Bryan Adams
18 'Til I Die

()

Voto:

Con mia grande sorpresa noto l'assenza di recensioni su Bryan Adams. È un peccato. Rimediamo subito. E partiamo dal meglio. “18 'Til I Die” (1996) è sicuramente una delle sue migliori opere, un Bryan Adams in grande forma, a tre anni dall'esplosione da best di "So Far So Good" (1993). La successiva raccolta, "The Best Of Me" (1999) più un riassunto approssimativo che un secondo greatest, avrà meno peso. Ma veniamo all'album.

La prima track "The Only Thing That Looks Good On Me Is You", singolo, si presenta fresco e sferzante, mostra un Adams in gran forma, con un riff accattivante (di riff interessanti e limpidi sarà costellato tutto l'album). La numero due, "Do To You" costituisce a mio avviso il momento meno interessante dell'album, ma non per questo brutto. Rockettino pure ballabile. Alla tre abbiamo un'opera d'arte di rock melodico e d'atmosfera che è "Let's Make A Night To Remember", regalata da un Bryan Adams soffice di voce e di chitarra. Segue la title track e si torna al fresco rock, spensierato dal contenuto della voglia dell'eterna giovinezza. "Someday I'll Be 18 Comin'on 55"!! Profetizza qui Bryan! Lo speriamo per lui e qui lo dimostra pure!
Segue un'altra perla che risponde al nome di Star. Un lento romanticissimo (Bryan Adams non si pone limiti di apparire troppo mieloso, quindi per chi non ama questo non è molto adatto) e coinvolgente tra acustica e piano. Al numero 6 troviamo "(I Wanna Be)Your Underwear" canzone osé che vaga nei desideri lussuriosi maschili. Musicalmente si presenta orecchiabile e pulita, rock ma non potentissima. La numero sette è "We're Gonna Win". Breve, potente, vibrante, trascinante. Crescente nel ritornello potrebbe apparire banale, ma non ci arriva. Si ferma prima, quasi perfetta. Se non erro è stata colonna sonora musicale di footballclub inglesi (il Chelsea se non erro) e di eventi calcistici in Inghilterra. Il perché si evince dal titolo. E dall'ascolto. Le prossime due sono canzoni decisamente d'atmosfera e rispondono ai nomi di "I Think About You" e "I'll Always Be Right There"; sono entrambe delle canzoni d'amore nel senso più proprio del termine, ma la seconda è meglio riuscita, con pause, arpeggi e molta cura.
Si torna al rock di risveglio brusco con "It Ain't A Party... If You Can't Come 'Round" lirica da mancanza in versione happy rock. L'ultima botta di rock, stavolta accattivante di doppia chitarra che crea tessuto e ricamo sovrastante sul verso, è "Black Pearl", n°11. Forse per la prima volta,basso in vista, anzi in esposizione. "Black Pearl... is my kind of girl!" Rocheggia Bryan sui suoi gusti. È la fusione tra donna e rock. Al numero dodici risponde "You're Still Beautiful To Me". Ballata gradevole, non eccellente, forse altro punto basso dell'album. Questo per quanto riguarda le canzoni melodiche. Per quelle rock si cala forse solo in "Do To You", come sopra citato. Ultima, non certo di importanza è "Have You Ever Really Loved A Woman?" con un ospite come Paco de Lucia che lo affianca alla chitarra (uno da niente!!!) e Bryan che sfoggia una lirica stupenda sia per il canto che per il testo: when you can see your unborn children in her eyes. Una poesia. Così si conclude l'album.

Premetto che la carriera di Bryan Adams è intensa sia cronologicamente che discograficamente e non basta certo un album, ma se si vuole cominciare, si potrebbe anche partire da un album come questo.

Questa DeRecensione di 18 'Til I Die è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/bryan-adams/18-til-i-die/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciotto)

josi_
Opera: | Recensione: |
Rock di serie B
BËL (00)
BRÜ (00)

NickGhostDrake
Opera: | Recensione: |
finalmente una recensione decente su un personaggio decente, cazzo!
BËL (00)
BRÜ (00)

bONJ
Opera: | Recensione: |
bryan adams è la feccia del rock
BËL (00)
BRÜ (00)

easycure
Opera: | Recensione: |
be, fra lui e BJ quasi meglio lui.. BJ sembra un androide, c'ha troppo lifting
BËL (00)
BRÜ (00)

Hal
Hal
Opera: | Recensione: |
Benvenuto Mercurio, ma non sorprenderti più di tanto per eventuali assenze. Bryan Adams è solo una fra le tante e forse nemmeno la principale, per quanto se ne possa discutere. Personalmente lo digerisco poco il canadese. Ciao
BËL (00)
BRÜ (00)

egebamyasi
Opera: | Recensione: |
serie B? no no, qui si rischia di retrocedere in C2!
BËL (00)
BRÜ (00)

cece65
Opera: | Recensione: |
"Con mia grande sorpresa noto l'assenza di recensioni su Bryan Adams. È un peccato. Rimediamo subito". La rece non è male, ma devo dire che non impazzisco per leggere recensioni su 'sto qua.
BËL (00)
BRÜ (00)

Giorrrrrgio
Opera: | Recensione: |
daje con l'accanimento...
BËL (00)
BRÜ (00)

RealAXL
Opera: | Recensione: |
Pensa se avessero fatto una rece su Paola e Chiara...
BËL (00)
BRÜ (00)

Mike76
Opera: | Recensione: |
Mi è piaciuta la premessa a fine recensione. Per il personaggio in questione invece no comment.
BËL (00)
BRÜ (00)

BORNTORUN1976
Opera: | Recensione: |
OVVIAMENTE CERCAVO RYAN ADAMS E NON BRYAN MA TROVANDOMI QUI LASCIO IL MIO PARERE. POPO'...FORSE DI CAMELLO MA PUR SEMPRE POPO'. Ritengo Bon Jovi il calzino bucato di Springsteen....Ryan Adams forse potrebbe fare magari da dentiera (si ma tra almeno altri 50anni spero)
BËL (00)
BRÜ (00)

alfo
Opera: | Recensione: |
è un bel disco assortito.. ma bryan a parer mio va visto live... molti pregiudizi cadrebbero.. un vero manovale del rock!
(PS cè da dire che lui fa di tutto per nasconderla questa faccia live)

BËL (00)
BRÜ (00)

Duane
Opera: | Recensione: |
Recensione approssimativa...disco veramente mediocre e privo di ispirazione...
BËL (00)
BRÜ (00)

Donzia81
Opera: | Recensione: |
disco carino,comunque secondo me di questo artista basta possedere la stupenda raccolta "so far so good" e niente di più
BËL (00)
BRÜ (00)

awd
awd
Opera: | Recensione: |
Questo non lo considero uno dei migliori album di BA. Anzi secondo me rappresenta l'inizio del suo inesorabile declino artistico, e se si esclude il successivo "On a day like today"(1998) che è un buon album (meglio di questo, IMHO), non ha più fatto nulla di valore, anzi è diventato troppo troppo commerciale.
Di quest'album sono interessanti la title track, "We're Gonna Win", molto energica, "I Think About You" per la semplicità, e "Have You Ever Really Loved A Woman?" che per quanto musicalmente stanchi presto, ha un testo pregevole.

BËL (00)
BRÜ (00)

Maupassant83
Opera: | Recensione: |
Ottimo album, ottimo artista, otima recensione! Bryan Adams è ormai un pietra miliare del rock, e una delle poche certezze del rock di oggi.Complimenti.
BËL (00)
BRÜ (00)

daduzza
Opera: | Recensione: |
grande album, nulla altro da dire. Dopo questo lavoro purtroppo niente più di particolarmente interessante, ma questo è uno strepitoso testamento.
BËL (00)
BRÜ (00)

Mattia Rossi
Opera: | Recensione: |
Disco orecchiabile però trovo insopportabile The Only Thing That Looks e blah blah...una palla mostruosa...
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: