Antonio Riccardo Luciani
April Orchestra Présente Rca Sound Vol. 9

()

Voto:

Nel corso degli anni '70 la RCA ha rilasciato una serie di antologie dedicate ai maggiori autori di colonne sonore e sonorizzazioni, specie del ricco panorama italiano e francese.

Il nono volume ci regala un approfondimento su Antonio Riccardo Luciani, uno dei musicisti più colti del suo periodo. Si tratta di una serie di brani di musica rinascimentale e medioevale, suonati con strumenti dell'epoca e composti tutti dal Maestro Luciani.

Cosa salta agli occhi in questa curiosa compilazione? Sempre in tema di recupero della cultura musicale e televisiva del secondo '900, vorrei riportare alla memoria dei lettori di questa recensione una produzione RAI, trasmessa a cavallo tra glia nni '70 e gli '80: L'Almanacco del giorno dopo.

Ricordate quella bellissima sigla, dove le figure delle stagioni giravano in maniera artigianale accompagnate da un sottofondo musicale? Beh, quel sottofondo musicale è stato composto dal Maestro Luciani, il suo titolo è Chanson Balladee e si trova proprio all'interno di questa antologia RCA.

Il resto di questo lavoro è sulla falsariga del brano citato, tra flauti, cimbali e balli di corte.

Questa DeRecensione di April Orchestra Présente Rca Sound Vol. 9 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/antonio-riccardo-luciani/april-orchestra-presente-rca-sound-vol-9/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
non sapevo, mi sono permesso di aggiungere il link par avere idea di cosa parli
BËL (01)
BRÜ (00)

nix
nix
Opera: | Recensione: |
a costo di ripetermi, trovo realmente fantastico il tuo progetto di ripescare colonne sonore e raccolte per sonorizzazione degli anni '70, spesso contenenti piccoli brani entrati nell'immaginario collettivo degli italiani per aver fatto da sigla domenice sportive o strisce quotidiane di quegli anni.
Il motivetto dell'Almanacco del Giorno Dopo mi mancava.
Molti di questi artisti sono stati sottovalutati e sono rimasti immeritatamente nell'ombra per non aver inciso dischi di successo commerciale. Magari hanno scritto cose interessantissime rimaste sconosciute ai più e poi hanno campato per anni per cinquanta secondi di un loro pezzo finito ad accompagnare un segnale orario.
Operazioni del genere sono culturalmente interessantissime e finiscono per valorizzare notevolmente Debaser.
Grandissimi complimenti!
BËL (01)
BRÜ (00)

MauriceHaylett: Caro Nix, ti ringrazio per l'apprezzamento e per le tue considerazioni, sempre molto acute.
nix
nix
Opera: | Recensione: |
sono apprezzamenti meritati.
Mi permetto di "uscire dal seminato" per un attimo e riprendere il discorso della nostalgia scatenata dalle colonne sonore.
Mi capitato qualche volta di risentire una vecchissima canzone di Lucio Dalla intitolata "Fumetto". La canzone è caruccia, niente di che, eppure tutte le volte che la ascoltavo mi prendeva sempre un misterioso scatto di allegria. Ho scavato nella mia memoria, anche aiutato da wikipedia, e ho scoperto che "Fumetto" era la sigla di apertura di un programma di cartoni animati della Rai trasmesso tra il1970 e il 1973, intitolato con poca fantasia, "Gli eroi di cartone".
Ecco spiegato il lampo di emozione. Avevo sei anni e quando sentivo quella canzone si preannunciava l'arrivo di Wile Coyote e Beep Beep e anche Charlie Brown. Scherzi della memoria e Potenza della Musica, che a volte si conficca nel cuore per tutta la vita.
Perdonatemi la divagazione.
BËL (00)
BRÜ (00)

lector
Opera: | Recensione: |
Manda ne abbomba!
BËL (00)
BRÜ (00)

lector: Mandane (correttore di merda!)
IlConte
Opera: | Recensione: |
Quanto sono ignorante...
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: