Sto caricando...

Acid Mothers Temple & The Melting Paraiso U.F.O.
La nòvia

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Al diavolo il Cristianesimo e la sua dottrina. Al diavolo la sua fronte impassibile, le sue palpebre chiuse, il suo volto severo incipriato di piombo. Al diavolo per tutte le ragioni possibili. Per la separazione rigorosa tra il Cielo e la Terra, per i suoi miti fiacchi e decomposti, per i suoi divieti puerili e vigliacchi.

Ficcati fino al collo nel delirio della Creazione e prodotti di quel Soffio che dal Caos primigenio ha plasmato e stabilito le Energie gli esseri umani hanno bisogno di altro.

Ci vogliono tradizioni per cui il Cielo non sia più un mito, ma semplicemente un altro piano di realtà che comunica incessantemente con la Terra; ci vogliono riti che tendano le corde del corpo fino all'estremo limite di una spiritualità violenta; ci vuole la Conoscenza e i veicoli per ottenerla, officianti dalla volontà implacabile e templi dall'architettura oscena.

Molti, moltissimi, incalcolabili sono i rituali celebrati dal sacerdozio strafatto di Kawabata nel Tempio delle Madri Acide e anche se alcuni tendono ad una sterile idolatria di effigi ormai svuotate di senso, bisogna riconoscere che quando il nostro centra la giusta miscela di LSD e allucinogeni assortiti beh... Il risultato ha un che dell'energia brada, orgiastica, genesiaca, rabdomantica di una cerimonia pagana.

"La Nòvia" è un unico pezzo di quaranta minuti. Una cavalcata corrosiva, stordente, distorsiva e sfrigolante di (iper)acid-(ultra)psych-rock che ricerca senza sosta squarci oltremondani attraverso colate laviche densissime e stratificate.

Kawabata officia da par suo: spasmi elettrici di un chitarrismo dionisiaco che si avvitano e si raggrumano sulla ritmica come l'oro fuso che incrostava i colonnati dei templi persiani; progressioni incalzanti, loops mediorientali e sbafi dissonanti che saturano l'aria con umori acri, carnali e spermatici come le aspersioni d'incenso concentrato e le annesse orgie rituali del culto del dio Sole nell'antica Emesa.

E poi quel riff sistematico che scava, scortica e rigira tutta la profondità del sound fino al più piccolo dettaglio. Un riff sbavato, rallentato, vomitato, variato, estremizzato; un riff quasi da epopea Western a cui ogni isterismo elettronico, incedere di tabla, voce alienata o linea di flauto risponde con la precisione occulta delle viscere d'avvoltoio interrogate dai Sacrificatori Sacri.

C'è una specie di carnalità celeste e una specie di astrazione fisica: un immolare il proprio corpo per fini metafisici come gli eunuchi che gettavano nel Braciere Rituale il loro cazzo amputato di fresco e una ricerca spasmodica di dare una forma compiuta a idee smozzicate, tormentose e ossessive come il blaterare convulso degli Oracoli intossicati dall'oppio e dal culto.

"La Nòvia" è un rito pagano che stritolando la Materia cerca di entrare in contatto con gli dèi, un disco torbido e limaccioso come il sangue mestruale che le Vestali della Fenicia bevevano secondo il rito della Luna.

Incalzante come la prima metà di "Phallus Dei" e debordante come "Yeti" tutto (intendo le title-tracks) è il miglior disco dei Düül non composto dai Düül.

E arrivati al glissando acustico degli ultimi minuti ci si sente finalmente svuotati. Svuotati dal non-necessario, dalla sporcizia, dalla malattia. Svuotati come un ascesso a cui abbiano spremuto il pus.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiTre)

lector
lector
Opera:
Recensione:
Sei tornato, brutto lazzarone!
E sei in forma, perdìo! Affabulatorio e mattatore come non mai.
Abbiamo bisogno di ritualità, è proprio vero.
I giallini, qui, mi hanno sempre dato l'impressione di un pastone troppo carico di ingredienti. Ma proverò anche questo.
Tu, però, non farci stare più in pensiero. Questo sito non è un albergo!
Lazzarone!


CosmicJocker: Oh la peppa!! Va bene va bene, la reprimenda la prendo e la porto a casa..
I giallini quì hanno, è vero, il difetto che dici, ma alcuni dischi sono particolarmente riusciti per me..
Poi ovvio, non conosco ogni cosa della loro ipertrofica discografia (ma neppure loro la conoscono tutta)..
Ermes
Ermes
Opera:
Recensione:
Bentornato, la sua penna scorre sempre meravigliosamente; lettura "corrosiva, stordente, distorsiva e sfrigolante"!
Il buon vecchio R. sotto altre spoglie


CosmicJocker: Beh dai, nel cambio ci hai guadagnato l'immortalità (mica robetta)..
Grazie mille e vado subito ad onorare cotanto Messaggero con il DeAmore..
Ermes: In estrema sintesi, esprime la mia approvazione per lo scherzetto giocato ad Argo panoptes! Troppi, troppi occhi..
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
La voglio anch'io la palandrana blù cobalto con intarsi dorati!


CosmicJocker: Ah, non ce l'ha ancora?? Lei mi sgomenta assai..
CosmicJocker: La palandrana blu con intarsi dorati.. E Lei non ce l'ha: e io che la credevo un vero UH(ssaro)..
sfascia carrozze: Poffarbacco!
Ora mi DeAutobanno per la vergogna!
lector: Bof! Io in palandrana blu con intarsi dorati ci vado a lavorare tutti i giorni!
lector: E pure a fare la spesa....
sfascia carrozze: La spesa durante le ore di lavoro, eh?
Come ogni buon dipendente pubblico che si rispetti, d'altronde.
TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
Il fatto che nòvia voglia dire "fidanzata" con la descrizione che ne fai non suggerisce nulla di buono... per lei.
Disco da sentire, di te mi fido a occhi (quasi) chiusi.


CosmicJocker: Cazzo è vero! Nòvia è fidanzata..! Chissà che associazione han fatto 'sti pazzi fulminati..
È un gran disco Tata: pesantissimo, sfiancante e tutto il resto... Ma se ti entra dentro.. Sappimi dire!
TataOgg: Speriamo non l'associazione che ha fatto tu: prolissa, "corrosiva, stordente, distorsiva e sfrigolante di (iper)acid-(ultra)psych-rock che ricerca senza sosta squarci oltremondani attraverso colate laviche densissime e stratificate"
Un tipetto niente male, proprio.
Una caramella di donna.
CosmicJocker: Ahahah! Uno zuccherino proprio..
hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
Impossibile star dietro alla produzione di questi qui ma questo l'ho ascoltato ed è anche fico. Ottimo per un fritto misto neuronale.


CosmicJocker: Condivido in toto.. E, come dicevo più su, scommetto che neanche loro si ricordano tutto ciò che han prodotto..
Questo è uno dei migliori, ma anche altri dischi mi sono piaciuti (il più è ricordarsi i titoli)..
Ildebrando
Ildebrando
Opera:
Recensione:
Che bella la parte introduttiva ante sceveramento del disco! Una riflessione ultra condivisa su quel vomito della religione!


CosmicJocker: Grazie Ilde.. Purtroppo (o per fortuna) io non ho mai vissuto un'esperienza davvero "inclusiva" attraverso i riti cristiani..
Rimango comunque affascinato da alcune prassi di religioni antiche.. Forse perché le ho solo lette e mai vissute..
tia
tia Presidénte onoràrio
Opera:
Recensione:
Bella!! Lo ascolto!


tia: Notai ora che non avevo espresso nei suoi confronti il fatidico De_love. Fatto
CosmicJocker: tia io sono convinto che 'sto disco ti piacerebbe assai.. Ma proprio assai!

Non ci amavamo?!? Pongo immediatamente rimedio anch'io..
ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
ho ascoltato solo qualche LP anche deludente ,ma la "Nòvia" è un album più che valido che vale l'ascolto in una bella padella psichedelica.


CosmicJocker: Centro perfetto: forse (anzi, senza forse) hanno esagerato con la produzione di dischi (molti, troppi sono soprassedibili), ma quando sono in palla non c'è niente da dire, solo da ascoltare e farsi travolgere..
snes
snes
Opera:
Recensione:
bella recensione, loro mi stufarono più di un lustro fa.


CosmicJocker: Grazie nes.. Beh, ci sta: la logorrea può essere inibente..
Nico63
Nico63
Opera:
Recensione:
Per me non c'e' bisogno di riti e tanto meno di dei di qualsivoglia risma, ma il disco dev'esser bello.


CosmicJocker: Ottimo disco sì, certo: devi essere proprio in vena di viaggi ultra-acidi e ipertrofici..
Nico63: lo sto ascoltando, quasi alla fine, l'ultima parte no (qua mi ricorda alcune cose dei primissimi Pink Floyd, roba che trovi in qualche bootleg), ma per oltre la metà molto simile a "Phallus Dei". Certo fare 'ste cose trent'anni dopo quelle... del resto i tossici appartengono alla variegata galassia del conservatorismo.
snes: beh, quest'anno le registri meglio con dei suoni mille volte più efficaci. E se non lo fai stai sbagliando sport. non li ascolto da una vita ma mi sembra che le produzione degli AMT fossero parecchio buone.
CosmicJocker: In realtà sono d'accordo con entrambi.. Devono molto a Phallus dei, ma, come scrivevo, anche agli straripamenti di Yeti (soprattutto negli ultimi 10 minuti)..
Però per me non è un problema, il pezzo in sé è riuscitissimo e prodotto molto bene e la produzione del sound conta nel momento in cui ascolti un disco..
Tra l'altro mi pare che il salto di qualità a livello di produzione tra Yeti e Phallus Dei sia evidente..
Eneathedevil
Eneathedevil Divèrs
Opera:
Recensione:
Uhm, se mandi "al diavolo" il cristianesimo usando questo termine documentato della Vulgata, il preambolo va un po' in corto circuito! Forse in omaggio ai riti pagani avresti dovuto usare un più neutrale "es kòrakas", che nel greco antico ha lo stesso significato che "in malora", o più propriamente "ai corvi" se traiamo il senso letterale. Poi alzo il sopracciglio ancelottiano sul presunto rito degli eunuchi che gettavano i genitali nel braciere: da quale fonte l'hai tratto? Gli eunuchi storicamente venivano evirati in età puberale.

Agli AMT avevo già dato una chance anni fa sentendo questo e Have You Seen the Other Side of the Sky e non mi avevano convinto, ma ça va sans dire che 40 minuti ininterrotti di divagazioni psichedeliche sono troppi per le mie orecchie.


CosmicJocker: Diciamo che quel "al diavolo" era volutamente ironico (naturalmente tu che lo sei, il diavolo intendo, te la sei presa a male ;))

La faccenda degli eunuchi lo presa nella storia di Eliogabalo quando era re-sacerdote a Emesa: certo, la fonte è Artaud che la prende da uno storico latino poi nemico di Eliogabalo una volta divenuto imperatore.. Dunque, qualche inasattezza ci può essere.

Ma a me interessava rendere l'idea del sound degli AMT e dunque non mi sono fernato troppo a controllare le fonti(e a proposito: capisco che possano stracciare le palle)..
CosmicJocker: *l'ho presa dio mio!
Eneathedevil: Quale dio?
CosmicJocker: Dannato demonio!
Eneathedevil: Diamine! (Chiusura necessaria che mette d'accordo tutti, essendo crasi tra diabolus e dominus)
macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Per riunire il cielo e la terra ci servono gli alieni. E fatevi vedere!


CosmicJocker: Mi sa che gli alieni ci schifano un po' mac..
macaco: Invece credo sia il contrario..
Caspasian: Non so che stiano aspettando... Cincischiano ancora.
Falloppio
Falloppio
Opera:
Recensione:
Io amo Cosmic Joker!!!!!!!


lector: ZOZZONI!
La dovete finire di fare gli uomini sessuali!
Falloppio: Uomini (a)sessuali?
CosmicJocker: Lascialo perdere Fall.. È solo invidioso del nostro amore!
GullaryShulmann
GullaryShulmann
Opera:
Recensione:
Questo era tra i candidati alla mia prossima rece! Non valuto lo scritto perché non sono minimamente in grado


CosmicJocker: Beh ma puoi benissimo scriverla! Anzi.. Sarebbe interessante sapere cosa ci vedresti tu..
Credo comunque che alle volte, se proprio vogliamo valutare qualcosa, bisogna lasciarsi andare alle sensazioni più che al razionale..
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Ahahahahahahah


CosmicJocker: E ho anche parlato di figa!
Certo con tizie che mangiavano il proprio mestruo, ma son dettagli..
Caspasian: Lì il gioco si fa "duro".
aragnof
aragnof
Opera:
Recensione:
Ho ritrovato un'antica tavoletta sepolta nella mia memoria con inciso questo scritto:

<<Lentamente nella piana dei Ninive vengono mostrati al cielo i frutti magici della terra, poi ad un ordine degli Anunnaki schierati in cima alla collina spazzata dal vento e illuminata da un sole tiepido di inizio primavera vengono distribuiti ai reparti schierati giù nella piana; ogni combattente un fungo... fino all'ultimo uomo.
Sulla cima della Ziggurat le donne cantano liberano al cielo le loro nenie growl roteando lentamente come nuvole di sabbia fino alla sfinimento, fino all'urlo finale liberatorio.
Un vento infetto e putrido da ovest accompagna l'apparire del primo Kavod di fuoco nel cielo, gli Elohim pretendono la loro gloria mentre i tamburi Anunnaki di morte dettano i tempi dell'immane carneficina laggiù a terra, un lago di sangue lambisce le porte di Ninive e Persepoli, ma la gloria degli dei non è ancora compiuta, il sangue versato non è ancora sufficiente...
E allora il sole si fece nero, la luna rossa di sangue, le stelle si abbatterono sulla terra e il grande fungo salì alto, immenso, mostruoso, maestoso nel cielo a segnare la fine dei tempi...>>


CosmicJocker: Minchia! Cinque stelle senza se e senza ma..
aragnof: sa va san dir....
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
very cool! Lo provo


CosmicJocker: Very grazie... Prova che il disco è proprio fiko..
MikiNigagi
MikiNigagi
Opera:
Recensione:
Spasmi elettrici di un chitarrismo dionisiaco
Il senso del possesso che fu prealessandrino


CosmicJocker: Tutto molto centrato..
Cervovolante
Cervovolante
Opera:
Recensione:
Troppo dispersivi consigliami qualche disco imprescindibile


CosmicJocker: Ti direi questo.. E se questo non ti spinge a provare altro, allora forse è meglio che passi oltre..
Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Sperma sangue mestruo pus...
Prosit! Appena ho un momento me la gusto 'sta libagione.


CosmicJocker: Vedrai che è un bel tracannare..
Sullenboy
Sullenboy
Opera:
Recensione:
Non so se é roba per me, ma recensione é bel.


CosmicJocker: C'è solo un modo per scoprirlo.. Thanks..
Martello
Martello
Opera:
Recensione:
Beaver Island è la più grande isola del Lago Michigan e parte dell'arcipelago di Beaver Island, negli Stati Uniti d'America.

Beaver Island è un'isola di circa 20 chilometri per 10 (145 km²), parte della contea di Charlevoix, nello Stato del Michigan. Viene chiamata anche "L'isola di smeraldo d'America" in riferimento alla discendenza irlandese di buona parte dei residenti.

Secondo i dati del U.S. census l'isola ha una popolazione permanente di 551 abitanti.

L'isola è divisa amministrativamente in due territori, la St. James Township a nord e la Peanie Township a sud. Nella parte nord si trova il porto di St. James Harbor.

Si tratta di un'isola perlopiù pianeggiante, boscosa, con spiagge sabbiose e insenature. Isola lacustre, a sua volta ospita svariati piccoli laghi, il maggiore dei quali è il Lake Geneserath.

Nei mesi estivi è meta di turismo (pesca, canoa). È collegata alla terraferma con un traghetto per Charlevoix. Sull'isola si trovano anche due piccoli aeroporti (uno pubblico e l'altro privato).


CosmicJocker: Ma dai!! Io sono nato proprio lì!
CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
Grazie anche a @[Ditta] @[123 asterisco] e @[macmaranza] per l'endorsement...


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di La nòvia è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link