio si chiama Cofete Beach, lunga spiaggia selvaggia, fuori dagli itinerari turistici, che si trova nella penisola di Jandia, nel profondo Sud dell’isola di Fuerteventura. Un posto remoto che richiede un minimo di spirito di avventura e di adrenalina per raggiungerlo, un posto che ti riconcilia con il tuo spirito e ti mette sul cammino verso la pace e l'armonia interiore.

“Ocean Beach” è la colonna sonora di tramonti su lunghe distese di sabbia desolate lunghe chilometri, dove a dominare è il rumore delle onde che si infrangono a riva. Al netto di qualche lungaggine, contiene una manciata di momenti che faranno la felicità di chi nello sport come nella musica cerca vitalità.

Tracce chiave: The Goodbye, Krill Slippin’, Splashin’ with the Marmaid





Commenti (Nove)

Onirica
Onirica
Opera:
Recensione:
Ah, era ora, finalmente qualcuno che parla di questo gruppo-di-cristo, che ha preso le influenze del vecchio Dick e le ha fatte lievitare in un rock psichedelico chitarristico di prima categoria. E' da anni che mi dico scriviunarecensione, e poi invece nulla. Io non avrei scelto questo disco, per parlarne (A glorious Lethal euphoria direi che è il loro massimo capolavoro), ma coi Mermen si casca sempre bene, anche gli ultimi dischi, che si sono un pò allontanati dal surf, sono ottimi. Ripeto, hai fatto benissimo a parlarne, non se li incula nessuno e sono dei grandi, il chitarrista poi è eccezionale (basta pensare a quel capolavoro languido di Trapeze, dieci minuti di chitarra da brividi).

BËL 01
BRÜ 00

Taurus: Hanno avuto un merito: farmi tornare a scrivere dopo quasi due anni e mezzo.
G
G Alto Papàvero
Opera:
Recensione:
Sempre un piacere leggerLa

BËL 01
BRÜ 00

gaston
gaston
Opera:
Recensione:
Le onde dell'oceano sono un'altra cosa

BËL 02
BRÜ 00

withor
withor
Opera:
Recensione:
Bella rece

BËL 01
BRÜ 00

ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Sono una persona estremamente pigra e il mio sport si limita a qualche squat fatto in casa. La natura mi piace molto, però, e soprattutto il mare. Fuerteventura mi piacerebbe visitarla, il marito della professoressa che mi dava lezioni private di spagnolo era delle Isole Canarie e me ne parlava benissimo. Quanto al surf, non ne so molto, ma mi piacerebbe ascoltare i musicisti degli anni Sessanta più che band revival. Ad ogni modo, bella pagina.

BËL 00
BRÜ 00

Taurus: E' l'isola perfetta per te se ti piace staccare la spina ed evitare l'effetto Rimini il 14 Agosto.
hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
Caspita, è interessante sta roba.

BËL 01
BRÜ 00

IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Surf-Music, nome ridicolo quanto azzeccato… a metà.
Di tutti gli artisti accreditati al genere probabilmente uno su cento faceva surf e Link Wray ad es non c’entra nulla con Jan and Dean…. Ma la Storia è intrigante anche o soprattutto per queste assurdità. Il genere non è altro che Rock’n’roll più scanzonato e meno aggressivo, un poppettino furbo e ammaliante. Ovviamente mi piace… senza dilungarmi in album e album, molto valido all’interno di film o documentari.
Ciao Nobile, un piacere rileggerti

BËL 01
BRÜ 00

IlConte: Loro, mai sentiti
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Let's go surfin' now
Everybody's learning how
Come on and safari with Mer...
Bella Taurus!

BËL 01
BRÜ 00

macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Qua da me i surfisti ascoltano questa prima di entrare in acqua.

BËL 01
BRÜ 00

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera