Bertrand Russell
The ABC of Relativity (L'ABC della Relatività)

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"The ABC of relativity", Bertrand Russell (Gbr) prima versione 1925. In Italiano "L'ABC della relatività", edito da TEA

"A un certo tipo di persone superiori piace molto ripetere -tutto è relativo-. Si tratta naturalmente di una sciocchezza, perché se -tutto- fosse relativo non ci sarebbe più nulla con cui stare in relazione" (Bertrand Russell da "L'ABC della relatività")

Come ho già avuto modo di dire, in una mia passata recensione, è operazione controversa recensire opere (soprattutto in campo letterario) su cui i giorni, i mesi, gli anni hanno provveduto a dire già tutto: ma sempre in quel scritto esprimevo tre precetti che, a mio parere, tolsero e tolgono sostanza ad ogni obiezione. Comunque è importante che teniate in mente che “qualunque cosa venga discussa, alla fine, ne rimarrà, comunque, solo il Nome...

Dott. XX

Qualche tempo fa mi sono imbattuto in un editoriale debaseriano dove veniva citata una frase, sulla relazione (profonda) tra matematica e musica, del professor Piergiorgio Odifreddi: ora tralasciando il merito della discussione (anche se mi ha abbastanza inorridito un commento sulla matematica che sfocerebbe nella metafisica visto che la cosa è in palese contraddizione... ma magari ne parlerò un'altra volta, se ce ne sarà una...) la cosa ha messo in moto, in me, una catena di eventi cerebrali che mi ha portato a riprendere in mano alcuni lavori del citato matematico a cui, sebbene faccia difetto certe volte un palese integralismo scientifico, è impossibile non riconoscere un acume divulgativo senza pari (e senza se e senza ma, a mio modo di vedere le cose) in questa derelitta nazione.

 

Sapeva però riconoscere un genio, quando lo incontrava, e nel libro si comporta di conseguenza, arrivando a paragonare l'opera di Einstein al sopraggiungere del giorno dopo il buio della notte: dando così prova, di passaggio, della propria intelligenza” (Piergiorgio Odifreddi dalla prefazione a "L'ABC della relatività" di Bertrand Russell)

Da cosa nasce cosa e quando mi sono imbattuto, (ri)leggendo il suo “Il Matematico Impertinente” (Longanesi, 2008), nel capitolo che riportava, pari pari, la sua prefazione all'opera di Russell, oggetto della recensione, non ho potuto fare a meno di riprendere in mano (già letto nei torbidi anni '90) quella che è tuttora considerata (a 85 anni dalla sua prima uscita: versioni aggiornate ne uscirono pure nel '58 e nel '69) la sua più importante opera divulgativa: la spiegazione della teoria della relatività “partorita dal cervello di Einstein in due puntate nel 1905, la Ristretta, e nel 1915, la Generale”. Ora la cosa si complica perché la prefazione di Odifreddi è inevitabilmente la miglior recensione possibile del libro e quindi la mia, modesta, versione non può che partire in svantaggio se non debitrice. Nel consigliar di leggerla (anzi di leggere tutto “Il Matematico Impertinente”) prometto ai debaseriani di esser meno “citazionista” possibile.

 

“Einstein era una Rockstar, Russell una Popstar

Come mi è capitato di leggere recentemente su di un libro di Brian Greene per capire la relatività di Einstein (e ancor più la sua legge gravitazionale che mandò, seppur parzialmente, in soffitta quella newtoniana) è necessaria una certa dose di fantasia: infatti lo sforzo principale è dimenticare per un attimo quello che i nostri sensi ci raccontano del mondo (permettendoci di sopravvivere secondo i parametri della nostra specie) ed affidarci a qualcosa che può sembrarci sfiorare il trascendentale ma che, invece, ha avvicinato noi, “poveri esseri di carbonio abitanti il terzo sasso orbitante attorno ad una stella “mediana” locata in un braccio periferico di una galassia nemmeno così speciale” a capire molto più dell'universo di quanto qualsiasi postulante la causa della metafisica abbia mai fatto.

La cosa eccezionale è che un tipo come Bertrand Russell (per la sua avventurosa biografia vi rimando al link ad inizio recensione: sappiate solo che abbracciò la causa divulgativa in età matura e per mere questioni finanziarie) avrebbe potuto “stupirci con effetti speciali” ma evidentemente lui era “scienza e non fantascienza” ed invece scelse quella che era la strada dei “semplici”: avvicinò Einstein con estrema umiltà (“Bach va ascoltato seduti ed in silenzio” avrebbe detto lo stesso fisico tedesco-americano) e scelse, per noi comuni mortali, parole e (soprattutto) esempi e paragoni assolutamente alla portata di tutti (memorabile e da brividi quello che Odifreddi riporta nella citazione del terzo mini-capitolo di questa recensione) oltre che ad una narrazione molto pacata e lineare in perfetto stile british.

Non fece mai mistero la sua personale visione che la teoria di Einstein era più filosofica che prettamente fisica ma senza mai portare nulla di personale limitandosi alla divulgazione: talmente brillante che gli fece meritare (anche se non per questo libro) il Nobel per la letteratura nel '50. Ovviamente molti concetti rimangono ostici ma Russell aggira brillantemente il problema creando capitoli ad hoc per i lettori digiuni di fisica e/o matematica ed avvisa per tempo quando qualche paragrafo potrebbe risultare troppo difficile, consigliando di saltarlo senza però pregiudicare nulla dello scopo di fondo: rendere Einstein accessibile a tutti. Il fatto che più di ottant'anni dopo il libro non sia (tranne che per pochi aggiustamenti che Odifreddi spiega nell'introduzione) desueto fa capire quanto Einstein fosse immerso nel futuro e quanto Russell riuscisse a coglierne la modernità (spiegandola brillantemente ai non addetti ai lavori) scolpendo bene nella nostra memoria che nella teoria della relatività non c'è nulla di relativo.

 

Pigrizia Cosmica

Sembra paradossale dirlo per un libro “vecchiotto” che parla di una teoria strafamosa ma leggendo “L'ABC della relatività”, come lo stesso Russell preconizzava nell'incipit (lo riporto qui sotto) del libro, ci si rende conto quanto in realtà siamo ancora legati a dei concetti mentali che non corrispondono a quelli universali. Ci stupiamo nel renderci conto che, alla fin fine, dire che “la Terra gira intorno al Sole” non è poi così diverso che dire il contrario. Rimaniamo affascinati dal fatto che gli oggetti, dotati di massa, agiscono quasi per volontà propria scegliendo sempre la via più facile e non rispondono a nessun richiamo di “forza” (che anzi viene abolita). Ovviamente io sto semplificando (troppo forse) e nel corso dei decenni son stati scritti libri ben più "avanzati" di questo (ricordo scritto a pochi anni dalle scoperte di Einstein) ma se volete approfondire o solo iniziare ad essere introdotti a quella meravigliosa divinità (non metafisica) che è la natura non c'è nulla di meglio che affidarsi a due delle più brillanti menti di sempre: "una (Russell) che racconta l'altra (Einstein)".

Tutti sanno che Einstein ha fatto qualcosa di sorprendente ma pochi sanno cosa abbia fatto esattamente” (Bertrand Russell da "L'ABC della Relatività")

 

Mo.

P.s.: I virgolettati in corsivo e/o in grassetto sono tutte “citazioni”: di qualcuna ho riportato l'autore di altre mi son divertito a lasciarvi cercare.

Questa DeRecensione di The ABC of Relativity (L'ABC della Relatività) è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/bertrand-russell/the-abc-of-relativity-labc-della-relativita/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Cinquanta commenti su OttantaCinque

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Sai, nel "gioco" del "c'ho beccato" (che a differenza del "farsi a pompini a vicenda" di moda su deBaser in questi tempi puo' esser fatto anche da soli) era un maestro il mai abbastanza lodato Vic Sorriso: lascerei stare, non hai lo spessore. Comunque sei nervoso, si, si... Prova con decoupage.
BËL (00)
BRÜ (00)

fiquata
Opera: | Recensione: |
ahah, quanto c'ho beccato, quanto!?! ahah. oh, quando trovi il coraggio per suicidarti, mi raccomando, dillo che è merito mio che t'ho dato l'illuminazione, anzi no, lo sapevi già. vabbuò, mettimi almeno nei ringraziamenti.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Non c'entrano i commenti. Se conoscessi un po' la blogosfera (e mo ti spiego) sapresti che ci son vari tipi di blog e varie tipologie d'argomenti trattati. Il mio è semplicemente didascalico, non incoraggia, per sua natura, i commenti. Mette li informazioni di vario genere (news soprattutto) ad uso e consumo degli utenti della rete. Per un blog del genere quel che conta non son tanto i commenti ma i contatti "fissi" (o abituali) e ho una cinquantina (di cui la meta' anglofoni, rapporto 4 a 1 per gli americani) di persone che vengono stabilmente, piu' quelli meno abitudinari, Circa 1000 contatti unici al mese. Non son tanti ma era quello che mi ero prefisso (non capisco dove vuoi andar a parare con certi discorsi: mai detto di voler pontificare, quello lo lascio a te, poi "alternativo" come sei dovrebbe essere un pregio il "piccolo" :-D) quando l'ho dato alla luce. Nei primi due anni (ora sono quasi tre e mezzo) di vita dove facevo post anche piu' "condivisibili" (tipo recensioni) avevo anche 20 commenti (non granche' ma anche li secondo obiettivi iniziali) a post, poi per scelta "editoriale" ho cambiato un po', senza tornare indietro perche' mi va bene cosi'.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Commento 37: Dalle mie parti si dice "te te le fe e te te le godi...". Comunque l'onanismo è un buon antistress.
BËL (00)
BRÜ (00)

vortex
Opera: | Recensione: |
Arrivo orora. Mi sono perso qualcosa?
BËL (01)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Sorry, non avevo visto la cosa del "suicidarsi": spiacente non lo trovo un gesto sufficientemente "spettacolare" e poi dovrei spiegarlo (postumo) a un bel po' di persone: un po' troppe, sono pigro :-D E poi non eri tu quello del "vivi veloce, muori giovane e lascia un bellissimo cadavere"?
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Leggi dall'inizio Vortex (non son molti post), non mi va di farti riassunti ;-)
BËL (00)
BRÜ (00)

vortex
Opera: | Recensione: |
Gestori di Debbaser!!!!!! Qualcuno mi spiega perché una volta i commenti erano numerati e adesso ciccia? A quanto leggo gli altri li vedono ancora, i numeretti. Non è la prima volta che lo chiedo, tnx!
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
E' il tuo pc da buttare vortex, i numeri ci sono eccome.
BËL (00)
BRÜ (00)

fiquata
Opera: | Recensione: |
vero, l'onanismo è un buon antistress. sicuramente sarebbe più dignitoso rispetto al contare le recensioni dell'anno 2006. e come si dice dalle tue parti te lo puoi risparmiare. le tue parti, anche quelle geografiche, mi fanno vomitare.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Invece a me Napoli piace, tranne un napoletano in particolare. Ps: le recensioni le ho contate tutte, siamo precisi (in 4-5 ore in una notte che certi pensieri non mi facevano dormire e non c'è niente di meglio di impegnarsi in qualcosa di "ripetitico" per svuotar la mente) per favore.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
"ripetitivo" non ripetitico...
BËL (00)
BRÜ (00)

fiquata
Opera: | Recensione: |
sei uno sfigato lo stesso. tieni le statistiche, fai il pallottoliere in un sito dove appena passi tutti si grattano le palle. ma che cazzo, non lo dire almeno che tieni le statistiche. senti, ti posso fare da curatore dell'immagine? con po' di duro lavoro e abnegazione ti farà sembrare quasi una persona normale, quasi sveglia.
BËL (00)
BRÜ (00)

sellami
Opera: | Recensione: |
"(in 4-5 ore in una notte che certi pensieri non mi facevano dormire e non c'è niente di meglio di impegnarsi in qualcosa di "ripetitico" per svuotar la mente" ahaha 4-5 ore la notte a contare recensioni di un sito internet?! ahahaha, fear of the dark cpt? sei messo male eh!
BËL (00)
BRÜ (00)

Schizoid Man
Opera: | Recensione: |
vortex che browser usi??
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Devi laurearti prima. Non voglio dilettanti allo sbaraglio. Ma in fretta pero' che è dal 2006 che parli da barone :-D
"Tutti"? confondi ancora la quantita' con la qualità...
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Sellami: non ho voglia di fare da babysitter oggi, grazie.
BËL (00)
BRÜ (00)

fiquata
Opera: | Recensione: |
tie', ti do uno scoop che da mio biografo ti farà venire un triplo-orgasmo. 29 giugno, se vuoi venire alla seduta vieni, così faccio due cose in una. riesci a immaginare la seconda?
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Non mi fido, ti avevo gia' invitato l'anno scorso a bere un caffè da me ma mi hai tirato il pacco. Sei inaffidabile (oltre che un curriculum scadente)
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Io tra un paio d'ore devo andar a lavorare...o dici qualcosa d'inedito oppure io di repliche sopporto solo quelle "Scrubs" e vado a letto.
BËL (00)
BRÜ (00)

sellami
Opera: | Recensione: |
hai ancora un paio d'ore per svuotare la mente calcolando percentuali e numero di recensioni, allora. Buona fortuna.
BËL (00)
BRÜ (00)

fiquata
Opera: | Recensione: |
senza offesa, piuttosto che tornare in Veneto mi taglio le palle con un coltello di plastica da mensa e me le ingoio. no, sul serio: quando ti capita di venire a Napoli fatti vivo... ti faccio scoprire le dolcezze del farsi pulire il culo. non lo dico perché sono nervoso, anzi, mi sono divertito... lo dico perché è bene che il diritto naturale venga assecondato. stammi bene, anzi no. eheh... comunque bella quella del curriculum, soprattutto dall'alto del fatto che devi stare attento, proprio come lavoro, a non sporcarti le mani di merda. nel curriculum che ci scrivi, "anni di onorata carriera senza mai sporcarsi le mani, letteralmente, di merda"? ahah, poveraccio.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ciao, Sellami, stammi bene.
BËL (00)
BRÜ (00)

vortex
Opera: | Recensione: |
SCHIZOID, L'avevo immaginato che c'entrava il browser. Per mesi ho sopportato l'annuncio fintosimpatico che mi invitava a passare a IE 7. E adesso che l'ho messo su stai a vedere che non va più bene.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Secondo me a te un paio di annetti in qualche valle della Lessinia, magari "sotto paron", farebbe bene. Credimi... Si, si... un po' di "cura veneta", si, si..
BËL (00)
BRÜ (00)

Schizoid Man
Opera: | Recensione: |
lascia perde IE meglio noto ai più come CessoIE e prova ad usare o Chrome o Mozilla Firefox(questo solo se ti piace vederti ciucciare un bel po' di ram ;)) poi dimmi se si vedono i numeri... :D
BËL (00)
BRÜ (00)

vortex
Opera: | Recensione: |
No, però il veneto, no. C'è davvero qualcosa nell'aria di diverso, non appena passi il Po. Hanno ragione a volere la secessione, che c'entrano i veneti con il resto della compagine umana?

BËL (00)
BRÜ (00)

vortex
Opera: | Recensione: |
Schizoid, sono allergico ai gadget. In fondo lo so che IE fa quello che può. Pazienza.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Effettivamente siamo piu' belli della media ;-). Pero' è strano tutti i sondaggi danno che l'opinione media degli italiani sul Veneto è parecchio migliorata (superando medie dell'80%) mentre qui si va in controtendenza. Mi sa che DeBaser non è un bacino statistico affidabile :-D
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Comunque chiamare "compagine umana" il resto d'Italia è abbastanza discutibile...chissà che ne penseranno a Livorno che li hai accomunati ai Pisani :-D
BËL (00)
BRÜ (00)

Schizoid Man
Opera: | Recensione: |
non ho capito la storia dei gadget scusami vortex :( la birra inizia a farsi sentire bluuuurp!
BËL (00)
BRÜ (00)

vortex
Opera: | Recensione: |
cpt, capisci quello che vuoi capire (compagine). Io continuo ad avere un'opinione pessima, supportata da parecchie esperienze dirette, sia per lavoro che per diletto. Poi è chiaro, non si può generalizzare e bla bla e tutti quei concetti da persona che fa finta di essere equilibrata, ma il concetto è quello.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Uhe, Vortex, si scherzava, suvvia, proprio tu. Cercavo di "sdrammatizare" quel "compagine umana" vs "veneto" che non era molto lusinghiera. Che dovevo fare? Se ti rispondo a tono (e non mi va,come ti ho gia' detto in passato non ti considero un buon interlocutore, e parlo a livello personale, sia chiaro) poi mi si accusa di cercar la rissa, se ti tiro fuori statistiche e dati su quanto il Veneto ha dato ed è stato utile a sta nazione mi si rinfaccia di essere palloso, quindi l'ho messa sull'ironico (Pisani vs Livornesi, piu' di cosi...). Onestamente considero abbastanza stupidi, senza che tu ti offenda, tutti sti discorsi sui vari "campanili" ed in un certo senso mi viene in aiuto proprio Einstein ed il suo celebre "umana" a chi ai controlli doganali chiedeva "razza?". Ti sei trovato male con i veneti in genere? eh vabbe' magari anche loro con te, bisognerebbe sentire anche la loro campana (a meno che non ti consideri l'home affabilis per eccellenza che li il discorso cambia). Ovviamente capiscici anche tu quello che vuoi. Poi sul finto equilibrato li non saprei che dirti: essere in equilibrio è sempre una bella sfida, io ci provo duramente. Chi ho intorno a me, nella vita vera, in genere mi trova equilibrato...ma son gusti, penso.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Se sara' il caso ti rispondo domani, che ora devo proprio andare.
BËL (00)
BRÜ (00)

Nicola Laiosa
Opera: | Recensione: |
grazie a questa reciae ho appena scoperto 2 cose molto importanti : 1) che dico sciocchezze 2) che sono una persona superiore. cazzo il 2 punto mi piace...
BËL (00)
BRÜ (00)

vortex
Opera: | Recensione: |
gaio, ci vieni a parlare di betrand russell e poi al primo beota (io) che ti dice vicentini magnagatt (non so da dove tu venga, ma non ha importanza), gli dai retta con spiegazioni articolate e dovizia di particolari. Ma perché?
(ps lo dite ancora "comandi"?)
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Vortex ci sei o ci fai? Io al tuo primo post "beota" sul Veneto (62) (e poi, dai, sii preciso, non si tratta di "vicentini magnagatti" ma di "che c'entrano i veneti con il resto della compagine umana? ") ho risposto in modo "beota" (64 e 65) poi a quello "piccato" (il 67: e lo è, non giriamo frittate, please) ho risposto in modo "serio" (68). Vabbe' che da queste parti la memoria storica finisce alla colazione ma e' tutto scritto caro: non capisco il riferimento a Russell (a parte l'essere oggetto della recensione). Cioè uno che parla di Russell deve rinunciare a replicare e soprattutto in modo articolato? (mi sa che lo confondi con la buon ,e grande, anima di Gandhi). Vedi perchè non sei un buon interlocutore? Sposti continuamente i paletti della conversazione (sia nell'impostazione che nei contenuti) e francamente non amo sto modo di procedere.
BËL (00)
BRÜ (00)

Steve Miracolo
Opera: | Recensione: |
tutto è relativo, io è da una vita che lo vado dicendo
BËL (00)
BRÜ (00)

Steve Miracolo
Opera: | Recensione: |
per la cronaca, quello in copertina è Charlie Watts
BËL (01)
BRÜ (00)

vortex
Opera: | Recensione: |
Sai, prima del mio primo commento (non so quale numero, ho un browser che fa schifo e non me li mostra, ma se avrò qualche ora di tempo mi metterò a contarli io) ho letto i commenti a tre a tre, e mi sono balzati agli occhi alcuni affondi del paisà fiquo, e ti confesso che ho pensato che avesse proprio esagerato. Poi però, dopo pochi scambi di battute (idiote) con te, ho cambiato idea.
BËL (00)
BRÜ (00)

geenoo
Opera: | Recensione: |
vortex
Opera: | Recensione: |
Capitan, adesso ho letto la recensione. Ho capito. Però avresti potuto dirmelo, no?.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Vortex onestamente mica ho capito cosa vuoi dire (non che me ne interessi molto, a dire il vero, viste le premesse). La recensione è sul Russell divulgatore in genere e di Einstein in particolare (e di striscio anche su chi considero il miglior divulgatore italiano contemporaneo e cioè Odifreddi) e non di certo sul filosofo o sul pacifista, punto. Sul resto puoi dare ragione a chi vuoi (Fiquata, nel caso specifico): mai cercato il consenso (nè quello generale nè, figurarsi, il tuo). Per spiegare il concetto ritorno al vecchio Russell che era un pacifista sui generis (durante la seconda guerra mondiale aveva bollato come idiozia la proposta di Gandhi di lasciare campo libero all'invasione tedesca della Gran Bretagna cosi' da poterli "civilizzare" con la "ragione", approvando, in casi estremi, anche l'uso della forza) e che nella sua lunga vita ha "provato" molte ideologie (in gioventù addirittura appoggiò idee eugenetiche, poi, per fortuna, cambiò idea) dando prova di non essere un imbecille che non cambia mai idea. Dico questo perchè io (non per avvicinarmi a Russell, per carità!) in un certo senso faccio mia questa "politica" (per citare un noto intellettuale turco sono pacifista, non pacifico) quindi alle provocazioni "idiote", se le vedo, rispondo (ma cerco di farlo rimanendo sul piano dialettico). La cosa del "moralizzatore", del "paternalista" etc. etc., riferita a me, è un'invenzione di qualche testina debaseriana. Se qualcuno, qui dentro o nella vita, dal mio punto di vista dice stupidate io lo faccio notare, se qualcuno mi è antipatico (per vari motivi) glielo faccio notare, se qualcuno ha, dal mio punto di vista, pochi, o poco interessanti, argomenti io glielo faccio notare. Nel tuo caso non mi piace il modo in cui affronti le conversazioni (ma è una questione personale come il fatto che trovo certi tuoi punti di vista, in genere, fuori da qualsiasi logica, quindi non prendertela troppo) e quindi te lo dico (e te l'ho detto in passato) facendo notare che non mi interessa molto interagire con te, essendo pronto al fatto che tu potresti pensare lo stesso di me (nema problema), a meno che il "confronto" non sia obbligato, come in questo caso. La confusione sul mio essere "moralizzatore" o "paternalista" deriva probabilmente dal fatto che in genere cerco di "moderare" il mio vocabolario senza ricorrere a volgarità, offese o senza metterla sul personale (con un utente in particolare vado anche sul personale a dire il vero ma solo perche' la cosa è reciproca e non l'ho iniziata certo io, e poi mi diverto vederlo scendere tanto in basso...): ora so che su questo sito un certo tipo di atteggiamento "scorreggione" è piu' apprezzato del mio ma da qui a scambiarlo per "moralizzatore" o "paternalista" ce ne passa (e spiega molto sulle capacità di comprensione dell'utenza media del sito) ma non è certo per ste cose che intendo cambiare approccio (come detto la ricerca del consenso la lascio ad altri). Quindi riassumendo: alla prima baggianata dei veneti che non c'entrano con il resto della compagine umana, capendo il sarcasmo, ho risposto altrettanto sarcasticamente, tu hai replicato in modo un po' risentito (insinuando, fastidiosamente, su di un mio "non equilibrio") quindi io ho cercato di spiegarti in modo piu' asettico possibile il mio atteggiamento (senza però nasconderti quello che penso di te, mi piace essere onesto e diretto: una cosa che mi sfugge è che molti debaseriani considerano la cosa "viscida" e onestamento la trovo una cosa "ossimorica") e i miei dubbi. Purtroppo non son stato breve ma spero tu legga con attenzione tutto il post per capire che non ho nessun intento polemico ma solo chiarificatorio. Stammi bene. Ps. Se non ci saranno questioni inerenti direttamente al topic della recensione o sulla stessa credo che posso anche togliere il disturbo: un saluto a tutti, belli e brutti.
BËL (00)
BRÜ (00)

sellami
Opera: | Recensione: |
Ci sarà un motivo se Vortex posta una riga e tu senti il bisogno di tirarla per le lunghe? No, dico, ci sarà un motivo?
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Come detto parlo solo del topic della recensione e non di altro (su quello fatto abbastanza, anche in modo sintetico, quando serviva). Resto a disposizione.
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
"Russell ha una nuova filosofia ogni 5 anni mentre Moore non ne ha mai avuta nessuna" Lasciando indovinare a voi di chi è la citazione vi lascio pure scegliere quali dell due opzioni trovate piu' "onorevole" ;-)
BËL (00)
BRÜ (00)

i ban
Opera: | Recensione: |
Ciao CPT!!!!! che sorpresa! ben tornato e con che recensione impegnativa; Bernard Russell e Soren Kierkgaart sono i miei due Autori preferiti; nulla da eccepire sulla tua recensione perché è molto originale, inutile sottolinearne la qualità. Lasciamo andaaaaaaaaare anche i moltiplicatori cosmici di insulti polemologeni affetti da KKKKKKKKKkkkosmica invidia, OMOFOBIA, paura dei lupi delle lupe e delle loro figlie (vero?), e 'gnuranza, scusami ma io non arrivo alle vette della Filosofia, però le persone di un certo spessore le conosco, e le distinguo da altre: come dice il buon Lucio (Dalla) "ma che andassero a..." :) Ciao H.I.Ban FakeBook
BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Ciao! Grazie per la visita...e per la stima! La storia della figlia della lupa è una questione dolorosa che purtroppo qui in troppi hanno dimenticato (come detto la memoria storica qui spesso si ferma alla colazione) ma che personalmente ho sempre evitato di rivangare (in questo caso preferisco il pacifismo alla Gandhi che non quello alla Bertrand Russell): comunque fa piacere che qualcuno se la ricordi. Stammi bene.
BËL (00)
BRÜ (00)

i ban
Opera: | Recensione: |
ti chiedo scusa, non volevo ferirti, ma difendere una splendida recensione dai soliti fighetti del quartierino (bbbbbassso), ciao stammi bene anche tu Captain!

BËL (00)
BRÜ (00)

cptgaio
cptgaio Divèrs
Opera: | Recensione: |
Figurati... Non ti preoccupare.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: