Sto caricando...

Charlie Parker
Bird At St.Nicks

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Charlie Parker può essere considerato senza ombra di dubbio fra i musicisti più influenti della storia del jazz, nonchè come una delle massime icone di un genere che fino alla metà del '900 (insieme forse solo al blues del delta) aveva rappresentato l'unico "dono all'umanità" puramente made in U.S.A dal punto di vista musicale.

Pioniere insieme a pochissimi altri dello stile Bebop, Parker saprà, in 3 lustri scarsi di carriera discografica in qualità di band leader (dai primi anni '40 fino alla prematura scomparsa del 1954), meglio di chiunque altro indicare una nuova strada in cui il jazz non fosse più solo una musica da intrattenimento e da ballo legata a livello concettuale alle grandi orchestre swing degli anni '30 composte perlopiù da bianchi. Con il Bebop gli afroamericani si riappropriavano di una musica di cui avevano la paternità assoluta: improvvisamente la vicenda jazzistica si spostò dagli opulenti club di Harlem (all'epoca un quartiere raffinato destinato all'intrattenimento dei bianchi) stile Cotton Club ai minuscoli bar della 52esima strada in cui era consentito l'accesso agli afroamericani. Locali dalle esigue dimensioni  in cui si esibivano formazioni da 3 a massimo 6 elementi quali il Three Deuces, il Downbeat o il il Minton's di Harlem assursero  al ruolo di nuovo scenario del jazz in cui per pochi dollari era possibile assistere agli infuocati set e alle jam sessions di musicisti bop rivoluzionari quali Bud Powell, Dizzy Gillespie e appunto Charlie Parker considerato alla stregua di un semidio dalla folta schiera di giovani musicisti che  si affacciavano sulla scena musicale newyorkese nella prima metà degli anni '40 fra i quali vale la pena citare  alcuni futuri geni assoluti del jazz come Miles Davis, Charlie Mingus ,Thelonius Monk, Max Roach che si formarono all' "accademia" di Charlie Parker (jam infinite,ore piccole e stravizi)e con cui ognuno di essi riuscì a collaborare.

I musicisti Bebop, seguendo l'esempio parkeriano, prendevano le distanze dalla "tradizione" del jazz anni '20 e '30 ma non la rinnegavano, se da una parte l'estetica del concetto di improvvisazione portato avanti da Parker & co fu  condotta all'estremo in termini di virtuosismo e veemenza nell'esecuzione strumentale, dall'altra le strutture armoniche e metriche dei brani composti dai maggiori esponenti del movimento bop rimanevano più o meno fedeli al "formato canzone" degli standards anni '20 e '30.Grazie a Charlie Parker il jazz riacquisirà una dimensione da musica popolare nell'accezione più alta del termine, una musica istintiva per niente semplice da eseguire, destinata a tutti ma al contempo cerebrale e spigolosa, è così che il Bebop può essere considerato un antesignano seppur di nicchia dei movimenti  socio-culturali di black pride dei decenni a seguire, i boppers infatti attraverso i loro arrabbiati assoli suonati a velocità vertiginose  cercano di dimostrare la propria superiorità artistica nei confronti dei bianchi; i jazzmen neri degli anni '40 diventano così  star da copertina del Time ma senza arricchirsi.

Sulla vita "avventurosa" e sugli stravizi di Charlie Parker esiste molta letteratura, spesso questo aspetto legato alla sua visione dionisiaca della vita ha in parte oscurato il  talento cristallino del sassofonista di Kansas city,ad esempio il film Bird del 1988 ad opera di Clint Eastwood risulta francamente poco attendibile, la sceneggiatura sembra troppo incentrata sulle vicende extramusicali e in particolar modo sull'ultimo periodo piuttosto buio della sua carriera.E proprio in questo periodo che viene registrato Bird at St.Nick's. Come suggerito dal titolo del disco siamo difronte ad un live registrato all'arena della boxe di St Nicholas a Manhattan, esattamente nel Febbraio del 1950 ma che vedrà le stampe solo anni dopo grazie all'interessamento di Charlie Mingus.

La formazione che  accompagna Parker nelle 13 tracce del disco, sebbene lontana dalla "all stars" band di "Jazz at Massey Hall" del 1953 (autentico canto del cigno di Charlie Parker prima della morte), è di tutto rispetto e annovera tra le sue fila musicisti del calibro di Red Rodney alla tromba  come co-leader, Al Haig al piano (già con Parker e Gillespie ad inizio anni '40) oltre alla sezione ritmica composta da Tommy Potter e Roy Haynes rispettivamente al basso e alla batteria.Ciò che colpisce oltremodo dando uno sguardo alla tracklist è  la completezza della  proposta dei brani ,un autentico "Best of" sotto forma  di live , si  va infatti da alcuni degli  episodi più famosi della carriera di  Parker quali Ornithology, Scrapple from the apple Confirmation, Now's the time alle riuscitissime rivisitazioni di celebri standards  quali Embraeceble of you di Gherswin o Smoke Gets in your eyes di Jerome Kern; oltre a Out of Nowhere e What's New? già presenti in maniera stabile  nel repertorio del sassofonista e che molti conoscono soprattutto tramite le sue interpretazioni.Gli interventi solistici sono quasi tutti riservati a Parker e in misura nettamente inferiore  a Red Rodney, tuttavia la sezione ritmica e il piano non ne escono affatto ridimensionati garantendo comunque un granitico tappeto ritmico adatto agli ampollosi ed efficaci soli di Parker, da segnalare degli interessantissimi fill di batteria da parte di Haynes nei brani più speed.

C'è da dire però che il live in questione ha una grave pecca: la pessima qualità audio della registrazione, che lo avvicina di più ad un bootleg (per certi versi lo è) che ad un live ufficiale, è un vero peccato tenuto conto del fatto che in alcuni momenti la musica  presente nel disco raggiunge dei picchi molto alti dal punto di vista qualitativo,quasi sempre scarsa rimane invece la proporzione dei volumi dei singoli strumenti con l'accompagnamento pianistico appena percepibile e la batteria che troppo spesso copre gli interventi dei solisti. Interessanti tuttavia le interazioni del pubblico sotto forma dei molti "yhea!" e scrosci di applausi perennemente presenti in sottofondo insieme al carateristico "fruscio da vinile".

In conclusione "Bird at St.Nick's" può essere definito come un disco destinato in particolar modo ai cultori di Charlie Parker, pensare che possa essere apprezzato a pieno da chi per la prima volta si cimenta in ascolti del genere sarebbe davvero pretenzioso, ripeto non perchè sia un prodotto privo  di contenuti ma a causa della scarsissima qualità audio che non permette di cogliere degnamente la ricchezza delle sfumature presenti nella musica di Parker.

Saluti e alla prossima

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ultimi Trenta commenti su CentoQuarantaSette

PanNZZOone1
PanNZZOone1
Opera:
Recensione:
Nes invece di star qui a fare il solito pirla fai a farti un bel giro che e' primavera...


solveetcoagula
solveetcoagula
Opera:
Recensione:
Credo per fortuna di avere più cose da imparare che da insegnare. Forse non hai mai capito il mio punto di vista sulla questione. Cercherò di spiegartelo di nuovo. Chi ci dice che Miles Davis non abbia avuto voce in capitolo sugli arrangiamenti di quei capolavori? Puoi dimostrarmi che non è così? Voglio da te le prove se ne hai. In caso contrario taci.


PanNZZOone1
PanNZZOone1
Opera:
Recensione:
ahaha haahhaahhaahahh avevo ragione mmmmm quando li pesco in fragranza mi viene sempre uno sciopone ahah ahah a hha


solveetcoagula
solveetcoagula
Opera:
Recensione:
Con "a kind of blue" il trombettista che secondo te non conosceva l'armonia realizza il primo lavoro di jazz modale. A Davis credo si debba anche la nascita della fusion a meno che tu non conosca dei precedenti.


solveetcoagula
solveetcoagula
Opera:
Recensione:
Che Ogerman abbia lavorato agli arrangiamenti assieme a Jobim e Sinatra (che non sono Tizio e Caio) è ovviamente qualcosa che ho appreso dai libri. Ne parlano sia Berndt sia Rui Castro.


solveetcoagula
solveetcoagula
Opera:
Recensione:
So che la tua disistima evidente per Davis ti porterà a dire riguardo "a kind of blue" che il merito sarà stato tutto di Bill Evans.


PanNZZOone1
PanNZZOone1
Opera:
Recensione:
" Con a Kind of blue il trobettista .... " E anche questa l'hai letta ebbasta leggere che ti fan male le orekkie ! L'altra invece e' propio il contrario di quello che dici , il Modale minimizzava con la costruzione di pochi accordi su scale appunto modali la liberta' melodica del solista , il pratica l'esatto contrario delle complesse e articolate progressioni che si erano sviluppate nel decennio precedente ( sopratutto nel GENIO di PARKER )


solveetcoagula
solveetcoagula
Opera:
Recensione:
Cazzone1 Questo non l'ho letto, ma è un dato acquisito da ormai non so quanti decenni. Ad ogni modo, se non ti piace il jazz modale ed ami solo ciò che è stato fatto sino agli anni '50, questi sono affari tuoi. Per te sarà pure stata un'involuzione, ma, per dire, ci sono anche persone che rifiutano tutto ciò che che è stato fatto in musica dopo Bach. Il mondo è bello perchè vario. Per come la vedo invece io, questo è il primo disco jazz in cui il solista, finalmente libero dalla gabbia degli accordi, ha possibilità enormemente più ampie di improvvisare, e mai era stato fatto qualcosa di simile prima o quanto meno mai in modo così programmatico.


nes
nes
Opera:
Recensione:
sì proprio una bella giornata ora però .


