Federico De Caroli
Il futuro è finito

()

Voto:

Ben oltre gli standard del romanzo distopico e ben oltre le prevedibili atmosfere di qualsiasi thriller futuribile, questo corposo racconto (540 pagine) mette in gioco un labirinto visionario di luoghi e personaggi che attraverso gli intrecci del subconscio diventa metafora radicale della deriva individuale e sociale del nostro tempo. Assestando una mazzata finale che non lascia dubbi su quale “credo” l'autore abbia consolidato. Non a caso, nei risvolti di copertina si parla di ipotesi nichilista sul destino del genere umano. Federico De Caroli, attivo da decenni sulla scena musicale elettronica e ambient con il nick DECA, ha scritto qualcosa che da semplice lettura si fa esperienza tangibile, tanto è coinvolgente e fitta la trama che crea e sviluppa nel corso dei capitoli. Parte con un passo riflessivo e quasi proustiano, cesellando stati d'animo e reticoli di ricordi, descrivendo una città (la città metamorfica) con un incredibile realismo di suggestioni oniriche; quindi trascina il lettore in una spirale di eventi enigmatici e carichi di simboli, che prendono corpo come un gigantesco affresco profetico. Complice un vocabolario ricco e forbito, ma mai farraginoso, la cifra stilistica e la padronanza della narrazione consentono di immergersi in questa avventura – pur narrata in prima persona – con una compartecipazione non consueta.

Il protagonista vaga disorientato e apparentemente senza meta, incapace di mettere insieme i tasselli del suo presente che continua a dargli fallaci visioni e percezioni. Si perde negli angoli oscuri della quotidianità laddove gli altri vivono invece in modo apparentemente normale, prima in solitudine, poi in compagnia di una giovane donna che si fa emblema di un'onestà e di una purezza ormai fagocitate dalla tenebra della follia sociale e dalla perdita di qualsiasi tipo di fede. In un crescendo di avventure che diventano sempre più “materiali” e quindi inquietanti, l'ultimo capitolo coglie di sorpresa il lettore e lo scaraventa in un devastante nuovo contesto, in cui i paradossi e il malessere dei capitoli precedenti si rivelano una complessa traccia metaforica e premonitrice. Il destino dell'uomo è privo di ogni speranza e redenzione, segnato inevitabilmente dalla natura malvagia dell'umanità stessa che non offre margini alla debolezza della compassione. Anzi, la tesi di De Caroli è che la forza inalienabile della prepotenza e della sopraffazione sia sempre e comunque vincente sulla forza della pietà. E che il destino di tutto e tutti sia sempre determinato dall'affermazione di un diritto a prevaricare le necessità degli altri con le proprie.

Una tesi che non mancherà di suscitare dissenso e ostilità, specie tra chi afferma e sostiene il potere delle tre virtù teologali (fede, speranza, carità) anche se non necessariamente legato a qualche forma di culto o religione.

“Il futuro è finito” è un romanzo molto bello, in ogni caso. Frutto di un lavoro sicuramente attento e capace, non collocabile in un genere preciso pur sfiorando più generi, ben bilanciato nel risultato di una lettura che avvince e nel contempo invita a profonde riflessioni.

Da annotare che nel 2014 era uscito un disco (che ha come titolo il sottotitolo del romanzo, cioè “Onirodrome Apocalypse”, e la stessa copertina) in cui De Caroli /Deca descriveva con la musica gli ambienti e le atmosfere che ora ritroviamo nel romanzo.

Questa DeRecensione di Il futuro è finito è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/federico-de-caroli/il-futuro-e-finito/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tre)

RIBALDO
Opera: | Recensione: |
sembra una buona segnalazione per una lunga lettura estiva!
BËL (00)
BRÜ (00)

sotomayor
sotomayor Divèrs
Opera: | Recensione: |
Pagina passata ingiustamente inosservata, se escludiamo la solita attenzione del caro buon vecchio @[RIBALDO]. Commento tardivamente. Non conosco questo autore, ma quello che scrivi è molto interessante e cercherò di procurarmi l'opera proposta che sembrerebbe proprio essere nelle mie corde. Mi spaventano un po' le 540 pagine, dato che sono da tempo perso tra le seicento e passa pagine di un romanzo di Salman Rushdie (ma ora sto trovando il mio giusto ritmo...), ma va be', ci può stare un 'sacrificio' di questo tipo a fronte di una bella storia.
BËL (00)
BRÜ (00)

Onirico
Opera: | Recensione: |
Ciao, trovo tutto molto interessante e avrei deciso di comprarlo, ma sul web non lo vende nessuno. Sapresti consigliarmi come procurarmelo?
BËL (00)
BRÜ (00)

Breus: lo trovi sicuramente sul sito LaFeltrinelli anche se a un prezzo a mio parere eccessivo.... poi su Il Mio Libro credo... altri canali non saprei... io l'ho preso su Il Mio Libro

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: