Sto caricando...

Tigers Jaw
Tigers Jaw

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Che cosa c'è qui, oltre alla migliore copertina della storia?

Tanto emo: ragazzi tristi che urlano arrabbiati. Ma mai gallinacci fregnoni o buzzurri sguaiati.

Tanto pop-punk: quelle sono le sonorità. Però essendo anche emo vuol dire che le canzoni durano almeno tre minuti, che sanno suonare discretamente e che sanno strutturare un pezzo.

Tanto indie: che non vuol dire nulla, ma io lo uso come termine per definire le cose che mi piacciono e che non passano mai alla radio.**

Tigers Jaw, del 2008, è il secondo disco dei Tigers Jaw. Nel loro esordio (Belongs to the Dead, 2006) i nostri avevano prodotto del rispettabile lo-fi senza però aver trovato la loro strada. Due anni dopo, dimostrarono di aver trovato la strada e di averla imboccata alla grande. Cosa ne consegue?

Tanta voglia di spaccare: passatemi il termine, vi prego, ma questo è il suono che fanno dei diciottenni hanno appena scoperto di avere talento e se ne fregano di vivere in un'epoca in cui la parola "emo" faceva venire in mente i ragazzini con le frange colorate e le magliette dei My Chemical Romance e i mattacchioni che stanno su internet non aveva ancora iniziato a fare i meme sugli American Football.

Meraviglie di un'altra epoca. Adesso gli adolescenti da quello che so ascoltano poco emo, però si tingono di meno i capelli di colori buffi. In compenso adesso si tingono i trentenni che caricano in rete filmati di venti minuti in cui aprono le scatole dei pupazzetti del trono di spade e mostrano cosa c'è dentro. Io nel decennio scorso non ero emo, anzi la cosa più vicina al punk che ascoltavo credo fossero i Municipal Waste. Però tra un po' inizio a tagliarmi.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

lector
lector
Opera:
Recensione:
Cosa c'è su quella pizza? Mastice?


Chainsaw: Sono americani, quindi direi che poteva andare mooolto peggio
JonatanCoe
JonatanCoe
Opera:
Recensione:
Gira che ti rigira stò emo torna sempre. Ascolto, non si sa mai.


kloo
kloo
Opera:
Recensione:
Tigers jaw tra i migliori certamente. Ci mancavi umb.


Chainsaw: Grazie zio, ultimamente leggo poco e commento ancora meno ma torno sempre
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Molto bella. D'accordissimo sulla definizione di indie e sull' elogiare la copertina. Peccato che il video collegato non sia disponibile. Li ascolterò.


Chainsaw: Troppo buono. Se vuoi ho messo il link a bandcamp. O meglio ancora 02 Tigers Jaw - Plane Vs Tank Vs Submarine
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
mai ascoltati o.o


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Tigers Jaw è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link