Asia Argento
Ingannevole è il cuore più di ogni cosa

()

Voto:

Ingannevole è il cuore più di ogni altra cosa. E’ il titolo, tradotto in italiano, del secondo film diretto da Asia Argento, tratto da un romanzo autobiografico di J.T. Leroy. Ambientato in un’ America dalle atmosfere underground e degradate dei film di Clark e Korine, ma anche di Van Sant (di cui la Argento era stata attrice in Last Days) la storia è quella di Jeremiah, un bambino che segue nei suoi spostamenti quella che è facilmente classificabile come la madre peggiore del mondo, almeno per quanto concerne la rappresentazione che ne fa il film. Sarah, interpretata dalla regista stessa, è una puttanella tossicodipendente cattiva e sadica nei confronti di un figlio che, prima dato in adozione, riesce a riprendersi e a trascinare con sé, a suon di amore malato (‘'sei solo mio, ‘'possiamo contare solo l’uno sull’altra’') e rabbia (‘' mi hai rovinato la vita, ‘'senza di te sarei diventata qualcuno’') nelle sue peregrinazioni fra un nuovo ragazzo di passaggio, un camion, un parcheggio e occasionalmente una casa, facendolo picchiare, deridendolo e denigrandolo, e, nel migliore dei casi, lasciandolo solo da qualche parte. Il road movie di madre scapestrata con pargolo al seguito è inframmezzato dalla permanenza, durata qualche anno, di Jeremiah in una specie di setta cristiana, il cui capo è il nonno stesso, di cui si traccia un profilo a metà fra il fanatismo religioso e la pedofilia, che delinea un rapporto di causa ed effetto fra l’educazione cristiana deviata ricevuta e i comportamenti di Sarah. A discapito delle violenze e delle dure condizioni di vita a cui è costretto a sottostare l’amore e l’affetto del bambino propenderanno verso la madre, , in un rapporto sempre più all’insegna della follia, ma in cui il legame di sangue assume una valenza sacrale e mistica che si risolve nell’unione, anche nella condizione più estrema, un’unione questa volta scelta e non obbligata.

Il rapporto fra educazione religiosa, droghe e squilibri mentali è un leit motiv ricorrente nel cinema (mi viene in mente Mysterious Skin di Gregg Araki) ma in ‘'Ingannevole è il cuore’' sembra un’estrema forzatura, un’esagerazione che lega l’aspetto road/underground a quello da horror di seconda categoria, con un’Asia Argento che da tossica figa diventa una pazza in preda a visioni apocalittiche che ricorda molto i personaggi, e la cinematografia, di Dario Argento. Il personaggio della madre giovane e problematica è anch’esso un tema ricorrente ma qui il personaggio di Sarah non suscita empatia o simpatia, e a volte fa involontariamente ridere per la sua esagerazione, che sembra quasi patetica, e non trova nelle vicende pregresse altro che una giustificazione troppo forzata. Punto di unione è certamente il legame madre-figlio, la figura della madre in tutta la sua potenza terribile e simbolica, fonte di amore e sofferenza, ma per cui l’amore vince sempre in virtù di quel legame ancestrale che è impossibile scindere. E’ per questo che la rappresentazione della figura materna è intensificata dai richiami mistico-religiosi, qui visti come una degenerazione di un’educazione cattolica sbagliata, che traslano sul piano religioso una figura di madre controversa (ma bisognerebbe chiedere alla regista di confermare o meno quest’interpretazione, o leggere il libro di Leroy per farsene un’idea più precisa).In un certo senso, una convergenza fra sacro e profano.

E’ interessante vedere il film alla luce del ‘personaggio’ reale Asia Argento, la cui immagine pubblica è una versione su scala minore, o forse semplicemente appartenente a un mondo diverso, di Sarah: è impossibile non pensare che ad Asia piaccia fare la parte della ‘'bella e dannata’', nella realtà e nella finzione, alimentando l’aura che si è creata intorno alla sua figura. Quest’ambivalenza trova una vena comica nel fatto che, nonostante questo, non sia brava a interpretare la versione caricaturata di se stessa: la sua recitazione, al di là dell’ immagine esterna del personaggio, che incarna alla perfezione, è a tratti grottesca, perché tende a spingere oltre i suoi limiti un personaggio già al limite, esagerandolo e facendolo scadere nel ridicolo, in un tentativo che si presta bene ad essere letto come autoreferenziale.

Un altro dei punti che condivide con il cinema underground a cui sembra essersi ispirata sono i cameo di personaggi dello spettacolo, ognuno dei quali interpreta un ruolo breve e marginale che accresce l’universo di facce e persone con cui i protagonisti hanno a che fare per poi buttarsi alle spalle e continuare il loro cammino. La colonna sonora, di Morgan e dei Sonic Youth, insieme a diversi riferimenti musicali, è un omaggio che il film tributa al mondo dell’industria musicale underground ma anche un impreziosimento stilistico – uno dei pochi che mi è piaciuto. E Jimmy Bennett è bravissimo.

Questa DeRecensione di Ingannevole è il cuore più di ogni cosa è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/asia-argento/ingannevole-e-il-cuore-piu-di-ogni-cosa/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Quindici)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Ricordo di averlo visto svariati anni fa.
Ma non ricordo gnente-di-nulla.
Neppure che fosse così scarso.
Forse il mio sistema (mono)neuronale l'ha volutamente (s)cancellato.
BËL (00)
BRÜ (00)

Stanlio
Opera: | Recensione: |
curiosando ho trovato che i nonni di Jeremiah sono interpretati nientepopòdimenochè da Ornella Muti & Peter Fonda e che Marilyn Manson (interprete di tale "Jackson") è doppiato da Morgan e niente, senonchè non credo che mi vedrò mai il film a meno che non incappi in esso nelle mie brevi e sporadiche incursioni televisive

p.s. quanto mi sta sui coglioni Aria Maria Vittoria Rossa "Asia" Argento...
BËL (00)
BRÜ (00)

666cosasei: ma di attori bravi ce ne sono tanti (ornella non rientra nel novero), a me piacciono molto le comparsate random stile road movie, tipo un Broken Flowers di Jarmusch in cui ognuno occupa un ruolo piccolo e prezioso; poi purtroppo il film l'ho visto in italiano, ho letto che il doppiaggio fa cahare
Stanlio: L'Ornella Muti l'ho vista in sei o sette films ma non m'è dispiaciuta in "Storie di ordinaria follia" di Marco Ferreri dell'81 tratto dai racconti omonimi di Charles Bukowski
ALFAMA: Asia Argento dovrebbe essere doppiata comunque perché ha un modo di parlare fastidioso
ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Credo di averlo visto in Tv anni fa e per carità. Anzi ho visto un altro su film dove faceva la parte dell'adolescente ribelle che la mollava a tutti che era anche peggio.
BËL (00)
BRÜ (00)

dsalva
Opera: | Recensione: |
non conosco il film, ma a disposizione di Asia per qualsiasi tipo di stupro!
BËL (00)
BRÜ (00)

Stanlio: sei sicuro?
non ci credo,
non puoi esser così grullo,
metti che lei per godere a modo suo piaccia guardarti mentre un paio dei suoi body guards ti stuprano ripetutamente...
dsalva: e vabbè, finita la poesia.....pensavo a robe più classiche!
spiritello_s: Ma quali bodigard é già tanto se incontra il suo agente...
Stanlio: Già, ma faccio un po' fatica ad immaginare il suo agente che si stuprazza il ns dsalva...
spiritello_s: Più verosimile che incarichi i suoi dobermann per assolvere la funzione..
dsalva: Ok ok come non detto.... Mi rivolgo a Ronaldo
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
sbadigli distanti un kilometro
BËL (00)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Quindi impercebili?
proggen_ait94: beh, si
Onirico
Opera: | Recensione: |
"Ingannevole è la tr...a più di ogni altra cosa". Sopporto a malapena il padre, ma la figlia è molto peggio. Tanto per cominciare è difficile capire che è femmina. Secondo me appartiene a una nuova categoria sessuale che viene da un altro pianeta per sodomizzare il mondo prima di distruggerlo. Poi tutti questi rumori sugli stupri mi hanno maldisposto. Inclusa nella mia lista di "persone che dovrebbero sparire".
BËL (01)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Perdincinbacco!
Stanlio: Perbaccodinci!
spiritello_s: E son pensieri profondi codesti....ma a volte vengono su prepotenti perchè qualcosa li scatena violentemente...
Onirico: Magari stasera legge il mio commento e pensa che è il prezzo de successo. Non mi stupirebbe...
spiritello_s: Perché ha avuto successo? Ohibò!
Marco Orsi
Opera: | Recensione: |
Non guarderò mai un film di Asia Argento. Mai!
BËL (00)
BRÜ (00)

