Blossom Toes
We Are Ever So Clean

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Siamo alle solite… mi ritrovo sempre in grossa difficoltà ad iniziare a parlare di un disco che è stato fatto quando, ancora, io non ero nemmeno nelle intenzioni future dei miei genitori, che non si erano neanche ancora sposati. Lo faranno un più tardi, a fine agosto del 1968… che a loro totale insaputa, sarà la sublimazione della Stagione dell’Amore… ma questa è un’altra storia, torniamo a noi.

Il quartetto londinese degli Ingoes (dedito fin dal 1964 ad uno sfrenato r&b) viene notato da Giorgio Gomelsky (produttore, fra gli altri, degli Yardbirds… !) che decide di metterli sotto contratto per la sua neonata etichetta, Marmalade. Impegnati in una serie di brevi tour, fra cui uno a Parigi e dintorni, i quattro tornano in patria e dopo aver deciso il cambio di nome, sembra sotto “consiglio” di Gomelsky, in Blossom Toes (Zoccoli Fioriti… e scusate la psichedelia-hippy) entrano in studio per iniziare le registrazioni di quello che sarà uno dei capolavori assoluti della psichedelia inglese.

“We Are Ever So Clean” è il frutto malato della fantasia deviata del bassista Brian Belshaw e del chitarrista Brian Goodding, entrambi impegnati anche a disegnare le liriche dei brani (un favoloso intreccio di litanie infantili in puro stile Barrett con le melodie sghembe del miglior Lennon); mentre l’altro chitarrista Jim Cregan, anche se molto più dotato tecnicamente, non riuscirà mai a liberarsi dal suo impianto di blues-man e lasciarsi scivolare dentro il vortice multiforme.

Il disco vedrà la luce a novembre del 1967, in leggero ritardo su “Sgt. Pepper’s Lonely Heart Club Band” dei Beatles e su “The Piper At The Gates Of Dawn” dei Floyd, riuscendo a prenderne le migliori istanze (le sperimentazioni sui nastri dei primi o le costruzioni estreme dei secondi) ma distaccandosene completamente, fino ad arrivare a dipingere in maniera ferocemente sarcastica la borghese e perbenista società inglese (i Kinks partoriranno solo qualche mese più tardi il loro capolavoro “Kinks Are The Village Green Preservation Society”, riprendendone i temi con lo humor nero dei Monthy Phyton sullo sfondo).
Il risultato è variopinto e straniante, come nei liquidi psycho-pop “Look At Me, I’m You” e “Telegram Tuesday” o nello splendido vagito prog di “The Intrepid Balloonist’ s Handbook Vol. 1” … con le morbide melodie di “Love Is” o “Mr. Watchmaker” come contraltare; il tutto condito da orchestrazioni freak sotto un diluvio di piogge acide, sublime nel capolavoro assoluto “The Remarkable Saga Of The Frozen Dog”, brano intriso nelle visioni di un lucido delirio; un viaggio paragonabile solo a quello di “Alice Nel Paese Delle Meraviglie”, che solo i concittadini e coevi Kaleidoscope (UK) riusciranno, più morbidamente, a rendere in maniera altrettanto convincente, con il loro splendido “Tangerne Dream” .

I nostri, non contenti, condensano tutto nella finale “Track For Speedy Freaks (Or Instant LP Digest)” per tutti coloro che non avessero il tempo o la voglia di intraprendere l’ascolto dell’intero lavoro… allucinante.

Questa DeRecensione di We Are Ever So Clean è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/blossom-toes/we-are-ever-so-clean/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Venti)

Sanjuro
Opera: | Recensione: |
Grande classico psichedelico misconosciuto...ottima rece.La prox volta però tollani mi devi stupire e non rimanere in questo tuo ottimo e perpetuo modo di scrivere ^^
BËL (00)
BRÜ (00)

NicholasRodneyDrake
Opera: | Recensione: |
Grandissimo Lewis! Caschi proprio a fagiuolo con queste tue recensioni.. è un periodo che sto proprio riscoprendo il periodo della psichedelia fine anni 60( ci sto facendo anche la tesi..) e tu co ste recensioni che cacci fuori..una meglio di un altra..
BËL (00)
BRÜ (00)

alocin
Opera: | Recensione: |
non opport etnasseretni.
BËL (00)
BRÜ (00)

alocin
Opera: | Recensione: |
Si de-skrz, qordiale de-Liuis oltreché Tollani, of course (et anzichènò). Ossequi really-lysergici a sazietàde. Y.s.c.d(s)f.
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe
Opera: | Recensione: |
guarda lo sto sentendo molto proprio questi giorni. lo consideravo un disco sopravvalutato, poi dopo un po' di tempo mi son messo a risentirlo e devo dire che mi piace molto. poi è un periodo che sento un sacco di psych uk, ho preso giusto lunedì i nirvana di all of us e mi piacciono pure quelli. adessomi vado a sentire i the end va là.
BËL (00)
BRÜ (00)

Wanderer
Opera: | Recensione: |
Bella as usual!
BËL (00)
BRÜ (00)

Stoopid
Opera: | Recensione: |
Preziosa, la riporrò in saccoccia.
BËL (00)
BRÜ (00)

Sanjuro
Opera: | Recensione: |
Mamma mia quanto sono smorti i commenti a sta rece, e quanto poco è stata ca(gata)lcocalta!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

hobbit
Opera: | Recensione: |
DaveJonGilmour
Opera: | Recensione: |
Grazie, Lewis, per avermi fatto conoscere questo discone!
BËL (00)
BRÜ (00)

psychobonco
Opera: | Recensione: |
veramente bella sta rece, il disco è un capolavoro come del resto tangerine dream dei kaleidoscope.
BËL (00)
BRÜ (00)

psychrockblues
Opera: | Recensione: |
hurry upppppp or i'll be late for tea!!!!!!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

hymnen
Opera: | Recensione: |
un gioiello della psichedelia inglese anni 60
BËL (00)
BRÜ (00)

hymnen
Opera: | Recensione: |
ascoltare in analogico l' lp dell'epoca e' tutta un altra storia ..anzi musica
BËL (00)
BRÜ (00)

extro91
Opera: | Recensione: |
Lo sto ascoltando!!!! STUPENDO!!!
BËL (00)
BRÜ (00)

psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera: | Recensione: |
è uscito un doppio live 67/69 registrato fra primo e secondo disco, con una registrazione assurda in cui jammano con lo zio Frank durante un festival belga.
BËL (00)
BRÜ (00)

De Mente
Opera: | Recensione: |
mi accodo ai ringraziamenti di DaveJonGilmour
BËL (00)
BRÜ (00)

ranofornace
Opera: | Recensione: |
"capolavoro" uno dei massimi esempi Uk psych
BËL (00)
BRÜ (00)

Eliodoro
Opera: | Recensione: |
Una bella guida per chi deve scoprire un buon disco purtroppo caduto nel dimenticatoio dei più.
BËL (00)
BRÜ (00)

Pseudodionigi
Opera: | Recensione: |
Mi permetto di raccomandare il loro secondo album, "If only for a moment", sottovalutato capolavoro di psychardprog.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: