Elliott Smith
Roman Candle

()

Voto:

Il debutto solista di Elliott Smith è il classico Cd da ascoltare in una notte insonne, tra  un pacchetto di sigarette da svuotare e un bicchiere di Johnny Walker. Musicalmente tanto semplice quanto intrigante, registrato su un domestico quattro piste, “Roman candle” conquista principalmente per l’intimismo che sprigiona il cantautore di Portland. Voce e chitarra acustica, occasionalmente una chitarra elettrica per puntellare i momenti più drammatici. Suoni tanto autentici da sembrare provenire da una stanza attigua.
Come un Nick Drake cresciuto nell’era grunge. Non carinerie da college à la Belle & Sebastian, ma testi crudi e scenari inquietanti: “Roman Candle” suona come l’ideale colonna sonora della spettrale Portland dipinta da Gus Van Sant in “My Own Private Idaho”. “Condor Avenue”  è la highway 61 della metropoli dell’Oregon, ideale punto di incontro di improbabili personaggi all’inseguimento di chimere. Versi come “She took the oldsmobile out past condor avenue / the fairground's lit / a drunk man sits by the gate she's driving through / got his hat tipped bottle back in between his teeth / looks like he's buried in the sand at the beach” sembrano davvero usciti dalla penna di Dylan.
Oppure “Drive All Over Town”, disperato inseguimento notturno della sua amata, che sembra provenire dal set di “Drugstore Cowboy”.
Le melodie qui non sono ancora quelle levigate e smussate – memori di influenze beatlesiane – che faranno risplendere opere come “Either Or” o “Xo”. I suoni sono claustrofobici e squadrati – appena mitigati qua e là dal fantasma di Paul Simon –  e lo si evince fin dai titoli. Ben quattro episodi recitano “No Name #” come dicitura, e non si saprebbe dire quale di questi sia più ammaliante nella loro desolata sinteticità.

I testi non sono da meno, anche quando i riferimenti alle droghe lasciano spazio a rapporti interpersonali complessi e sfigurati.
Illuminanti in tal senso sono i versi della title track:  “I'm hallucinating / I hear you cry / your tears are cheap / wet hot red swollen cheeks /fall asleep / I want to hurt him / I want to give him pain / I'm a roman candle / my head is full of flames". Oppure in “No Name # 2”: “ I’m lying here on the ground / a strip of wet concrete / her name was just a broken sound / a struffle step you hear when you're falling down / killing time won't stop this crying”.
Il meglio arriva però alla fine. "Last Call” è una  morbosa e disperata cavalcata, solcata da un’abrasiva chitarra elettrica. “And I wanted her to tell me that she would never wake me” ripete disperato Smith, prima di chiosare, esanime, "I’m lying here waiting for sleep to over take me”.
“Kiwi Maddog" suggella l’album con un inusitato pezzo strumentale, vivacizzato da sorprendenti chitarre country – psichedeliche. Singolare quanto una Cattedrale nel deserto.

Questa DeRecensione di Roman Candle è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/elliott-smith/roman-candle/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti anonimi. Quindi Accedi!


Commenti (Venti)

lemuro
Opera: | Recensione: |
pur odiando le cattedrali nel deserto, la recensione è ricca ed ammaliante.....sarà forse il benefico influsso del grande elliott ??
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Lewis Tollani
Opera: | Recensione: |
Vorrei metterti 6 solo per la citazione di My Own Private Idaho (belli e dannati mi fa un po' cagare come traduzione, ma...).
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Burns
Opera: | Recensione: |
grande elliot , sopratutto per il suo guardaroba, maglette e jeans bucati, generazionale a suo modo.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Mario
Opera: | Recensione: |
bel film belli e dannati di gus van sant, grande river phoenix, uno dei pochi veri spettri della X generation, elliott poteva benissimo essere uno di quei ragazzi.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

principles
Opera: | Recensione: |
oddio il primo album di Elliott non mi entusiasma più di tanto , ottima la recensione . La preferita di quell'album ? Kiwi Maddog ! La sento sempre ancora oggi...
Sto scrivendo una sceneggiatura e se un domani dovessi fare un film nei titoli di testa voglio metterci kiwi maddog
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Mauri
Opera: | Recensione: |
...bravo, bella rece e bell'album!
..Cia
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Anonimo
Opera: | Recensione: |
NO MALE IL CD ANCHE IL COMMENTO E' SUFFICENTE...BRAVOOOOOOOOOOOOOOOOOOOOO
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Anonimo
Opera: | Recensione: |
Anonimo
Opera: | Recensione: |
CHBDF
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

odradek
Opera: | Recensione: |
Cambia bibita. Rapina una farmacia e compera una bevanda degna. Degna di questo bravo autore, di un disco che non merita l'infamia di un Johnny Walker. E che cazzo, scherza con quel che ti pare, ma con canzoni e alcolici cerca di esser serio. Con le canzoni lo fosti...Un bacino. Disco tra il 3 e il 4, ma 'sta cazzo di tenerezza spinge in sù (e dove vuoi che spinga...)Quattro, quindi.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

donjunio
Opera: | Recensione: |
fedele al mio mito mister no, e allo stesso elliott - che in miss misery canta " I'll fake it through the day / with some help from Jojmmy walker red " - confermo la mia fiducia in JW.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

donjunio
Opera: | Recensione: |
sì ok , è "johnny walker red"
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

odradek
Opera: | Recensione: |
Ecco perchè! Non ci avevo pensato. Non doveva bere quella robaccia, con tutto il ben di dio che c'è. Pazienza, restano i dischi e questa bella recensione.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

pluto77
Opera: | Recensione: |
and I wanted her to tell me that she would never wake me..

splendida.

BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

santi_bailor
Opera: | Recensione: |
splendido,eccezzionale
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

CrazyMary
Opera: | Recensione: |
bellissimo disco. Grazie per la recensione era proprio quello che serviva ;)
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

gianmarcolodi
Opera: | Recensione: |
bellissima recensione per un disco che io adoro con tutto me stesso
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

boredom
Opera: | Recensione: |
disco che sto ascoltando molto spesso. ottima rece come di consueto.
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

boredom
Opera: | Recensione: |
"trying to make a whisper out of you"
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

masturbatio
Opera: | Recensione: |
you don't belong here elliott, così magicamente triste
BËL ( 00 )
BRÜ ( 00 )

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: