Sto caricando...

George Roy Hill
La Stangata

()

Voto:

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Joliet, Illinois, Grande Depressione.

Ogni espediente diventa utile per tirare a campare. Qualche dollaro o un paio di scarpe lucide da impegnare per non tirare il calzino. Luther e Johnny Hooker (Robert Redford), due brillanti furbacchioni, attuano, con il trucco del pacchetto, una truffa ai danni di un pollo ben imbottito di verdoni. Il colpo riesce e il bottino è vertiginoso, tanto da far ritirare in pensione il vecchio Luther, ormai avvezzo alle fregature. Peccato che il pollo sia un uomo di Doyle Lonnegan (Robert Shaw), in teoria banchiere ed in pratica gangster, uno che di solito uccide per orgoglio. Lo sgarro è grave, la vendetta è immediata e Luther viene scaraventato dal balcone di casa imponendo suo malgrado gli status di mezza orfanezza e vedovanza.

Hooker, ricercato dal detective Snyder per arrestarlo e da Lonnegan per annientarlo è costretto a nascondersi giurando però che l'assassinio del vecchio amico non rimarrà impunito. Si rivolge quindi ad Henry Gondorff (Paul Newman), il miglior truffatore degli Stati Uniti e grande sodale e allievo del rimpianto Luther, attualmente gestore anonimo, causa FBI, di un carosello a cavalli, con bar e bordello annesso. Nessun omicidio in previsione. Il desiderio di Hooker è quello di mettere Lonnegan in ginocchio, anche perchè non avrebbe il coraggio di ucciderlo, timore ben evidenziato dallo sferragliare della sopraelevata in un frammento magistrale.

Gondorff con un cenno sul naso, chiama all'appello gente con la media del 9 e in men che non si dica prende in affitto una cadente ex sub-sala biliardo per trasformarla in una agenzia per scommesse ippiche di alto lignaggio. Il boss va stangato con il vecchio trucco del telegrafo, che consiste nel leggere, come se fosse in diretta, i risultati delle corse da poco terminate, in modo da poter scommettere su un cavallo già vittorioso. Intanto occorre gettare l'amo per far abboccare il pescione. Lonnegan gioca a poker, barando abilmente, su un treno che percorre la tratta New York-Chicago, dove degli imbecilli prendono lo stesso treno solo per giocare con lui. Gondorff si spaccia per Shaw, bookmaker e Hooker per Kelly, braccio destro. Lonnegan abbocca, perde un blocchetto di bigliettoni e viene trascinato nell'agenzia di Gondorff-Shaw.

E' qui che inizia la grande truffa. Hooker-Kelly fa credere al boss che vuole stangare il suo padrone Gondorff-Shaw e intanto gli spiega il trucco. La prima scommessa funziona, la seconda anche ma in parte, in quanto Lonnegan "viene fatto arrivare in ritardo per la puntata". La terza sarà quella decisiva: 500.000 dollari su un cavallo piazzato. Nel frattempo l'FBI rintraccia Snyder come ausilio per beccare Gondorff tramite Hooker. All'uopo quest'ultimo si ritrova tra l'incudine e il martello. Chi tradire? Lonnegan o Gondorff? La scelta sarà disegnata da uno dei più grandi finali della storia del cinema, che lascio in sospeso per invitare alla visione di questa commedia eccezionale.

Grandissimo film diretto da George Roy Hill, già regista di "Butch Cassidy" interpretato dalla stessa coppia Redford-Newman e non a caso squadra che vince non si cambia. Ottimamente fotografato da Robert Surtees, già consacrato in Ben-Hur, che utilizza spesso il bruno, il seppia e il verde, magistralmente combinati, per mettere in risalto lo squallore dei bassifondi di una grande metropoli degli anni '30. E la colonna sonora? In quanti abbiamo fischiettato "The entertainer"? In quanti ci siamo emozionati con "Solace"? Il ragtime di Scott Joplin, ripescato per l'occasione è quanto mai azzeccato. Sette Oscar tutti meritati per un'opera davvero formidabile.

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Sette)

il giustiziere
il giustiziere
Opera:
Recensione:
eh beh, qui siamo dalle parti del mito.


Jimmy_cruscotto
Jimmy_cruscotto
Opera:
Recensione:
Per tutti gli amanti del genere consiglierei anche il teleflm "Hustle", le prime 3 serie (6 episodi ciascuna) contengono truffe davvero perfette, incastri inconcepibili fino a 5 minuti dalla fine.. fenomenali.
Bella rece e film ottimo.


Hetzer
Hetzer
Opera:
Recensione:
Film leggendario che non mi stanco mai di rivedere. Quando l'ho visto la prima volta ero un pulzello e alla scena della sparatoria stavo per mettermi a piangere. Credo sia una delle più grandi commedie di sempre. Peccato per la recensione, un inutile riassunto della trama.


Opel
Opel
Opera:
Recensione:
Che film fantastico, Robert e Paul... MITI


Core-a-core
Core-a-core
Opera:
Recensione:
Recensione (ahimè) non giudicabile. Film spassosissimo e divertente, ottime le interpretazioni. Un classicone.


Blackdog
Blackdog
Opera:
Recensione:
Classico immortale, como possono esserlo Twain et Dickens x la letteratura. Newman & Redford nel Mito (grande Robert Shaw!).


mencio
mencio
Opera:
Recensione:
C'è qualcosa che non ho capito nel film ed è il tentativo di uccidere Redford con un killer (anzi una killer). Chi è il mandante? Lonnegan, si direbbe. Ma se Redford è stato individuato da Lonnegan, come può la truffa proseguire? Qualcuno mi può illuminare?


Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Vota la recensione
Vota l’opera

Questa DeRecensione di La Stangata è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale. Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser. Copia il link