Franz Ferdinand
Always Ascending

()

Voto:

Tempo di rinnovamento anche per una band ormai più che affermata come i Franz Ferdinand.

Il nuovo (e quinto) album in studio (sesto se consideriamo il disco collaborativo “FFS”, licenziato assieme agli Sparks tre anni fa), “Always Ascending”, arriva a ben cinque anni dal precedente (e riuscitissimo) “Right Thoughts, Right Words, Right Action”. E presenta subito tante novità, a partire da un pesante cambio di formazione; via lo storico (e fondamentale per il sound della band) chitarrista Nick McCarthy, dentro l’ex 1990’s Dino Bardot, oltre ad una preziosa aggiunta, ovvero il polistrumentista Julian Corrie (ex Maple Leaves). Novità anche dietro al banco del producer, con l’ingresso di Philippe Zdar dei Cassius.

A livello di sound questi cambiamenti si traducono, ovviamente, in una decisiva rinnovata nel sound, anche se l’effetto non è così decisivo come ci si potrebbe immaginare. I pezzi ovviamente virano verso lidi più sintetici e meno chitarristici, come l’ottimo lead single e titletrack ha ben evidenziato, oltre ad un’attenzione minore nel ripetere la struttura tipica da pop song che aveva caratterizzato finora la produzione della indie band scozzese. Non mancano, in ogni caso, episodi dove riaffiora il trademark FF, vedi alla voce “Finally” e “Lazy Boy” (che conferma l’attitudine sopra descritta nel presentarsi strutturalmente più come un “flusso di coscienza“ che come una tipica rock song) e dove il lavoro del nuovo entrato Bardot si può apprezzare maggiormente. Bella anche la commistione indie/synth rock, arricchita da un cazzuto tiro funky, del secondo singolo “Feel The Love Go”, che mantiene il classico trademark franzferdiniano pur rappresentando perfettamente la commistione delle due anime del disco.

Anche negli episodi più morbidi Kapranos e soci si dimostrano ispirati, tantoché “Lois Lane” e la chiusura “Slow Don’t Kill Me Slow”, con il loro delicato tappeto di synth e tastiere ed un’ispirazione melodica degna dei migliori episodi soft della band (la mente vola subito alla sublime “Walk Away”), convincono appieno. Più deciso e concreto il lavoro sulle tastiere in “Paper Cages”, danzereccia la vitale “Glimpse Of Love”, complessa e strutturata (per quanto possa esserlo un pezzo dei FF) “Huck And Jim”, uno strepitoso ottovolante indie tra punk funk, rap e il college rock di un refrain sorprendentemente da stadio.

“Always Ascending” convince appieno e rappresenta un’ottima ripartenza per i Franz Ferdinand. Resta da capire se può rappresentare la base per un futuro salto nell’ignoto, o se rimarrà un episodio meticcio isolato nella discografia degli scozzesi. In ogni caso, avercene di dischi di transizione così.

Un deciso “bentornati” a Kapranos e compagni.

Traccia migliore: Huck And Jim

Questa DeRecensione di Always Ascending è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/franz-ferdinand/always-ascending/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Cinque)

BortoloCecchi
Opera: | Recensione: |
Primo ascolto fatto... aspetto il secondo per la votazione. Kapranos é uno dei pochi esseri umani che nel 2018 riesce ad essere stonato anche nei record.

Sentito live a Verona, perché in fondo non mi sono mai dispiaciuti, pur non rientrando nei miei ascolti, ma lui é stato veramente vocalmente terrificante, magari un brutto episodio...
BËL (01)
BRÜ (00)

GrantNicholas: Non è un cantante dotatissimo
BortoloCecchi: Eh no, decisamente no ahaha
Ociredef86
Ociredef86 Divèrs
Opera: | Recensione: |
Disco fiacco e confuso, ancor più del precedente che già non mi aveva convinto. Peccato perchè i singoli erano carini...recensione sempre super professionale come al tuo solito, bravo :)
BËL (01)
BRÜ (00)

Falloppio
Opera: | Recensione: |
Non conoscevo bene i FF. Dovrei approfondire il discorso però il cantante calante mi mette un po' di fastidio. Faccio fatica. Dovrei ascoltarli strizzando gli occhi e scuotendo la testa.
BËL (01)
BRÜ (00)

MoodyFrazier
Opera: | Recensione: |
E' semplicemente un peccato che delle registrazioni così ottimamente realizzate siano state sprecate per dei contenuti così poveri. Ascoltabile. Niente di più.
BËL (01)
BRÜ (00)

panapp
panapp Divèrs
Opera: | Recensione: |
Recensione chiara e completa, bravo. Disco di una band che amo che mi ha lasciato un pochino disorientato per il cambio di rotta (pur annunciata sporadicamente qua e là, tipo nel capolavoro supremo "Lucid Dreams" di "Tonight") e ancor più disorientato per il cambio di formazione. Stiamo comunque parlando di una delle migliori band attualmente operanti al mondo, eh.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: