Bryan Adams
Waking Up the Neighbours

()

Voto:

Sentire il campanaccio battuto a tempo, ad introdurre la chitarra che fa un riff "cool", mentre il cantante ti entra dicendo "Oh Yeah", per un patito di rock della generazione anni '80 è una delle cose migliori, e se è gia così alla prima canzone, capisci di aver speso bene i tuoi soldi. In copertina un ragazzo con una stratocaster a tracolla che urla in un megafono, a dimostrare che "Svegliare i vicini" è una prerogativa di chi non ha paura di esprimersi facendo casino, che spetta a chi piace far festa senza curarsi dell'opinione della gente. Non è da tutti.

Su questi toni è improntato questo album, che fa spiccare un salto di notorietà e anche di qualità musicale al rocker canadese, ponendosi giusto nel mezzo fra le sonorità di e quelle di "18 Til' I Die". Senza dimenticare che appena dopo "Wakin' up the Neighbours" verrà il best "So Far So Good", coadiuvato da questo album, che sforna alcuni fra i singoli che i fan di Adams si porteranno nella tomba.

Dopo lo sfolgorante inizio di "Is Your Mama Gonna Miss Ya", proseguiamo agitandoci e saltando al ritmo di "Hey Honey I'm Packin' You In", per arrivare al singolo "Can't Stop This Thing We Started", una delle canzoni da concerto più trascinanti di Bryan, nonché una delle più famose e apprezzate. La prima canzone che si può definire "lenta" o "melensa" per i maligni, è la numero quattro "Thought I'd Died And Gone To Heaven", che ben dimostra la dialettica e la poetica da songwriter di Adams. Abbiamo un altro lento romantico e struggente, prima della più famosa "(Everything I do) I Do It For You", colonna Sonora del film "Robin Hood principe dei ladri", con Kevin Costner (n.d.a.), brano di enorme successo e singolo portante del disco. Si tratta di "Do I Have To Say The Words?", ottava traccia, l'altra ballata che supera i sei minuti; precede la più famosa sopraccitata hit, ma è attorniata dai due pezzi più rockeggianti di tutto l'album. Prima troviamo "House Arrest" anima e colonna portante dello svegliare i vicini, come spiegato nel testo, poi la ancor più festaiola "There Will Never Be Another Tonight". Muoviamo il culo anche sulla seguente, "All I Want Is You", lenta e marcata, ma potente e precisa allo stesso momento. Ancora rock, quasi a non voler far dimenticare le origini blues e rock'n'roll dell'autore, ma anche forse a tappare il buco qualitativo che le più vendibili ballate inevitabilmente creano. Tre ultime canzoni, per finire ancora tenendo il ritmo battendo con la punta del piede a terra. E a chi non viene voglia di far finta di suonare una invisibile chitarra ascoltanto "Touch The Hand" e "If You Wanna Leave (Can I Come Too?)"?

Citiamo anche le intermedie "Not Guilty", "Vanishing", "Depend On Me" e "Don't Drop That Bomb On Me", ascoltabili ma che sembrano messe li a portar via tempo, se pensiamo a quanto altro c'è da ascoltare; sono brani mediocri, antipasto del genere più "soft" in cui andrà a finire Adams in futuro.

Dunque questo è si l'album della canzone di Robin Hood, ma vuole distinguersi soprattutto per tutto il rock che c'è attorno; tutte le canzoni si fanno ascoltare in successione, non c'è modo di stufarsi o di dover spegnere, la musica qui la fa da padrona, in un incessante andirivieni di rock e lenti, come fosse la festa di un liceale d'oltreoceano. L'aiuto di "Mutt" Lange alla produzione da certamente una mano, ma lo scopo di un produttore è propriamente quello di tirar fuori il maggior talento dall'artista.

Detto ciò, possiamo anche porci una domanda: possibile che a volte un canadese sappia fare il rock meglio degli americani? Certo, le origini sono quelle, ma viene da pensare che Bryan sia un degno concorrente per diverse band a stelle e strisce, e allora lode alla foglia d'acero se vorrà dispensare altri artisti come Adams.

Questa DeRecensione di Waking Up the Neighbours è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/bryan-adams/waking-up-the-neighbours/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Trenta)

templare
Opera: | Recensione: |
Secondo me.......mmhhh, ....è proprio brutto. Comunque.....
BËL (00)
BRÜ (00)

ecioso
Opera: | Recensione: |
"(Everything I do) I Do It For Youuuu"........pura merda al cubo.
BËL (00)
BRÜ (00)

il giudicone
Opera: | Recensione: |
....."come fosse la festa di un liceale d'oltreoceano"....che figata!!!! ma x favore....
BËL (00)
BRÜ (00)

Michoos What
Opera: | Recensione: |
Possibile che a volte un canadese sappia fare il rock meglio degli americani?Beh in certi casi si..mi viene in mente un gruppo a 3 con un "discreto" batterista...
BËL (00)
BRÜ (00)

djmushroom
Opera: | Recensione: |
Reckless era un gran disco. Anche qualche singolo qua e là non è male. Questo disco è molto furbo. Canzoni molto fm per il pubblico di mtv.
BËL (00)
BRÜ (00)

El minchia
Opera: | Recensione: |
Suvvia Michoos i Venom non sono meglio di Bryan...
BËL (00)
BRÜ (00)

BiancoeNero
Opera: | Recensione: |
Il Gigi D'Alessio d'America.
BËL (00)
BRÜ (00)

Oo° Terry °oO
Opera: | Recensione: |
Eeeeeeeeeeeeeh NO
BËL (00)
BRÜ (00)

Sotanaht
Opera: | Recensione: |
Mai amato Bryan Adams, mai sopportato, la sua musica penosa e banale, i testi stucchevoli e puerili...ovviamente c'è molto di peggio in giro (purtroppo...), ma a mio avviso un artista da dimenticare.
BËL (00)
BRÜ (00)

ajejebrazorf
Opera: | Recensione: |
com'era quella scena del film di south park? "non è la prima volta che voi del canada importate cose discutibili, è già successo con bryan adams" - "il nostro governo ha piu’ e piu’ volte chiesto scusa per Bryan Adams”
BËL (00)
BRÜ (00)

IlMigliore
Opera: | Recensione: |
che cesso!
BËL (00)
BRÜ (00)

IcnarF
Opera: | Recensione: |
telespallabob
Opera: | Recensione: |
Rece discreta, di Bryan Adams non conosco molto
BËL (00)
BRÜ (00)

laRock
Opera: | Recensione: |
mahhhhh... mi fa ancora commuovere ancora la canzone everything i do ... il resto non conosco
BËL (00)
BRÜ (00)

laRock
Opera: | Recensione: |
minchia che bel post. grammaticalmente 'na merda
BËL (00)
BRÜ (00)

MissBlinky
Opera: | Recensione: |
Mi fa cadere le ovaie.
BËL (00)
BRÜ (00)

Oo° Terry °oO
Opera: | Recensione: |
A me persino le tette Miss.
BËL (00)
BRÜ (00)

currahee72
Opera: | Recensione: |
Tipico disco alla Adams, piacevole e leggerino rovinato però da un lavoro di produzione di Mutt Lange che lo fa sembrare un clone dei Def Leppard. Sicuramente meglio dal vivo.
BËL (00)
BRÜ (00)

MissBlinky
Opera: | Recensione: |
Beata, Terry! Almeno le tue rispettano la forza di gravità! Quelle che ho io sono talmente inconsistenti che non cascano neanche se mi sottopongo ad una cura di Pelù e Bon Jovi.
BËL (00)
BRÜ (00)

Oo° Terry °oO
Opera: | Recensione: |
Hai mai provato con Gigi D'Alessio?
BËL (00)
BRÜ (00)

aristogatto
Opera: | Recensione: |
parlate di tette? posso unirmi a voi?
BËL (00)
BRÜ (00)

Oo° Terry °oO
Opera: | Recensione: |
Mukkiodossa
Opera: | Recensione: |
Ma sta rece è una barza. Comunque Bryan fa cadere le tette pure a me. Tutte e tre.
BËL (00)
BRÜ (00)

S4doll
Opera: | Recensione: |
ogni volta che ne sento parlare mi torna in mente il commento n.10... però Summer of 69 da marmocchio la ascoltavo parecchio
BËL (00)
BRÜ (00)

jeremy
Opera: | Recensione: |
Questo mi sta sulle palle quasi come gion bongiovi....praticamente il ligabue canadese
BËL (00)
BRÜ (00)

Oo° Terry °oO
Opera: | Recensione: |
Gion Bongiovi LoL XD
BËL (00)
BRÜ (00)

The Spirit
Opera: | Recensione: |
Un grande.
BËL (00)
BRÜ (00)

awd
awd
Opera: | Recensione: |
Recensione orribile e imbarazzante. Una delle peggiori mai lette!
L'album invece è di tutto rispetto, il migliore di Adams prima dell'inesorabile declino artistico. per legami affettivi gli darei un volentieri 4, ma mi limiterò ad un più adeguato 3.
BËL (00)
BRÜ (00)

Karter4
Opera: | Recensione: |
Mi convincono solo 2/3 pezzi, il resto niente...
BËL (00)
BRÜ (00)

MauroG
Opera: | Recensione: |
Il miglior album di Bryan Adams dopo Reckless, Can't stop this thing we started è un gran bel pezzo ma in generale mi sembra che non ci siano punti deboli.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: