Aerial M
Aerial M

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Dave Pajo è stato uno dei musicisti più influenti ed attivi degli anni ’90: basti dire che è stato uno dei membri fondatori dei rivoluzionari Slint e che ha collaborato negli anni con diversi gruppi del circuito indipendente. Band del calibro di Tortoise e For Carnation, tanto per citarne un paio.

Aerial M è lo pseudonimo che Pajo ha usato in quest’occasione per dare alla luce uno dei suoi innumerevoli progetti da solista.

Un disco intimo e scarno (nonostante nei crediti siano citati circa una decina di collaboratori) dove la tecnica chitarristica minimale e pigra di Pajo permea tutto il lavoro. I pezzi sembrano intessuti con l’aria e ci portano senza fretta in una dimensione introspettiva caratterizzata da un forte grado di consapevolezza.

L’iniziale “Dazed and Awake” , dove si fanno strada svolazzi di un organo liquido che saltella e si insinua tra gli arpeggi di chitarra, è forse la più melodiosa del lotto (seppur di una melodia minimalista). Si prosegue poi con l’andamento indolente e svogliato di “AASS” per arrivare a quella che pare una calmierante filastrocca ripetuta in loop: “Wedding Song no.2”.

Gli accordi sgranati della brevissima “Rachmaninoff” fungono da intro per “Skrag Theme” dove ci avvolge un senso di plumbea incombenza, ma un’incombenza che tende a disattendersi e che viene troncata improvvisamente.

Compassion for M” inizia con una struttura elettronica che sembra quasi il timer di quella “macchina della memoria” che è il resto del pezzo, dove fanno capolino vorticosi frammenti di un flashback vago e continuo.

L’album si chiude con la deliziosa “Always farewell”, dove alla fine facciamo nostro un piccolo, ma brillante e lucido momento di illuminazione.

Un disco dal minutaggio davvero ridotto (poco più di 30minuti), ma che è nella sua essenza, un gioiellino effimero e prezioso.

Questa DeRecensione di Aerial M è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/aerial-m/aerial-m/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

gate
gate Divèrs
Opera: | Recensione: |
Non è roba per me, ma buon esordio...

Buzzin' Fly
Opera: | Recensione: |
Ma non era morto qualche mese fa ? Se non sbaglio la sigla Aerial M era già stata usata ? Lo voglio sentire, ultimamente mi sto riavvicinando a simili sonorità , poi il breve minutaggio se c'è la sostanza , per quel che mi riguarda è un gran pregio.

CosmicJocker: Pajo è ancora vivo che io sappia.. Questo è un disco del '97 e la sigla Aerial M l'ha usata per la prima volta in questa occasione. Ha poi pubblicato anche altri dischi con la sigla Papa M. Sono d'accordo sulla tua considerazione a proposito del minutaggio
Buzzin' Fly
Opera: | Recensione: |
Ma non è una novità ! Avevo ragione che la sigla non mi era nuova, credo di avere anche il cd da qualche parte.

CosmicJocker: Infatti! errore mio
fuggitivo
Opera: | Recensione: |
Devo recuperarlo insieme ai primi due EP dei For Carnation. @Buzzin' Fly: ha provato a suicidarsi recentemente, ma è ancora vivo.

CosmicJocker: Se può interessarti primi due EP dei For Carnation li hanno accorpati nel disco "Promised Works"
fuggitivo: :-) infatti è quello che ho puntato, per ora ho solo il primo in cd.
tia
tia
Opera: | Recensione: |
Questo lo devo cercare. Ho da qualche parte gli mp3 con lo pseudonimo Papa M..ma di questo nisba! Cercherò perchè sono sicuro mi piacerà! Buona rece!

Buzzin' Fly
Opera: | Recensione: |
recuperato fra le mie cataste di cd, scaricati e sentiti poco ( gran brutta malattia ). In buon lavoro, merita un recupero d'ascolti. Buona riproposta.

Festwca
Festwca Divèrs
Opera: | Recensione: |
Per me il meglio sono Live From a Shark Cage e Whatever Mortal, in ogni caso Pajo anni 90 è tutto ottimo e therealramona credo che confermerà

therealramona
Opera: | Recensione: |
Confermo in ritardissimo, ma ti faccio notare che gli AudioTour (da me brillantemente recensiti) sono anni 2000.

Festwca: E' vero, tra l'altro anche Whatever Mortal...

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: