Sto caricando...

Doves
The Universal Want

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Ci sono voluti ben undici anni per avere, finalmente, un nuovo album dei Doves.

Con Jimi Goodwin e soci ci eravamo lasciati dopo l’ottimo “Kingdom Of Rust”, seguìto dopo un solo anno dalla raccolta “The Places Between”, che sembrava sancire la fine definitiva di un percorso artistico pressoché impeccabile. Successivamente, lo stesso Goodwin ha esordito da solista nel 2014, mentre i restanti membri hanno fondato una nuova band, i Black Rivers, che hanno dato alle stampe il loro debutto giusto un anno dopo.

Dopo una serie di concerti un anno fa, i Doves si sono chiusi in studio e finalmente hanno dato alle stampe questo nuovo “The Universal Want”, prodotto dalla stessa band assieme a Dan Austin e registrato tra Macclesfield, Stockport e Alcester. Composto da dieci brani inediti, il nuovo lavoro della band mancuniana riprende esattamente da dove ci eravamo lasciati un decennio fa, come se tutto questo tempo non fosse mai passato.


Si tratta, infatti, di un disco quintessenzialmente “dovesiano”, che guarda in alcuni episodi al passato (come nel caso di “Cycle Of Hurt”, che sembra ripescare certe atmosfere del mai dimenticato “Lost Souls”, o del nuovo singolo “Broken Eyes”, che prende i Doves più classici e li imbastardisce con gli Smiths – vedi il finale, a richiamare palesemente “There Is A Light That Never Goes Out”) ma si concentra soprattutto nel riposizionare il trio mancuniano in un presente ben diverso rispetto a quello di undici anni fa.

“Carousels” apre il disco in maniera eccezionale con un delizioso sample del compianto Tony Allen; l’impianto ritmico del pezzo è davvero fantastico, non a caso il brano è stato scelto per il ritorno sulle scene della band. E anche il resto del disco non fatica nell’entusiasmare, dalla spinta elettroacustica della delizosa “I Will Not Hide”, sul quale va ad incastonarsi un azzeccatissimo solo di chitarra elettrica, alle fascinazioni bowiane (dichiarate) della spettacolare “Cathedrals Of The Mind” (che fa da ponte di collegamento col precedente “Kingdom Of Rust”), fino ad un singolo smaccatamente radiofonico - ma con classe - come “Prisoners”.

E così anche l’afflato trip hop di “For Tomorrow” e la titletrack (tra piano ballad e pulsioni Hacienda style, non a caso nella prima fase di carriera i Doves si chiamavano Sub Sub e facevano dance) finiscono per convincere.

Un grande ritorno, che rende giustizia ad una band mai abbastanza celebrata.

Brano migliore: Cathedrals Of The Mind

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

musicalrust
musicalrust
Opera:
Recensione:
Gruppo che ho sempre molto apprezzato .... ascolterò per valutare, anche se la tua rece mi ha già dato un perfetto e succulento antipasto.


fedezan76
fedezan76
Opera:
Recensione:
Curioso anche io, ho sentito Prisoners ed è un ottimo pezzo. Non mi aspetto certo un Lost Souls, ma spero che come dici ne valga la pena.


GrantNicholas: Pensa che Prisoners probabilmente è il brano più debole del disco ("debole" si fa per dire)
fedezan76: A dire il vero avevo sentito un altro video di cui non ricordo il nome che era più debole.
Valentyna
Valentyna
Opera:
Recensione:
Non sono ancora riuscita ad ascoltarlo! Ma già so che mi troverò perfettamente d'accordo con la tua recensione. Per ora,coincidenza,dei singoli usciti Cathedral of the Mind è proprio il mio preferito. Indi ragion per cui...


musicanidi
musicanidi
Opera:
Recensione:
Ma che bella notizia...mi ci butto a capofitto.


Falloppio
Falloppio
Opera:
Recensione:
Chi sono questi cialtroni?
Mai sentiti prima, giuro.
Leggero aroma Smiths.
Al primo ascolto non è male.
Anzi Broken Eyes è carina.
Faccio che ascoltarlo tutto e poi spazio ai voti....


GrantNicholas: Se non li hai mai sentiti prima e questo ti dovesse piacere, recupera Some Cities del 2005, per me il loro capolavoro
odradek: Beh, l'esordio ("Lost Souls") lo devi ascoltare.
Falloppio: Preso da Spotify.
Bella Sea Song.
macmaranza
macmaranza
Opera:
Recensione:
Doves ono? Belli belli! Non li conoscevo proprio.


musicanidi: Ascolta il primo Lost Souls. Eccezionale, fidati.
macmaranza: Trovato! Poi me lo ascolto con tutti i crismi.
zaireeka
zaireeka
Opera:
Recensione:
“Lost souls”.... l’album più bello che mai ascoltai... È un nome familiarissimo, come quello di qyesto gruppo, che mi ricordo lessi infinite volte su riviste e sul web. L’album più bello che mai ascoltai, forse perché non riuscii a scaricarlo da napster.. che bei tempi quelli


Falloppio: Napster. Spaccio gratuito di dischi. Spaziale
Chainsaw
Chainsaw
Opera:
Recensione:
Forse sono un po' troppo piacioni per i miei gusti, ma li provo


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di The Universal Want è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link