Fred Buscaglione
A qualcuno piace Fred

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Quando ancora la preistoria del rock italiano non era nemmeno iniziata, il belpaese veniva ugualmente coccolato da ottimi interpreti di musica leggera, tra i cui nomi più rilevanti rimangono senza dubbio Domenico Modugno, Renato Carosone e Fred Buscaglione. Occupandoci in quest'occasione del terzo, dobbiamo fare innanzitutto un paio di digressioni.

Torinese, classe 1921, Buscaglione si segnala sin dall'adolescenza come uno dei migliori contrabbassisti della zona locale, lasciando presto il conservatorio per continuare la propria formazione proprio in quei "night" che tanto suggestivamente decanterà nel proprio futuro repertorio. Mentre milita tra l'altro nella formazione del maestro Gino Filippini conosce quel che diverrà il suo mitico paroliere, un laureando di nome Leo Chiosso. Costretto ad arruolarsi per la Seconda Guerra Mondiale viene catturato dagli alleati e internato in un campo in Sardegna, dove il nostro non si svilisce, anzi. Affascinato dal contatto con gli americani e la "loro musica" entra nella band militare che tramette dalla radio alleata. Una volta tornato alla vita civile inizia una carriera di musicita d’eccezione, che lo porta a cimentarsi con band prestigiose (come il trio di Germonio) in tournée di respiro europeo.

E’ in questo periodo, nei primi anni '50, che Fred comincia a scrivere i primi brani di proprio pugno assieme a Chiosso e da musicista si trasforma ne "il cantante con la voce di carta di vetro". Esce l'esordio "Che bambola", e 980.000 copie nel 1956 significano un successo strepitoso. Il nostro decide quindi di inventarsi una carriera da swing-crooner, di diventare un "Sinatra de noartri". Ma ben consapevole di non poter competere alla pari con i rispettivi colleghi d'oltreoceano, imbastisce un personalissimo immaginario ai confini della parodia dell'american-way-of-life, e soprattutto della mitologia da noir-gangster story. Agli eroi duri e puri d'oltreoceano che ammaliavano ai cinematografi le sempliciotte folle italiane del dopoguerra, Fred contrappone un look peperino alla Clark Gable - con tanto di baffetto, sigaretta incorporata alla bocca e occhio laguido - che si prende però burla di tanti stereotipi col suo fare destabilizzante e impertinente. Crea il personaggio dell'italo-americano anche troppo italo, che preferisce uno spettacolo di Gianni e Pinotto ad un pranzo con Kim Novak, che fa lo spaccone con le donne e poi si va ridurre sul lastrico, costretto a vendere pure il gatto o a farsi prendere a rivolverate dalla moglie-tiranna. Scimmiotta con omaggio un mondo favolistico che non gli (/ci) potrebbe appartenere, se non in una versione appunto più maccheronica, più vera, dando vita a scenette deliziose che si divertiva lui stesso a riproporre in tv recitando in divertenti "proto-videoclip" e partecipando a film veri e propri, magari con cameo spassosi e fulminanti.

E mentre i racconti si susseguono nel greatest hits di turno (non esisteva ancora la concezione di "album" come la intendiamo noi, e quindi tutto ciò che potete trovare sono raccolte di 45 giri) ci sentiamo a casa pur ascoltando racconti di sparatorie, bionde platiné "modello 103", mascelle rotte e personaggi loschi con nomi tipo Jack Bidone, Jim La Peste, Billy Car, Jimmy lo Sfregiato (o acerrimi nemici come il poliziotto Peter Kan che riesce anche a beccarsi un biliardo in testa). Fascino latino, buonumore irresistibile e tanta classe, questo il segreto della ricetta.

La musica dalla sua ci lascia letteralmente a bocca aperta, stupiti come bambini mentre sentiamo il lavoro di una grande band (gli "Asternovas") che oltre a evidenziare notevoli doti swing-jazzistiche fa la linguaccia a se stessa con scherzi virtuosistici, incredibili assoli di batteria e fiati tirati allo spasimo. Senza contare gli "effetti speciali" che riesce a produrre, creando tappeti di suspance degni delle migliori colonne sonore, giocando sugli strumenti facendoci sentire le pistolettate o le scazzottate tra bande rivali a suon di colpi di rullante e schiamazzi di tromba. È un mondo pirotecnico e geniale che - vuole la leggenda - Fred era deciso a far evolvere verso frontiere più ambiziose e moderne. Stanco del grande successo riscosso, voleva infatti abbandonare i panni dell'icona che si era cucito addosso. Voleva diventare anche lui un vero "cantautore", esporsi su un genere musicale più personale, che non avesse debiti con la cultura anglosassone, formulare qualcosa di nuovo e di genuinamente italiano. Sicuramente un sentore di preavviso era stata la sentita decisione di reinterpretare l'innovativo quanto riuscitissimo cavallo di battaglia del "rivale" Modugno "Nel blu dipinto di blu".

Purtroppo come sappiamo non riuscì a concretizzare i propri progetti, colpa di quella maledetta alba romana in cui si schiantò fatalmente con la sua Thunderbird rosa confetto. Una fine degna dei suoi bulli pedinati dalla polizia, peccato che questa volta non era uno scherzo, e neanche una canzone. Era il 3 febbraio del 1960. Da allora sono passati troppi anni e soprattutto è passata sopra tutta la storia musicale moderna del paese, fatta di bellezze e brutture, fioriture, decadenze e rinascite. E sarebbe facile quindi dimenticarsi di quell'australopiteco del pop che dondolava sornione facendoci innamorare di sé, del suo "whisky facile" e dei suoi alter-ego come il mitico Porfirio Villarosa o Dave lo Sciccoso.

Rispolveriamolo invece ogni tanto, perché le foto dei nonni da giovani sono sempre le più dolci, simpatiche. E commoventi.

Questa DeRecensione di A qualcuno piace Fred è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/fred-buscaglione/a-qualcuno-piace-fred/recensione-ringostarfish

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentUno)

G__á
Opera: | Recensione: |
Massimof
Opera: | Recensione: |
Altra settimana di ferie? Bene! Grande grande Fred!

Grasshopper
Opera: | Recensione: |
Qualcuno dice che è stato un precursore di Paolo Conte. Io per quanto mi sforzi a trovarci delle assonanze incontro sempre un abisso tra i due. Bellissima recensione.

primiballi
Opera: | Recensione: |
Buscaglione un grandissimo in assoluto. Colonizzato il giusto, originale il giusto, italiano il giusto e piemontese il giusto. Nota di merito assoluta poi per Chiosso, mai troppo lodato paroliere. Assnanza con Conte...? Mah...: non si riferiscono allo stesso jazz, questo è certo...però..."prima che finisca...questa sigaretta..." cantata da Conte me la vedrei... Per quanto riguarda il disco, certamente non è la collezione migliore. La migliore in assoluto la pubblicò l'Unità, qualche anno fa, che in (credo, se ricordo bene) tre cd doppi ci diede l'opera omnia (ma davvero davvero omnia ! Per la prima volta). Quella sì che era operazione filologica di gran pregio.

rocknrollsuicide
Opera: | Recensione: |
ciao primiballi, ti ricordi per caso come si chiamava la suddetta raccolta? Mi faresti un gran favore...

trellheim
Opera: | Recensione: |
bella recensione... moooolto bella.

zzzzzzzzzzzzzzzzzzzz
Opera: | Recensione: |
"Che baci, che baci quella notte!
Sono un duro, ma facile alle cotte"

trellheim
Opera: | Recensione: |
dimenticavo il voto...

odradek
Opera: | Recensione: |
Bravo Ringo. Sono forse decenni che si tenta di titolargli una via, a Torino. Prima o poi si fa. Questo mi sa che lo prendo: un doppio cd con il meglio, per chi ha solo vecchi vinili, è un must. Grazie.

Eneathedevil
Opera: | Recensione: |
Bravissimo Ringo, come sempre. Altra settimana di ferie, ma cacchio, una volta tanto che devo fare un complimento lo faccio: sei uno dei migliori, sempre ottime scelte. Good.

Eneathedevil
Opera: | Recensione: |
RingoStarfish
Opera: | Recensione: |
Grazie a tutti, vedo che non vi sfugge nulla, neanche quando sono in riposo...!per me qui è come sentirmi a casa, e ogni tanto a casa si deve tornare..se poi c'è tutta la famiglia riunita...! comunque questa raccolta è consigliata per il semplice fatto che è relativamente economica (prezzo intero ma sono due cd e 50 canzoni del nostro), il box di cui parli è ancora più esaustivo, anzi è il massimo, ma per l'inesperto (e risparmiatore) è meglio forse un'ottima introduzione come questo best of.

primiballi
Opera: | Recensione: |
quando vado a casa ti dico i titoli (si trattava di tre doppi usciti in tre settimane diverse (e tre titoli diversi...)). Salùt. a qualcuni (noi) piace Fred !

What of I
Opera: | Recensione: |
davvero una bella rece, complimenti

Anonimo
Opera: | Recensione: |
"...folle d'amore vorrei morire mentre la luna di lassu' mi sta a guardare..."


Anonimo
Opera: | Recensione: |
Argh! Voti errati, cazzo!

Hal
Hal
Opera: | Recensione: |
Era sicuramente un grande. Qualche anno fa Gianmaria Testa insieme a Stefano Bollani la Banda Osiris, Enrico Rava, Enzo Pietropaoli e Piero POnzo realizzarono uno spettacolo bellissimo dedicato a Buscaglione. Il titolo era "guarda che luna" . Un omaggio alle atmosfere di quei tempi, molto divertente. Non so se esiste in dvd, ma ogni tanto lo trasmettono in tv in orari imporssibili. Imperdibile.

sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Tres Cher Monsieur RingoStarfish, più che una de-recensione, un sentito, straziante, nobile omaggio ad un grandissimo artista che (purtroppo da tempo immemore) non c'è più (e visti i recenti chiari di luna..) e che pare quasi (tale è lo scarto qualitativo con troppa-parte degli italici attuali "artisti") non esserci mai stato. Notevole de-segnalazione. Saluti ossequiosi. Your S.C. di (s)fiducia.

Workhorse
Opera: | Recensione: |
Grandissimo recupero!

Geo@Geo
Opera: | Recensione: |
A volte ritornano, asssolutamente indovinata!

proggen_ait94
Opera: | Recensione: |

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: