Ed Motta
AOR

()

Voto:

E' chiaro che non parliamo di Eye Of The Tiger né di Stallone sul ring, e neanche di Michael Bolton coi ciuffi al vento, dei Dakota di Runaway e di Carl Palmer in bianco che fa il giocoliere con le bacchette nel video di Heat Of The Moment, non parliamo di Neil Schon che sfodera un assolo tutto-muscoli dentro un'arena di 90,000 persone né dei Whitesnake edizione-1987 dopo una giornata trascorsa dal parrucchiere, e nemmeno dell'indimenticato Jimi Jamison che suona la chitarra da uno scoglio di Malibu Beach mentre David Hasselhoff e Pamela Anderson si lanciano in acqua coi salvagente (anche se non mi perdevo una puntata, perché negli anni '90 non guardavo propriamente cinema d'essai).

Ebbene no, di tutto questo non parliamo e non parleremo.

Parliamo invece di Fagen e Becker, delle chitarre fluide e pulite di Larry Carlton e Jay Graydon, di Jeff Porcaro e di Steve (Porcaro) immerso fra tastiere e piani elettrici dietro i tipici occhialoni, di David Hungate e di Steve Lukather, di Marc Jordan per chi lo conosce o lo ricorda, dei Doobie Brothers periodo-McDonald, di nomi come Lee Ritenour e di una miriade di altri che diranno poco tranne che a un pugno di collezionisti giapponesi e, non vedo perché ometterlo, dell'Alan Sorrenti delle migliori produzioni americane (per alcuni, peggiori in ogni caso).

Perché quando si parla di AOR è sempre bene precisare di cosa si sta parlando. E partendo da certi presupposti, il famigerato acronimo si tradurrà in un qualcosa di appetibile finanche per l'ascoltatore più scettico.

Il primo di questi scettici, ho il dovere di ammetterlo, sono io.

Che quando sento parlare di Arena Rock mi viene in mente - d'istinto - John Travolta con la fascetta sulla copertina di Staying Alive e non so perché.

In realtà il perché lo so bene, dico così soltanto per dire. Giusto un po' di retorica.

Tanto più che, mentre sto scrivendo, ho googlato Staying Alive 1983 e mi è apparsa una foto di John Travolta grondante olio che in costume e stivali fuoriesce da una nebulosa di fumo e raggi laser. Far From Over mi sta già suonando nella testa.

Il che mi costringe, dopo contestuale rigurgito, a fare un sospiro e a concentrarmi sull'immagine che più m'interessa: quella di un elegante e impettito Ed Motta su sfondo (sfocato) di palme, e un verosimile aroma di brezza marina nell'aria.

Penso d'istinto all'interno-copertina di Silk Degrees di Boz Scaggs, e l'istinto non mi tradisce neanche stavolta. Perché è lì, che quelle palme debbono portarmi e portarvi.

West Coast, anzi California per la precisione, Venice Beach, l'eventuale rosseggiare di un tramonto da ora legale (sulla spiaggia). Siamo nel 1978, magari. Ma se fossimo nel 1977, l'immaginario sarebbe lo stesso.

Gli strumenti che non devono mancare sono un sax e un Fender Rhodes, tutto il resto può alternarsi purché si alterni con classe. La session ha inizio, ed è un aperitivo a base di soul, jazz e funk. L'amalgama fra gli ingredienti è un'anima latina. Le citazioni sono l'oliva nel Martini.

E quindi non è un caso, se il ritmo di S.O.S. Amor si muove sul classico shuffle di Bernard Purdie in Home At Last - che il compianto Porcaro dei tamburi omaggiò almeno in Mama e Rosanna – tutta questione di classe, più che di tecnica nuda e cruda. E se si respira un generale mood da Deacon Blues, o da Black Cow se preferite (cambia qualcosa?).

Ormai ex(da tempo)-ragazzo prodigio del soul brasileiro, Ed ci fa capire che sa come cimentarsi col (non-)genere adulto per antonomasia, o piuttosto con quell'appeal tipico dei session-men losangeleni fra anni '70 e '80. Per “noi” che quello stile l'abbiamo amato e cercato ovunque scorrendo con gli occhi i crediti di qualche LP di seconda mano, sarebbe difficile imbattersi in un album più gustoso.

Lo sto ascoltando da un quarto d'ora, e dopo un quarto d'ora ho rimosso John Travolta in Staying Alive.

In costume e stivali.

Questa DeRecensione di AOR è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/ed-motta/aor/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Otto)

mrbluesky
Opera: | Recensione: |
mi è tornata voglia di giocare a Vice City
BËL (02)
BRÜ (00)

Lao Tze: a chi lo dici.
macaco
Opera: | Recensione: |
Bravo ad aproffondire il buon Ed, oltre ad avere una gran voce, há il merito di essere un artista riconosciuto sia negli state che nella sua terra.
BËL (02)
BRÜ (00)

Lao Tze: un giorno gli dedicherò anche una vera recensione.
Falloppio
Opera: | Recensione: |
Peccato che ci parli poco dell'artista anzi stavolta non ho capito il preambolo eterno sugli anni '70. Mi sarò perso qualcosa. Boh. Comunque sul tubo c'è l'album completo. Ascolto piacevole.
BËL (01)
BRÜ (00)

Lao Tze: ho preferito darti un'idea di come suoni il disco, dal momento che va considerato un omaggio - non tanto a un genere quanto a un tipo di suono legato a un contesto e un periodo circoscritti.
Aprire parentesi sulla carriera di Ed serviva relativamente perché, dopo tutto, se vuoi iniziare a conoscerlo non è da questo che devi partire.
lector
Opera: | Recensione: |
Very stylish. Lao Tzè: una certezza.
BËL (02)
BRÜ (00)

Almotasim
Opera: | Recensione: |
Pagina bella e divertente, ricca di immagini evocative e riferimenti colti (Fagen, Porcaro, Anderson...). Un'alTravolta una tua high fashion review.
BËL (02)
BRÜ (00)

Lao Tze: riferimenti colti ed altri meno colti.
Almotasim : I meno colti son comunque fatti di costume.
Lao Tze: tu comunque li hai colti tutti, sia i colti che i meno colti.
IlConte
Opera: | Recensione: |
Ho paura ad ascoltarlo, mi basta ricordare come era cotonato e ridicolo il mio Coverdale allora... se non l’avessi scritta tu (come sempre da dio) non l’avrei neanche letta...
BËL (01)
BRÜ (00)

Lao Tze: ma quello è ciò che il disco NON E', altrimenti ne sarei stato alla larga io stesso.
Devi pensare agli Steely Dan, adesso non so se li hai già sperimentati ma basta questo per capire che il disco non è nocivo.
Certo gli Steely Dan non saranno proprio il tuo genere ma sono abbastanza "buoni"..
IlConte: Cazzo non ho capito proprio un cazzo, ma cosa c’entra l’Aor con gli Steely Dan, no perché c’è scritto Aor ahahah
Lao Tze: perché intende AOR come sinonimo di West Coast o musica fatta a L.A. (non necessariamente da artisti di L.A.) con sessionmen del giro di L.A, che a rotazione sono sempre quelli. Dato che AOR - sia come "adult oriented" che come "album oriented" - non dice niente su come suona un disco, può significare cose molto diverse fra di loro. Ed è quello che ho provato a dire qua sopra. Da noi prevale l'accezione di AOR come Arena Rock, negli USA è tutta un'altra cosa e trovi etichettata come AOR gente come Steely Dan, Hall & Oates o addirittura Al Jarreau - che insomma, non faceva esattamente Arena Rock....
Ecco perché demonizzare tutto quel che sta sotto l'etichetta AOR non ha molto senso. Prima bisogna capire che cosa s'intende.
Ed è tutto spiegato in questo libro qua HOTEL CALIFORNIA/ Il libro che racconta 300 album fondamentali, da Phil Spector agli Steely Dan che è un mattone e non costa neanche poco, ma è l'unico in italiano a trattare l'argomento dalla prospettiva giusta.
hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Stuzzicante l'accostamento con il suono Steely Dan, anche se ho l'impressione che sia il songwriting a non essere del medesimo livello di quei due.
BËL (00)
BRÜ (00)

Lao Tze: qui è di livello ottimo, semmai non c'è quel marchio unico e non può esserci.
E' un disco che ho trovato curioso, comunque, anche perché è un suono che non viene più ripreso da quasi nessuno. A differenza di altri stili inflazionati.
hjhhjij: Direi che potrei provarlo allora.
Lao Tze: sì, tanto non pesa.. volendo si può optare per la versione in inglese Ed Motta - Smile
hjhhjij: Naaa dai lo provo in lingua originale.
proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
voglio battergli il 5
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: