Sto caricando...

Camel
A Nod and a Wink

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


In continua evoluzione musicale, con nuove idee motivate dal successo del precedente lavoro Rajaz, l’ultima fatica per il cammello porta ancora una volta un cambio di rotta. La magnifica copertina è la sintesi perfetta di questo particolare e coraggioso disco: un’atmosfera dolce e fiabesca, rotta dal passare in lontananza di un treno che si muove verso chissà dove! E’ forse uno sguardo sul proprio passato, un uomo maturo che guarda dall’alto il proprio se stesso bambino, mentre lontano un treno a vapore (la vita?) prosegue il suo cammino sibilando lungo i binari della propria esistenza. Ed è proprio il fischio di un treno in partenza ad aprire il disco, primo capolavoro dell’album, con un frizzante flauto di Latimer ed un finale carico di angoscia e malinconia (…di giorno o di notte, al buio o alla luce, torna da me, allo stesso modo in cui parti. Allora puoi sempre trovarmi nei tuoi sogni…) che sbocca, senza soluzione di continuità, in “Simple Pleasures”, composizione dalle sonorità blueseggianti con lunghi e deliziosi fraseggi di chitarra. Non si tratta di un concept, le composizioni sono slegate concettualmente ma unite dal un comune significato, la magia dell’esistenza (…quando ha lasciato la stanza il suo profumo riempiva l’aria. Sono trascorsi trent’anni, è ancora lì…).

Sono davvero tanti i riferimenti al passato, all’eterno fanciullo che abita ognuno di noi come nella acustica-pastorale “A Boy’ s Life(…provo a vedere attraverso i tuoi occhi, ma la vita continua a cambiare il punto di vista. Siamo così diversi? Dopo tutto è la vita di un ragazzo…). Flauti, chitarre acustiche e tastiere si intersecano in un turbine di emozioni dense di significato. Il ritmo incalzante del finale del brano introduce uno dei momenti più pittoreschi del disco, ma oserei dire anche dell’intera discografia dei Camel:”Fox Hill”. Sono ancora le chitarre acustiche, sostenute dalle tastiere di Guy Leblanc ad aprire il brano. Si narra la storia della caccia alla volpe, una storia finita male…ma non per la volpe Tod, che non sarà mai acciuffata! Anzi è proprio lei a sfidare gli aristocratici inglesi in questo gioco (...”beh, sono un abile schivatore” disse la volpe. “Non mi prendono mai, no. Conduco tutti loro in una danza allegra”…). Intorno ai quattro minuti troviamo un interessante duetto di chitarra e tastiera che riprende il tema iniziale, per chiudere ancora una volta con Latimer ispiratissimo.

I pochi versi di “The Miller’s tale”, uno dei miei pezzi preferiti, riportano alle tipiche atmosfere cameliane costruite su un arpeggio di chitarra accompagnato dal flauto onnipresente. Qui Latimer si supera, in pochi versi canta magnificamente, poi l’atmosfera si incupisce e subentrano prepotentemente violoncello ed oboe in un finale in crescendo (…e i due amici tornarono a casa. Non c’è bisogno di parole. Sono come una cosa sola. E ora l’estate è finita, la luce sui campi invecchia…). L’immancabile strumentale targata Camel, riconoscibilissima, mantiene alto il livello dell’album. E’ un brano interessante, anche dal punto di vista compositivo, ma che forse scende un gradino sotto a “Sahara” del precedente Rajaz. C’è tuttavia un grandissimo lavoro alla batteria con notevoli variazioni ritmiche. Si arriva così alla conclusiva “For Today”, l’unica che vede anche la firma di Leblanc in un disco le cui liriche sono appannaggio del leader e di sua moglie Susan Hoover. Le ferite dell’attentato alle torri gemelle dell’11 settembre sono ancora aperte, ma nell’amara consapevolezza che niente sarà più come prima, il disco chiude con un barlume di speranza (…niente dura per sempre, non ci sono seconde possibilità, non perdere mai un giorno, vivi sempre ogni giorno…).

A nod and a wink non è solo l’ultimo disco di inediti della band inglese, è forse il più intimista. Un album che parla tanto dello stesso Andy e che ha il merito di andare oltre certi schemi di scrittura che spesso vengono imposti ai musicisti. E’ anche l’album meno progressive, meno pop, meno sperimentale, ma sicuramente vi accorgerete sin dalle prime note che è un gran bel disco. Ed è dei Camel.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

Taddi
Taddi
Opera:
Recensione:
Più che un album dei camel, questo sembra quello di una cover band alle prime armi... È l' unico CD loro che possedevo, ma ho fatto in fretta a rivenderlo. Forse il genere non mi entusiasma, ma non sono mai riuscita ad ascoltarlo interamente. Tu molto bravo


Lunarsea
Lunarsea
Opera:
Recensione:
In effetti non è l'album giusto per iniziare ad ascoltare i Camel....Ti consiglio "Moonmadness" e "The snow goose"...


dsalva
dsalva
Opera:
Recensione:
A me vieni a parlare di Camel, no dico.....
#itiseasierthanacamel
Il disco è discreto, di loro preferisco le produzioni 70


Lunarsea: Up the Camels!!! Però io disco é molto valido per me...ma forse sono di parte
bluesboy94
bluesboy94
Opera:
Recensione:
"Harbour of Tears" è un gran bel concept-album; questo è decisamente inferiore, anche se non mancano momenti di buona ispirazione melodica (l'assolo chitarristico che chiude "For Today").


Onirico
Onirico
Opera:
Recensione:
Il disco non lo conosco, ma for today è la canzone loro che preferisco insieme ad ice.


Hetzer
Hetzer
Opera:
Recensione:
Netto passo indietro rispetto all'ottimo Rajaz, che però è forse tra i migliori album dei Camel, roba di altissimo livello.. A Nod And A Wink è troppo fiabesco, troppo molle, troppo romantico, troppo poco invicisivo e per nulla spensierato, e infatti manco a dirlo il brano migliore e Fox Hill, che è anche il brano più vario e progressivo di tutto il lotto.. Si riascolta volentieri eh, ma annoia in fretta; è comunque suonato e proidotto benissimo, avercene di dischi così anche in questi anni!

Recensione un po' spenta, ma nella media; davvero pessima la scelta di tradurre le liriche originali!


bluesboy94: Per i Camel ho provato un grande amore musicale che non si è mai del tutto spento. Tutto questo per dire che alle mie orecchie il disco migliore dell'ultima fase della carriera dei Camel è Harbour of Tears, disco non chissà quanto originale, ma autenticamente ispirato con un copioso fioccare di melodie che ti restano in testa. Rajaz al confronto è soporifero (ed in parte comunque non lo è).
splinter
splinter
Opera:
Recensione:
Un ottimo disco di prog classico, diciamo che di tutta la discografia del cammello è quello che meno aggiunge al loro bagaglio, è solo un gradito ritorno a certe origini.


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di A Nod and a Wink è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link