Stanlio
Opera: | Recensione: |
anch'io, Non guarderò mai un film di Asia Argento. Mai! (ehm, ammenochè illa non s'ispogli tutt'anuda...)
BËL (00)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: E se fosse deluso dalla Sua cruda-nudità lo guarderebbe ughualmente il resto del film non scrutato post-denudazione o passerebbe a Stanglioeoglio (ancorché vestiti)?
Stanlio: ma siamo scherzanti o cosa? mi guardebbi sempre in ogni caso io & Ollio ma difficilmente da quel poco che rimembro rimanerei DeL'uso dalle grazie Asiatesche specie senza veli o ancorchè senza peli...
teenagelobotomy
teenagelobotomy Divèrs
Opera: | Recensione: |
Zoccolona da marciapiede ma che si crede escort di lusso, slinguazzatrice di cane e attrice cagna, regista ancora peggio e personaggio abominevole. Meglio di così...
BËL (00)
BRÜ (03)

heartshapedbox: mamma mia che schifo.
dsalva: ah però, spinto mica poco!!
666cosasei: Ovviamente si deve scadere in considerazioni volgari, ottuse e superficiali :)
JURIX
JURIX Divèrs
Opera: | Recensione: |
Non vedo l'ora di guZtarmi sto capolavoro cinematographyco mentre sorseJJo l'acqua della Ferragni.
BËL (05)
BRÜ (00)

macaco: Ma fatti vivo piú spesso, barbone.
SilasLang
Opera: | Recensione: |
"Instant karma 's gonna get you..."
BËL (00)
BRÜ (00)

Hetzer
Opera: | Recensione: |
Se è tornata di moda pure su debaser, vuol dire che la sua patetica crociata sullo "stupro" di sesta mano 4.0 per il rilancio di una "carriera" da senza talento, sta avendo successo..
BËL (00)
BRÜ (00)

666cosasei: No, non c'entra nulla con questo. Ho trovato il film su Amazon Video e l'ho visto. Non vedo perché bisogna cercare di collegare la visione di un film, che è ciò di cui qui si parla, con tutta una serie di polemiche esterne legate all'autrice che con il film in sé non hanno nulla a che vedere. E' più cercando di infilarcela a forza che si da voce e risonanza alla polemica che parlando normalmente di un film e di una regista, che, al di là dei giudizi personali, ha fatto un lavoro che viene giudicato per quello che è.
Hetzer: Beh, il giudizio su Asia Argento non è che possa essere così articolato e profondo, oggettivamente.. Sai, da quando la sua incapacità e burinanza è tornata alla ribalta, tornano anche alla ribalta cessi come "Scarlet Dive", "New Rose Hotel" e altre "amenità".. Quindi il sospetto di un "rewatch" (usiamo un termine del cazzo, giusto per restare in tema...) anche di questo capolavoro sull'onda mediatica del nuovo suc-cesso di Asia è fortiZZimo..
666cosasei: Allora, non so se il catalogo di Amazon Video sia stato dettato dalle suddette ragioni ma so per certo che io l'avrei visto anche se non ci fossero state ultimamente accuse di stupro, e questa è la polemica a cui mi riferisco, non quella sulle doti artistiche di Asia Argento, che tra l'altro non ho elogiato.
Hetzer: Tutta questa menata solo perchè ho messo una palla alla recensione invece che al fiRme, peraltro... XD
666cosasei: che non c'entra molto con la menata, peraltro
Hetzer: Mah...
lector
Opera: | Recensione: |
E pensare che il libro è straordinario, e pure la storia di J.T. Leroy (uno dei fakes più geniali del'900, magnificente presa per il culo dell'editoria e dello stardom americani, e non solo) è fantastica!
BËL (02)
BRÜ (00)

IlConte: Zio cane ma faccio ancora in tempo a sapere diciamo..... un quinto di quello che conosci tu...
Bastardo secchione ahahahahahahahah
lector: Ahahahahaah, bastardo secchione!! Bellissimo! Se lo sapessero i miei professori......
Nexis
Opera: | Recensione: |
Raramente ho letto una recensione meglio scritta ma che dimostra così scarsa comprensione. L'autore non sembra uno stupido, anzi argomenta bene i suoi giudizi, il problema è che sembrano tanto sbagliati questi quanto vuote le argomentazioni. Ad esempio il personaggio di Sarah non è mai "falso" o "sopra le righe" come qui si afferma, anzi, è davvero incredibile come l'altrimenti mediocre Asia sia riuscita magistralmente a trasmettere il senso di delirio della sua condizione, e il personaggio suo figlio il senso di esasperato attaccamento alla sopravvivenza ad ogni costo tipica dell'infanzia. Il film insomma lo trovo vero capolavoro, tra i pochi della cinematografia italiana recente.
Sono quindi in forte disaccordo con 666 (anche col suo nome, se devo dirla tutta), ai miei occhi classico esempio di persona che ha studiato troppo e compreso poco. Di certo però è meglio - non me ne vogliano - della maggioranza dei suoi commentatori: almeno lui sa argomentare! ;)
BËL (00)
BRÜ (00)

