Beth Orton
Daybreaker

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Il genere smooth jazz nella sua declinazione inglese non è morto, anzi sta benino. Ad ascoltare questo disco di Beth Orton si direbbe che abbia assorbito qualche elemento folk e l’abbia shakerato con un poco di elettronica e una spruzzata di trip hop per proporci una decina di canzoni piacevoli e non banali. C’è dietro in produzione la mano sapiente di Ben Watt, il lui chitarrista di Everything But The Girl, cui sono direttamente riconducibili un paio di pezzi tra i più belli - «Anywhere» e «Daybreaker» - ma anche la conclusiva «Thinking About Tomorrow». Certo non si è persa l’ispirazione folk, qui nella parte centrale del disco con «Carmella»; «God Song» che ci regala Emmylou Harris in controcanto e «This One’s Gonna Bruise» per la firma di Ryan Adams. Peccato che l’album parta con il trittico un po’ noiosetto di «Paris Train»; «Concrete Sky» (guest vocalist, Ryan Adams) e «Mount Washington» e che non abbia un pezzo trainante per farsi davvero ricordare. Le foto di copertina sono malinconiche il giusto e niente di speciale, mentre ho trovato irritante la scelta di mettere i testi del libretto in sequenza orizzontale senza soluzione di continuità per quattro pagine. Insomma musica folktronica come qualcuno l’ha chiamata (ma il termine è proprio brutto) “che non fa male” ma certo non indispensabile.

Questa DeRecensione di Daybreaker è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/beth-orton/daybreaker/recensione-dbmsonic1

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tre)

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
non conosco questo ma se questo segue la traccia dei precedenti abbiamo 3/4 pezzi buoni, solari, richiami al folk under ground 70. Tutto sommato piacevole come credo piacevole sia questo,4 pezzi buoni e dei bei riempitivi. il problema è che inizia ad annoiare e la sua classe è superata da nuovi nomi, spesso ottimi in perenne corsia di sorpasso

BËL (02)
BRÜ (00)

Stanlio
Opera: | Recensione: |
Beh, benvenuto, e se il buongiorno si vede dal mattino chapeaux per la prima zot, mandane a bomba che ti si legge che è un piacere e il disco è da provare sicuramente non credo deluderà...
BËL (00)
BRÜ (00)

Stanlio
Opera: | Recensione: |
Hai nominato gli Everything But The Girl e in effetti il pezzo che hai postato ricorda molto il modo di cantare della bravissima Tracey Thorn ed è firmato nientepopòdimenochè da Johnny Marr ex Smiths mica pizza & fichi...
BËL (01)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: