Sto caricando...

Tsugumi Ōba
Death Note

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Gli Shinigami sono gli dei della morte.

Non vivono sul pianeta Terra, vivono sul loro pianeta, dove sia non è dato sapere.

Gli Shinigami sono praticamente immortali e si annoiano.

Sono affascinati dagli umani. Per questo un giorno uno di loro, Ryuk, decide di lasciar cadere sulla terra un Death Note, un quaderno della morte.

Se scrivi sul death note il nome ed il cognome di una persona avendo presente anche il volto di essa, questa persona muore.

Il quaderno di Ryuk viene trovato da Light Yagami, studente modello in Giappone, anzi è il miglior studente del Giappone…

Death Note è un anime tratto da un Manga (2007-2008) tra i più amati in assoluto in Giappone.

L’anime consta di 37 episodi da 20min ca. ciascuno.

Che dire, me l’hanno suggerito e l’ho visto su Netflix.

Bellissimo, niente da dire.

Dai disegni ai colori, dai personaggi alla storia, tutto coinvolge e ammalia, diverte e stupisce. Ci sono tutti gli ingredeinti tipici di un anime giapponese.

La storia, nel più tipico stile levantino, ingrossa e si complica sempre più ma non straborda come talvolta accade. Riesce, sebbene la premessa sia sovrannaturale, a mantenersi su binari di plausibilità e coerenza.

Light man mano che scrive sul quaderno, man mano che uccide la gente semplicemente scrivendo il loro nome sul quaderno appunto, diventa sempre più consapevole del suo potere e bisogna fermarlo ad ogni costo ma come?

Sarà un certo L a mettersi sulla sua strada e la loro sfida sarà leggendaria.

Ci sarebbe molto da dire ma non è il mio campo, non sono un appassionato dei manga e degli anime ma questo Death Note è superlativo e resta impresso per sempre.

Imperdibile.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quindici)

joe strummer
joe strummer
Opera:
Recensione:
Ho tutti gli albi. Meravigliosamente cervellotico a tratti. E la sigla metal?


JOHNDOE: bella
ma preferisco la sigla precedente che ogni tanto ancora mi passa per la capa
JOHNDOE: Consigliami qualche Anime che è su Netflix! A me han detto di vedere Attack of the Titans
joe strummer: ora stanno mettendo i film Ghibli un po' alla volta, hai visto?
JOHNDOE: No, non ho notato. cmq mio nipote mi ha scaricato una app si chiama VEEZIE dentro c'è di tutto... è un po' una scocciatura per via dei banner ecc ma poi bene o male lo vedi (tremila film una cosa assurda, anche film d'autore tipo VIAGGIO A TOKYO o PERSONA di Bergmann)
Raskolnikov1789
Opera:
Recensione:
Conservo bei ricordi, insieme a Psycho Pass (stagione 1), uno dei miei anime preferiti, anche se a dirla tutta non sono un grande appassionato!


proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
la recensione è poco più di un elenco di elementi della trama


JOHNDOE: è una segnalazione non una recensione
proggen_ait94: ah devo aver sbagliato sito sorry
IlConte: Ahahahahahahah
musicanidi
musicanidi
Opera:
Recensione:
Pare bello ma no tengo netflix...


Mojoman
Mojoman
Opera:
Recensione:
Ho visto il film da poco...niente di esaltante ma ci passa


NeKro: Il film è una cagata di rara bruttezza. Il manga è molto bello e l'anime pure.
Mojoman: Si ...e' una cagata pazzesca in effetti
Martello: Il film mi ha fatto rimpiangere la Corazzata Kotiomkin
Vituperio
Vituperio
Opera:
Recensione:
Ho il Manga nell'edizione Black Edition anche se mi manca un volume, ne ho letti solo due. il primo è veramente bello, la storia è molto originale purtroppo già dal secondo la trama incomincia un po' ad accartocciarsi su se stessa accompagnata da situazioni assurde e poco credibili. Dell'Anime ho visto qualche episodio su MTV e mi piacquero, molto fedeli al Manga.


Onirico
Onirico
Opera:
Recensione:
Bello ma, come spesso mi accade per gli anime, non mi ha fatto impazzire come è disegnato...


Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Meno male non ce l'ho io quel "block notes", mi si è anchilosata la mano al solo pensarci...


Onirico: ...per tua fortuna, altrimenti ti trasformeresti in un mostro, come il protagonista ;)
Caspasian: 👹☠️🧟💩
macaco: O magari ci salverebbe dalla quarta guerra momdiale.
Farnaby
Farnaby
Opera:
Recensione:
Non amo particolarmente gli anime ma "Death Note" (consigliatomi e visto con mio figlio) è super.


Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
Non impazzisco più per fumetti, manga ecc. (porno compresi ça va sans dire) come impazzivo almeno fino ai quindici anni o giù di lì, per cui difficilmente mi farò catturare da quest'opera che da quel che leggo sembra appassionante a coloro che ne subiscono il fascino, però se capiterà che passi sui miei schermi magari ci butto un'occhiata anche solo per il fatto d'averne letta l'interessante ehm, "segnalazione".

Una cosa sola volevo aggiungere (siccome che le parole mi piacciono e cerco sempre di capire quelle nuove quando mi capitano a tiro), riguardante lo "stile levantino" (ecco non te l'avere a male eh...), siccome anni fa lessi un bellissimo libro anzi una trilogia di Álvaro Mutis su "Maqroll il Gabbiere" ed il suo amico "Abdul Bashur" dove per farla breve "levantino" veniva riferito a chi era mediorientale ovvero arabo-musulmano/asiatico, più che proveniente dal "sol levante" cioè diciamo giapponese/asiatico come nel manga in oggetto e gnente... tanto pe' dì!


JOHNDOE: Lo sai che De Andrè amava molto Alvaro Mutis e che scrisse Anime Salve ma soprattutto un brano di Anime Salve ovvero Smisurata Preghiera ispirandosi alla saga di Maqroll il Gabbiere?
Poi Mutis e De Andrè si conobbero e Mutis fu particolarmente colpito proprio dal testo di Smisurata Preghiera e gli disse "ma come hai fatto?" De Andrè rispose "non lo so mi è venuta" "fattela venire un po' più spesso rispose Mutis.
Levantino si può dire in entrambi i modi.
Stanlio: Sì ero a conoscenza dell'amore che nutrivano l'uno per l'altro, per pura coincidenza ho anch'io qualcosa che mi ehm, "accomuna", in questo caso è la data della dipartita definitiva del bravo scrittore e poeta Álvaro Mutis Jaramillo che coincide col mio onomastico...
Motoko
Motoko
Opera:
Recensione:
L'ho visto più di 10 anni fa... più che un ricordo vero&proprio è ormai una sensazione residua. Alcune parti ricordo di averle trovate pesanti/banali/evitabili ma nel complesso un buon anime, non il top per me tra i tanti guardati in quel triste periodo di disoccupazione... Ha già fatto notare qualcuno che quel tipo di stile di disegno non fa impazzire, neanche paragonabile a me , al mio "Ghost in the Shell", per intenderci.
Resto insuperabile , come il tonno.


Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Visto in dvd con mia figlia per accertarmi non vedesse robaccia... Non mi è dispiaciuto. Hai fatto bene a non anticipare niente ma avrei messo giusto un cenno al lavoro dei detective Vs. Light, minuzie cervellotiche per incastrare/scagionare e analisi delle prove, nonché al senso di delirante onnipotenza/disputa morale dell'uso del potere del death note.


JOHNDOE: no ma la "rece" lascia molto a desiderare lo so
forse è che sto periodo mi sto facendo troppe canne e quindi sono particolarmente pigro e sciatto XD
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Non so di cosa parlate ma voi conoscete roba a pacchi, madooooooooo


Farnaby: Se non c'era mio figlio passava e via...
IlConte: Pure di giapponese non so nulla... ed è tutto molto bello!
Martello
Martello
Opera:
Recensione:
E ora me lo devo rivedere. COME HO FATTO A VIVERE SENZA!!!!!


Davik
Davik
Opera:
Recensione:
Ogni tanto mi ricapita di vedere qualche spezzone di qualche puntata. è un buon manga/anime ma non il l'Araba Fenice che all'epoca tanto decantavamo né uno dei 10 manga più belli di sempre; già al'epoca mi venne a noia la seconda parte, troppo lenta è pesante e la terza (...quella dopo la morte di L) l'odiai in maniera viscerale (...compreso il finale).


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Death Note è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link