Sto caricando...

Denis Villeneuve
Enemy

()

Voto:

Caro Lettore che legge il titolo, guarda le stelline e salta la recensione per andare commentare: benvenuto a una nuova puntata di sì che ti voglio bene, mamma, è solo che non me la sento di consigliartelo. Programma iniziato molto tempo fa, ma senza un avviso, quindi questa è la prima puntata ufficiale. La recensione pilota.

Uno dei vari motivi che mi spinge a scrivere è che forse ho pulsioni omosessuali nei confronti di Jake ghilengeheha.... non lo so. La diagnosì l'ho fatta momò, quindi vi farò sapere presto. Per ora sono ancora estasiato dall'odore vaginale.

E la roba non è male sai. Ho visto un frame del film in giro, con Jake ghilengeheha, ho pensato a Nightcrawler, e ho subito detto beh, dai, facciamolo. Quindi ho visto il film, per lui, basta. Roba da ignoranza pluridecennale perché a guardar bene anche solo il nome alla regia, saltava fuori quello a cui hanno pensato di affidare il seguito di Blade Runner, quello che quasi vent'anni fa aveva iniziato col 32 Agosto sulla terra, commediadramma sentimentale largamente valido, che mi ha fatto scaricare illegalmente La donna che canta che ancora devo vedere, così come Prisoners, altra combo Villeneuve+ghilengeheha. Insomma potevo studiare di più, come al solito.

Enemy è un adattamento cinematografico di un romanzo (L'uomo sdoppiato o duplicato, autore che sicuramente stai leggendo perdonami) che potrebbe essere analizzato in un scene by scene, potrebbe essere oggetto di dibattito di quelli che rugano la minchia a palate, tipo il dibattito che ha seguito Memento, che puoi pure vederlo e dire mi è piaciuto!, però cinque anni dopo non ne puoi più perché è come sentire Asereje. Ah. De he. En de buidi dipì.
Parlarne in maniera decente senza rivelare qualche spoilerino è impossibile, ma siccome io sono di una sapienza e prevenzione inaudita, sapendo che pur con gli spoiler non verrebbe fuori nulla di decente (c'è differenza tra modestia e mera obiettività) evito gli spoiler così forse vi faccio un favore.

Plottisticamente, senza dire praticamente niente: un professore di storia sulla quarantina è in sala docenti e chiacchiera con un collga. "Ti consiglio "Volere e Potere", bel film dio fa." Lui non se lo fa dire due volte e lo noleggia. Nel film vede una comparsa che assomiglia in maniera incredibile a lui.

Ora che ci penso bene la frase qui sopra di due righe non è terrificante. Ma non è terrificante nemmeno per il cazzo. Anzi poteva anche starci una reazione entusiastica e solare, ad un incidente scatenante di questo tipo. No. Perché la storia ha il suo senso, e il mood è tetro come pochi. Ottanta minuti di film che volano via tanto da farlo sembrare un corto psicanalitico, motivo in più per riguardarlo due volte, formulare al meglio la propria ipotesi, e godersi una fortunata combo di elementi brillanti. Non so ancora dire il perché, mi servirà del tempo per dirlo bene, ma molti elementi mi hanno ricondotto a quella belva di Possession, questo a sottolineare che non è una tematica messa in scena per la prima volta, ci mancherebbe; così come la colonna sonora mi ha piacevolmente riportato a S. E s sta per?

La regia com'è. Amico mio, com'è in pancia? É buio. É difficile combatterci, conoscerci, accettarci, capire che cosa ci ha cambiati e perché. Dici non spoilero e poi mi parli del finale? E ho capito, ma quando Jake ci ricasca, umanamente, da maschio inevitabilmente attratto dalla carne e arriva la fine, non è più possibile godersi i frenetici, meravigliosi titoli di coda su una Toronto illuminata che per tutto il film è stata tenuta nascosta, perché la mente è ferma lì, a quell'attimo, a quella scena indescrivibile.

Commenti (VentiSette)

RIBALDO
RIBALDO
Opera:
Recensione:
è uscito al cinema? fiiicoooo


Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
ehm parlando di formule, se la matematica continua a non essere un'opinione, riguardarlo due volte significa guardarlo 3 volte (cioè una volta lo guardi, poi una volta lo riguardi e se lo riguardi due volte... insomma ce semo capiti o me sto a dà li numeri?)


aleradio: Confermo prima a te: riguardarlo due volte significa guardarlo 1v + 2v = 3v
joe strummer
joe strummer
Opera:
Recensione:
Mi pare che in Italia non sia stato distribuito... Confermi?


aleradio: E confermo a te. Non ho verificato quindi non mi ci gioco il glande però penso proprio che qui non abbia visto luce
odradek: cos'è, l'hai visto in lingua originale, pezzo di poliglotta?
aleradio: Sì ma l'ho visto assieme al mio amico Alfredo SOTTOTITOLI, dato che marti dormiva che poveraccia ha avuto una giornata pesante
axel: Al cinema non credo proprio. MI PARE di aver visto il dvd in giro ma potrei convincerlo con prisoners sempre di Villeneuve
aleradio: Convincerlo era confonderlo? Anche tu eri da Cell?!?!?
axel: Esatte entrambe le cose
odradek
odradek
Opera:
Recensione:
La parola del giorno pare essere combo


aleradio: Sono d'accombo.
odradek
odradek
Opera:
Recensione:
e perché non hai voluto citare la buon'anima di Saramago? comunque


aleradio: Non volevo rovinare in un attimo la mia carriera pluridecennale da ignorante
odradek: Tutto finisce, mio giovane amico. Prima te ne fai una ragione meglio è. - comunque questo va con alcuni altri nella chiavetta o il cazzo che è o sarà, prima che anch'io finisca (s'è fatta una certa, per me)
aleradio: Hai ragione, ma per l'approfondimento della letteratura (che intendo come lettura delle opere, non imparare i nomi dei nobel in letteratura) temo di dover attendere un pochino. Oppure di incontrare un Guru. CARO ODRADEK. Non ho molti titoli, ma penso che già un paio possano bastare, o almeno possano essere una buona occasione. Caro odradek è giunto il fatidico momento.
odradek: Beh, vaffanGURU mi sembra non solo appropriato, ma inevitabile, a 'sto punto. Non ti dico il fa ti dico...
aleradio: mmm...mi son riletto. Non ero chiaro nossignore.
Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
La parola de la notte porrebbe (ehm, con due porri) esse ohomemohomem...


aleradio: questo è difficile da decifrare
Stanlio: non Saraimago no!
pas facile?
ma no mon ami
o trad.
meno mona mi
ehm, è l'uomo duplicato dal titolo di Saramago...
SandroGiacobbe
SandroGiacobbe
Opera:
Recensione:
Non ho alcuna intenzione di leggerla


aleradio: però guarda film!!
SandroGiacobbe: ah è un film?
Workhorse
Workhorse
Opera:
Recensione:
È quello di Sicario? Allora dev'essere bello per forza.


hjhhjij
hjhhjij
Opera:
Recensione:
Cinque anche solo per aver citato "Possession". Il film è eccezionale e Villeneuve è il motivo per cui sono incredibilmente quasi forse fiducioso per "Blade Runner 2".


De...Marga...
De...Marga...
Opera:
Recensione:
La recensione non la leggo, tiè!! Però le cinque stelle le prendi tutte, ma proprio tutte, citando Villeneuve. Che mi ricorda il mitico Gilles, ferrarista idolo della mia gioventù andata. Avevo la cameretta tappezzata dai suoi poster. Che mito, che pilota, che anni quelli ale. Comunque tu fumi troppa erba, ora è lampante. Troppa.


Darkeve
Darkeve Divèrs
Opera:
Recensione:
Gran bel film di un regista che continua a migliorarsi.


Bartleboom
Bartleboom Divèrs
Opera:
Recensione:
L'avevo già segnalato in un'altra occasione a Caz e lo rifaccio. Spietati.it - ENEMY questa è una interpretazione in chiave psicanalitica del film. Piuttosto interessante, soprattutto per chi, come il sottoscritto, ignora completamente il significato di più di metà dei termini tecnici utilizzati in quella pagina...


G
G Alto Papàvero
Opera:
Recensione:
lector
lector
Opera:
Recensione:
Se diventa recensione del momento @[aleradio] , però, ci offre un giro della roba che ha usato per trovare l'ispirazione


Giorno serale
Giorno serale
Opera:
Recensione:
Io mi fido dei commenti. 5.


madcat
madcat
Opera:
Recensione:
Bel film, si, e bella rece


odradek
odradek
Opera:
Recensione:
L'ho anche riletta e la seconda volta è meglio. Raro


aleradio: odradek
aleradio
aleradio
Opera:
Recensione:
1) il marketing funziona
2) leggete quella linkata da bartle
3) un po' imbarazzante
5) praticamente ho scritto tutte le recensioni da fumato tranne questa
6) offrirei ma non posso offrire qualcosa che al momento non detengo, mi rifaccio vivo io. In ogni caso se mi chiedi un giro gratis vuol dire che entrambi sappiamo che a questa pagina qualcosa è stato regalato, il che mi fa molto piacere ma ridimensionamo
7) manca il 4
8) vogliamo circoliamo?
9) l'ultima che avevo l'ho fumata qui, e direi che si nota: l'ascolto di aleradio: sempre attuale Ales...
10) @[cacca] ciao ho provato a vedere se c'era un utente che si chiamava cacca e effettivamente c'eri tu


minoise83
minoise83
Opera:
Recensione:
ma quando ce lo vediamo un film insieme ale


aleradio: Scusami mi fa molto ridere che sopra a "ma quando ce lo vediamo un film insieme ale" c'è scritto "Qualche minuto fa"
e io l'ho letot di fila

pensa domani che ci sarà scritto ieri
e 'podomani che ci sarà scritto l'altr'ieri

Ma quando ce lo vediamo un film inseime ale
tre dì or sono

aspè ma rido solo mio?
minoise83: Fa ridere solo se lo leggi dopo ed è tipo la tua risposta
minoise83: Non so se mi sono spiegato
minoise83: Ho il computer rotto sono dal cellu
aleradio
aleradio
Opera:
Recensione:
E no!!! Io mi son dal tel! Dal telvlorario appare prima!!! Non si capisce!! Sul pc viene dopo quindi sembrava la risposta ma COME VAZZO FAI A SCRIVERE DAL CELL


aleradio: "io mi son dal Cell" e "dal televisore"
aleradio: Ci rinuncio
Flo
Flo Evangelìsta
Opera:
Recensione:
Sei bellissimo.


aleradio: nodai
Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
4) voliamo circogliamo!


odesso
odesso
Opera:
Recensione:
Un altro lavoro che verrà ricordato al 20% per l'effettivo contenuto (ottimo) e per il restante 80% prevarrà il protagonista barbuto (ormai è una moda dilagante) che già 10 anni fa faceva sognare tutte le donne del pianeta.


aleradio: Mazza dissento tantissimo. Mi sa che ci hai pensato solo tu a questa cosa, altro che 80%.....
puntiniCAZpuntini
puntiniCAZpuntini Presidénte onoràrio
Opera:
Recensione:
Bello, visto volentieri. C'ho capito un cazzo d'un cazzo.


sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera:
Recensione:
L'ho visto ieri sera, con grande piacere e godimento, mi è piaciuto molto. Effettivamente però, cazzo, speravo durasse di più. Cioè, non è che sono rimasto deluso dal finale, va bene così, va tutto bene, solo che quando ho visto la 'linea' del tempo arrivare alla fine, speravo che tipo quella fosse solo la prima parte. Forse è così e il resto è un punto interrogativo su quello che verrà. Ohibò.


aleradio: Che bello quando mi arriva la notifica di qualcuno che dice l'ho visto ieri, l'ho visto oggi, l'ho appena visto, volevo vederlo, vediamolo vedendo vedo! Non ti sei un po' brividato? Tra un po' esce animali notturni. Vediamo cosa succede.
sotomayor: Sai che cosa mi ha fatto pensare in particolare, Ale? Lasciamo stare il finale e il fatto della brevità cui ho già accennato... La cosa che mi ha veramente fatto pensare è che in realtà le rispettive compagne (dopo lo scambio) non si rendono conto del 'cambio' tanto per quelli che sono i loro atteggiamenti. In fondo i due a loro modo non sono poi così tanto diversi forse. Voglio dire questo. Perché forse alla fine tutti quanti noi in qualche modo non siamo poi così tanto diversi, possedendo di base tutti quanti più o meno determinate qualità, che poi possiamo o vogliamo adoperare oppure no. In ogni caso, parliamo di due persone diverse qui, ma comunque non così diverse come potrebbe sembrare e allora la cosa che mi ha colpito è che il 'riconoscimento' avviene dopo il contatto fisico e per dei dettagli praticamente minimali e questo mi ha fatto pensare a come siamo in qualche modo tutti quanti ciechi e come sottovalutiamo il contatto fisico come mezzo di trasmissione di sensazioni, di informazioni, come potenzialità di contatto. Non sto parlando di sesso ovviamente (non solo di sesso). Ma è incredibile come a causa di paure, deviazioni ecc. ecc. questa forma di contatto, che poi è una delle più primitive di tutte (per forza) abbia oggi perso ogni significato e sia diventato qualcosa di esclusivo privilegio di una intimità particolare. Più o meno, tutto qui. Scusa la lunghissima riflessione. :)
aleradio: Tu pensa che io manco le ho intese come due persone separate, semplicemente come la stessa persona che si trova in due dimensioni e\o realtà (magari una oniricosimbolica e l'altra terrena) ma io non riesco a spiegare dove mi trovo dal Cell, figurati parlare di enemy
Alfredo
Alfredo
Opera:
Recensione:
Visto ieri sera, era da secoli che non vedevo un film così bello. 5 e Gyllenhaal è proprio un bravo attore, altrochè. Oltretutto il recitare i due lati del carattere di una persona non è semplice, il migliore esempio in tal senso è la prova mostruosa di Jeremy Irons in Inseparabili.


aleradio: ÈveroPure io ieri sera l'ho beccato su qualche canale e ho detto cazzo melorivedooooo invece non si può

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Enemy è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link