Sto caricando...

Frail Body
A Brief Memoriam

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


I Frail Body sono un gruppo che creano un loro personale gergo musicale, mescolando elementi di math e progressive su una fondazione hardcore. La copertina del loro disco “A Brief Memoriam” è una semplice foto in bianco e nero di una vecchia signora - un corpo fragile in netto contrasto con l’incessante bufera sonora di ogni pezzo di questo album.

In poco più di venti minuti si può dire davvero molto, e i Frail Body sembrano avere sviluppato una narrativa personal con la loro musica. Lasciando perdere i vari “post-vattelapesca” e le radici in bella vista di un disco del genre, quello che rimane è una produzione fatta bene. Molti gruppi contemporanei che fanno musica tendente all’hardcore a mio parere peccano di produzioni fin troppo pulite, con suoni ultra confezionati. Le voci corrette, le chitarre fatte con il Kemper, le batterie così plastificate che se le programmavano con dei loop al computer poteva essere la stessa cosa.

“A Brief Memoriam” offre tutt’altro: un suono che non è stato diluito e filtrato, dove tutto un po’ si confonde, lasciando spazio a un po’ di caos, un po' la carta jolly che da un senso di iperattività e imprevedibilità a questo lavoro.

La voce, che potrebbe richiamare artisti come Converge o The Chariot, graffia come unghie su una lavagna, sorretta da violentissime chitarre e ritmi serrati. C’è anche un elemento progressivo in questo disco, che si allontana dalla tradizionale forma verse-chorus-verse-bridge-chorus.

Questi sette pezzi sembrano avere un filo conduttore che li unisce, mantenendo l’album saldamente ancorato alle sue radici. Uno dei momenti più spiazzanti del disco è forse il passaggio tra l’atmosferica “At Peace” e il post-hardcore di “Old Friends,” una degna conclusione a un disco ben fatto e suonato con cuore, sudore, e denti serrati.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

Martello
Martello
Opera:
Recensione:
Qolqəti è un comune dell'Azerbaigian situato nel distretto di Ağdaş. Conta una popolazione di 1.329 abitanti. Insomma una San Giustino dell'Azerbaigian


Gargarucolo: dicono che fanno molto bene il baccalà
ZiorPlus: Io ho preso la trippa e devo dire che non era niente male
MikiNigagi
MikiNigagi
Opera:
Recensione:
Sono una squadra fortissimi


MikiNigagi
MikiNigagi
Opera:
Recensione:
Ok alzo di uno perché il vattelapesca del giovane Holden mi ha emozionato. Sei giovane anche tu Lillo?


Gargarucolo: noi giovani d'oggi!
sfascia carrozze
sfascia carrozze Divèrs
Opera:
Recensione:
C'ho cravato il DeAscolto sotto la DeCopertina per vedere l'effetto che fanno e mi sembra che (mi) ricordano un cicinin i Liturgy.
Ma magari sbaglio.
As usual.


Gargarucolo: Con l'opinione / istinto comparativo musicale non si sbaglia mai! :D
lector
lector
Opera:
Recensione:


ZiorPlus: > (...) Se sei stressato e vuoi qualcosa con cui giocare, ti faccio vedere come creare una cover antistress.

E chi è che non ha mai sognato di possedere una cover anti-stress.

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di A Brief Memoriam è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link