Sto caricando...

Bob Dylan
Jewels and Binoculars

()

Voto:

Il 1966 è l'anno più importante per quanto riguarda l'evoluzione di Dylan nel mondo della musica rock. un mondo creato dallo stesso Dylan con le registrazioni dell'anno precedente e il suo coraggioso passaggio al rock elettrico nato in quel di Newport. Nel '66 infatti vede la luce il suo album definitivo "Blonde on Blonde" e la celeberrima tournée che partita dagli U.S.A. si conclude a Londra, tra la contestazione assoluta dei suoi vecchi fans che si sentivano traditi dalla svolta elettrica. Da notare infatti che è soprattutto in Inghilterra che il nostro venne più osteggiato per la sua scelta EPOCALE.

In questo monumentale cofanetto abbiamo tutto quello che si può trovare attualmente della produzione di Dylan in quel fatidico anno. Disseminati in 26 Cd abbiamo molte registrazioni (alcune registrate direttamente in linea e quindi di ottima qualità) di alcuni concerti del tour.

Le chicche sono i concerti finali alla Royal Albert Hall il 26 e il 27 Maggio 1966, il concerto di Liverpool dal quale venne tratta la versione sul singolo di "Just like Tom Thumb's Blues", il concerto di Leicester e quello di Sheffield. Tutti questi concerti sono incompleti ma quello che ascoltiamo e eccezionale. Alcuni show completi sono quelli in terra Australiana, di qualità ottima e molto simile al live ufficiale di Manchester. Lo show come molti sapranno era diviso in due parti la prima acustica in cui il pubblico ascolta in religioso silenzio Dylan che esegue alcuni classici più pezzi di "Blonde on Blonde" ancora inediti ("Vison of Johanna", "Just like a Woman"). Nel secondo set è la Band ad accompagnarlo e l'atmosfera cambia nettamente si sente il pubblico rumoreggiare, applaudire senza rendersi conto che chi stava lì stava assistendo alla storia del rock,ad uno dei momenti più importanti per questa musica. i Brani elettrici sono da brivido le rivisitazioni di classici acustici come "One too many mornings", le atmosfere allucinate di "Ballad of a thin man". Il concerto si chiudeva sempre con "Like a rolling stone" tranne qualche caso in cui eseguiva "Positively 4th street" sulla stessa tematica del brano più famoso.

I concerti registrati dall'Audience sono di qualità nettamente inferiore ma comunque affascinanti.

Sul cofanetto abbiamo inoltre gran parte delle interviste rilasciate nel periodo, estratti della colonna sonora del film "Eat the document", brani registrati da Dylan e Robertson in un Hotel a Glasgow.

A chiudere il cofanetto abbiamo un cd con tutte le outtakes e gli inediti delle sessions di "Blonde on Blonde". Degne di nota le versioni iniziale di "Vision of Johanna" registrate alla fine del 1965, e un cd con la versione mono dell'LP in questione.

Il tutto corredato da libretto con foto bellissime.

Naturalmente trattasi di Bootleg della famosa casa "Vigotone" quindi di non facile reperibilità ma è un oggetto su cui bisogna mettere le mani a tutti costi, almeno per i Dylaniani incalliti come me. A chi non interessa basta ascoltarsi il mitico live a Manchester uscito ufficialmente come "The bootleg series Vol.4"

Commenti (VentiCinque)

DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
26 cd? Perchè 3 stelline?


peggiopunx
peggiopunx
Opera:
Recensione:
bravo gilmort, sempre attento, questo è pre 75 percui prende un bel 5...vediamo, ora faccio come fai tu con le rece di musica post 75, denigro e metto un bel uno, allora, questo qui è un gran coglione, non ho mai ascoltato una sua canzone ma a prescindere mi sta sul cazzo, lo odio, musicista senza talento, lo ascoltano le pischelline...non capite un cazzo di musica...


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
I don't believe you. You're a liar


Bardamù
Bardamù
Opera:
Recensione:
"Play fucking loud"!


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
Ecco, ora peggiocox ha dimostrato a tutti che è un emerito deficiente. Alleluia


morningstar
morningstar
Opera:
Recensione:
Caro il vecchio Dylan, ma quanti bootleg ci sono in giro!? L'unico che ho sono "The Dylan Cash sessions" che in effetti merita.


peggiopunx
peggiopunx
Opera:
Recensione:
beh, tu lo hai dimostrato in precedenza...


hulloder
hulloder
Opera:
Recensione:
Hai ragione DaveJonGilmour mi ero sbagliato mi correggo e gli do 5 STELLE ci ho messo un botto a sentirlo tutto ma merita.


peggiopunx
peggiopunx
Opera:
Recensione:
la rece merita qualcosina in più.


hugoniot
hugoniot
Opera:
Recensione:
sostengo peggiopunx ...basta 20enni nostalgici..ps:io non è che ne abbia molti di più,ma l atteggiamento di daveblablabla è desolante,l album non lo conosco e non lo ascolterei mai per quanto bello possa essere..sono un pò stufo di questi mostri sacri


peggiopunx
peggiopunx
Opera:
Recensione:
e io sostengo te hugoniot...


hulloder
hulloder
Opera:
Recensione:
A Dylan dobbiamo tutto ,un ventenne tra l'altro non riuscirebe nemmeno a penetrare nell'universo Dylaniano, troppo complesso per molti. per avvicinarsi solamente bisognerebbe conoscere troppe cose della storia americana anche musicale ai più ignoti. Meglio allora lasciare perdere come dice hugoniot e peggiopunx li approvo in toto.


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
ritorna il mio amico hugoniot..perchè "desolante"? Perchè ho dato 5 a un mostro sacro?


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
perché non hai mai ascoltato questi bootleg. per questo


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
credi di essere arguto? buon per te


hugoniot
hugoniot
Opera:
Recensione:
il fatto e che è deprimente,se ti piace vivere nel passato allora stacca il pc,staremo tutti meglio..vedere i tuoi 5 buttati su tutti gli album di 50 anni fa è un insulto a chi questa "roba" l ha vissuta veramente,poi quando si vedono i tuoi striminziti 1 o 2 su capolavori recenti la cosa è ancora più deprimente,falla finita per te e per noi...BASTA DAVEBLABLABLA


DaveJonGilmour
DaveJonGilmour
Opera:
Recensione:
se fossero capolavori non gli darei certo 1 e 2..il resto del tuo post è insensato, parole buttate a casaccio, nulla più, fuffa caro hugoniot, aria fritta


hugoniot
hugoniot
Opera:
Recensione:
parole buttate a caso,ma se tutti ti dicono la stessa cosa,forse tui sei stato buttato a caso da una vagina...


hugoniot
hugoniot
Opera:
Recensione:
ma poi che cazzo passi 24 al giorno davanti al pc???ho scritto 2 minuti fa e già eccoti pronto,,,,fuori è giorno o notte???questo lo sai???


peggiopunx
peggiopunx
Opera:
Recensione:
ragazzi, gilmort è riuscito ad insultarmi per una notte intera senza che io gli rispondessi mai...


c'è
c'è
Opera:
Recensione:
per carità, non voglio entrare nel merito della discussione, perché ho già mosso le stesse critiche tempo fa. Quello che io mi chiedo è come mai sia al 112esimo posto nell'elenco dei casi umani, secondo me meriterebbe un piazzamento più alto, quantomeno per la dedizione dimostrata a questo sito


hulloder
hulloder
Opera:
Recensione:
Scusate ma io ho inserito un disco di Dylan e mi sarebbe piaciuto discorrere su questo, e non dare adito a polemiche inutili che infestano ogni recensione che sta su questo sito. Non esiste una recensione che non sfoci nell'invettiva personale lasciando al di fuori la cosa più importante che è la musica. Si può discutere su un cantante se piace, se fa schifo ecc. ecc. ma non parlare di altro e utilizzare le recensioni e i commenti per dare sfogo ad antipatie personali. Ci stanno tante chat e messaggini privati per litigare non infestate l'unico posto dove si puo conocere musica nuova e omaggiare i grandi del passato. :-)


hugoniot
hugoniot
Opera:
Recensione:
hai ragione ma debaser è anche questo... ;)


micromegas
micromegas
Opera:
Recensione:
molto interessante


hulloder
hulloder
Opera:
Recensione:
oramai superfluo dopo l'uscita di tutte le sessions 1965-1966 e tutti i concerti del mitico tour 1966 .

Tutto ufficiale.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Jewels and Binoculars è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link