Dino Risi
Profumo Di Donna

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


"Profumo di donna" è un film del 1974, Dino Risi il regista.

La trama è semplice. Vittorio Gassman interpreta un non vedente che si fa accompagnare in un viaggio dal nord al sud da un giovane militare, interpretato da Alessandro Momo.

Il viaggio dei due, in treno, parte da Torino, passa da Genova, attraversa Roma e si conclude a Napoli, ed è il pretesto adatto per mostrare allo spettatore uno spaccato di Italia dei primi anni '70.

Ci sono diversi aspetti affascinanti celati in questa commedia drammatica. Il percorso che i due protagonisti compiono è come una strada che porta alla conoscenza dei personaggi stessi.

Gassman vive con apparente serenità la sua condizione di disabile. Il suo personaggio è burbero, scostante, dedito all'alcool, a tratti con pretese assurde. Che sia poco sopportabile è chiaro fin da subito per il suo attendente, nonostante una parente del non vedente lo ragguagli sulla sua non cattiveria di fondo, e precisi al contempo che è ricco, quasi a motivare lo sforzo di accompagnarlo per una settimana intera.

L'attendente si affida al suo carattere accomodante sebbene pensi in cuor suo che la settimana, con un simile "superiore", avrebbe avuto un sapore amaro.

Gassman pretende che il giovane gli procuri una prostituta, e nel frattempo ci scappa uno spaccato su una città di Genova umana ed affabile. Il giovane accompagnatore è tanto infastidito quanto incuriosito e comincia a voler sapere di più di questo viaggio. Non avendo mai risposte credibili si affida all'immaginazione e rimane piuttosto teso per tutto l'itinerario, dove lentamente strani sospetti prendono sempre più forma

Sono divertenti i tentativi del "maestro" Gassman che con pungente sarcasmo tenta di svezzare l'ingenuo militare, spingendolo a bere superalcolici, andare a puttane, in un night, misurare la fidanzatina dello stesso paragonandola ad una prostituta di alto borgo.

Poi si arriva a Roma; spaccato panoramico della città e frecciatine alla categoria clericale . Il cieco approfitta del passaggio dalla capitale per visitare infatti un cugino prete, e nel loro incontro scattano delle riflessioni interessanti su dono del non "vedere", visto dal parroco come salvezza, perché la "mancanza" ti espone ad un arricchimento interiore e ad un utilizzo diverso delle percezioni e dunque ad una comprensione pura della vita stessa.

Poi si passa a Napoli, altra fotografia su Castelnuovo ed il Palazzo reale e una volta arrivati finalemente alla meta, dove Gassman ritrova un amico anch'egli non vedente, impedibile vista mare da terrazza tipica.

A Napoli emergono i drammi interiori (e quale posto migliore), fin a quel punto celati. Ma c'è altro tipo di dramma da seguire. Una giovane napoletana, interpretata da Agostina Belli in gran forma, innamorata e non corrisposta, e poi, lo spettro della morte. Non vado oltre.

Gassman è superlativo, pungente, espressivo e credibile nel suo strabismo vuoto, realizzato a puntino per il ruolo. Filo conduttore, il profumo delle donne. Esse non fanno rumore, ma Gassman avverte, odore di ascelle giovani, capelli neri, e quando percepisce tutto si ferma, in una sorta di contemplazione che allo spettatore è solo dato immaginare.

Momo è bravissimo, col viso pulito, timido ed impacciato al punto giusto. L'attore morirà poco dopo la fine delle riprese. Risi disegna il tutto con il distacco giusto, evitando quello che i film americani spesso mettono fin troppo in evidenza: il buonismo esasperato. Questo rende il film molto più gradevole di quanto il soggetto dia da pensare. Nel cast compare anche Moira Orfei.

Film ricco di colori, immagini, spaccati di quotidianità estiva, ironia e pietà che perde un po' della sua amarezza in un finale accomodante. Ispira un remake ("Scent Of Woman") del 1992 con un ottimo Al Pacino, ma è tutt'altra cosa.

Questa DeRecensione di Profumo Di Donna è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/dino-risi/profumo-di-donna/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sedici)

Melissa
Opera: | Recensione: |
Bellissimo film, con una Belli al massimo della sua bellezza e Gassman in gran forma.
BËL (00)
BRÜ (00)

MetallaroBionico
Opera: | Recensione: |
Melissa, faccela annusare!
BËL (00)
BRÜ (00)

vellutogrigio
Opera: | Recensione: |
Negli anni '70 i maestri della commedia all'italiana flirtano con la morte: da questo film, ad "Amici miei", passando per il Sordi de "La più bella serata della mia vita", si fanno bilanci non sempre positivi della vita dei protagonisti dei vari film. Maturano gli attori, maturano ed invecchiano i registi: quasi l'epitaffio di un'epoca irripetibile per il nostro cinema. Ultimo lavoro degno di nota di Risi, prima di sprofondare nell'oblio.
BËL (00)
BRÜ (00)

vellutogrigio
Opera: | Recensione: |
Ah... con tutto il rispetto, basta paragonare questo film alla sua versione statunitense per misurare le differenze fra il miglior cinema italiano e molto del cinema d'oltreoceano (fatte salve le performance di attori e registi, guarda caso, italoamericani). Spaghetti & Mandolini rules.
BËL (00)
BRÜ (00)

lovelorn
Opera: | Recensione: |
Conosco la versione americana, e mi piace parecchio...
BËL (00)
BRÜ (00)

M.Poletti
Opera: | Recensione: |
Un Gassman eccezionale, un Risi ancora in grande forma. Con tutta la buona volontà, ma il remake americana è inferiore, anche perchè per quanto gigioneggi Al Pacino, non raggiunge le vette drammatiche toccate da Gassman. E poi è tutto l'insieme ad essere inferiore. Concordo con vellutogrigio, anche se "Anima persa", di Risi, lo salverei.
BËL (00)
BRÜ (00)

C.H.A.R.L.I.E Nokia
Opera: | Recensione: |
Risi non è morto qua, stronzate, poi vennero anima persa (con un gigante gassman), la stanza del vescovo (con un gigante tognazzi), e fantasma d'amore (con una gigantesca romy schneider) che sono ancora buonissimi film, e dove Risi si è anche rinnovato, proponendo variazioni gotiche e thriller alla sua commedia.
BËL (00)
BRÜ (00)

CJBS
Opera: | Recensione: |
La rece (forse) la leggo dopo
BËL (00)
BRÜ (00)

Gummo
Opera: | Recensione: |
un classico
BËL (00)
BRÜ (00)

Contemplazione
Opera: | Recensione: |
Potrebbero farne la versione porno, "Odore di Fica"...
BËL (00)
BRÜ (00)

JakeChambers
JakeChambers Divèrs
Opera: | Recensione: |
Bellissimo film.
BËL (00)
BRÜ (00)

sciusciola
Opera: | Recensione: |
guardate profumo di donna con "AL PACINO"...MICA CAZZI...
BËL (00)
BRÜ (00)

mocampo
Opera: | Recensione: |
Stai a scherzà? Si si stai a scherzà!
BËL (00)
BRÜ (00)

carlo cimmino
Opera: | Recensione: |
Film stupendo, un classico. Ma anche il remake di Brest, pur non raggiungendo i livelli dell'opera di Risi, è comunque degno di nota.
BËL (00)
BRÜ (00)

romeo1985
Opera: | Recensione: |
è il film che mi ha fatto più lacrimare, la scena piu bella è quando Gassman che interpreta un non-vedente entra nella stanza dove sono le ragazze e trova anche Agostina Bella (chè nel film è innamorata persa) Gassman cerca di indovinare che si trova davanti sulle note di "Champagne" di Peppino Di Capri, quando lei lo bacia, lui alza la testa al cielo per un istante, e in quell'espressione del volto c'è tutto quello che avrebbe voluto dire, questo è il film più bello che io abbia mai visto
BËL (00)
BRÜ (00)

berlinboy85
Opera: | Recensione: |
e invece io l'ho trovato a dir poco scialbo, retorico e scontato. poi bo, tutto sto spaccato di vita italiana anni 70 io non l'ho visto. i tentativi ci sono, ma tremendamente meno efficaci rispetto ai capolavori di risi. difatti la prima cosa che m'è venuta in mente è stata "ma non potevano arrivare direttamente a napoli??" si salva secondo me solamente la prestazione di gassman (sai la novità) ed in parte il suo personaggio. gli altri sono solo macchiette appena abbozzate (male).
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: