Boards Of Canada
Music Has The Right To Children

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Se fossi vissuto nel 1969... diciamo, se fossi nato nel 1943 in modo da avere l'età di ora nel 1969, di fianco al quadro con la copertina di The Piper At The Gates Of Dawn, ci avrei sicuramente messo la foto dei miei amici scozzesi Boards Of Canada. E se i miei amici freakkettoni sempre in acido mi fossero venuti a trovare, con alcuni INTRECCI di radici di ginseng e primule nei capelli, e mi avessero chiesto "e chi sono questi?", io avrei risposto loro "questa è l'evoluzione della nostra tanto amata psichedelia, cioè è la psichedelia che stordirà i ragazzi nel 2080, figlia di quell'epoca" e loro "wow, ma tu hai vissuto in quell'epoca?" e io "no io in realtà vengo dal 2005, ma sappiate che i Boards vengono proprio dal 2080 nel 1998 e dicono di aver portato il sound della routine delle loro metropoli in formato cd. In queste megacittà la gente si vuole bene e lavora 3 ore al giorno, per poi godersi in silenzio la quiete. I servizi sono efficientissimi, c'è sempre una navetta per Marte ogni 10 minuti, mentre parte un transatlantico per Plutone massimo ogni due ore. Gli edifici hanno 400 piani ma sono alti 3 metri, questo perché all'entrata c'è un riduttore di dimensioni che fa diventare tutta la gente che entra alta 2 cm... sapete, nel futuro ci sono problemi di spazio. E ci saranno ancora i prati, cosa credete?! Prati dove le coppiette si sdraiano al crepuscolo e guardano le astronavi che improvvisano una danza popolare, in occasione del giorno del patrono.

I Boards Of Canada ci raccontano tutto questo, non a parole, ma con le loro melodie, che più liquide non si può. Così liquide che le capirete solo al settimo ascolto, sorpresi dalla semplicità di esse, ma cavolo, erano nascoste sotto i beats! Se per esempio ascoltate Roygbiv, capirete che la musica può essere perfetta, anche se dura solo 2,30 minuti, in cui vari INTRECCI melodici si sovrappongono fino a farvi star bene. L'effetto di un farmaco, non sto scherzando. I Boards, cari amici miei, ci vogliono solo dire che la frettolosità ed il controllo mediatico dei nostri tempi non andranno sempre peggio, come vogliono farci intendere Orwell e Dick, ma ci sarà un giorno che conquisteremo la pace da noi tanto sperata".

Hai capito perché Thom Yorke dopo aver ordinato tutto il catalogo warp se ne è uscito con Kid A? Questo è del 98 e nel 2002 questo fantastico duo se ne uscirà con un album ancora più psichedelico, forse anche più bello, vero Cleo? :)

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiCinque)

GK
GK
Opera:
Recensione:
Geogaddi!!!! bravo Tetsy.
hai visto che mi hanno rubato la rece? nani aiuto!!!


trellheim
trellheim
Opera:
Recensione:
purtroppo sono donna del passato...


GK
GK
Opera:
Recensione:
hai visto che me l'anno messa a posto! miticou!! lo sapevo, è meglio la tua di rece su understanding, vabe' credevo di aver scritto cose fin peggiori, mi aspetto un commento


GK
GK
Opera:
Recensione:
mi fa morire genere "cosmic"


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Stupendo, come il successivo "Geogaddi". Li adoro, e adoro il mio uomo del nord Giubbo. FInalmente un pò di sana elettronica, e che cazzo :D


ptr
ptr
Opera:
Recensione:
Grandiosi davvero... io sono rimasto a "GEODADDY", hanno pubblicato dell'altro?


khonnor
khonnor
Opera:
Recensione:
Ad ottobre in uscitail nuovo cd dei Boards of Canada..


Miss D.Velta
Miss D.Velta
Opera:
Recensione:
rece fantastica....di quelle che fa venir voglia di mettere assolutamente le mani su sto disco, grazie giubs :)


Giubbo
Giubbo
Opera:
Recensione:
grazie. si infatti, mi sono dimenticato di dire che quello del 2002 è geogaddi. da allora non hanno combinato niente i poltroni. ma il mese prossimo esce il nuovo, "the campfire headphase". ih ih, un titolo che mi sa proprio da loro. staremo a vedere


odradek
odradek
Opera:
Recensione:
bONJ
bONJ
Opera:
Recensione:
beh, le tue recensioni non tradiscono mai. ma purtroppo ammetto che dei Boards non ho mai ascoltato niente. Mi vergogno, mi metto in un angolino e mi autoflagello


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Meglio Tommaso Gerchinsone però :D


GK
GK
Opera:
Recensione:
il nuovo dei boards è online!!! l'ho trovato oggi!! è lui e sembra grande, un po'gelido un po' caldo. se lo vuoi 50 euro!!! scherzo. il mio numero ce l'hai, se lo vuoi te lo copio stravolentieri, fammi sapere!!!


Gale
Gale
Opera:
Recensione:
Butta un sample, dai, dai!!


Giubbo
Giubbo
Opera:
Recensione:
la tentazione è forte GK... dici che è meglio ascoltarlo, così se è bello lo prendo originale, se fa schifo non lo prendo... o è meglio rischiare, comprandolo senza ascoltarlo, fidandosi di loro e giocando sul fattore sorpresa?


GK
GK
Opera:
Recensione:
no io lo ho scaricato perchè sono curioso di natura, poi me lo compro sicuro


Cleo
Cleo
Opera:
Recensione:
La leggo ora... anche la citazione...:-).... come ho già scritto ho provato e riprovato a farmi piacere Geogaddi ma senza successo... forse questo mi piacerebbe di più??? La recensione di Giubbo quasi mi stuzzica a cercarlo... Domani faccio una prova, ascolto Geogaddi in macchina mentre vado al lavoro, chissà che non mi cambia prospettiva... vi farò sapere.


ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Cleo è molto più melodico dei precedenti, potrebbe aggradarti non sei particolarmente avvezza alle elucubrazioni mentali e ritmiche dell'elettronica Warp. A me piace, ma a volte mi sembra quasi di sconfinare nell'Ambient-Chill Out, boh... In ogni caso preferisco nettamente i primi due album, "Music Has The Right..." in primis. davvero uno dei lavori più belli degli anni '90. Saludos :-)


zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
Bellissima fantasia dal futuro


kaisar
kaisar
Opera:
Recensione:
concordo pienamente col recensore: il loro primo brano che ho sentito durava 50 secondi (Remmy Kid) e mi sono piaciuti subito. E' musica che ti entra nel cuore, ma non come quella merda che entra dal ventricolo destro e esce da quello destro: questa ti entra nel cuore e ci resta.


BabaCoffeeshop
BabaCoffeeshop
Opera:
Recensione:
E' vero fa venire voglia di sentirlo, soprattutto xkè lascia ampio spazio all'immaginazione dato ke oltre l'emotività (ke ci sta sempre tanto bene) nn c è molto altro nella recensione, nn parli dei brani se nn un breve accenno a Roygbiv.. brani come Telephasic Workshop o meritano anke 2 paroline... Grazie xò x averlo recensito, nn poteva mancare sto disco!


IcnarF
IcnarF
Opera:
Recensione:
Ma proprio proprio.


madcat
madcat
Opera:
Recensione:
Appestato mantrico
Appestato mantrico
Opera:
Recensione:
fosca
fosca Divèrs
Opera:
Recensione:

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Music Has The Right To Children è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link