Sto caricando...

Cristi Puiu
La morte del signor Lazarescu

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


La verità è che non ho più la pazienza di vedere film. Ecco.

Però è successo che la reclusione forzata mi ha tolto tutti quei passatempi che normalmente utilizzo per riempire i vuoti e quindi non ho potuto fare a meno, seppure in piccola parte, di vedere nuovamente qualcosa sullo schermo.

Ho chiesto consigli un po' a tutti ed è così che è saltato fuori La Morte del Signor Lazarescu. Devo dire che il fatto che me l'abbiano presentato come una commedia non ha sortito da subito il giusto effetto, inoltre è stato difficile “reperirlo”.

Il film è rumeno, questo era certamente un grosso punto a favore per quanto mi riguarda, non so se qualcuno di voi abbia avuto modo di vedere i film di Cristian Mungiu.. bè, pare proprio che questo film di Cristi Puiu sia il capostipite di questo modo di fare cinema.

Per chi fosse totalmente a digiuno mi sembra giusto spendere due-parole-due su quanto viene prodotto in Romania. Il nuovo cinema rumeno è la quintessenza di un realismo inaspettato nel quale vengono analizzate tematiche sociali tipiche di uno stato in cui una dittatura ha lasciato strascichi importanti che ancora oggi non trovano soluzione. Questa corrente viene chiamata Nuova Onda, definizione in verità molto controversa e non accettata dai registi stessi in quanto implicherebbe tutta una serie di regole che andrebbero rispettate ma che in verità non esistono perchè i registi che in qualche modo vi “aderiscono” lo fanno nella misura in cui semplicemente raccontano fatti di gente comune con bassi costi di produzione, anche questa – credo - non voluta ma semplicemente "obbligata".

Il signor Lazarescu è un vedovo sessantenne che vive da solo coi suoi gatti e dimostra molti più anni di quelli che ha in realtà. Lo sfacelo fisico è ben accompagnato dalle condizioni igieniche del suo appartamento di città a Bucarest, beve molto e non si lava. E' stato operato anni prima di ulcera e quando un giorno si sveglia con una nausea più forte del solito è all'intervento subìto anni prima che imputa il suo malessere. Ma la sofferenza è reale e crescente quindi preoccupato decide di chiamare l'ambulanza. Siamo a Bucarest ed è sabato sera e il sabato sera non bisogna disturbare i medici, per tale ragione non è certo che qualcuno andrà a visitarlo: lui beve e non viene preso sul serio, da nessuno, mai. Anche i suoi vicini di casa, ai quali si rivolge per chiedere un farmaco e per paura di restare solo in quel momento lo accusano di essere un alcolizzato e vorrebbero liquidarlo in fretta, nonostante le molte moine ipocritamente elargite.

Dal momento in cui lui bussa a casa dei suoi vicini inizierà un'odissea notturna che per gli amanti della commedia nera potrà forse essere “divertente”, per altri sarà semplicemente lo svolgimento di una tragedia annunciata dal titolo stesso della pellicola. L'alcolismo di una persona, che io intendo quale debolezza e malattia, diventa il pretesto per lasciar morire un uomo dopo averlo umiliato in ogni modo possibile proprio da quelli che, quale che fosse la sua condizione, avrebbero dovuto fare di tutto per salvarlo.

La sanità rumena ha grosse falle date dalla corruzione, dalla mancanza di attrezzature sanitarie, dal personale inadeguato che cerca nove volte su dieci di riversare le proprie responsabilità su altri. La noncuranza per il malato in genere è emblematicamente rappresentata dalla mancanza di privacy nella sala del triage in cui tutti i malati vengono visitati: sono separati solo da pochi teli che spesso non vengono neanche chiusi. I medici insultano tutti: pazienti, operatori sanitari, infermieri.. una situazione che per noi sarebbe inaccettabile, e quasi certamente in Italia sfocerebbe in una rissa, in Romania pare sia la normalità. E quanto ho letto su vari articoli sulla sanità Rumena conferma praticamente tutto.

Attori di una vividezza impressionante, il film è girato come un documentario. Parte lento e quasi leggero o a tratti volutamente ripetitivo nella sua assurdità ma alla fine ti tiene incollato alla poltrona lasciandoti il fiele in bocca e senza parole, io non sono riuscita a definirlo pienamente ma credo meriti attenzione.

Voto 8+ su 10.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Diciotto)

lector
lector
Opera:
Recensione:
Minkia! Il Nuovo Cinema Rumeno!
Ma si trova in rete?


lector: @[IlConte] , poi il professorone sarei io?
lector: 🅸🅻 🅲🅸🅽🅴🅼🅰 🆁🆄🅼🅴🅽🅾
IlConte: Madooooooooooooooooo
Ahahahahahahah
TataOgg: Se c'è io non l'ho trovato, son dovuta ricorrere alle maniere forti.
Per tutto il resto: 😝, 😝 e ancora 😝!
odradek: @[TataOgg] "son dovuta ricorrere alle maniere forti": puoi essere meno criptica, di grazia?
Non l'ho trovato neanch'io e ricorrerei, sapendo che vor di.
Grazie.
TataOgg: Mulo.
Diviso in due parti.
odradek: Ok.
Grazie.
IlConte
IlConte
Opera:
Recensione:
Volevo prenderti per il culo ma tocchi temi importanti.
Io ero un alcolista Particolare... quando ho deciso di smettere ho smesso. Per quattro anni non ho toccato nulla, ora mi faccio un vinello a cena. Ho dovuto raggiungere il fondo, come sempre. Senza la piccola avrei continuato e sarei finito male. Si beve per le motivazioni più diverse... la mia era semplicemente capire il meno possibile della miseria di questo mondo cercando un altra dimensione. La consueta maschera che mi ha accompagnato in modi diversi fino a pochi anni fa. Ero di quelli particolari appunto che non si “notano”, dei mascherati impeccabili... hanno anche un “nome”. Mi piacciono questi film di degrado reale, lenti, crudi, vividi. Se lo trovo lo vedo volentieri.
Io invece ho ricominciato ... anche se ne finisco uno su quattro... la nevrosi innata ahahahahahahah
Thank Fanciulla


TataOgg: Il signor Lazarescu era un invisibile. Come ce ne sono tanti in tutto il mondo.
Si tocca il fondo in tanti modi diversi, la speranza e fortuna é sempre che arrivi una "Contessina" per riportarci a galla. Le cose belle hanno questo potere. Un bacio, caro Nobile ♥️

Se vuoi crudezza sei nel posto giusto, se vuoi incazzarti pure.
G: Contessine a go go!
algol
algol
Opera:
Recensione:
Speriamo che il "nuovo cinema romeno" sia meglio di Sandu Ciorba


sfascia carrozze: Ma qvesto pezzo è meraviglioso!
TataOgg: Credo che il cinema di regime fosse simile a *SanduCiorba*.. ecco perché poi hanno preso una direzione totalmente differente con il cinema negli ultimi 15-20 anni.
Come fai a conoscere questa roba??? 😅
algol: un pezzo meraviglioso e uno spaccato della reale Romania.
Come faccio a conoscerlo? ... da una ricerca su internet, ho digitato "donne di classe e musica sinfonica balcanica".
Me l'ha fatto conoscere mio figlio, per le cazzate è un segugio.
TataOgg: Aaaaaah Dolce Algolino, tutto suo padre! 😍
IlConte: Comunque so che non vi interessa ma vi assicuro che con i rumeni masculi di norma è meglio non litigare mentre sulle rumene fanciulle posso dire solo bell(issim)e cose
Ottime a tutte le ore... ecco.
odradek: @[algol] La classe non è acqua, più probabile sia acquavite, distillata clandestinamente nei peggiori retrobottega di Bucarest (dove han piazzato pure un vecchio croma key).
Grazie per il contributo audio/video.
odradek: Chroma key (sto minchia di correttore non accetta l'h in chroma)
algol: Grazie Conte. Depenno dalla lista di dieci cose da fare prima di morire la voce "attaccare briga con corpulento ultrà del Timisoara".
Oppure la lascio come ultima, che dopo una simile impresa rimarrebbe ben poco altro da realizzare.
odradek: @[algol] Minkia, l'avevi in lista anche tu?
IlConte: Ahahahahahahah
IlConte: Meglio una rumena ventiquattrenne; prima di morire dico, perché dopo probabilmente crepi...felice ma crepi.
algol: Se proprio proprio devo trapassare, nella remota ipotesi ... meglio la seconda che hai detto Conte.
IlConte: Infatti il mio è un consiglio
DEFINITIVO!!!
sfascia carrozze: Ma perché proprio ventiqvattrenne, dico io?
Se fosse venticinqvenne sarebbe troppo stagionata, dice Lei?
JOHNDOE
JOHNDOE
Opera:
Recensione:
Chi vide 4 mesi 3 settimane 2 giorni? tremendo!


TataOgg: Visto e rivisto.
Tremendo e magnifico.
IlConte: Dove lo trovo?!
JOHNDOE: boh non scarico i film
io lo affittai all'epoca
IlConte: Che cazzo e’ netflix lowers?!
Un’altra menata di Netflix?!
Sembra sia li
Ahahahahahahah
IlConte: Andrò al multiplo a CAVRIAGO hanno tutto
IlConte: Fin che andrò dammi altri film da vedere vecchi o nuovi Riba
JOHNDOE: guarda adesso sono preso dai documentari netflix sui serial killer AHAHAHAHAH vediti EVIL GENIUS di questi

come film netflix vediti THE NEON DEMON e MR NOBODY
IlConte: Cazzo sto vedendo serie su netflix ma prendo nota sui serial che mi piacciono
JOHNDOE: tu per esempio mi hai consigliato quella su michael jordan ed è stata bellissima (e fotte sega del basket) ma ho conosciuto un super campione dello sport che mi ha emozionato
123asterisco
123asterisco
Opera:
Recensione:
Film come 4 mesi 3 settimane e 2 giorni ti danno un'idea delle vette di realismo del cinema rumeno. Ne ho visti una decina della "nuova onda'


123asterisco: Ho inviato il messaggio tronco... Volevo dire che questo non l'ho visto, ma che solitamente sono dei pugni nello stomaco che difficilmente possono dirsi "commedie".
TataOgg: 4 mesi 3 settimane 2 giorni l'ho guardato 4 volte in 3 settimane e due ore. Come mio solito l'ho visto io e ho costretto a rivederlo con me altri poveri disgraziati. Ma erano altri tempi.
Bellissimo e crudele ma vero.
Anche quella é la realtà rumena e ne andrebbe consigliata la visione a tutti quelli che chiedono l'abolizione dell'aborto. La visione in modalità arancia meccanica, si intende.
Abbiamo un concetto troppo italiano di commedia? L'ho trovato classificato così in più di un sito....
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
"La sanità (rumena) ha grosse falle date dalla corruzione, dalla mancanza di attrezzature sanitarie, dal personale inadeguato che cerca nove volte su dieci di riversare le proprie responsabilità su altri"
I recenti devastanti accadimenti para-virologici ci dicono che anche noi stiamo facendo di tutto per adeguarci al suddetto standard.
Il film non l'ho visto.
Oppure #forse l'ho visto (perlomeno iniziare) ma in rumeno e con i sottotitoli in cecoslovacco:
per cui ho dovuto mollare la presa.
Fossero stati almeno in Azerbaijano c'avrei provato.
Eh.


TataOgg: Battute a parte... Se va a cercarsi notizie sulla sanità rumena scoprirà di potersi ritenere fortunato: In generale chi finisce in TI in Romania al 90% muore, qualunque sia la ragione del ricovero. Dato che ho trovato ieri.
Il film si trova solo sottotitolato, c'è voluto più di un mese per averlo a "disposizione."
Cerchi i film di Mungiu se non li ha ancora visti!
sfascia carrozze: Dovrei trovare (oltre ai film) anche il tempo di poterli vedere.
Comunque grazie della segnalazione.
#forse
Eneathedevil: Buuuuuuuu... qui c'è gente che se la tira! "Devo trovare il tempo di poterli vedere"... A' coso, scenni dar piedistallo, che se non scenni te buttiamo de sotto noantri!!!
sfascia carrozze: Emmica posso sprecare il mio prezioso (e sempre più scarso) tempo con filmucoli di dubbia provenienza.
Anche perché c'ho ancora gli ultimi tré della epica saga di "Fast And Furious" da scrutare.
Eh!
TataOgg: Lei pensa solo alle automobili. 😑
sfascia carrozze: Si, ma solo a qvelle da strecare (o già strecate).
Sono uno Stakanovista!
fedezan76
fedezan76
Opera:
Recensione:
"Ho chiesto consigli un po' a tutti ed è così che è saltato fuori La Morte del Signor Lazarescu." Abiti vicino ad un campo rom? Oppure sei una vampira e non una fantasma? No, perché già i romeni non conosceranno questo film, e tu hai più di un conoscente che l'ha visto? 😱


TataOgg: Rom e romeni/rumeni non sono la stessa cosa! Adesso ti faccio interrogare e bocciare da @[lector] ō-professō!
É tutto vero!
Io = 🧛
123asterisco: Anzitutto, ha ragione Tata nel dire che romeni e rom non sono la stessa cosa! In secondo luogo, chiunque segua i festival del cinema (Venezia Berlino Cannes ecc.) sa bene che esiste un nuovo cinema romeno, cosiccome un nuovo cinema greco o coreano!
fedezan76: Nemmeno i vampiri sono tutti romeni, ma la battute non sono trattati sulle etnie...
TataOgg: Nemmeno tutte le streghe sono vampire! Forse la battuta si riferiva a Boris (quello che ha postato @[Martello] ) e io non conosco quindi non avevo capito... 𝔣𝔞𝔠𝔠𝔦𝔞𝔪𝔬 𝔭𝔞𝔠𝔢? 🖤
snes: Il "nuovo" cinema coreano ha quasi vent'anni, quello greco piu' di dieci.
Forse quello rumeno è nuovo sul serio.
I rom non sono tutti rumeni, r manco sono nati in europa se è per questo, ma sul serio a qualcuno frega qualche cosa? E' abbastanza chiaro cosa si intenda per rom rumeno, lo sanno anche i sassi. Cosi' come quando si parla di vampiri rumeni. O dobbiamo fare facebook 2.0 anche qui e metterci a dire (senza sapere niente di rom) che i rom sono una cosa, e i rumeni un'altra nella speranza di passare per persone progressiste (che spacciano ovvietà e concetti vecchi di quarant'anni, quindi progressisti verso cosa lo sanno solo loro).
123asterisco: Non è questione di spacciarsi per progressisti. Si tratta solo di considerare il fatto che non c'è bisogno di avere dei vicini rom per conoscere il cinema romeno, dato che vengono presentati ovunque ai festival dei film romeni (sul fatto che quello romeno sia più nuovo di quello greco dovremmo discuterne: vai a vedere gli anni di uscita dei film) e sovente vincono premi.
Poi, per "nuovo" cinema di un certo paese non si intende che è nuovo in senso cronologico, bensì in quanto a modo di fare cinema.
fedezan76: Secondo me siete tutti vampiri. Tornate nelle vostre bare, che oggi c'è il sole. Cordiali Saluti, Principe Carletto.
snes: Non ho detto che sia piu nuovp, ho detto forse: non ho memoria di un film rumeno al momento. Di sicuro il cinema coreano e greco erano "Nuovi" nei decenni scorsi. Se mi dici che manco quello rumeno lo è vien da chiedersi perché ti sei messo a parlar di roba "nuova" quando di nuovo non c'è niente. E il nuovo cinema vuol dire che è nuovo e basta, cronologicamente parlando. Anche perché ad esempio, del vecchio cinema coreano in italia non se ne sapeva un cazzo di niente. Tieniti comunque le tue idee, non voglio convincer nessuno.
snes: Sette metri e trentatre di fedezan.
123asterisco: @[snes]: (prendo in considerazione solo qualche esempio significativo)

- (romeno) Cristi Puiu: nato nel 1967, il film qui recensito è del 2005, il suo primo film è del 2001.
- (romeno) Cristian Murgiu: nato nel 1968, "4 mesi 3 settimane 2 giorni" è del 2007, il suo primo film è del 2002.
- (greco) Yorgos Lanthimos: nato nel 1973, il suo primo film è del 2001.
- (greco) Babis Makridis: nato nel 1970, il suo primo film è del 2005.
- (coreano) Kim Ki Duk: nato nel 1960, il suo primo film è del 1996.
(coreano) Bong Joon-ho, nato nel 1969, il suo primo film è del 2000.

Non ci vedo grandi differenze.
snes: Ok, quindi anche quello "nuovo" rumeno ha piu' di quindici anni.
123asterisco: esatto.
TataOgg: Il neorealismo italiano ha circa 70 anni, non é che ha perso il "neo-" per strada perché di nuovo non ha più nulla. Se vuoi puoi fare una ricerca e vedrai il motivo del Nuovo cinema rumeno che é nuovo in quanto nasce in contrapposizione al cinema precedente e di regime. Non so se 123* facesse riferimento a questo, io l'ho dato per scontato, per quanto (come ho scritto nella rece) i registi stessi non si sentano facenti parte di un movimento omogeneo.
I rom e i romeni non sono la stessa cosa, puoi girarla come vuoi, se preferisci, ma non sono la stessa cosa e io cosa intendi tu non lo so. Forse si intende "qualcosa" a Milano ma non siccome io non capisco cosa vuoi dire, forse perché non sono di Milano, sei tu che non parli un "linguaggio universalmente comprensibile", anche se la cosa é evidentemente molto fastidiosa per te.
123asterisco: Tata, hai colto perfettamente il punto! Nuovo non può intendersi solo in senso cronologico. Altrimenti non avrebbe proprio senso la dicitura.
Altrimenti, anche l'ultimo filmaccio hollywoodiano di merda che esce la prossima settimana è "nuovo cinema americano".
odradek: Piccolo consiglio di lettura, inerente la conversazione: "Zingari di merda" di Antonio Moresco - Editore Effigie - 2008
fedezan76: Altro piccolo consiglio di lettura "Io, Ibra" di David Lagercrantz e Zlatan Ibrahimović.
snes: No asterisco, con l'america non funziona, perche' il film nuovo di domani e' uguale a quello di ier, quindi non è nuovo. Ed è lo stesso motivo per cui non funziona neanche nel tuo commento piu' sopra, E' nuovo se e' nuovo cronologicamente e differente da quanto fatto prima. Parasite non è nuovo cinema coreano perché di differente rispetto al cinema coreano di dieci anni fa non ha nulla di epocale.
E infatti non sono io quello che parla di "nuovo cinema" parlando di un paese in cui il "nuovo cinema" esisteva venti anni fa. (La corea. Perché parlare di cinema rumeno o cinema greco è abbastanza arduo considerato che sono paesi dove si producono meno di dieci film all'anno).
Per dire: in inghilterra danny boyle ha cambiato il cinema. Trent'anni fa. Nessuno sano di mente per parlare di un film uscito domani in inghilterra parlerebbe di "nuovo cinema inglese".

Pero' ripeto: non voglio convincerti di nulla.
123asterisco: Mi trovo parzialmente d'accordo con le tue precisazioni. Ma solo parzialmente.
Non ne parliamo più. Tra l'altro a me delle etichette come "nuovo cinema" e similaria non me ne importa molto. Era solo per disquisire.

Au revoir.
snes: Consiglio di lettura: rom genti libere, storia arte e cultura di un popolo misconosciuto. Santio Spinelli, Dalai editore.
Se no rimaniamo qui a dire:ma i rom non sono solo rumeni e poi continuiamo a parlare solo dei rom europei che appunto dagli zingari rumeni discendono. Ma pazienza, continuo a non volervi convincere di niente e levo il disturbo in fretta, tornate pure alle vostre cose.
TataOgg: Ho detto che rom e romeni non sono la stessa cosa. Esattamente questo. Non che in Romania non ci sono i rom. Ma visto che sei così informato dovresti sapere che ai rumeni non piace essere identificati con i rom in quanto sono due popolazioni differenti, che parlano anche due lingue diverse. Per tutto il resto Nuovo Cinema cosa intendo nella recensione l'ho chiarito. Tu sei padrone di intervenire come meglio credi ma per se ti si risponde precisamente che cosa polemizzi a fare? Sei sempre il benvenuto coi tuoi commenti, a me fa enormemente piacere, ma quando lo fai, ti prego: Segui il discorso.
Stanlio: i titoli di libri fan sempre bene, prendo nota, thanks
snes: Tata: parlavo con asterisco, e del suo commento.
lector: E i romani sono tutti laziali?
lector: Le parole sono usate a cazzo, questo lo sappiamo. Basti dire che Giolitti trova posto nella storia contemporanea....
Insomma "Fire Dances" dei Killing Joke ha quasi 40 anni (ed è pure invecchiato male, secondo me) però continua ad essere "New Wave", "Il laureato" è un film della Nuova Hollywood, e "Agente Lemmy Caution: missione Alphaville" è Nouvelle Vague....
Ai critici piace usare il termine "Nuovo" e non capiscono che affibbiarlo a qualsiasi cosa è il modo migliore per farla invecchiare subito.
Non mi sembra inappropriato parlare di "nuovo cinema rumeno" o di "nuova Hollywood" è un etichetta come "polizziottesco" o "blackploitation"; basta non prenderla troppo alla lettera, secondo me.
Così anche i termini Rumeno, Rom, Sinti, zingaro, nomade sono usati - credo - a cazzo di cane. Cioé, magari qui sul DeB la differenza la conosciamo tutti (anche se non lo darei per scontato) ma in giro, siamo proprio sicuri che sia così?
Ora, io capisco la sacrosanta battaglia contro il politically-correct, però qui abbiamo chi usa le ruspe come argomento politico e io conosco gente che crede davvero che "gli zingari si rubano i bambini".
Ciò detto, una volta messi i puntini sulle i per quanto riguarda le parole, potremmo pure sentirci bravi e progressisti, però non abbiamo fatto un cazzo!
Io, lo ammetto, non ho mai neanche scambiato una chiacchiera con un Rom, confondo la Romania con la Bulgaria, provo fastidio quando passo vicino ad un campo-nomadi (o come cazzo vogliamo chiamarlo), non sopporto veder mendicare i bambini e faccio fatica a capire.
Invece si dovrebbe fare la fatica di imparare. Al massimo ascolto la musica di Django Reinhardt e, quando parlo della shoa, ricordo sempre che in quei campi di sterminio c'erano loro.......


"Sono vecchio e affaticato
ma non posso restare.
Gli Zingari si fermano solo
per morire,
perché la strada è la loro vita.
Sulla strada veniamo al mondo,
lungo le strade viviamo,
in fondo ad una strada ci prende
la morte.
Così è la nostra vita
siamo poveri ma felici.
La nostra ricchezza
è quando stiamo seduti intorno
ad un fuoco
ad ascoltare il violino che suona." (Pùco)
lector: °anche loro
TataOgg: Lector Non ho capito dove sei andato a parare. Si, Django era un sinti e a te non piacciono. Ok.

Snes il discorso di 123* é il mio stesso discorso, non hai capito...
123asterisco: Sottoscrivo.
snes: Tata, io 'sto film non l'ho visto. Non leggo recensioni di film che non ho visto. Più che non averti capita non ti ho letta.
Lector: nuovo cinema rumeno, dando per buona la vaccata che propini per il puro gusto di discutere di qualche cosa e sulla quale neanche entro perché veramente: sarebbe solo una perdita di tempo; preshppone ci sia un movimento dietro. E non c'è nessun movimento invece. In grecia, come in romania, vengono prodotti meno di dieci film all'anno (MOLTO MENO). Quindi non solo non esiste un nuovo cinema rumeno o greco ma non esiste manco il cinema rumeno o greco,vecchio o nuovo che sia: esistono dei registi e dei film, di questi paesi.
TataOgg: Se avessi letto almeno i commenti precedenti, non dico la recensione (e ti capisco anche io ho sempre molta paura di leggere le recensioni di film che non ho visto per paura dello spoiler ma anche del condizionamento) sapresti esattamente quello che dico anche nella recensione: viene definito nuovo solo nella misura in cui si vuole enfatizzare una rottura con la tradizione cinematografica (inesistente) precedente da regime.
Che poi non ci sia un movimento vero e proprio é appurato, infatti i registi rumeni negano questo movimento e il nome che gli é stato dato. Il nome "nuovo" fa cagare e anche su questo siamo d'accordo, ma se parliamo di "Nuovo cinema rumeno" o "nuova onda" parliamo tutti la stessa lingua per noi che conosciamo l'esistenza di quel tipo di cinema.
Poi se vogliamo dirla tutta neanche gli impressionisti francesi erano tutti uguali, eppure Degas e Monet sono nella stessa sezione storico-artistica.
123asterisco: Mi pare evidente a tutti che queste categorie, che noi adoperiamo per quieto vivere nel comunicare, siano perlopiù (ci sono eccezioni, come per l'espressionismo tedesco o per il futurismo, per sparare a caso) inconsistenti e fittizie.
Resta però vero, e tutti, mi pare, concordano su questo, tranne (s)nes, che "nuovo" non può intendersi solo in senso cronologico

Comunque basta.

Au revoir, 123*.
snes: Ho letto solo questo commento, era tra i desuccede di ieri quando sono entrato, e le parole di fedezan mi avevano divertito.
Detto questo: non ho parlato di coesione delle opere, quindi il parallelismo con degas e monet non ho idea di cosa me lo citi a fare. Forse dovrei leggere la recensione o gli altri commenti, ma: no grazie.
snes: Asterisco: new wave e' un genere. "Nuovo cinema rumeno", no. Neanche "nuovo cinema greco" neanche "nuovo cinema coreano".

Quindi se mi parli di "nuovo cinema qualche cosa" stai parlando di qualche cosa di recente. È un discorso legato all'italiano, non al mondo dell'arte.
odradek: @[fedezan76] Io Ibra, ovviamente, l'ho letto.
Ma, fuor di cazzeggio, se non è richiesta troppo impopolare (e pure se lo è, che mi fotte), il libro di Moresco procuratelo.
fedezan76: Io ho solo cazzeggiato in questa conversazione, ma l'argomento di per sé è interessante. Dalle note che leggo dovrebbe essere un libro realista, di quelli che piacciono a me.
odradek: Tu cazzeggi alla grande, quando vuoi, io son lento e meno efficace, ti ammiro.
Per questo temevo che l'insistere col Moresco potesse suonare fuori luogo.
Ma è un autore anomalo e interessante, m'è parso valesse la pena correre il rischio.
TataOgg: Snessuccio...
Come lo chiami questo oggi: Neorealismo (cinema) - Wikipedia ? Si chiama ancora Neo-qualcosa eppure è lingua italiana. Ajò!
Il parallelo con l'arte è motivato così: se nell'impressionismo confluiscono diversi stili accomunati solo da una rottura pittorica col passato accademico, allora anche nel cinema (che è una forma d'arte) e in un modo di fare cinema possono confluire, per la definizione da lasciare ai posteri, registi che fanno qualcosa che rappresenti una rottura col passato di una data e precisa realtà. Se vuoi chiamarlo "Passato di verdura" o "Pepe&cacio" o "Ciabatte blu" Invece che "Nuovo-qualcosa" per me è indifferente, l'importante è che quando ne parliamo ci capiamo.
Detto ciò se ti piace il cinema credo dovresti vedere qualcosa del "cinema rumeno" degli ultimi 15 - 20 anni che vince premi in diversi festival e invece tu lo ignori del tutto, a me i due registi rumeni citati ricordano vagamente i Fratelli Dardenne, che forse conosci...
fedezan76: Io evito di proposito le conversazioni troppo serie, qui dentro, soprattutto perché richiedono molto tempo. Ma anche perché c'è gente che sa esprimersi ed animare le discussioni meglio di me. Però ascolto e leggo tutto, con i miei tempi. In quanto alle culture differenti, ne sono da sempre affascinato. Ho avuto la fortuna di poter viaggiare molto, per varie ragioni, e sono sempre esperienze che fanno crescere. Gli zingari però sono un mondo a sé, e di loro conosco effettivamente ben poco.
odradek: @[fedezan76] Beh, un modo molto ragionevole di stare in DeB, anche questo fonte d'una certa invidia da
parte di uno come me che proprio nelle "conversazioni troppo serie" perde il proprio tempo più del necessario e affrontandole tutt'altro che seriamente.
Io invece ho viaggiato pochissimo, proprio rifiutando di farlo quando ne avevo gran opportunità e, ovviamente, ora mi spiace.
Ma pure stanziale, le vicende della vita m'hanno consentito molti incroci con mondi altri da me.
fedezan76: @[odradek] beh, io per non farmi mancare niente una straniera me la sono pure sposata... Vizio di famiglia, peraltro. C'abbiamo di tutto: thailandesi, tedesche, albanesi, giapponesi, brasiliane ... Ci sono dei vantaggi, tipo dal punto di vista culinario ... si mangia di tutto senza dover andare al ristorante.
snes: il neorealismo è un GENERE, il " Nuovo cinema *di quel che volete* " NO.

E due...

fedezan76: @[snes] e cosa vogliamo dire dell'arena rock 🤪
snes: che se dici arena rock capisco di cosa stai parlando, se oggi mi parli di nuovo cinema coreano immagino che si stia parlando di qualche cosa che si discosta da chan park wok, kim ki duk, bong joon-ho, kim bok-nam, kim jee won.

Ti ringrazio dell'esempio, forse così adesso è chiaro.
fedezan76: Ahahah non cambierai mai ... ma è bene così !
snes: ok, non è chiaro manco adesso, cazzo ci posso fare.
fedezan76: No no , è solo l'arena rock che a me chiarisce poco ... ma probabilmente è una mia difficoltà. Però alla fin fine lo scopo di tutte queste definizioni è quello di farsi comprendere nel contesto e secondo me nella recensione di Tata è abbastanza chiaro ciò che vuole intendere. Chi ha occhi (oppure occhiali) per intendere intenda, gli altri in camper ( o in una roulotte per rimanere in tema).
snes: la recensione non l'ho letta, il mio era un discorso che facevo con asterisco riguardo al suo controcommento qui sopra.

E due... (Vol.2 c'è un inception di due qui dentro)
TataOgg: Snes, mi arrendo.
snes: nessuno ti ha dichiarato guerra.
TataOgg: Sei tu che hai pensato a una guerra.
Io no, tvb.
E mi prendi anche per nazi perchè a volte saluto con un cuoricino nero.
Come volevasi dimostrare prendi tutto alla lettera...
Pensaci
baci
snes: No, sei tu che mi hai detto che ti "arrendi" e la resa prevede di esser preceduta da uno scontro.
E te lo ripeto per la terza volta: non stavo parlando con te, non stavo parlando del tuo scritto. con te ci ho parlato solo ed esclusivamente quando tu mi hai chiamato in causa per rispondere ai tuoi dubbi o alle tue mal interpretazioni.
prendo tutto come mi pare, tipo il tuo "tvb" credo lo prenderò con un: "cazzi tuoi".
fedezan76: @[snes] 123* ha ripreso la definizione dalla recensione. Poi sia lui che Tata hanno spiegato più o meno il perchè venga chiamato in quel modo. Puoi essere d'accordo o no, ma se la definizione è di uso comune in quell'ambito, ce ne faremo tutti una ragione. Un po' come l'arena rock, appunto. Di cui sia chiaro non ammetterò mai l'esistenza.
snes: Oh, io non l'ho letta, ma mi pare strano che questa affermazione: "chiunque segua i festival del cinema (Venezia Berlino Cannes ecc.) sa bene che esiste un nuovo cinema romeno, cosiccome un nuovo cinema greco o coreano! " fosse presente nella recensione.
snes: e nuovo cinema coreano era sì di uso comune sui forum cinematografici, nel 2006. Adesso no.
123asterisco: "Il nuovo cinema rumeno è la quintessenza di un realismo inaspettato [...] . Questa corrente viene chiamata Nuova Onda, definizione in verità molto controversa e non accettata dai registi stessi in quanto implicherebbe tutta una serie di regole che andrebbero rispettate ma che in verità non esistono [...]".

Comunque basta, non ho voglia di discutere oltre.
Basta per davvero.

Se vuoi ragione, te la offro su un piatto d'argento.
fedezan76: Eh, ma è di uso comune pure adesso. Basta digitare su internet e ne parlano diecimila siti ...
snes: Si fedezan. Facebook e altri siti cinematograficamente "rispettabilissimi" e ne parlano da dopo parasite, che ripeto: è uscito 20 anni dopo che in corea si è cominciato a fare un certo tipo di cinema.
Asterisco: ottimo, li di cinema coreano nessuno parlava, manco di quello greco.
Figurati quanta voglia ho io di continuare considerato che continuate a scrivermi puttanate...
JOHNDOE: @[snes]
@[TataOgg]

per me ha ragione snes il resto è solo retorica
il neorealismo italiano la new-wave sono generi e si chiameranno sempre cosi

se invece dici il NUOVO cinema rumeno coreano greco cioè se lo accosti ad una nazione lasci intendere che è NUOVO rispetto al precedente che diventa automaticamente VECCHIO

snes ha detto ci andrei piano a dire NUOVO se un certo cinema di un certo paese viene proposto solo da un paio di registi e quindi non è un movimento

magari sarebbe più giusto dire che questo e coso han proposto un NUOVO modo di fare cinema in romania o in grecia ma considerando che 4 mesi ecc ha quasi 20 anni fin quando potremo dire che è NUOVO?
snes: Fede, postami tu un articolo serio pre parasite dove si parli di "nuovo cinema coreano". Perche' non ho molta voglia di mettermi a carcare su google qualche cosa che non trovero'.
NB: 1)pre parasite,2) un articolo "serio".
snes: "Paese Italy
Anno di produzione 2010
Running time 68’
Formato HD High Definition Standard – colour "

mi posti una roba vecchia di dieci anni, e sì: dieci anni fa si parlava di nuovo cinema coreano, mi pare di averlo detto prima... oggi ne parlano quelli che ci sono arrivati con parasite, perchè tutti gli altri parlano di "cinema coreano" e batsa.

fedezan76: In realtà c'è scritto "Negli anni '60 nasce il New Korean Cinema, una nuova coscienza di cinema, è la nascita del cinema indipendente coreano. Tra l'80 e il '90 iniziano etc etc etc".
JOHNDOE: esatto è proprio questo il punto
sebbene in corea ormai 50 anni fa nacque "una nuova coscienza di cinema in corea" a tuttoggi si parla ancora di "nuovo" cinema coreano
fedezan76: Eh ho capito, ma lo chiamano ancora così, e come avete visto non è solo su facebook, ma in diecimila siti tra cui il Consolato coreano. Sarà anche marketing, ma è di uso comune. Di questo si disquisiva.
snes: il cinema coreano degli anni sessanta non c'entra niente con quello che oggi spacciano per nuovo cinema coreano, tanto che nello stesso articolo che mi hai postato a proposito di park kwang sun si legge: "Il suo film d'esordio arriva nel 1988:
Chilsu and Mansu, che racconta la vicenda di due giovani pittori
d'insegne in una Seoul fredda e inospitale, è considerato la pietra
angolare del Nuovo Cinema Coreano. " eppure non è mai presente quando si parla oggi di "Nuovo Cinema Coreano", quando oggi si parla di nuovo cinema coreano si parla di park chan wok, kim ki duk, cazzi e mazzi, e solo ed esclusivamente di film che hanno una ventina di anni. che comunque avendo una ventina d'anni, non sono il nuovo cinema coreano ma il cinema coreano contemporaneo. che vent'annio fa era nuovo oggi non solo è "vecchio" ma è pure una macchietta di quello che era anche solo 10 anni fa (the villaines è li per chi non ci crede)
JOHNDOE: si lo chiamano ancora così ma è sbagliato chiamarlo ancora così perchè è un "nuovo" assoluto e generico
non è neo-realismo / new-wave / nouvelle-vague è nuovo e basta (anche se è vecchio)
snes: ma in diecimila siti tra cui il Consolato coreano. Sarà anche marketing, ma è di uso comune. Di questo si disquisiva.

no, si disquisiva del fatto che se te ne esci la spocchia con questa frase: "In secondo luogo, chiunque segua i festival del cinema (Venezia Berlino Cannes ecc.) sa bene che esiste un nuovo cinema romeno, cosiccome un nuovo cinema greco o coreano!" e arriva wqualcuno a dirti: figliolo mio, sei in ritardo di giusto quella ventina di anni, se fai silenzio forse fai una figura migliore.
snes: ma visto che non si vuol far silenzio e si vuol continuare continuiamo pure.
snes: il consolato coreano:

l Consolato Generale della Repubblica di Corea, in collaborazione con la Cineteca di Milano, è felice di presentare “NUOVO CINEMA COREANO”, iniziativa che nasce dal desiderio di condividere e diffondere nuovamente il fascino della cultura della Corea ed in particolare del suo Cinema tra tutti i suoi appassionati.

INIZIATIVA!!! è solo un titolo, non è né un genere, né un movimento artistico.
snes: cazzo eh: ho trovato scritto la parola "nuovo cinema coreano" e allora vuol dire che tutto quello che sto dicendo è vero? sembra una striscia dei peanuts: sally dopo aver litigato picchiato linus scopre che questi non le farà il regalo di compleanno al che si reca da lui con un libro in mano e gli dice:
"ecco, ho trovato la parola sorella nella bibbia!!!"
"E allora" gli chiede linus?
"vuol dire che devi perdonarmi!"
"L'hai trovata nel vecchio o nel nuovo testamento?"
" Nel cosa?".
TataOgg: The Towner | Rivista online di città e cultura, fondata a Milano nel 2016.

Io del cinema coreano non ne ho parlato, mai. La dicitura "nuovo" non è in un senso cronologico del termine, questa connotazione non l'ha mai avuta. Anche questa rassegna di Roma si rifà all'Onda senza citarla esplicitamente..
IX Edizione di ProCult, Romania Film Fest “Sulla cresta dell’onda” Roma, 6 – 9 Giugno 2019 | Casa del Cinema
snes: "Io del cinema coreano non ne ho parlato, mai. " e io infatti non sto parlando con te.
E tre.
TataOgg: "Il "nuovo" cinema coreano ha quasi vent'anni, quello greco piu' di dieci.
Forse quello rumeno è nuovo sul serio." Cit.

Ecco perché ho risposto. Puoi credere quello che vuoi, anche a un "cazzi tuoi". Ma non tutti agiscono per poter dire gnegnegne agli altri, sai? A me faceva piacere parlarne e ti dirò, ho fatto bene dato che tu, ad esempio, non sapevi neanche esistesse un cinema Romeno. Tutto qua.
TataOgg: Invece io ho parlato con te. Ti da fastidio? Dal mio punto di vista hai detto un'inesattezza traendo conclusioni senza sapere.
snes: a te fa piacere parlare fino a che ti si da ragione o una ragione riesci a dimostrarla, se questo non avviene rifiuti il confronto. Non mi interessi, non è un tipo di discussione che trovo stimolante.
snes: "Invece io ho parlato con te. Ti da fastidio? " no ma è abbastanza buffo.
"Dal mio punto di vista hai detto un'inesattezza traendo conclusioni senza sapere." non mi interessa il tuo punto di vista.
TataOgg: Be siamo in due allora, perché stai parlando esattamente anche del tuo atteggiamento. Ma in questo caso dovresti prendertela con chi parla di cinema Romeno in questi termini, io mi sono informata prima e non sono certo un'esperta ma neanche una che ha scritto una cosa sulla recensione sulla base del nulla. Invece tu sulla base di cosa stai parlando?
snes: non mi interessa il tuo punto di vista (vol 2, l'avevo detto che c'era un inception di due qui dentro)
TataOgg: Snes, questa battuta "non mi interessi" ormai é vecchia, l'hai usata troppe volte. Almeno rinnovati.. come nella migliore tradizione comica.
TataOgg: Questo non é un punto di vista, tanto meno il mio. Ma se vuoi cullarti su questa tua personale convinzione sei ovviamente liberissimo di farlo.
snes: "in questo caso dovresti prendertela con chi parla di cinema Romeno" ma sei cretina??? ti ho detto che stavo parlando con asterisco, te l'ho detto almeno due volte se non tre. del cinema romeno non mi frega nulla, non lo conosco e non lo parlo. quello coreano sì, e l'uscita di asterisco era appunto: spocchiosa e pure fuoriluogo.
spetta eh, che forse riesco ad esser più chiaro: Puoi dire quello che vuoi, del cinema, della romania e pure della corea: non mi interessa confrontarmi con te. con asterisco invece sì. poi è finita che ne ho parlato con fedezan, ma pazienza anche fedezan è un interlocutore che apprezzo. Te no. Così è chiaro?
snes: ok, il tuo non è un punto di vista, è il verbo di dio. d'accodo: non mi interessa.
TataOgg: Mi sta benissimo che io non sia un interlocutore che apprezzi ma a leggere te si capiva un cazzo sotto la mia recensione, perché effettivamente non hai capito un cazzo. Quindi siccome io in questa recensione ho scritto una cosa precisa allora ho deciso di dire che hai scritto una coglionata in relazione al cinema Romeno. Ti sta bene? Non ti sta bene? Me ne frego altramente di quello che pensi di me.
TataOgg: *Altamente.
Ora continua pure a parlare con chi preferisci di cinema coreano.
snes: grazie, non so che cazzata abbia scritto riguardo al cinema rumeno dato che A non ho letto la recensione, B non la ho commentata, C del cinema rumeno non ho parlato, ma per il resto grazie della comprensione.
snes: non volevo brutarmi il mio bellissimo commento, ma è andata così, per par condicio mi belo questo.
TataOgg: 🤣🤣🤣 ma come faccio a non voler bene a uno che si imbroda così clamorosamente tutto da solo?
TVB 🥰💘♥️🧡💚💛💜💚💜🧡 (senza il nero 😘)
123asterisco: @[snes]: non ho le forze per leggere tutta la discussione. Hai però ragione nel dire che ho adoperato termini inadeguati. Resta però vero che, stando così le cose, sono parimenti inadeguate le etichette "new wave" e simili, essendo meramente a posteriori. In ogni caso, il linguaggio è intrinsecamente convenzionale (a meno di non aderire ad una ontologia essenzialista), indi per cui ogni parola trova senso nell'intesa tra i parlanti.

Au revoir, mon amì Monsieur Le Polemiste.
fedezan76: @[snes] quello del Consolato coreano è UNO dei vari siti della ricerca. Ma ce ne sono una miriade. E se tutti parlano di "nuovo cinema coreano" automaticamente diventa un termine di uso comune. Giusto o sbagliato? Io su questo non mi sono espresso. Poi puoi pensare che 123* sia stato spocchioso o che io non sia ferrato in materia, come è vero, però di movimento artistico o genere mi sembra abbia parlato solo tu.
snes: Asterisco: non volermene ma quando uno si presenta con una frase come la tua, il minimo che si può aspettare sono le polemiche, se quella frase non è più che inattaccabile.

Fedezan: armati di fiato e pazienza che sono solo virgole e parentesi.
Di genere stai parlando anche adesso (la new wave è un genere, e i generi voi li avete tirati fuori, non ricordo se tu in particolare, ma tant'è)
Ed è intrinseco nel parlare del "nuovo cinema coreano" che si stia parlando di un movimento artistico (che NON è un genere). E questo movimento (il Nuovo cinema coreano), oggi non esiste, esisteva venti anni fa (e nessuno ne parlava, e un nome non ce l'aveva), ed evidentemente 40 anni fa ne esisteva un altro (sempre chiamato nuovo cinema coreano, eppure eran due movimenti diversi, forse proprio perchè la critica cinematografica italiana è pessima. da sempre o quasi. E poi se vuoi ti spiego perchè).
Quello che esiste oggi è l'eredità di quel movimento di venti/10 anni fa ed è il cinema contemporaneo. Oggi di nuovo la corea rispetto a quanto faceva dieci anni fa non fa nulla, si sta anzi arrotolando su se stessa (come probabilmente è fisiologico che sia dopo che per una decina di anni hanno fatto il culo a strisce ai blockbuster hollywoodiani).
fedezan76: Non ho parlato di new wave. Ma se il nuovo cinema esisteva 40 anni fa quindi anche quello dei 2000 non esisteva? È tutta un'eredità... Sono definizioni e basta per me. Un movimento o un genere devono avere marcati elementi in comune, lo dice la parola stessa.
fedezan76: Sui giornalisti moderni mi trovi pienamente d'accordo. E non solo nel cinema. Hanno la tendenza ad enfatizzare ogni minima cosa, ma spesso ripercorrendo luoghi comuni.
snes: "Ma se il nuovo cinema esisteva 40 anni fa quindi anche quello dei 2000 non esisteva? " Non ho capito cosa vuoi dire.
Comunque i film coreani degli anni dieci avevano valanghe di cose in comune, a cominciare dalla fotografia, passando per il gusto per le storie di stampo occidentale, e finendo con l'uso massiccio di effetti speciali digitali.
Tutte cose che ci sono anche oggi, per carità, ma non è che visto che ghigo e pelu' suonano la chitarra elettrica e parlano dei poveri e degli emarginati e si drogavano, e viaggiavano di brutto, facciano parte della beat generation. O sbaglio?
fedezan76: Intendo che, se esisteva un movimento "nuovo cinema coreano" 40 anni fa, quello di 20 anni fa seguendo la tua logica non poteva chiamarsi "nuovo cinema coreano".
fedezan76: Ma se invece viene usato come definizione generica per dire che c'è una ripresa di un qualsiasi tipo (qualitativo, innovativo, commerciale) del cinema di una determinata nazione, allora ci può stare.
snes: Assolutamente!!! E infatti vent'anni fa, e neanche dieci, ma nemmeno cinque, nessuno parlava di "nuovo cinema coreano" si parlava di "quei pazzi dei coreani, il cinema della corea del sud, ecc"
"Nuovo cinema coreano" e' una definizione nuovissima, piovuta su un cinema che ormai di nuovo non ha niente.
Oggi si parla di "nuovo cinema coreano" perché la critica si e' accorta che in corea ci son un sacco di pellicole facili da vedere (è un cinema ultra occidentale, l'ho gia' detto ma ripetita juvant) e di ottima qualita'. E si è messa a parlarne. Tirando fuori un nome che sottolinea solo l'inadeguatezza di certi individui a svolgere il lavoro che si son scelti. Perché, per l'ennesima volta: oggi quel cinema non è nuovo, e quando nuovo lo era sul serio nessuno gli aveva dato un nome. perché? Perché la critica dormiva lamentandosi della pochezza di hollywood invece di andare a cercare materiali validi altrove. Manco sapeva che cosa fosse il cinema coreano o quasi. Il primo bonh joo arrivato nelle sale italiane è stato snow piercer, che oltre ad essere una merda di film è pure recente. Era arrivato old boy prima in effetti, ma tra i due, salvo qualche lungimirante distributore probabilmente, il vuoto cosmico. E la critica , per l'ennesima volta, dormiva.
snes: Il problema della critica purtroppo cinematografica purtroppo non è solo la spocchia e lenfatizzazione. Il problema è che un critico letterario studia lettere, un critico musicale musica, un critico di storia dell'arte arte (inteso come belle arti) un critico cinematografico non studia il cinema, studia la letteratura del cinema. Non esiste critico musicale che non sappia suonare uno strumento, e invece non esiste critico cinematografico che abbia mai girato qualche cosa. Ha più mezzi per analizzare un film un fotografo o uno youtuber piuttosto che non uno che ha studiato su un libro cos'e' un campo americano ma non è mai andato fuori a guardare come si vede da dietro un obiettivo.
Senza contare che il cinema è un'arte che nasce come industira l'industira a costi e tempi da rispettare e cazzi e mazzi che se cominci a parlarne a un critco italiano oggi scoppia il cervello.
snes: Come si vede UN CAMPO AMERICANO da dietro un obiettivo.
fedezan76: È per quello che a me suona tanto di definizione a scopo di marketing. Di conseguenza nessun movimento né tantomeno genere. Semplice promozione di un prodotto che sta funzionando, e probabilmente grazie ai precursori di cui parli. Ah, Old boy l'ho visto pure io. Non mi è piaciuto...
snes: Per farla breve: i critici cinematografici conoscono la teoria e basta, ma il cinema è un'arte prettamente tecnica.
snes: Se non ti è piaciuto old boy lascia perdere il cinema coreano.
fedezan76: Volevo provare con Parasite.
TataOgg: Snes, volevo solo farti notare la coglionata che hai scritto:
"Se mi dici che manco quello rumeno lo è vien da chiedersi perché ti sei messo a parlar di roba "nuova" quando di nuovo non c'è niente. E il nuovo cinema vuol dire che è nuovo e basta, cronologicamente parlando."
e hai chiuso con:
"non so che cazzata abbia scritto riguardo al cinema rumeno dato che A non ho letto la recensione, B non la ho commentata, C del cinema rumeno non ho parlato".
Mi sembrava doverosa la sintesi, per i più smemorati.
Perchè poi a leggerti uno crede io sia intervenuta ad cazzum o che io sia una che si tira indietro perchè uno non ragiona come me (il che invece è il massimo dello stimolo intellettuale), invece la verità è che io discuto con chi dimostra di avere argomenti. Giusto per ricollegarci al motivo per cui mi consideri tanto male... E io lo so qual è il motivo!
a presto
snes: Non ho ancora avuto modo di vederlo parasite, bong john ho e' abbastanza diverso da park chan wook. Prova. Parli comunque con uno che dieci anni fa diceva che il miglior cinema di cassetta si faceva in corea e inghilterra, e oggi di quel periodo pensa la stessa cosa, e che al cinema coreano ci è arrivato proprio con old boy e ne rimase mediamente fulminato.
snes: Per cui ti ripeto: mi pare folle che quel film possa non piacere, ma mi rendo conto sia un giudizio assolutamente personale.
snes: Tata: era una riflessione sulle affermazioni di asterisco. Ma dopo che ti ho detto che non sono interessato a disquisire con te perché insisti, vuoi portarmi a letto? Guarda che piuttosto lo ficco in un tritacarne...
fedezan76: @[snes] voglio comunque rivedere anche oldboy. Effettivamente è passato davvero molto tempo e all'epoca avevo gusti differenti. Anche certi film di Tarantino li ho apprezzato dopo. Per dire all'inizio i Kill Bill non mi erano piaciuti un granché...
TataOgg: :D cosa vai a pensare?! Mannó, stai davvero esagerando, era solo per dirti che ti capita di scrivere coglionate e il tuo ego non ti permette di accettarlo. Ma se vuoi torniamo sotto il mio editoriale e metto Bru a tutte le altre fesserie che hai scritto al quale ho evitato di rispondere e che sono all'origine della tua "indifferenza" nei miei confronti. Ma non mi va di farlo perché non ne vedo il senso esattamente come non ne vedevo la necessità quando le hai scritte. Non ti facevo così permaloso... sú! E poi se permetti io qua commento, stai parlando con i tuoi interlocutori preferiti anche un po' grazie a me, un po' di rispetto! Ecchecavolo! 😂
Detto ciò Old boy e tutta la trilogia della vendetta sono dei gran film e consiglio anche io a Fede di dargli una seconda possibilità. Mr vendetta l'ho rivisto da pochissimo (dopo anni) perché non ne avevo un buon ricodo ed invece é una bomba.
fedezan76: @[TataOgg] si si, mi ero già convinto a riprovare. Vi farò sapere.
snes: Tata: certo che dico cazzate e le difendo: ho unanscimmia per avatar, so interpretarla benissimo, un decennio d'esperienza. Poi si', si puo' anche disquisire amabilmente ma, non vedo perché continui a volertelo sentir ripetere, non sono interessato al confronto con te. Ne ho avuti in passato e mi bastano. Ho cercato di dirtelo nella maniera piu' civile possibile fino al commento piu' sopra ma tu insisti. Evitero' di ricadere nella scimmia lanciamerda, perché credo tu sia una buona utente il più delle volte, e non sei qui con noi cretini a fare a sportellate, ma se ti chiedo cortesemente di non chiamarmi in causa potresti altrettanto cortesemente rispettare questa mia richiesta? Se la risposta è: "no stai in una mia pagina e quindi mi caghi" prendo atto della cosa, che ci sta tutta, ti ringrazio per avermi comunque lasciato il tempo di divertirmi con gli altri fino ad ora, ti chiedo scusa per la caduta di stile di prima (non la meritavi) e levo il disturbo.
lector: @[TataOgg]
Da qualche parte mi hai chiesto dove volevo andare a parare (cazzo 111 post!! Ma li hai letti tutti? 🤪😱😱😱😱), insomma lì in mezzo ho detto un paio di cazzate pure io (e quando mai no?)
Allora volevo dire che da bravo progressista da salotto certe cose le so: conosco la differenza tra Sinti, Rom, Romeni, Nomadi, Zingari....etc. etc.
Amo ricordare che furono perseguitati dai nazisti, ascolto la chitarra di Django e posseggo persino un volume antologico di loro poeti. Odio chi gli manda contro le ruspe e cerco di informarmi su di loro.
Ma la verità è che non li capisco, che non concepisco certe scelte, che mi fanno spesso rabbia.
Capire costa fatica, perciò non è mai inutile parlarne. Credo.
JOHNDOE: vabbè ma quando diciamo "quei" rom cioè quelli che puzzano picchiano le mogli mandano i bambini a rubare e chiedere l'elemosina rubano il rame si attaccano alla corrente elettrica eccetera parliamo degli ZINGARI DEMMERDA, per cui è perfettamente fare dei distinguo/capish dicendo eh però i SINTI eh però DJANGO REINARDHT

che poi questi zingari demmerda siano di sangue (ex9 rom rumeni sinti nomadi ecc non ha alcuna importanza perchè sono DIVENTATI zingari demmerda e fanno schifo al cazzo
JOHNDOE: perfettamente *inutile - (ex)
TataOgg: SNes, mi costa fatica mantenere la calma con te, devo ammetterlo, quindi apprezza il fatto che mi stia limitando in questo commento.
Non ti ho chiamato in causa ho solo detto che SCRIVI COGLIONATE e l'avrei fatto con qualsiasi utente. Se questa la interpreti come una dichiarazione di interesse nei tuoi confronti allora la tua stupidità supera di gran lunga la tua voglia di sembra figo, e ti assicuro quella TUA voglia di esser figo a tutti i costi è talmente grande che spesso sborda dal mio schermo come una colata di materia informe e nauseabonda, come adesso. Figurati quanto potrebbe essere GRAAANDE la tua stupidità se continui a sbandierarla in questo modo.
Non era abbastanza da stupidi andare a commentare le esatte parole della mia recensione, senza neanche saperlo, per dimostrarlo? no, eh?!
Ora, se permetti (e questo "se permetti" è intriso di tanto di quel sarcasmo che ti rifiuti di capire, o forse non sei semplicemente in grado), quando commenti sotto qualcosa che scrivo io dicendo inesattezze, non voglio colpire la tua immaginazione sessuale o intellettiva, semplicemente ti dico che hai scritto obiettivamente coglionate. NON è un confronto o una ricerca di questo o ancora peggio una sorta di apprezzamento nei tuoi confronti: ti sto dicendo esattamente che non hai capito un *cazzo*.
Questo ovviamente senza rancore.
MA se vuoi evitarmi basta evitare i posti che, sai, frequento e che frequenti anche tu. Prendila così.
Altrimenti accetta il fatto che tu sia riuscito a fare una bella discussione con Fedezan e con 123* sul cinema coreano perchè io ho scritto questa recensione e che a me fa piacere che abbiate fatto una discussione interessante sul cinema coreano (che a me piace tantissimo) sotto la mia recensione.
Questo è Debaser ed è così che funziona.
Ciao, Caro.
Punto.
PUNTO.
JOHNDOE: @[TataOgg] togli il fantasma e metti una scimmia anche tu

dopo il gruppo capish propongo il gruppo POLEMISH del quale penso di poter far parte

@[lector]
@[odradek]
@[123asterisco]
123asterisco: Io dal gruppo polemish me ne guardo bene!
#jesuiscapish
TataOgg: @[lector] tutti uniti (anche quel "furbone" di Snes) per far arrivare a @odradek un'altra vagonata di notifiche... non vorrei trovasse nella lista solo quelle che gli interessano!
Comunque certo, ho capito il tuo punto di vista. Il fatto che loro siano così diversi da noi ma stiano in mezzo a noi ci rende molto suscettibili sulla loro diversità. Credo che possiamo limitarci a osservarli e non far sfociare questa diversità in un pretesto per scatenare il nostro razzismo.
snes: tata indovina un po: non mi interessa quello che pensi di me, o di quel che dico. sei convinta di avere la capacità di esprimere pareri oggettivi su queste cose? Quanta tenerezza che fai...
TataOgg: e tu sei sicuro di saper leggere? o una leggera dislessia ti affligge?
snes: leggera?
imasoulman
imasoulman
Opera:
Recensione:
bella segnalazione, '4 mesi 3 settimane e 2 giorni' lo vidi secoli fa e sì, era certo un bella botta.
Il mio paese in campagna si è ormai trasformato in ricovero per anziani lungodegenti, su cinquecento abitanti scarsi la colonia rumena e moldava è ormai quasi maggioranza sui pochi autoctoni, mariti muratori e mogli e figlie badanti. Parlando con alcune di loro, la conferma di quanto tu dici a proposito della tremenda corruzione del sistema sanitario è quanto mai reale. E' incredibile pensare che ancora oggi esistano luoghi dove se non allunghi il pezzo da 100 all'infermiere e a sua volta al medico di turno tu non venga neanche visitato.
Dopodichè, viene da pensare che sia tutto sommato meglio così rispetto a sistemi sanitari basati sulla capienza della propria carta di credito...


TataOgg: Sai cosa mi sconvolge? La Romania é in Europa.
Si, é tutto vero.. e voglio intervistare un ragazzo rumeno che conosco per avere ancora più dettagli.
La sanità a pagamento non é peggio, per me é alla stessa stregua ma legalizzata... per tanti sarebbe pure "auspicabile". Ma si può essere così stolti?!
iside: Il mio ex collega rumeno, vedovo da quando aveva 45 anni per il tumore della moglie, dice:"resto qua per le mie figlie se anche a loro viene un tumore la le ammazzano".
Dan Erre: Appena ho tempo vi dico qualcosa... Io ci ho moglie rOmena..
TataOgg: Ah ecco, giuro, l'ho cercato perchè mi son posta il problema. Ho trovato che è indifferente ma se mi dici che con la U è sbagliato per una qualche ragione allora lo correggo!
TataOgg: @[Dan Erre] ho dimenticato di citarti nel commento precedente..
Dan Erre: In realtà sarebbero praticamente uguali, ma è più fine, meno "ruminante" rOmeno, essendo la nazione la ROmania con la O... Roumanie è il modo in cui dicono i francesi, e quella OU pronunciata U si è trasmessa da noi; aggiungi che molti romani hanno sillabe chiuse... Più fine, più bello rOmeno, con la O, tutto qui
TataOgg: in effetti io dico rUmeno più per abitudine che altro. Se non è discriminatorio quindi "oserei" lasciarlo così e cercherò di correggermi nel futuro. Grazie dell'informazione :)
Dan Erre: Ci mancherebbe! Grazie a te
Dan Erre: In realtà basta una confezione di caffè o un pezzo da cento lei (cioè ventidue euro)... Io fui ricoverato a Tulcea e così feci per due giorni. Serve a motivare chi è pochissimo pagato. Spesso ti devi comprare tu i farmaci anche se sei in ospedale
TataOgg: Ho letto anche del problema legato agli stipendi molto bassi del personale sanitario... Fa tanto pensare a de Andrè Un Medico - Fabrizio De Andrè
Taddi
Taddi
Opera:
Recensione:
Tata sei anche una fine intenditrice di cinema rumeno! Bravissima. Purtroppo io non so quasi nulla di quel paese, ma hai scatenato in me la voglia di approfondire. Adesso comincio la ricerca..un bacio


TataOgg: La ricerca è cosa buona e giusta! Basta coi filmettini occidentali!
"Fine" però, inZomma, parliamone... ahahahah!!! Quando Mai?!
Grazie Taddi 😘
Martello
Martello
Opera:
Recensione:
Se questo è catalogato come commedia (come avevi scritto verso l'inizio) non oso immaginare i film drammatici...Maronna. Comunque rendi bene l'idea del filmme.


TataOgg: !!ahhahahahahahha!! @[fedezan76]
Grazie micetto! Scatoletta? 🐱
Martello: Ho già preso il caffè con un goccio de grappa. Meglio verso pranzo, magari co un film rumeno in sottofondo.
Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
Premetto di non conoscere nulla di rumeno a livello artistico/culturale ma sarebbe interessante sapere cosa ne pensino sia gli spettatori che la critica rumena su questo film... (non credo che me lo guarderò, già me l'immagino e certi pugni allo stomaco li evito di proposito...) e niente.


TataOgg: É un pugno nello stomaco sapere che si muore perché qualcuno non fa il suo dovere. Però si può vedere...
Conoscendo la tua attenzione verso realtà differenti un po' mi stupisci.
Lo farò.... chiederò...
Stanlio: ehm, non è che non presto attenzione a certi argomenti inerenti a differenti realtà dalla nostra, è che non mi va di guardarli sullo schermo, come non guarderei mai un'operazione chirurgica nonostante la cosa in sè mi affascini ecco, non so se mi son spiegato bene.
macmaranza
macmaranza
Opera:
Recensione:
Sei nata DeBaseriana!


TataOgg: Spero sia un complimento ... 😘Altrimenti sono un #casoumano 😁
macmaranza: Scherzi? Questi qua sono delle belve pronte a bannarti indelebilmente al primo refolo d'errore. Invece si sono tolti il cappello; ed io m'accodo. Miao!
TataOgg: Bau! 🙃
iside: Io l avrei bannata già da tempo ma i #desarder si oppongono.
TataOgg: Certo, i desarder sono saggi....😜
Eneathedevil
Eneathedevil Divèrs
Opera:
Recensione:
Segnalazione interessante perché la streghetta, coi suoi modi affabulatori, mi ha un po' confuso spingendomi a vedere il film per chiarire dei dubbi. Il tema è: la denuncia sul sistema sanitario rumeno è una tematica cara a Puiu o il regista si limita a girare una commedia nera su un sistema che accetta e che "pare sia la normalità" per strappare due risate? Sono portato a pensare che si tratti della prima opzione, e penso che confermerai, @[TataOgg], ma ad aprir la pagina vedendo questa locandina sicuramente desolante (mentre pare che l'originale sia un'altra, certamente meno drammatica ma più grottesca, in cui una serie di amici, infermieri e addetti ai lavori sorridono festanti al capezzale-barella del povero Lazarescu), il genere "drammatico" da te messo e la generale disamina, vuoi dare una connotazione sbilanciata dalle parti del dramma più che della commedia (nera). Ne ho un'impressione un po' distorta adesso, se vedo che qua e là il film riceve incensamenti alla luce della sua presunta vis comica. Anche se alla fine, a ben vedere, sono sicuro che hai ragione. #forse.


TataOgg: La comicità é tutta nell'assurdità di quanto accade. Chi me l'ha consigliato ha riso, ma di un riso amaro. Ma a un certo punto non fa più ridere a nessuno. L'intento, secondo me, è quello della denuncia, la risata involontaria... Anche se non mancano delle uscite che fanno davvero ridere, come succede nella vita reale. Non hai mai riso a un funerale tu? Io sì...
Eneathedevil: Come no, certo. Per la povera Adelina. Amici miei atto II - Il Vedovo
TataOgg: AHAHAHAHHAHA
non mi ricordavo questa scena
che grandissimi bastardi ♥
macaco
macaco
Opera:
Recensione:
Lettura semplice e scorrevole, in questo periodo non ho voglia di leggere ghirigori letterari. In Romania ci son stato nel' 99 ad accompagnare um mio amico a trovarsi moglie. Non ho trombato ma ho incontrato qualche puttaniere italiano, gente detestabile.


imasoulman: potresti farne una rece, sarebbe una cosa molto filmico-letteraria!
macaco: Già anche perchè siamo andati con uma fiat uno 1.0 com 300.000 km percorsi, infatti siamo tornati in aereo.
imasoulman: diciamo che il tuo amico non ha voluto farsi abbindolare coi soldi, eh...
TataOgg: Raccontaci! Che storia..... 😆
sfascia carrozze: Io vorrei sapere, nello specifico, che fine ha fatto la FiatUno 1.0 con 300.000 kilometri percorzi, sé non Le spiace.
Deformazione professionale, ça va sans dire.
macaco: Raccontare sta storia? Mah, ho una pigrizia attorno, poi ho da redarre prima la mia ventennale ormai avventura brazileira. Me l' ha chiesto il sommo G!
macaco: La fine della uno invece non la rivelerò, ho già spoilerato troppo. Tiè!
imasoulman: Messere, deve rivolgersi all' Autodemolitionate Bacau, laddove il nostro macaco barattò il rientro a casa con la ferraglia a peso della Uno 1.0
Dan Erre
Dan Erre
Opera:
Recensione:
Il cinema romeno recente è più ricco di quello italiano. Fra i registi emergenti, oltre all'arcinoto Mungiu, segnalerei appunto Puiu, ma anche Netzer, autore del premiato "Il caso Kerenes", e Radu Jude, autore del drammatico bianco e nero sui rom nell'Ottocento "Aferim". O l'originale Corneliu Pourmboiu. O Tudor Giurgiu, che girò "Despre oameni și melci" ("Su uomini e lumache"), umoristico, ma anche drammatico, ovviamente, come altri, non tradotto in italiano.
Nae Caranfil girò a propria volta "Closer to the Moon", che ben rappresenta questo genere di approccio; lo ritroviamo anche nel divertente, ma ripeto, drammatico, "Filantropica" e in "Asfalt Tango", sempre di Caranfil. Invidiatemi, perché li posso vedere in originale: ne vale davvero la pena.
E' spesso un cinema crudo, con elementi surrealistici.
La Romania ha anche una letteratura ricca. Il gigante d'oggi è il visionario Mircea Cartarescu, che con la trilogia di "Abbacinante" ricostruisce una storia nazionale ed una familiare intersecandole con un approccio visionario di grande impatto. O il perenne candidato al Nobel Norman Manea. Hertha Muller è di lingua tedesca, anche lei notevole. Ma il Novecento ha avuto grandi autori, come i poeti Bacovia e Arghezi, simbolisti, o Marin Preda, autore de "Il più amato fra i mortali", da cui Șerban Marinescu trasse un notevole, dolorosissimo film.
P.S.: sulle ragazze romene: in campagna sono molto tradizionaliste; in città., piuttosto disinibite. E quasi sempre carine, se non proprio belle.


imasoulman: tanto tempo fa, consigliato da qualche lettura trasversale, lessi le poesie di Vasile Alecsandri o come diavolo si scrive. Nulla di ineguagliato, ma molto interessanti comunque
TataOgg: Da totale ignorante della cultura di questo paese ti faccio una domanda, vedo sempre accostata la crudezza dell'intento a un gesto gentile come un tocco a una spalla o che so, il fatto che in questo film ad esempio la vicina voglia preparare del cibo a Lazarescu (mi pare di capire che conosci questo film.), secondo te c'è una differenza culturale che per noi italiani può essere vista davvero con stupore o credi che sia solo io a vedere questa cosa? Avrei voluto parlarne nella recensione ma non volevo passare per impressioni mie una cosa che é appunto una cosa
solo mia...
imasoulman: trovai suoi testi tradotti solo in biblioteca, su saggi e riviste di fine ottocento o inizio novecento, non ricordo...strano che non vi siano traduzioni della sua opera (neanche i testi teatrali)
TataOgg: Sono d'accordo con te sul cinema Romeno in raffronto a quello italiano. Aggiungo che chi mi ha consigliato questo film mi ha consigliato anche un film sloveno é uno ceco che ancora devo cercare, ma ha subito aggiunto "ma la profondità del cinema Romeno é ineguagliabile" una cosa che la persona mi ha detto perché sa che opinione ne ho, condividendola. Scusa ima se mi sono messa in mezzo alla vostra disquisizione letteraria. Prenderò appunto da quanto state dicendo perché interessa anche me.
TataOgg: * e uno ceco (correttore invadente)
imasoulman: la domanda non vuole essere provocatoria (o forse sì, almeno un po'): esiste ancora un nuovo cinema italiano, indipendente, di spessore? Lo dico perchè in questo decennio credo di non aver visto un solo film italiano che mi abbia entusiasmato (ci saranno stati di sicuro, sono gradite segnalazioni)
imasoulman: ecco, non ditemi 'Lo Chiamavano Jeeg Robot'...
TataOgg: Personalmente attendo Michelangelo Frammartino, dovrebbe uscire con un film a settembre, covid permettendo e sperando sia in ascesa la sua vena artistica...con i film é fermo dal 2010.
Taddi: Premetto che di cinema capisco poco, però @[imasoulman] Jeeg robot a parte Servillo con Sorrentino di cosette cartucce ne hanno fatte, poi dogman di Garrone...
Taddi: *cartucce.... È impossibile scrivere col cellulare... Cartucce!
Taddi: Buona notte... Carucce
Dan Erre: Tra i registi, segnalo anche il da poco defunto Lucian Pintilie e anche Silviu Purcărete, autore dello straniante, visionario "Undeva la Palilula". Stupendo "Nunta muta" di Horatiu Malaele (su un matrimonio, con relativa festa, realizzato in silenzio, per un divieto delle autorità)...
Dan Erre: TataOgg, non so se la caratteristica che tu giustamente segnali abbia un significato profondo. Io so però che Cioran diceva che tipica del romeno, soprattutto del romeno "eterno", contadino, è una tendenza al fatalismo che ingenera ironia ed eroismo. Ecco, alla convergenza di queste inclinazioni potremmo individuare la poetica del gesto gratuito, della grazia distribuita attraverso gli sventurati dagli sventurati stessi che affiora in molto cinema romeno. Tieni conto che là c' davvero ancora molto spirito comunitario, a meno che tu non vada nelle grandi città (Bucarest è stupenda, anche se in alcune parti in rovina; ma anche Timisoara, Cluj, Brazov, Sibiu, Sighisoara...).
TataOgg: Non ho ancora visto Dogman ma anche io ho pensato a Garrone comunque ma non so se rientri nella casistica di cinema indipendente di cui parla Ima...
Dan Erre: Quanto alla letteratura romena, è poco commercializzata... Trovi molto della Muller, trovi, "Un tempo gli alberi avevano occhi" della grande poetessa Ana Blandiana ("Cuplu" la trovi anche recitata da lei, con quella voce soave, quando era giovane e anche molto bella: YouTube video non trovatoZyV83oGxdFo) trovi qualcosa di Eminescu (i racconti "La mia ombra", stupendo simbolismo) e molto tradotto dal compianto Mario Cugno...
TataOgg: Sto già cercando i registi che mi segnali. Chissà se li troverò... coi sottotitoli.
Comunque, si! Può darsi sia questo l'aspetto che noto e che mi sembra così caratteristico. Se riuscirò a vedere gli altri film che mi segnali farò proprio attenzione.
Conosco un solo romeno, non benissimo devo dire, ma siamo amici e per quanto sia in Sardegna da diverso tempo ogni tanto noto in lui delle piccole cose che mi fanno pensare proprio a quella solidarietà di cui parli...
IlConte: Madoooooooooo Dan, mi commuovo!!!
Conoscessi la tua centesima
Ahahahahahah
Dan Erre
Dan Erre
Opera:
Recensione:
P.S.: il mostro dei mostri è però Mihai Eminescu, che morì a soli 39 anni nel 1889 dopo aver praticamente fondato la letteratura moderna romena attraverso il proprio approccio simbolista. Ma fu un intellettuale a vastissimo raggio.


tia
tia Presidénte onoràrio
Opera:
Recensione:
Drammaticamente interessante questa new wave rumena!


TataOgg: Oh! Così ti voglio!
Interessato al cinema, il che è bellissimissimo!
Grazie Tia
odradek
odradek
Opera:
Recensione:
Scusate, esiste una funzione che consenta di eliminare la notifica di nuovi post di una determinata pagina?
@[G] se si, grazie (solo sapessi come) se no, magari esistesse.


fedezan76: Facile così!
IlConte: Ahahahahahahah
TataOgg: Arrenditi. Per la discussione in cui sei intervenuto credo che la risposta sia no.
Magari esistesse...
fedezan76: @[IlConte] non si ride delle disgrazie altrui ahahahah
Dan Erre: Sapessi quante volte l'ho invocata io...
imasoulman: solo connessa alla funzione 'auto-De-distruzione'
odradek: Beh, allora la palla passa @[G] , ripeto @G
odradek: @[G] Grazie per il solerte ed efficiente intervento che metterete in atto per porre rimedio a situazioni di incresciosa e intollerabile proliferazione di notifiche da pagine affette da patologie di varia natura.
Con umilté, sempre Vs. devoto dora.
odradek: @[fedezan76] Perché, deve essere difficile oltre che insopportabile? Insomma, una tortura doppia, mettiamoci pure un cilicio, allora, non lasciamo le cose a metà, perdiana!
odradek: P.S. @[123asterisco] nel commento sopra, questa volta il correttore era intervenuto sostituendo "perdiana" prima con "perianale" poi con un più banale "persiana".
Così, giusto per aggiornarti
123asterisco: Secondo me queste cose te le inventi. Sono troppo assurde.
fedezan76: @[odradek] tsk tsk, il cilicio ... molto peggio, ti facciamo entrare nel gruppo Fante !
odradek: Credo che essere richiamati a seguire, anche distrattamente, sommariamente, il susseguirsi di questa interessantissima dissertazione vinca a mani basse contro cilicio, gruppo Fante e compagnia.
Forse la cura medievale supera simile tormento...
Pulp Fiction - Cura Medievale
odradek: @[fedezan76] Il commento sopra era, ovviamente, per te.
odradek: @[123asterisco] Davvero pensi che sarei in grado di inventarle? Mi lusinghi.
odradek: @[123asterisco] E guarda, poco più su, come ha corretto il mio nome, nei ringraziamenti a G.
Dora, capisci? Dora!!!
G: Più volte ho valutato, a fianco alla funzione del bannaggio, una funzione 'disturbo'
In pratica si tratterebbe di una punizione che invece di allontanarti dal sito prevede di alterare i messaggi che scrivi. Ad esempio aggiungendo errori ad alcune parole, oppure inserendo intere frasi non tue nel discorso.
La trovo una funzione che potrebbe donare qualcosa in certi casi.
Lo so, sono un deficiente.
G: Ecco, ad esempio... Io non ho mainscritto 'lo so sono un decidente'
Che cretino!
G: Ancora?
Ma vaffanculo.
G: Per le notifiche.. vedremo.
Ma va a cagare!
G: Non l'ho scritto io, giuro.
Lo so, sono un deficiente!
G: .
Cornuto.
fedezan76: Che figata!
odradek: Ben detto, G.
In fondo sei tu il decidente
odradek: Non avevo scritto decidente!
G: Deficiente d'un decidente!
fedezan76: Campione d(')eficienza !
proggen_ait94: idea d'oro.
ad esempio un insulto o una bestemmia diventerebbe CULI SCOPERTI
fedezan76: Arriviamo al punto @[G] .

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di La morte del signor Lazarescu è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link