Bonzo70
Bonzo70
Opera:
Recensione:
Panzzzza, ma si scrive "flagranza" non "fragranza"!!!! Ma vendi deodoranti per ambienti? Cambiando discorso, devo andare a un concerto di Trovatori e Trovieri in Occitania. Verresti con me?


PanNZZOone1
PanNZZOone1
Opera:
Recensione:
abbonzo certo che me ne sono accorto ( una frazione di un millionesimo di secondo dopo ) ma che correggevo a fare ahahah hahha h h arriva il maestrino tutto sudato " ma guarda che hai cannato ha spostato le note !" ahhahahahha ahha a proposito di deodoranti , beccati questo fraseggio modale : PPROOOOOOTTTTT figurati se vengo con te ,' mi vuoi impecorinare tutte le sere maialino ? " Se a te non piace il jazz modale " vabbe' l'hai deciso tu' ahah ahah h la tua fantasia decide tutto ormai . George Russell non ti dice niente dopo Gil Evans ( che gia non conoscevi ) lui la testa e Bill evans le mani , " Involuzione " E chi ha parlato di involuzione? anzi ! solo che gli accordi con il cervello li tirava fuori bill Evans ( anche dopo averci suonato con Russell probabilmente nel primo disco di jazz modale )


Bonzo70
Bonzo70
Opera:
Recensione:
Ehm, Gil Evans? E chi ha parlato di Gil Evans? E di jazz modale? E, soprattutto, chi suda?


PanNZZOone1
PanNZZOone1
Opera:
Recensione:
No con te parlavo solo delle renze


Bonzo70
Bonzo70
Opera:
Recensione:
Ma perchè sei stato bandito? Hai detto le parolacce? Sei proprio un ragazzaccio....


PanNZZOone1
PanNZZOone1
Opera:
Recensione:
" Ma si scrive flagranza " !!! ma vattinne p.s sopratutto lo dico io


PanNZZOone1
PanNZZOone1
Opera:
Recensione:
mister fake che minghia vuoi ?


Bonzo70
Bonzo70
Opera:
Recensione:
flagranza, albori etc. etc. eh, questa "l" non la vuoi proprio usare....


PanNZZOone1
PanNZZOone1
Opera:
Recensione:
Mi sta sulle palle la L embe' che minghia vuoi ?


solveetcoagula
solveetcoagula
Opera:
Recensione:
ahaha Visto il tuo amore per Miles Davis lo sapevo che avresti detto questo (leggi commento 123!)! Ormai inizio a prevedere ciò che scriverai. Le persone con delle menti "speciali" come la tua possono essere del tutto imprevedibili o desolatamente banali. Tu appartieni alla seconda categoria.


solveetcoagula
solveetcoagula
Opera:
Recensione:
Gil Evans comunque lo conoscevo eccome. Chi non conosce i capolavori di Miles Davis nella columbia?


solveetcoagula
solveetcoagula
Opera:
Recensione:
Di Russell conosco solo, a parte i suoi lavori come arrangiatore, solo Ezz-ethics. Mi consigli qualcos'altro di suo?


PanNZZOone1
PanNZZOone1
Opera:
Recensione:
vabbe' va mi hai rotto i coglioni non sai dire un cazzo oltre che ad arrampicarti con giochi di parole .... buona continuazione ( ed e' pure musicista andiamo bene andiamo )


Bonzo70
Bonzo70
Opera:
Recensione:
tra Vacco Rossi e un jazzista creolo di pelle rigorosamente bianca per Zio Miraggio è lo stesso, basta che ci sia posto


Bonzo70
Bonzo70
Opera:
Recensione:
i voti erano questi


thismonkeygoneh
thismonkeygoneh
Opera:
Recensione:
ascolto relativamente da poco jazz e devo dire che mi sto pentendo di non aver cominciato prima


Zioo_miraggio
Zioo_miraggio
Opera:
Recensione:
A me il jazz piace tutto caro bonzo e senza nessun rigoroso ...... Ho risposto allo scritto non del tutto corretto della recensione riconoscendone e distribuendone i meriti anche ad altri protagonisti di quell'epoca , tutto qua' , ma non lo dico io lo dice la storia del jazz .


Bonzo70
Bonzo70
Opera:
Recensione:
Bonzo70
Bonzo70
Opera:
Recensione:
non dare 5 palle al buzzurro di Zocca però!


Zioo_miraggio
Zioo_miraggio
Opera:
Recensione:
va be' dai facciamo 4 palle e non se ne parla piu'.


CedroTall
CedroTall
Opera:
Recensione:
solo 3 palle a Charlie Parker è sacrilegio


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Bird At St.Nicks è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link