ALFAMA: No, io sono d'accordo con @[666cosasei] il personaggio della madre è così esasperato da sembrare una macchietta al limite del fastidioso. La trama non è male, ma è tutto sopra le righe, forse alla ricerca di creare la bassezza della situazione ma si esagera. Film visto anni fa potrei sbagliare ma capolavoro mi sembra molto esagerato e poi non prendiamoci in giro Asia Argento recita come un cane Su alcuni commenti sono d'accordo ma ognuno è libero di scrivere quello che pensa.
spiritello_s: Chiedo venia. Posso sopportare ogni facezia ma non l'arroganza...le sue considerazioni sullo studiare/argomentare sono tipiche di certi radical_? e sintomatiche di una vana e presunta superiorità intellettuale che quanto meno mai dimostrabile. Poi ci spieghi cosa la infastidisce del 666 sa cos'è? É superstizioso/bigotto per caso? Che vuol dire "non sembra uno stupido"?
666cosasei: Mi fa molto sorridere l''aver studiato troppo e compreso poco'', e farebbe sorridere anche Lei, signor/a Nexus, in particolare la prima parte, se mi conoscesse e sapesse quanti anni ho. Al di là di ciò non ho presunzione di comprendere, ma in generale credo che sia fuorviante parlare di comprensione, nel cinema e nelle altre arti, tuttalpiù di interpretazione; quello che esprimo è quello che io vedo, che è soggettivo e personale, e più o meno condivisibile. Saluti.
Nexis: Certamente 666, ci mancherebbe. Anche ciò che io vedo nella tua recensione è soggettivo e personale, oltre che quello che vedo in questi commenti. I quali ai miei occhi dimostrano la sostanziale incomprensione del film, che non parla (o lo fa marginalmente) del personaggio di Asia Argento e certamente non fa documentaristica, ovvero verisimiglianza. State guardando tutti il dito della "cagna" Asia ma nessuno ha visto la luna che ha indicato (parere personale, eh? prima che qualcuno pensi che mi erga a Morandini dei poveri ;)
666cosasei: Ma io ho scritto, cito, ''un tentativo che si presta bene ad essere letto come autoreferenziale'', nel senso che molti aspetti del personaggio interpretato rimandano all'immagine pubblica trasgressiva di Asia Argento che si è imposta nella cultura popolare; non ho detto che voglia parlare di se stessa, solo che i personaggi che interpreta, e questo in particolare, sono esagerati e trasgressivi. Tra l'altro questo è solo un paragrafo della mia poi non molto lunga recensione, non capisco perché tu ti sia soffermato soltanto su questo.
brrrk
Opera: | Recensione: |
Ah ah ah, divertente questa cosa! In effetti mi sembra che l'unico ad avere le idee chiare sia Nexis: il film è un capolavoro ai limiti del delirio che parla di stati psichici estremi. Amen, a ognuno il suo ;)
BËL (01)
BRÜ (01)

lector: Ma tu e Nexis siete i fondatori del fanclub dei Garage 29?
brrrk: ? non stavamo parlando di cinema? ho sbagliato pagina?
lector: Giusto una curiosità....
brrrk: Ma.... caro lector, abbi pazienza: per le tue curiosità personali esistono i messaggi privati. Scrivere pubblicamente un commento come il tuo suona tipo "ah, uno a cui piace un gruppo così schifoso non può giudicare", insomma un tentativo di delegittimazione tanto caro alla malafede intellettuale nazionale. Spero tu non ne abbia avuto intenzione, ma un commento pubblico simile in una discussione accesa (sebbene, spero, rispettosa) ha inevitabilmente un effetto davvero poco simpatico
lector: Gentile brrrk, non conosco i Garage 29, non ho - quindi - alcun motivo per giudicarli "un gruppo schifoso" né tantomeno ho motivo di considerare i loro fans incapaci di qualsivoglia capacità di giudizio critico. Mi limitavo a notare una "armonia d'amorosi sensi" tra due utenti che (per puro caso) hanno, ambedue, scritto su di un gruppo che, per quanto sicuramente valido, è - perlomeno - poco noto, in una discussione che a me non pare così accesa (ben altre ce ne sono state....) ma in cui si sono portate visioni discordanti.
Vedi la caccia al fake era, un tempo, uno sport divertente qui sul DeB, e fake ne nascevano anche solo per rivitalizzarla, alcuni erano così palesi che lo scherzo arrivava a livelli davvero divertenti
Qui mi era sembrato altrettanto palese, quasi manifesto, quasi dichiarato.
Da qui il mio intervento pubblico.
Se è uno scherzo,è divertente. Se non lo è e la cosa ti può essere sembrata, in qualche modo, offensiva non ho difficoltà a porti, pubblicamente, le mie scuse.
brrrk: Mah... invoco un mondo dove ad argomentazione si contrappone argomentazione, non delegittimazione truccata da crociata.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: