Sto caricando...

Asia Argento
Total Entropy

()

Voto:

- home@night_The Heart Is Deceitful Above All Things -
I play at night in your house, I live another life.
I change the time in your house, the hours I take go so slow.
I hear no sound in your house, silence in the empty rooms.
(The Cure)

TOTAL ENTROPY era il nome di una trasmissione radiofonica che Asia Argento conduceva per l'East Village Radio da stazioni ubicate dapprima sopra un ristorante e poi su un marciapiede della First Avenue a New York. Total Entropy è pure il titolo di questo disco presentato in esclusiva in un Sexodrome Party al Club Silencio di Parigi il 19 Maggio del 2013 e uscito il 29 dello stesso mese. Prodotto dalla francese NUUN RECORDS, la stessa casa discografica di Aspec(t) e Merzbow, è una compilation di collaborazioni in edizioni limitate e inediti. Beat Club, EBM, ATARI Music trilingue col Metodo Suzuki, cover photo pensata e realizzata da Jean-Baptiste Mondino, Onitsuka Tiger gialle e nere da indossare in un Night Club.

L'Argento ha sempre avuto a che fare con dj set e studi di registrazione. Partecipò a Royalize, progetto drum'n'bass di Aliosha dei Casino Royale, realizzò nel 2017 per i francesi Indochine La Vie Est Belle, videoclip crudo ed emotivo sul segmento terrestre (ed oltre) di un uomo che YouTube ha preferito censurare. Nascita, perdita, tradimento, felicità irrazionale, riding positions delle Amazzoni, Lilith, Andromaca, gloria, violenza, malattia, morte. Troppo per i contenuti espliciti che passano e che appartengono alla vita di tutti in modi che la gente tiene osceni. Non servono ai Like.

Attrice spesso inadeguata per non dire non all'altezza, dalla vocalità fastidiosa il più delle volte, che però, inaspettatamente e con l'effettistica giusta, rende bene nel canto perché in realtà sin dalle prime interviste giovanili sembra avere una bella voce da bimba cubista nonostante la dizione attoriale discutibile, e umanamente non sembrerebbe essere un becero film americano dove bene e male sono solo bianco e nero. Fragilità, intelligenza, una certa trasparenza, cultura off-limits, desideri di serenità, cose che spesso, passivamente e con malcelato livore ingiustificato, non le vengono riconosciute.
(Self) Misunderstanding mediatico come un acufene. Odori di traffico.
Ritmi che battono sul sistema nervoso di blockbuster e Starbucks.
Multinazionali Daihatsu. Limousine, Cellophane, Magazines. Special Editions.

Total Entropy è una fashion parade di gente che negli anni l'ha voluta come ospite vocale per la propria musica. La sua voce la si ritrova allora al servizio delle figure electro-AirFrance di Hector Zazou e Harold Budd. Apre il programma Hours dei Charlatans UK che qui diventa Ours con Tim Burgess a condividere i microfoni. Con Trash Palace evidenzia il monoplage per eccellenza (ormai stanco) di Gainsbourg, c'è dell'innerblues, il crescendo subliminale con i Fortuna da Ginevra, circola del fascino nosferatu con Antipop (side-project degli altri francesi Télépopmusik) e con un pezzo di Toog che per atmosfere pare resuscitare certe intuizioni di Total Eclipse di Christian Rainer. Ci sono temi hard, temi ero-guro nansensu, c'è del phonitsukae. Dietro le lenti scure di Someone con Archigram c'è l'electroclash di Miss Kittin & The Hacker, a vision in stereo. Qualche lacuna dovuta probabilmente al minutage eccessivo che tuttavia non compromette significativamente la qualità distinta del prodotto che avrebbe giovato di qualche minima sfrondatura. Chiude il goth rock -Holy Bible Belt- di e con Anton Newcombe dei Brian Jonestown Massacre. Asia in questo disco avrebbe meritato di avere a sua disposizione D'arcy Wretzky al basso.

Quattro tracce su diciassette sono co-scritte ed eseguite con Morgan. Sexodrome è alquanto insufficiente e trascurabile, interessanti le altre tre. CheeseAndEggs che liricamente non è altro che la trascrizione paragrafata del menù della colazione continentale di un albergo da consumare idealmente durante un'intervista mattutina con in sottofondo rumori di posate, tazze e liquidi versati. Perché in fondo se il Royale With Cheese è Street Food Soundtrack, un Club Sandwich è puro bianco asettico ed irrinunciabile Hotel Room Service. Computer, frutta, libri, caffè nero. Caffeina. ☯ We're the Pepsi Generation
Liebestod -la morte degli amanti- (con un vocal mix differente rispetto alla versione d'origine) si liquefa in un incantamento Pink Floyd Music e si ispira armonicamente al primo e all'ultimo accordo di Tristan und Isolde. L'altro pezzo degno di nota è Indifference, d'orientamento Depeche Mode post ULTRA_Music e dichiarato riferimento all'opera di Moravia... Il completo collasso di quel rapporto tra l'uomo e la realtà [...] e il mondo gli diventò oscuro e indecifrabile o, peggio ancora, inesistente.
Un cuore in fiamme dentro un cubo di ghiaccio. 23 Roses, just to stay away.

Total Entropy è come un'esigenza di Rehab/Detox, un diversivo d'ascolto che andrebbe bene sia in cuffia che come musica per riempire un ambiente tappezzato: Cherry-Cola, Marlboro Lights, Acqua Fiji, beverage_energetico, aria condizionata General Electric per discutere la fenomenologia tautologica della carta igienica. Dress Code on Door Policy to Enter The Void through a Love Hotel.
Don't You? Don't You? Fuck You, Butterfucker.
La sincerità è vanità, tutto quel che resta è Indifferenza.
L'entropia declivia a spirale come una lastra, com'è vero sotto al cielo.

Demise is my new daydream
Despise is killing me, shadows in my soul drain into the rain
I lived for an instant, a flash in the distance
Lie after lie, year after year, detached and unreal, my will disappeared
Please don’t disturb me, don’t try and involve me, sleep is the only respite
In love with my indifference, it’s cute to be indifferent,
We all should be indifferent, like mom and dad, indifferent
I’m happy being numb with my indifference
.

(32 Seconds of Silence and Obscurity...)

Voli notturni in solitaria che attraversano gates, duty-free e terminal del golden globe.
Lights are on but no one is at home. And it is 23 A.M. and you're listening to... Deep From Colosseum.


[BLACK MAIL (Twins Disconnection) Seven: Ninja & Fujifilms]

Commenti (Sedici)

Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Hai nobilitato questo disco con la tua sontuosa recensione! La cosa migliore dell'opera mi pare il packaging.


HOPELESS: Non sono d'accordo stavolta Almo. Le cose migliori del disco sono Ours, Double Jeu, Someone, Liebestod (anche se è stato fatto un pessimo lavoro di vocal mix), Le Sacre du Printemps. Ci sono ottimi musicisti in questo album, come dirò pure ad Alfama più sotto, effettivamente l'effetto insalata con troppi ingredienti gli fa perdere un po' di compattezza e oscura certi sapori, d'altronde è una compilation. Sul packaging: devo dire che non amo le copertine con le foto degli artisti, pure se qui accade che si tratti di una bella donna. Per cui la cover proprio la escludo dal mio gusto (lettering, quella specie di croce di lorena), lei rende sempre bene in b/n. Ovviamente tutto ciò detto in pace, non fraintendermi. Grazie 'tasim.
Almotasim : Ok, Hope, certo, ci sta avere opinioni diverse. Io ho sentito solo il 'Je t'aime' allegato iniziale. Mi fa piacere che difendi l'album "da musicista".
HOPELESS: Moi aussi.
ZiorPlus
ZiorPlus
Opera:
Recensione:
Sono stato grato ad Asia per aver portato all'attenzione con un suo film gli scritti di J.T. Leroy (Laura Albert) quando in Italia quel genere non se lo cagava quasi nessuno, tra le mie letture preferite.
Per tutto il resto c'e'...quel che vi pare.


HOPELESS: Il libro non l'ho letto, ho visto il film... ed è davvero brutto brutto. Per quanto riguarda certi suggerimenti la ringrazio per avermi segnalato l'Adam Parfrey (l'editore di Feral House) musicista 3-4 anni fa, me ne sono andato di testa per certe sue cose. Grazie della lettura Zior.
HOPELESS: Un pezzo di Parfrey/S.W.A.T. The Pusher
proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
5 stelle alla rece, il disco non credo che mi interessi :D


HOPELESS: Hehehe. Io mi limito a segnalare qui sopra, poi ognuno veda che farsene del segnale. Grazie Nait94.
Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Pentesilea porterà "giustizia" su questi uteri velocemente prestati al "progetto monarch".
A(sia) A(47) A: via dei Serpenti, titillamenti evanescenti, ti aspetto... Poche tette.


Caspasian: Mi fai accenno al Dress Code, mi inviti a nozze con Bellomo, un vero "mostro" finalmente:
Bruno Vespa intervista Francesco Bellomo
Caspasian: Moloch ce l'hanno messo direttamente: "Deep from Colosseum"
moloch colosseo - Cerca con Google
proggen_ait94: finalmente tornano gli dei pagani al colosseo! :)
Caspasian: 😬🤬
JOHNDOE: Me la sono vista tutta... non più "mostro" di un Vespa, beninteso.
Caspasian: Bellomo in fin dei conti è onesto rispetto a tutte le persone che lo giudicano.
Eneathedevil: Franthony Bellomo Perkins
Caspasian: Guarda che po' po' di locandina hanno fatto nel 1970 in Cecoslovacchia per Psycho...
Zdeněk Ziegler - Psycho | Moravská galerie v Brně | sbirky
HOPELESS: Per parlarti di Pentesilea dovrei cominciare a descriverti l'ingresso della città. Fino a che non l'hai raggiunta ne sei fuori; passi sotto un archivolto e ti ritrovi dentro la città. Se credi questo sbagli: a Pentesilea è diverso. Sono ore che avanzi e non ti è chiaro se sei già in mezzo alla città o ancora fuori. Prosegui e ritrovi un sobborgo arrugginito d'officine e depositi, un cimitero, una fiera con le giostre, un mattatoio. [Noi veniamo qui a lavorare tutte le mattine - Noi torniamo qui a dormire] Così prosegui, passando da una periferia all'altra, e viene l'ora di partire da Pentesilea. Viene notte; s'illuminano le finestre ora più rade ora più dense. Pentesilea è solo periferia di se stessa e ha il suo centro in ogni luogo, hai rinunciato a capirlo. Fuori da Pentesilea esiste un fuori? Non fai che passare da un limbo all'altro. Le città continue.
Caspasian: Le "assenze" da un limbo all'altro di Calvino m'hanno riportato alla mente questo:
La maschera del minotauro (1971), de Franco Brocani
Andrew65
Andrew65
Opera:
Recensione:
Bella la recensione, se non conoscessi già il prodotto verrebbe voglia di reperirlo. Purtroppo lo conosco e davvero non è niente di che se non meno che mediocre. Però la sleeve è intrigante e fatta bene, l'unica cosa che rimane.


HOPELESS: Bene, ti ringrazio Andrew. Per il resto boh, a me piace abbastanza, non so... suoni come EBM, electroclash, tech-house (che non sono comunque esattamente i generi dell'album) mi sono sempre piaciuti, per cui. Hello65.
ALFAMA
ALFAMA
Opera:
Recensione:
Lei la trovo di un'antipatia unica senza entrare nella falsità del personaggio ma questo credo non interessi a nessuno, giustamente aggiungerei.
Il disco se parliamo come credo di quello che ho sentito io solo perchè l'aveva in macchina una mia amica è una inutile accozzaglia di citazioni senza un briciolo di personalità musicale, molto meglio la presentazione


HOPELESS: Su simpatia/antipatia che dire... A me sta abbastanza simpatica, ma questo non è un concorso di popolarità. Poi vabbè, un po' ti conosco qui sopra e so a che tipo d'ascolti di ben altro livello ti/ci sottoponi, per cui non discuto il tuo gusto che è fuori discussione, per lo meno per me. Però attenzione, lei non ha scritto le musiche, quelle sono di altri, lei mette la voce (a parte dove diversamente indicato) e l'album da cui è tratto il pezzo di Hector Zazou (musicista che sicuramente conoscerai - l'album in questione è L'Absence -) per me è molto buono, anche se non l'ascolto da parecchio. Come dicevo sopra è una compilation con l'effetto un po' insalata capricciosa, ma a me piace come "lounge notturno di beat in lingerie", diciamo. Per come ascolto musica io, in modo molto zigzagato, dopo aver prestato orecchio a gente come Diamanda Galás, Meredith Monk o Cathy Berberian ci infilo con languore leggerezza come questo Total Entropy o Miss Kittin o che ne so Barbara Morgenstern. Hula night.
ALFAMA: certo antipatica /simpatica poca ha che fare con la musica che comunque trovo insignificante
123asterisco
123asterisco
Opera:
Recensione:


HOPELESS: *la teoria delle catastrofi*
aleradio
aleradio
Opera:
Recensione:
Ma stai studiando la coppia proprio tipo Lennon e Yoko come fenomeno dici


HOPELESS: Heheheh, mi è preso questo trip/split di (s)coppia. Ma ti assicuro che tornerò sulla terra, e poi riparto. Kizz.
aleradio
aleradio
Opera:
Recensione:
Comunque da vecchi in rete sembri sempre più giovane perché se non ci senti ogni volta dici SCuSA NON Ho SENTITO PUOI RIPETERE??
Invece se non vedi bene quando sei in rete se usi gli occhiali puoi leggere e non è che devi scrivere SCuSA NON HO LETTO BENE PUOI RISCRIVERE
Quindi sta un po' tutta lì la cosa che stai indagando diciamo


HOPELESS: Come tutti i cosiddetti il ragazzo s'è sdraiato ansimando con le ginocchia in su pomeriggi inoltrati strade deserte pressione lenta dello sperma odore rettale di fiori due corpi nudi inondati dal carnicino affumicato del sole agonizzante letto fantasma di un vecchio set cinematografico abbandonato da tanto tempo alla mercé di erbacce rampicanti.
Bill, esistono ad una pressione diversa. (-:WSB:-)
nangaparbat
nangaparbat
Opera:
Recensione:
grande!


HOPELESS: Thx dear.
lector
lector
Opera:
Recensione:
Brutta cosa i pregiudizi.
Io il disco della Argento mi sarei limitato ad accoglierlo con una semplice alzata di ciglio e, invece, guarda qua che po' po' di cose ci sono dietro... (senza nessun doppio senso!)
Dovrò trovare il tempo di dargli un ascolto (per colpa tua).
Però adesso non mi recensire il prossimo disco di Biagio Antonacci, ti prego lasciami almeno qualcuna delle mie preclusioni!


HOPELESS: Ricordi questo commento?

"Beh lec, non so davvero che dire... Ho ascoltato qualche pezzo (sei un maledetto!) e tra processori midi e qualche slap assurdo (!!!!!) non mi aspettavo che dicesse pure le maleparole! Non si sa se ridere o piangere insomma... Storia assurda davvero (ma sai che forse una volta Lucarelli ne ha parlato da qualche parte?). Però meritava di essere raccontata e messa in una vetrina strange boutique. Dopotutto, tanta SADNESS."

Sono diversivi. Ad esempio, adesso sono le 03:08 A.M. e io sto ascoltando la colonna sonora di Holy Smoke.
Se mai l'ascolterai avrò pareggiato il conto. E come diceva George Michæl: Listen Without Prejudice Vol. 2. Good night.
Hetzer
Hetzer
Opera:
Recensione:
Non ho capito se è una supercazzola, una parodia, o un pauroso spreco di ricostruzione storica.. Asia Argento, la burina incapace riscopertasi moralista d'accatto.. Gente che va dimenticata, o al massimo, recensita tra un Gregorio e "Muscolo Rosso"..


lector: La storia di Gregorio è un po' più tragica e, magari, non è il caso di tirarla in ballo qui.
HOPELESS: Non c'è niente da capire. Cosa dimenticare, cosa tenere a mente... scelte personali, punti di vista.
Hetzer: @[HOPELESS] "Non c'è niente da capire".. Esattamente..
Hetzer: @[lector] la tragicità è l'essenza della vita, va sempre tirata in ballo, ammesso che tu non sia a letto o a tavola..
omahaceleb
omahaceleb
Opera:
Recensione:
Non è un cesso come la si vuole descrivere a volte, anzi, anzi. A me l'alone di fattanza (che sia solo esibito o reale poco mi importa) sulle donne è sempre piaciuto.


ZiorPlus: Anche senza l'alone, và bene uguale.
proggen_ait94: il fatto è che ha un po' l'aria da stupida
ZiorPlus: Peccato non abbia lo strabismo di Venere, sarebbe quasi perfetta!
omahaceleb: Certo, ed è anche probabile che lo sia davvero. Una volta ho visto di sfuggita il suo primo film, che era di un atteggio così stupido e fine a se stesso che quasi faceva meraviglia. Probabilmente è anche una educata male e sa lì provengono molti suoi difetti. Peró ricordo che negli anni in cui girava i film con Verdone o con il padre era proprio caruccia.
omahaceleb: Poi ora sto guardando una sua foto recente, ché tipo non la vedevo dai primi anni duemila, ed è chiaro che si sia trascurata. O forse esagera con la cangina come il suo ex marito
CosmicJocker
CosmicJocker
Opera:
Recensione:
Mi ispira poco o nulla il prodotto in questione, concordo in toto su ciò che affermi riguardo alla Argento: "Attrice spesso inadeguata per non dire non all'altezza, dalla vocalità fastidiosa il più delle volte"..


SilasLang
SilasLang
Opera:
Recensione:
No comment sulla persona in questione.


marcomaisetti
marcomaisetti
Opera:
Recensione:
Grazie. Sarò di bocca buona, ma a me non è dispiaciuto. Probabilmente merito della recensione.


HOPELESS: Black Coffee, thank you.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Total Entropy è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link