Giacomo Voli
Prigionieri liberi

()

Voto:

Arriva finalmente il primo Lp del progetto solista di Giacomo Voli, talentuoso musicista (e compositore) rock e metal italiano.

Dopo la sua partecipazione al talent show “The Voice Of Italy” nel 2014 nel team di Piero Pelù (in cui arriva secondo), e il successo riscosso dal suo singolo “Rimedio” registrato per la Universal, Giacomo diventa frontman delle band Teodasia e Rhapsody Of Fire, ed ora presenta finalmente il suo progetto solista in italiano accompagnato da Riccardo Bacchi (chitarra), Mattia Rubizzi (tastiere e cori), Federico Festa (basso), Demis Castellari (batteria) e dalla cantautrice Daniela Ridolfi, che ha avuto un ruolo davvero importante nella realizzazione dei testi.

Ed ecco Prigionieri liberi.

Il nome deriva dai temi ricorrenti della prigionia, del percorso verso la felicità, della comprensione di noi stessi e del superamento dei pregiudizi, temi che vengono ripresi anche dal labirinto disegnato in copertina.

Il disco è studiato in ogni minimo dettaglio e presenta uno stile sonoro principalmente rock e metal ma senza sbarrare la strada ad alternative più prog e alternative.

A queste sonorità si affiancano i testi di Daniela che si sposano alla perfezione con le atmosfere dure create da Giacomo e dai suoi compagni. Si passa infatti da brani in cui racconta delle sue debolezze personali e dei suoi dubbi a canzoni in cui si trattano tematiche di denuncia sociale, le prime malinconiche e irrequiete e le seconde più aggressive e pungenti, ma anche a canzoni in cui soffia un vento più di speranza e canzoni d’amore, dominate da arie più leggere e disinteressate.

Questa DeRecensione di Prigionieri liberi è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/giacomo-voli/prigionieri-liberi/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (Uno)

Pyros
Opera: | Recensione: |
Non sapevo che un suo progetto solista fosse in cantiere. Le ultime notizie che avevo sentito lo davano in tournè con il Banco, e poi come cantante dei Rhapsody of Fire.
Il lavoro mi incuriosisce, gli darò senz'altro un ascolto (o più).
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: