Blonde Redhead
In An Expression Of The Inexpressible

()

Voto:

"In an Expression of the Inexpressible" è un album giusto. Giusto nei contenuti, giusto nei suoni, giusto nell'attitudine. Seppur alla fin fine continui comunque a preferire "La mia Vita Violenta", questa release targata 1998 suona un po' come l'album della maturità per il combo newyorkese: lo spartiacque fra il passato e il futuro, il luogo dove non si osa ancora rinunciare alle irruenze soniche degli esordi, ma si anticipa al contempo la virata melodica dei lavori che seguiranno.

Beninteso, il fantasma dei Sonic Youth aleggia ancora qua e là, ma i fratelli Pace e l'istrionica Kazu Makino sono in grado finalmente di tracciare, con perizia tecnica e giusta ispirazione, le coordinate di un sound sufficientemente personale.

E' un album giusto, come dicevo, capace di racchiudere in sè il giusto mix di suoni ed intuizioni, e divenire involontariamente l'album piacione capace di mettere d'accordo l'antipatico pseudo-intellettuale blow-uppiano e il più sfigato degli indie-rocker, e rappresentare al contempo tutta una generazione di musicisti "post" ancora alle prese con un arduo processo di emancipazione dalle lezioni dei maestri del genere. Impossibile, salvo essere i soliti immancabili nostalgici delle ruvidezze della prima ora, trovare punti deboli in un disco praticamente perfetto, giustamente intelligente, giustamente emotivo, giustamente orecchiabile, dove il noise-rock degli esordi convive pacificamente con l'indie più melodico. Con in più quel giusto tocco di furbo avanguardismo che non stona mai, ma anzi ci fa sentire tutti più ganzi. Senza dimenticare poi, nè quella giusta dose di nevrosi metropolitana che fa tanto giovane yeah yeah, nè quella ancor più giusta onirica spinta evasiva che le fa da inevitabile contraltare.

Ma che volete di più? "In an Expression..." è il formidabile affresco di una gioventù confusa ma costruttiva, schiacciata dai controsensi del nostro tempo, ma non così tanto da vedersi costretta a deviare verso oscuri binari del nichilismo. Difficilmente vi capiterà di annoiarvi durante l'ascolto di questo album in cui tutto è dannatamente al proprio posto, nel posto giusto, nella giusta misura. Ed è proprio nel dosaggio degli ingredienti che l'opera in questione, una miracolosa armonia fra pulsioni diverse e contrastanti, un fumoso coacervo di frustrazioni, ossessioni da salotto borghese e provvidenziali esplosioni emotive, si rivela innegabilmente vincente. Ovunque vi troverete, state certi che i Blonde Redhead anticiperanno i vostri bisogni, asseconderanno le vostre voglie, e con una naturalezza tale che alla fine proprio non ve la sentirere di tacciarli di ruffianeria: i pieni si susseguono ai vuoti, i vuoti ai pieni, e quando il tutto suona eccessivamente mieloso, ecco che si torna a graffiare in decostruenti involuzioni di shellachiana memoria. Ma il gioco non è così semplice come sembra.

L'opener "Luv Machine" è un po' l'emblema dei Blonde Redhead targati 1998: il miagolio isterico di Kazu, che fra urletti da collegiale arrapata e lagne eschimesi ci accompagnerà per tutta la durata dell'album, è il piatto forte della serata, e pazienza se il povero Amedeo vedrà le sue incursioni vocali drasticamente ridimensionate. Le chitarre dei due, comunque, s'intrecciano che è una bellezza, e il basso, dicono, non c'è neppure, anche se secondo me c'è: potremmo aprire un forum al riguardo. Un plauso infine al buon Simone, il cui bacchettare, seppur non risultando mai eccessivamente intricato, accompagna con fantasia e precisione le evoluzioni soniche delle chitarre, sia dove esse, distorte, ci graffiano le orecchie; sia dove, effettate, ci stuzzicano il cervello: sia dove, arpeggianti, ci cullano in passaggi di sognante malinconia.

I suoni, poi, risultano così levigati da mettere in risalto il più insignificante dei dettagli. Buone, in definitiva, la capacità di sintesi e la capacità di analisi. Ma che volete di più? Si capisce, il tutto suona un tantino cerebrale, inaugurando il progressivo processo di congelamento emotivo che caratterizzerà in futuro la band, ma, del resto, cosa rimproverare a dei musicisti che sanno suonare, hanno le idee e non vogliono evidentemente affogare il frutto del loro sudore in assordanti fiumi di feedback?

E poi, una volta accettata e compresa questa marcata tendenza al controllo certosino delle dinamiche soniche, evidentemente a scapito della spontaneità, credetemi, non c'è veramente tempo per deludersi, nemmeno ad essere cattivi: se "10", nel suo tappetino di elettronica incespicante e fischi di chitarra assortiti vi apparirà, per esempio, un tantino artificiosa, c'è subito il riff di "Distilled" ad investirvi ed inebriarvi di giovanile verve, nemmeno fosse il 91! "Missile ++", vi delizierà invece per la sua irresistibile semplicità, e se dopo un po' troverete stucchevole l'ansimare di Kazu, ecco che arriva provvidenzialmente "Futurism vs Passeism part 2", trascinante-epica-visionaria cavalcata che vede la presenza dietro al micofono di Guy Picciotto (dei Fugazi), anche produttore dell'album, che si lancia in un suggestivo recitato in francese.

E se poi, di contro, sentirete la nostalgia per le lagnanze di Kazu, ecco l'immancabile regressione infantile di "Speed x Distance = Time": arpeggi obliqui, ninna-nanna bjorkeggiante e tempi dispari. E quando tutto appare eccessivamente smielato, ecco la titletrack a svelarci il lato più audacemente avanguardistico dei Blonde Redhead: sei minuti di ossessiva nevrosi post adolescenziale improntata su batterie incespicanti, plettri che raschiano le corde e le improbabili evoluzioni canore della giapponesina, che si divide fra gli orgasmi di una lolita in calore, i vagiti isterici di una partoriente e l'allucinato salmodiare di un rituale post-moderno. Ma cos'è l'"inesprimibile"?, potremmo chiederci durante il susseguirsi di queste note. Forse quella cazzo di voglia di piangere e ridere, di scopare, piacchiare, di fottersi un gelato e di dare un calcio in culo al proprio cane che ci piglia tutt'insieme e non ci sappiamo spiegare?

Tu, ragazzo spettinato con la maglia a righe, so che mi capisci, quanto agli altri, ed in particolar modo tutti coloro che dal sottoscritto si aspettano ben altro, beh, vi posso rammentare che la Morte non si dimenticarà di voi. Ma oggi è estate, inforchiamo le infradito ed andiamo al mare. Per un giorno dimentichiamoci noi di Lei. Tié!

Questa DeRecensione di In An Expression Of The Inexpressible è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/blonde-redhead/in-an-expression-of-the-inexpressible/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciotto)

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Qotanto disco(bolo) è exactamente todo ciùò di qui Ella pregevolemente habla; però personalmente persevero nel preferire il suo notevolissimo predecessore ["Fake Can Be.."]. De-Gust. Ossequità assai assortite.
BËL (00)
BRÜ (00)

lemuro
Opera: | Recensione: |
il mio album preferito dei B.R..........forse perchè sono uno sfigato pseudo-intellettuale blow-uppiano e un antipatico indie-rocker !!
BËL (00)
BRÜ (00)

VortexSurfer
Opera: | Recensione: |
Futurism vs Passeism part 2 è un pezzo geniale, vale da solo il disco (che comunque apprezzo, anche se ritengo Melody Of Certain Damaged Lemons ancora meglio). I Blonde sono unici, che dire, tanto bravi e ispirati quanto spocchiosetti e freddini sul palco. Ma alla fine conta quello che sentono le mie orecchie...
BËL (00)
BRÜ (00)

maryg
Opera: | Recensione: |
finalmente una recensione come si deve... e un gruppo come si deve.
BËL (00)
BRÜ (00)

easycure
Opera: | Recensione: |
recensione bellissima. Loro ho smesso di ascoltarli dopo che le ultime fatiche mi avevano un pò deluso. questo periodo "di mezzo" mi manca, e invece mi sa che vale la pena. di quelli che ho sentito io, anche per me il milgiore rimane "la mia vita violenta"..
BËL (00)
BRÜ (00)

under
Opera: | Recensione: |
finalmente qualcuno che l'ha recensito: capolavoro, molto al di sopra degli altri
BËL (00)
BRÜ (00)

Spaccamascella
Opera: | Recensione: |
bravissimi...e non sono nemmeno spocchiosetti e freddini, dopo il concerto al rolling stone a milano hanno fatto anche l'aftershow dove abbiamo ballato e bevuto birra insieme,sono veramente simapatici(io iniziai a parlare in inglese pensando che l'italiano non lo capissero, e loro:"guarda che siamo di milano":))..
BËL (00)
BRÜ (00)

Bubi
Opera: | Recensione: |
Di questo gruppo ho Melody of... l'ho ascoltato una sola volta e mai più. Con questo non voglio dire che non valgono niente, un ascolto solo non mi basta per dare un giudizio. Buona recensione.
BËL (00)
BRÜ (00)

VortexSurfer
Opera: | Recensione: |
io infatti dicevo che sono freddini sul palco, non quando ballano con te...
Cmq, io ho tutto di loro e continuo ad ammirarli di disco in disco, anche ora che hanno intrapreso strade più delicate e pulite. Gruppone, e lei fa pure sesso...
BËL (00)
BRÜ (00)

VortexSurfer
Opera: | Recensione: |
...purtroppo Kazu non fa sesso con me
BËL (00)
BRÜ (00)

hugoniot
Opera: | Recensione: |
mi sono fermato alla "mia vita violenta","misery is a butterfly" e "Melody of Certain Damaged Lemons" e ho capito che non sono per me..li trovo scialbi..
BËL (00)
BRÜ (00)

hugoniot
Opera: | Recensione: |
piccolo errore di confusione.."la mia vita violenta"
BËL (00)
BRÜ (00)

vinia
Opera: | Recensione: |
preferisco la mia vita violenta...ottima recensione, buon disco
BËL (00)
BRÜ (00)

MuSo
Opera: | Recensione: |
L'ho ascoltato per la prima volta ieri, ottimo
BËL (00)
BRÜ (00)

Mariaelena
Opera: | Recensione: |
moooolto bello
BËL (00)
BRÜ (00)

SilasLang
Opera: | Recensione: |
Il loro ultimo lavoro valido per i miei gusti...Anche se inferiore a La Mia Vita Violenta e a Fake Can Be..., secondo me i loro due capolavori_
BËL (00)
BRÜ (00)

UhuhPanicoUhuh
Opera: | Recensione: |
c'è da dire che un disco di merda questi ancora non l'hanno fatto. Ma col primo estratto dell'ultimo mi sa che ci siamo.....
BËL (00)
BRÜ (00)

COX
COX
Opera: | Recensione: |
Dischissimo con due palle cubiche grosse come una casa. Tutto è come dovrebbe essere, copertina inclusa.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: