Tom Waits
Nighthawks at the Diner

()

Voto:

"Nighthawks at the Diner" è un disco registrato in un locale dal vivo nel luglio del 1975. È un album ridanciano, alcolico e fumoso.

Questo disco può essere interpretato come un tributo agli albori della carriera di Waits. Prima di diventare un affermato musicista il nostro Tom era il lavapiatti di un diner (ristorante o meglio bettola metropolitana). Al termine del suo lavoro verso l'orario di chiusura si piazzava al piano del locale, dove raccontava storie cantate, divertenti e tristi, accompagnandosi strimpellando con il piano. I nottambuli che gli si siedevano attorno ad ascoltarlo erano ogni sera più numerosi.

Dopo avere inciso due album di studio veri e propri "Closing Time" del '73 e "The Heart of Saturday Night" '74, Waits sembra essersi 'riseduto' al piano di quella bettola, e abbia ricominciato a narrare storie accompagnate da un sottofondo jazz. Quasi ogni canzone è preceduta da una traccia di introduzione, dove Tom racconta come nasce la canzone, spesso inserendovi spunti comici (in sottofondo spesso si sente il pubblico che si sganascia), tanto che potrei definirlo un album dicabaret-jazz. La voce di Tom in questo live, bassa e rauca, con una cadenza propria di chi ne ha bevuti due di troppo, si sposa grandiosamente con il sound-jazz-blues dell'album. Dopo pochi secondi di ascolto appare chiara all'ascoltatore la visione dell'artista barcollante sul seggiolino del piano, con tanto di sigaretta in bocca e boccali di birra davanti agli occhi. Una delle tracce più divertenti e belle è "Better Off Without a Wife", dove Tom enuncia ironicamente i 'vantaggi' dell'essere single: ululare nelle notti di luna piena, dormire fino a mezzogiorno, andare a pesca senza chiedere il permesso, nn dovere uscire con donne sposate talmente tante volte che hanno i segni dei chicchi di riso sul viso... la canzone termina però con una marcia nuziale. Nell'introduzione di "Putnam County" Tom offre la birra agli spettatori del concerto, dicendo che possono servirsi liberamente senza pagare, poi aggiunge che tanto qualcuno del bar li fermerà all'uscita con il conto.

Le migliori: "On a Foggy Night", "Eggs and Sausage", lo splendido slow-jazz di "Warm Beer and Cold Women", "Nobody" e "Big Joe and Phantom 309" con Waits impegnato alla chitarra.

Consigli per un ascolto ottimale dell'album:
- farsi scaricare dal rispettivo partner, poco prima dell'ascolto...
- bere due wiskey lisci prima dell'inizio, poi continuare sorseggiando due pinte di chiara doppio
  malto durante i '73 min del concerto...
- tabacco a volontà in modo da rendere nebbioso il luogo dell'ascolto...

So che Tom approverebbe a pieno questi consigli.

In conclusione un album coinvolgente splendido e unico nel suo genere, la miglior colonna sonora di ogni sbronza. "Is time to get down to drinkin' and tell the band to play the blues..."

Questa DeRecensione di Nighthawks at the Diner è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/tom-waits/nighthawks-at-the-diner/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Quindici)

N.I.B.II.O
Opera: | Recensione: |
La recensione mi piace , ma il disco non molto lo trovo un po troppo monotono , a parte che per poter apprezzare a pieno questo artista bisognerebbe conoscere bene l inglese.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

The Punisher
Opera: | Recensione: |
...anche conoscere bene il whiskey sarebbe fondamentale...
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Mauri
Opera: | Recensione: |
....Bello bello bello e pure la rece è bella bella bella
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Burns
Opera: | Recensione: |
mi piace di piu the heart od saturday night, ma come si puo parlare male anche di un
solo disco della cinquina whiskeiana da J&B da piano bar dei 70 di waits, non si puo parlare male e quindi 4
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

whiskeybar
Opera: | Recensione: |
Bella rece, hai descritto bene l'idea che ho anche io del primo Waits...il migliore però rimane Blue Valentines
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

DanteCruciani
Opera: | Recensione: |
grosso! bella recensione.......il mio preferito di waits è rain dogs
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

chicolini
Opera: | Recensione: |
Tom Waits è un grandissimo... questo disco non lo conosco ma rimedierò!
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

AMALTEO
Opera: | Recensione: |
Molto belle le recensioni "al servizio" dell'ascoltatore. Quelle che danno vita al disco.
Andrò a ri-ascoltare Nighthawks at the Diner con più gusto ed attenzione
E darò il punteggio al disco dopo il riascolto. Mentre la rec. è 5
Grazie
Paolo Ferrario/Amalteo
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Mr. Green Genes
Opera: | Recensione: |
GRANDE DISCO DI TOM
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Anonimo
Opera: | Recensione: |
NON CREDO CHE ADESSO COME ADESSO WAITS APPROVEREBBE I TUOI CONSIGLI FINALI PAOLO, COMUNQUE BELLA RECENSIONE.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Hal
Hal
Opera: | Recensione: |
sì è vero bella recensione, ma ormai tom è diventato un salutista, non beve e non fuma da anni bye :)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

primiballi
Opera: | Recensione: |
rece, bella, ma il TW del prima - Small Change per me è inferiore a tutto il successivo
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

shooting star
shooting star Divèrs
Opera: | Recensione: |
i consigli per ascoltare l'album valgono già il 5 in sè. Grande Waits
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Il disco che presenta il lato del Tom Waits grande intrattenitore da palcoscenico. In questo primo live (con solo pezzi inediti) in cui scherza col pubblico, si lancia in siparietti ironici e spassosi, cazzeggia e quando c'è da cantare lo fa da dio. Un lato che diventerà sempre più ovvio fino ad esplodere col teatro di Frank's Wild Years e il film-concerto di "Big Time" a fine '80. Disco che chiude anche il periodo più impregnato di Jazz aperto col precedente The Heart of Saturday Night. Gran spettacolone 'sto disco.
BËL ( 01 )
BRÜ ( 00 )

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Bravo. Il Tom Tom Waits Club.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: