Sto caricando...

Blut aus Nord
Memoria Vetusta III: Saturnian Poetry

()

Voto:

A Blaze In The Northern Sky.
De Mysteriis Dom Sathanas.
Storm Of The Light's Bane.
In The Nightside Eclipse.
Hvis Lyset Tar Oss.
Nemesis Divina.
Stormblast.
Bergtatt.
Frost.

Il black metal della “seconda ondata”, quello gelido, ferino, pagano, figlio del suo tempo, è ormai un ricordo lontano. E cosa rimane oggi di quei giganti maledetti? C'è chi si è dato all'ambient con risultati desolanti; chi invece ha sperimentato sul serio e intrapreso percorsi del tutto avulsi dalla scena; chi ha fatto addirittura retromarcia per amore degli anni '80; chi non sa più che pesci pigliare e si trascina per inerzia; chi ha preferito rimpolpare la propria musica con orpelli orchestrali di dubbio gusto; chi è passato a miglior (?) vita; e infine c'è chi si impegna a sollevare la media ormai scarsa di un genere che, dopo oltre vent'anni, sembra girare su se stesso. Tante strade intraprese, ma un solo fantasma a sovrastarle.

Di tutto ciò, al francese Vindsval frega ben poco. Tra gli artisti appartenenti alla scena, col suo monicker Blut aus Nord è stato forse l'unico ad avere sempre avuto una grande padronanza dei propri mezzi, nonché una conoscenza profonda e un'interpretazione personale del genere. Lo dimostrano gli esordi ancora grezzi, ma evocativi, di Ultima Thulée (1996); e lo dimostrano soprattutto le bombe atomiche gettate a inizio millennio, un momento particolarmente (e ironicamente) nero per il black metal: se The Mystical Beast Of Rebellion (2001), con tutti i suoi difetti, conteneva già in nuce certe novità, è con The Work Which Transforms God (2003) che è arrivato lo scossone decisivo, un rigurgito incontrollato di marciume industriale - memore degli insegnamenti di Swans, Godflesh e Neurosis, veri e propri totem dell'apocalisse. Tutto ciò già prima del “culto” dei Deathspell Omega, se ci pensiamo bene. Ed ancora con MoRT (2006) a Blut aus Nord è spettato l'onore di sbriciolare ulteriormente le fondamenta del black metal, gettandolo negli oceani morti del nirvana: la speranza di una rinascita sembra ormai inutile, nonsenso e caos hanno preso il sopravvento, non sono concessi appigli o punti di riferimento. È il suono del logos che va in cancrena.

Non mi dilungherò oltre in una disamina sulla recente saga 777, un altro ottimo esempio di come rimaneggiare e rivoltare la materia a proprio piacimento, e nemmeno sui possibili deragliamenti extra-metallici (trip-black? ID(B)M? bossanova?) che lo stesso Vindsval ha ipotizzato. Fatto sta che, in tutto questo puttanaio di sperimentazioni, dissonanze, esoterismi, saghe e seghe varie, Blut aus Nord è sempre rimasto anche sinonimo di Black Metal, maiuscolo, tout court. Epico, mistico, ultramelodico, persino celestiale se vogliamo, ma mi venga un accidente se Vindsval si è dimenticato della bellezza sfacciata che può evocare un semplice riff in tremolo su un tappeto di blast beat e una tastierina di contorno. Il ciclo dei Memoria Vetusta è lì a ricordarcelo, e lascia ancora più allibiti il fatto che i tre episodi (i quali, come gli album 777 e gli EP di What Once Was, non costituiscono una trilogia, e sono quindi tutti destinati ad avere un seguito!) si siano presentati a distanza di non pochi anni l'uno dall'altro, intervallati dalle suddette esplorazioni sonore. Chi riuscirebbe a mantenersi così prolifico e costante, senza mai perdere di vista le origini e gli intenti, e soprattutto non venendo incontro a nessuno? Più che mai oggi che gli artisti si fanno (legittimamente) influenzare dai contratti, dai compromessi col pubblico, dalle lunghe attese tra una pubblicazione e l'altra, e l'urgenza di comunicare passa in secondo piano.

Ma Vindsval è lungimirante, sa molto bene che la sua discografia imponente non verrà vista come una semplice sequela di album, e che anzi sta già acquistando una coerenza concettuale sempre più architettonica. Cielo e terra, distruzione e restituzione, caos e quiete, tradizione e contaminazione, ora si alternano e ora si compenetrano: arriviamo così, nella terza decade di carriera, al terzo episodio di Memoria Vetusta, sottotitolato Saturnian Poetry (2014), il quale marca un glorioso culmine e al contempo un ritorno alle origini. Dopo il viaggio astrale (come da titolo) di Memoria Vetusta II, Blut Aus Nord approda nuovamente sul grembo di madre terra, fonte primaria d'ispirazione, di serenità, ma anche dispensatrice di meraviglie e misteri. La copertina, ad opera dello stesso autore dello storico In The Nightside Eclipse, fotografa alla perfezione l'atmosfera che si respira in questi sei brani di black metal veemente, eppure armonioso e raffinato.

Saturnian Poetry mette da parte tutti i momenti di calma introspettiva (e i rimandi al buddhismo) di cui era cosparso il precedente capitolo e scatena la forza degli elementi, senza esclusione di colpi e anche senza concedere spazio al nichilismo, all'inflazionata acredine anticristiana o a pagliacciate grim&frostbitten. Questi sei gioielli vanno contemplati come se si assistesse a un sublime spettacolo naturale, abbandonandosi allo scorrere delle melodie lussureggianti. Il suono è più organico e vivo, oserei dire terreno, stavolta anche grazie al reclutamento del creativo Gionata Potenti alla batteria: scordiamoci quindi degli incubi post-apocalittici, e diamo finalmente un taglio alla drum machine, da sempre marchio di fabbrica dei BaN. Traspare ancora di più lo spirito nobile dell'autore, ed è proprio questa capacità di suonare con un piede ben piantato nel passato (grezzo, oscuro, primordiale) e un piede nel presente (colto, maturo, consapevole) a renderlo di conseguenza un po' fuori dal tempo, o meglio, chiuso in un mondo tutto suo.

Saturnian Poetry è una sinfonia pagana per chitarre: riff, arpeggi e assoli si intrecciano, si inseguono e si riprendono con eleganza; le tastiere emergono come sfondo occasionale per esaltare i mo(vi)menti più salienti; la voce, sia roca che in clean solenne, è un'eco lontana, proveniente forse da qualche valle remota del freddo nord. Tutto si fonde in un'estasi panica, un'overdose di melodia ed epicità mai stucchevole, impossibile da seguire a un primo ascolto ma destinata a invecchiare ed inebriare come il buon vino.

Dissezionare ogni singolo brano o segnalare il migliore sarebbe in questo caso inutile e troppo macchinoso, un po' per l'omogeneità intrinseca del lavoro, e un po' perché mi sono rotto di sbrodolarmi addosso, ma va fatta una menzione speciale per l'ultimo. Con tutto il rispetto, vorrei tanto farlo ascoltare ai vari veterani blackster e satanassi della prima ora, che si sono chiaramente persi per strada e forse manco se ne sono accorti. Vorrei vedere le loro reazioni e, magari, scorgere una nota di commozione o fastidio, specie durante la coda strumentale, per non essere mai riusciti a sfiorare questi livelli: a mio avviso, e senza ombra di dubbio, la più grande, fulgida, trionfante composizione di metallo nero mai realizzata. Clarissima Mundi Lumina.

Commenti (Sette)

proggen_ait94
proggen_ait94
Opera:
Recensione:
Davvero prezioso. Pur essendo francesi, Cosmosophy mi aveva fatto passare dei bei momenti mattinieri mesi fa, anche se tendono come un po' tutti i postblecmeddals ad allungare la minestra. Ottimo disco dopo tutto. Domani mi procuro pure questo


Hell: Ho trovato Cosmosophy a dir poco meraviglioso, specie se contestualizzato nella trilogia. Di sicuro il migliore dei 777 pubblicati finora. Però cazzo non vorrei dire ma è uscito lo streaming del nuovo Deafheaven, VOLO AD ASCOLTARLO.
proggen_ait94: Ti dico un segreto: penso che non ascolterò mai i Deafheaven in vita mia
The Decline: effettivamente un paio di bermuda nuovi mi servirebbero davvero
Hell: Che hanno di sbagliato i Deafheaven? A parte il fatto di essere hypati a manetta e di avere suscitato l'ira funesta dei redneck blackettari...
proggen_ait94: Non so come spiegarmi bene, con una metafora direi che sono some gli hamburger di quei locali hipster che vengono spacciati come sanissimi, originali e molto particolari, ma che invece hanno poco da offrire di diverso dal fast food, ma siccome sono dentro un ristorante fico e non dentro uno schifo vengono tenuti in alta considerazione. E questo senza che io sia mai entrato nel locale chic, però. Ergo parlo guardando quell'antipaticissima copertina
Workhorse
Workhorse
Opera:
Recensione:
Chi ha deciso di farsi rivedere! Oggi il debasio è un posto meglio, ma non stappo il prosecco finché non fai qualche stroncatura symphometalla.


Workhorse: Non so che cazzo ho scritto, stasera ho esaurito le mie energie mentali per parlare dei mychemical romance
Hell: Niente symphomerda per ora, ma potrei avere in mente qualcosa di peggiore uscito quest'anno.
The Decline: ma infatti ancora stiamo aspettando la megagalattica stroncatura dei nightwish... o erano i sirenia? o i sonata arctica? oppure i rhapsody...
Workhorse: Gli Epica <3 Sennò mi permetto di suggerire la colonna sonora all'immaginario film tratto dalla (superba) saga di Paperon de Paperoni composta dal chitarrista dei Naitwisch
The Decline: vero, erano gli Epica! chiedo venia ma avevo la mente offuscata da l'ultimo grandissimo capolavorozzo dei Timo Tolkki's Panzon
Hell: La recensione era un'idea mia e di un mio amico che mi avrebbe anche aiutato a "ritoccare" per bene la copertina del disco, poi l'idea non è più andata più in porto e ognuno ha avuto i cazzi suoi (metaforici e letterali) a cui pensare. In compenso loro Liturgy - Vitriol hanno più volte solleticato il lato di acidaH sanguinariaH, se trovo il tempo e l'ispirazione butto giù due righe.
Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
Avevo scritto un commento abbastanza lungo sul balck metal primordiale e assassino del periodo 80/90 e di come la salvezza del genere sia necessariamente la contaminazione, ma ho chiuso per sbaglio la pagina e non credo di essere in grado di riscriverlo... Però ho letto la recensione con enorme piacere e giusto la sfizio di ascoltare l'ultimo brano me lo voglio togliere.


The Decline
The Decline Divèrs
Opera:
Recensione:
A loro(lui) proprio non riesco a sta dietro, cristo... saremo a quota 124 tra split, ep e full in una ventina d'anni...ma come si fa? Nemmeno il miglior Calderoli sarebbe capace... Comunque sia, io ero rimasto fermo alla follia ansiogena di Mort, atto finale di una trilogia assurda, credendo che non si potesse andare oltre. Poi sono arrivati i 777 e ho capito di essermi smerdato sui pantaloni senza nemmeno scoreggiare (sebbene l'ultimo atto mi abbia abbastanza deluso). Può piacere o no ma con Vindsval il concetto di black metal viene meno e ci si sposta dalle parti del trascendente.


The Decline: Graditissimo ritorno il tuo, socio...
De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
Per ragioni oscure non ho mai apprezzato il Black Metal; ci ho provato tante volte con molti dei titoli che citi all'inizio. Ma niente da fare a parte Dissection e qualcosa degli Enslaved; pagina imponente e scritta da manuale. Ben tornato Hell!!!


Nico63
Nico63
Opera:
Recensione:
Gran cosa il black metal (cit.) E un bel leggere, questa recensione.


Alì Murtacc
Alì Murtacc
Opera:
Recensione:
Nulla da dire, se non 5.

Tra l'altro hanno annunciato il quarto capitolo di "Memoria Vetusta", staremo a vedere cosa ci propineranno.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Memoria Vetusta III: Saturnian Poetry è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link