Foals
Everything Not Saved Will Be Lost – Part 1

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Con l’autoproduzione o la va, o la spacca. Perlomeno così si dice in giro.

Nel caso dei Foals è andata, eccome: attesi a varco da critica e pubblico, con il loro quinto album ci si aspettava il decollo definitivo di una band che ha tutte le carte in regola per essere quel benedetto anello di congiunzione tra indie e mainstream tanto anelato. E gli addetti ai lavori a quest’ora saranno in brodo di giuggiole, visto che da anni ormai si cerca qualcuno che possa affiancare gli Arctic Monkeys al traguardo.

Con l’aiuto di Brett Shaw (l’ultimo Florence + The Machine nel curriculum, tra gli altri), Yannis Philippakis e compagni (da segnalare l’assenza del bassista Walter Gervers, che ha lasciato amichevolmente la band a gennaio 2018) optano per un progetto molto ambizioso, battezzato “Everything Not Saved Will Be Lost”: la prima parte fuori adesso (composta da dici brani), la seconda in autunno.

E l’ambizione, per una volta, va di pari passo con la qualità: “Everything… Part 1” è esattamente il disco che ci si aspettava dai Foals. Un album che unisce in armonia passato, presente e futuro, andando a lambire territori già bazzicati in passato dalla band britannica (l’ariosità dell’opener “Moonlight” richiama il meraviglioso “Total Life Forever”, l’aggressiva “White Onions” unisce gli esordi math di “Antidotes” al rock di “What Went Down” con una spolveratina di Bloc Party epoca “Silent Alarm”, il primo singolo “Exits” fonde un po’ tutto insieme bilanciando ottimamente gli ingredienti) ma con un occhio ben attento verso quello che verrà in seguito.

Si va sul sicuro in questo disco, certamente, ma non si disdegna la sperimentazione: se “On The Luna” (indie rock drittissimo dominato da trionfanti cambi di ritmo) e “Sunday” (che parte come un pezzo degli Embrace per poi esplodere improvvisamente in un intermezzo che sembra preso pari pari dagli Underworld più sguaiati) suonano familiari ma al contempo fresche (non a caso, sono state estratte entrambe come singoli), “Café D’Athens” soprende tra marimba e Thom Yorke solista, “Surf Pt. 1” è un breve ed atmosferico intermezzo strumentale, mentre “I'm Done With The World (& It's Done With Me)” chiude con uno scurissimo piano e voce.

Un grande disco, questo “Everything…”: scommessa pienamente vinta dalla Warner (che ha messo le grinfie sulla band britannica, orma non più una scommessa) e gran sfregamento di mani per la stampa che cercava le nuove scimmie artiche con trepidazione.

Al pubblico l’ultima parola, ma tutto sembra indirizzato verso un (meritato) trionfo.

Brano migliore: Café D’Athens

Questa DeRecensione di Everything Not Saved Will Be Lost – Part 1 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/foals/everything-not-saved-will-be-lost-part-1/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Tre)

ALFAMA
Opera: | Recensione: |
Dal primo disco dovevano esplodere, invece condannati ad un eterno limbo.
Ascoltati dei pezzi per curiosità ma non rientrano nei miei gusti, comunque da quello che ho sentito troppo raffinati per grandi platee.
BËL (01)
BRÜ (00)

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |
Si, anche per me sempre bloccati a metà, ho ascoltato qualcosina oltre al primo ma non son mai riusciti ad interessarmi
BËL (01)
BRÜ (00)

Ociredef86
Ociredef86 Divèrs
Opera: | Recensione: |
Che delusione quest'album... i singoli promettevano bene (soprattutto Exits) e invece oltre a questo brano c'è poco altro. Tanta confusione, che non riesce ad arrivare e sprofonda in un sound poco avvincente e parecchio debole.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: