Sto caricando...

Douglas Adams
Addio, e grazie per tutto il pesce

()

Voto:

Cap. 42.

La Terra è stata polverizzata. Era indispensabile per poter costruire una circonvallazione intergalattica. In fondo non è stata una grave perdita. Siamo sinceri, gli esseri umani sono degli attaccabrighe, come Rob McKenna, un “fottuto bastardo”.

Immaginiamoci la Vita, l'Universo e tutto quanto, fluttuante insieme ad infiniti Universi, con miliardi di pianeti che per oltre il 99.9% sono inospitali, incomprensibili e bizzarri. Nonostante ciò, non si può non credere che, da qualche parte, esista un luogo simile alla Terra, ma con esseri più evoluti. Non si deve perdere la speranza.

Qualcuno, a questo punto, potrebbe sollevare il sopracciglio come Spock, e dire: “Che c'entra questo tizio con la trama del libro?”. Risposta: “Assolutamente niente... forse”. Rob è il massimo esperto di pioggia. La pioggia è fondamentale, altrimenti le piante muoiono, e l'ecosistema va a farsi benedire. Rob, ha catalogato 239 tipi di pioggia diversa, ovviamente nessuna gli è gradita, anche se le nubi lo amano, e vogliono stargli vicino.

Come la 33 (lieve acquerugiola pungente), e la 39 (dal forte ticchettio). Dalla 47 alla 51 (da pioggerellina leggera e verticale a pioggia molto obliqua, di vento, fino all'acquerugiola moderata e rinfrescante). l'87 e l'88 (due generi sottilmente diversi di acquazzone torrenziale verticale), la 100 (fredda burrasca post-acquazzone), la 11 (goccioline che arrivano spinte dal vento). Tra il 192 e il 213, sono compresi tutti i tipi di temporale marino.

Stanchi di sentir parlare di pioggia?

Presto finirà! Non prima però di segnalare che la 17, “pioggiaccia schifosa”, è la peggiore.

Cap. 42.

Ora, riuniamoci al protagonista Ford Prefect, che si trova su un altro pianeta, a provocare sconsideratamente guai, rischiando la vita all'Old Pink Dog Bar. Non è come ritrovarsi nel Ristorante al termine dell'Universo a degustare lo gnaB giB. In possesso di un'American Express Card, sta cercando di convincere il barista a chiudere il conto, ma lì non si utilizzano tali sistemi di pagamento. La cifra da saldare è iperbolica. Naturale, è stato tutto il giorno al bar a ingurgitare intrugli con bollicine, offrendo da bere a tutti, compresi dirigenti di case discografiche.

Ford però possiede un'arma segreta, la Guida Galattica per gli Autostoppisti. Inoltre, lavora per La Guida, anche se lo devono ancora pagare!

La Guida è un manuale, anzi un minicomputer, sottile, flessibile e maneggevole, dotato di un pannello interfaccia dove è possibile accedere a una sterminata quantità di informazioni che si devono perennemente aggiornare alla fisionomia della Galassia che muta in continuazione. La sua influenza è talmente elevata, che gli stessi redattori hanno dovuto elaborare una serie di regole severe per evitare che venga usata in modo scorretto.

Cap. 42.

Non dimentichiamoci di Arthur Dent. Lui è sulla Terra a 1437 anni luce di distanza, in condizioni non proprio equilibrate.

D'altronde, dopo aver percorso in autostop più di centomila anni luce di galassia, chi non sarebbe scombussolato? Ma la Terra non era stata annientata dai Vogon otto anni prima? Evidentemente qualcosa è sfuggito, ma soprattutto che l'umanità non conta nulla nelle inesplorate regioni dell'Universo. In effetti, qualcuno sa qualcosa: “Ma chi? I delfini?”. Non domandatevi perchè compare più volte il 42. Tanto i numeri sono infiniti, ma sono tutti irrilevanti tranne il 42. È solo l'inizio delle (dis)avventure dei nostri amici, compreso il robot Marvin. Il resto, si svelerà leggendo questo allucinato, imprevisto e visionario romanzo.

Cap. 42.

Commenti (Sedici)

luludia
luludia
Opera:
Recensione:
Kxt txz ztk!!!


Dr.Adder: 🐬
TataOgg
TataOgg
Opera:
Recensione:
Lo sai, no? 42.

Questo mi manca... perché mi manca? 🤔


macmaranza: Già. Perché!
Dr.Adder: Utilizza la Guida Galattica per recuperarlo.
TataOgg: La guida mi detto che é custodito dalla Laestosa Vantriglia di Lob...
Almotasim
Almotasim
Opera:
Recensione:
Complimenti Adder!
E "Io amo la pioggia, perché..."


Dr.Adder: Bell'abbinamento.
devale
devale
Opera:
Recensione:
Mi hai fatto venire voglia di riprendere in mano la trilogia.
Non ricordo se era qui o prima dove Arthur impara a volare. Che bello


TataOgg: Nel ristorante mi sa!
TataOgg: Naaaa. Ho sbagliato. La vita l'universo e tutto quanto.
Dr.Adder: Qui sa già volare, c'è anche una scena un po' erotica e divertente con una ragazza.
psychopompe
psychopompe Divèrs
Opera:
Recensione:
Dovrei rinfrescarmi la quadrilogia, di questi tempi potrebbe avere un ottimo effetto. Speriamo per il towel day di essere di nuovo in giro per le strade :(


Dr.Adder: Guida Galattica rinfrescante.
Stanlio
Stanlio
Opera:
Recensione:
La "Guida ecc.." l'avevo iniziata tempo addietro ma siccome che non riuscivo a venirne a capo l'hbo mollata lì per lì ed ancora non m'è venuta voglia di riprenderla in mano, chissà... magari potrei prenderla in piede, boh!


macmaranza: Capisco. È un umorismo un po'... melenso. Ma è sempre meglio d'un morto in casa. Ahr!
macmaranza: Capisco. È un umorismo un po'... melenso. Ma è sempre meglio d'un morto in casa. Ahr!
macmaranza: Chiedo scusa.
macmaranza: Chiedo scusa. Haw!
Stanlio: Uah uah uah, sì sì è un umorismo assai soft oltre che melenso, ed ha i suoi estimatori tra cui io non mi ci ritrovo.
Dr.Adder: Potresti, ma consiglio di non (ri)partire con questo.
psychopompe: >Scusate ma come si fa a ripartire con questo? La Guida è formata da quattro libri, Guida Galattica...-Il ristorante al termine dell'universo - La vita, l'universo e tutto quanto - Addio e grazie per tutto il pesce. O li leggi tutti o nada credo. Io sono di parte, per me è uno dei libri del cuore da almeno 25 anni
Dr.Adder: @[Stanlio]
Se la Guida ti risulta "soft e melensa", prova a leggerti La Banda di Barnaby Sheen di R.A. Lafferty. Riuscirai a venirne a capo, oppure ti servirà la Guida per ottenere (de)lucidazioni?
Stanlio: oK doC
macmaranza: Eh Lafferty. Uno scoglio! Mi ci sono incagliato pure io.
ZiOn
ZiOn
Opera:
Recensione:
Credo di averlo da qualche parte, magari gli do una sbirciata.


Dr.Adder: Non è il suo migliore, meglio i primi tre.
JonatanCoe
JonatanCoe
Opera:
Recensione:
Gli Urania...si potrebbe scrivere per giorni. Appena posso butto un occhio, mi incuriosisce.


Dr.Adder: Sugli Urania ci sono svariati romanzi che sorprendono, anche a distanza di anni.
macmaranza
macmaranza
Opera:
Recensione:
Non certo il mio preferito, come spiegato sopra. Ma sono gusti: lui mi piace, pure assai.


Dr.Adder: Concordo. I primi tre sono migliori, per me soprattutto Ristorante... perchè è il più ispirato. Poi la serie perde di mordente.
lector
lector
Opera:
Recensione:
Mi verrebbe una battutaccia infame....


lector: La dico?
lector: Naaaaaaaaaaaa!
E' TROPPO scadente...
lector: La dico?
lector: Che vergogna!
lector: La dico...
lector: E' quello che mi dicono tante quando vado via...
lector: Che vergogna!
Dr.Adder: Sei il King of Capish, almeno su Debaser, puoi fare le battute che vuoi 🙂.
Dislocation
Dislocation
Opera:
Recensione:
La verità, come ognuno sa, è riposta solo nei Topi.


Dr.Adder: Algernon.
nix
nix
Opera:
Recensione:
e ora di affrontarlo il discorso "Urania".
Quei libri hanno fatto la storia della fantascienza. E poi le copertine...
Ma la fantascienza ha fatto la storia della letteratura? Qualcuno dice di no, qualcuno di si.
Io qualche libro realmente straordinario l'ho letto. Ne ricordo uno, credo proprio un Urania, che si intitolava "Universo". Mi è rimasto impresso.


Dr.Adder: "Universo" è un classico degli anni d'oro, da parte di uno dei più grandi scrittori di Fs.
nix
nix
Opera:
Recensione:
e poi alcune idee degli scrittori di fantascienza sono realmente pazzesche. Qualcuno si ricorda il "vetro lento"? Puro genio, innegabilmente puro genio.


Dr.Adder: Lo ricordo, l'avevo letto, "Altri giorni, altri occhi" di B. Shaw, insieme ad altri, dovrei controllare la mia vetusta agenda letture. Aveva uno stile di scrittura particolare.
Caspasian
Caspasian
Opera:
Recensione:
Dalla circonvallazione Gianicolense a quella intergalattica. Purple rain...


Dr.Adder: Bell'idea, rilancio con "Who will stop the rain?" degli Asia, così è contento anche @[Battlegods] 😉.
Battlegods: Io rilancio con Only time will Tell degli Asia, grazie ahahah i Cugini di campagna con le chitarre metallose anche no ahahah
Dr.Adder: Ahaha! Non vale, tu ha rilanciato con un pezzo da 90, perciò inserisco l'epicità di Free (tre chitarristi, Howe, Crichton & Thrall).
Battlegods: Aura...Ma come fa a piacerti quel metal liceale? AHAH
Dr.Adder: Devo pur sentirmi un po' giovane 😀.
Battlegods: Meglio sentirsi Manfred mann, Rundgren e gli Utopia, tanto per dirne due no?! ;)
Dr.Adder: Devo aggiornarmi, ascolterò questi Utopia, tu intanto potresti ascoltare gli Asia (tranne i primi 2). Hahaha!
Battlegods: Già fatto ahahah vai su Rundgren e gli Utopia, roba spaziale!
Battlegods: Buona Pasqua sonica!
Onirico
Onirico
Opera:
Recensione:
Bene, era da qualche settimana che aspettavo una recensione fantascientifica per chiedere a tutti gli appassionati qui presenti, recensore compreso, consigli di letture fantascientifiche, di cui sono praticamente vergine. Di seguito i punti:
1) Io sono appassionato di horror e weird, quindi il primo consiglio che chiedo e': bei libri che miscugliano la fantascienza con l'horror.
2) Libri di fantascienza che, anche se non c'entrano con l'horror in senso classico, inquietano, angosciano e disturbano fortemente, il primo esempio che mi viene in mente e' Solaris, uno dei pochi che ho letto e che, visto quanto mi ha angosciato, mi e' piaciuto veramente tanto.
3) Libri in cui e' presente una riflessione profonda, in cui ci sono sprazzi di filosofia, in particolare il rapporto tra natura-uomo-tecnologia. In questo senso ho trovato molto affascinante sia Lem che i fratelli Strugaksij.
4) per chi avesse tempo: i libri di fantascienza a cui non si puo' rinunciare, i meglio scritti e con le storie piu appassionanti, quelli che almeno una volta nella vita vanno letti.
Aggiungo qui la striminzitissima lista di quelli che ho letto:
Scorrete lacrime, disse il poliziotto di Filippo La Nerchia (con il massimo rispetto eh, mi e' piaciuto un botto)
La chiocciola sul pendio dei Fratelli Strugackij
E' difficile essere un dio dei Fratelli Strugackij
Solaris di Stanislaw Lem
L'invicincibile di Stanislaw Lem.
Grazie a tutti in anticipo


Caspasian: La trilogia della Fondazione di Asimov: Cronache della Galassia, Il crollo della Galassia centrale, L'altra faccia della spirale. Buona Pasqua.
Dr.Adder: Un po' arduo rispondere, se avessi segnato appunti nel passato, come ho fatto in questi ultimi anni, avrei accesso a una gran quantità di informazioni, ma tant'è.
Su Urania, segno questi (grazie alla mia vetusta agenda), ce ne sono altri, ma devo consultare l'altra sezione.
La città labirinto, Livello 7, La casa dalle finestre nere, Le sentinelle del cielo, Il lastrico dell'inferno, Sogno dentro sogno, Ricordatevi di noi, L'occhio del purgatorio, La notte del bombardiere, L'addio orizzontale, Capitan abisso, Gli uomini vuoti, I predatori del suicidio.
Onirico: @Caspasian @[Dr.Adder] Ma quelli che mi avete consigliato sono a quale categoria appartengono? 1 fantascienzahorror, 2 fantascienza inquietante, 3 fantascienza "filosofica", 4 classici ?
Grazie in anticipo e buona pasqua dalla Bona Pisqua.
Dr.Adder: Quelli segnati non sono proprio di Fs (a volte Urania pubblica romanzi non di Fs), contengono altri generi. Fs: psicologica, filosofica, horror, drammatica, erotica, dark ambient, e altri.
Caspasian: Classico.
Onirico: Ok, grazie Dottore, ma qualche pietra miliare di fantascienza proprio fantascienza che sia inquietante? E di classici, che mi consigliate a parte Asimov, di cui ho sentito parlare un gran bene? Quali sono ad esempio i migliori di dick, di clarke, di ellison, e compagnia bella... giusto per nominare i nomi sulla bocca di tutti?
E' che sono totalmente ignorante, ho bisogno di qualche pilastro. Per esempio ho, e devo ancora leggere Dune....fantascienza erotica non ne avevo mai sentito parlare, figurarsi dark ambient, che al massimo e' un genere musicale che non amo...
Dr.Adder: Per me i migliori di Dick, sono quelli dei '60.
Se però, vuoi leggere libri più impegnativi, su un altro livello di comprensione, ci sono.
Tutti a Zanzibar, strutturato su 4 piste (contesto, ultimissime, primi piani, sequenza), c'è un po' di tutto, musica, matematica, filosofia, sociologia, scienza.
Triton, complesso e ancora oggi avvenieristico, imperniato soprattutto su problemi sociali (sessismo), ma anche ricerca sul testo letterario e i suoi meccanismi.
Pensa a Fleba, un'ambiziosa e anticonvenzionale space opera.
La Matrice Spezzata, romanzo sulle diverse identità evolutive, corporazioni, tecno-cibernetica, manipolazioni genetiche e psichiche.

lector: La Sci-Fi è un contenitore, è come la pasta è fagioli: dentro ci puoi mettere di tutto basta che azzecchi il dosaggio!
Io ti consiglierei le "Cosmicomiche" e "Ti con zero" di Calvino; "Ghiaccio Nove" e "Le sirene di Titano" di Vonnegut:
Poi se vuoi fare lo sborone (come me) ti porti in giro "Una storia vera" (Ἀληθῆ διηγήματα) di Luciano di Samosata che, intorno al 150-170 D.C., immagina il primo viaggio sulla Luna; oppure "L'ultimo uomo" di Mary Shelley (quella di Frankenstein che - appunto - mica ha scritto solo Frankenstein!).
Ancora, oltre ai nomi citati da tutti gli altri (Dick, Asimov, Adams, etc. etc.) non dimentichiamoci assolutamente di J.G. Ballard! Soprattutto i racconti e la tetralogia degli elementi, ma con Ballard dove peschi, peschi bene!
Infine guardati la prima serie di Star Trek: tutta (TUTTA) la fantascienza sta là! (Io lo dico sempre)

Falloppio: Asimov Silveberg
Onirico: Grazie a tutti ragazzi, tornero' a rompervi il cazzo dopo aver letto tutto quel popo' di roba che mi avete consigliato.
Ora vado a cercare su gugl.
Dr.Adder: Ok! Tutti da @[lector] che ci preparerà un'ottima pasta e fagioli, io nel frattempo vi racconterò i libri segreti della Fs.
gaston
gaston
Opera:
Recensione:
Troppo divertente lui qui...


Dr.Adder: Anche di più nei primi 3.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di Addio, e grazie per tutto il pesce è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link