Grand Funk Railroad
TRUNK OF FUNK, VOL.1 - TRUNK OF FUNK, VOL.2

()

Voto:

Ahahahahahahah... "Novità", che bello!

GFR/Morte/Festa

Doppio cofanetto di nobilissima muffa rocchenrolle

Andrebbe urlato come fanno ancora in quei pochi mercati veraci....

Fino ad una decina di anni fa avrei voluto che alla mia nobil morte si fosse organizzato un bel festone... una settimana, minimo una tre giorni alla Festival Rock anni sessanta.

Avevo dato seria missiva con tanto di apposito scritto agli amici più fidati.

Ero convinto, e in cuor mio volevo, di crepare presto, entro i 40 o li a cavallo...

Passato i quaranta, ero messo discretamente male (visivamente benissimo, internamente malissimo) ... ma arriva la Contessina. Tutto cambia, la nobile Fanciulla mi ha fregato... non si crepa più, diventerò sicuramente vecchio, un dramma vero.

Non riesco a diventare vecchio, è una cosa che va contro me stesso... non so come spiegarlo ma è così. Non poter dire FARO' sia per un dato anagrafico che, soprattutto, perché non ne avrò più la forza fisica e mentale, per me è la peggior cosa in assoluto.

Come il Rock’n’Roll, per come la intendo io, questa roba qui che siamo è una cosa per giovani.

Quando sento gente che dice “non vedo l’ora di andare in pensione” ... sto male e capisco di vederla proprio all’opposto della maggior parte della gente. Io non vedo l'ora di non arrivarci .

La morte è una grande cosa, il vero mistero, una cosa da “vivere” intensamente.

E dire che i pochissimi flash della mia brutta infanzia sono proprio relativi, oltre ai casini familiari, ai miei incubi di bambino in cui mi dicevo in cameretta prima di addormentarmi “non sono nulla, non siamo nulla, moriamo senza speranza alcuna e senza lasciare traccia” con il cuore impazzito in gola (e probabilmente i primi, inconsci, attacchi di panico); ma poi, allora, pensavo che avrebbero inventato la pillola per l’immortalità ...

E comunque la Festa per la Morte doveva essere una cosa bella in quanto tutti sapevano che per me era così, zero drammi.

L’omaggio che dovevano farmi era divertirsi, totale nobile follia. Goliardia assoluta.

Alla base il Rock’n’Roll in tutte le sue deviazioni, per tutti i gusti.

La prima band che la mia “testa” - ma soprattutto il cuore - ha sempre associato al Nobile Evento sono i miei amatissimi Grand Funk Railroad.

Ci sono parecchie cose che non so perché le compro... succederà anche a voi, forse.

Doppio cofanetto con tutta la discografia dei GFR, belisim!

Che io li abbia già tutti è un “problema” mentale che si risolve in un paio di minuti.

Lo prendo, ovvio.

Non vi starò certo a raccontare di tutta la discografia dei Grand Funk Railroad, neanche ricordo i titoli in fila. Però il sound lo ricordo bene perché, come tutte le cose che ami, si inchioda nell’anima per sempre.

Due parole però per i futuri giovanissimi rockers debaseriani che, può essere, non conoscano bene i tre ragazzi di Flint - Michigan e che nel nobile sito troveranno super recensioni per ogni singolo album (sarced, p.p.farina, fedezan76, Rocknroll ecc)

Dovete assolutamente possedere l'intera discografia di una delle band più importanti del genere. Ogni rocker che si rispetti non può prescindere da Loro.

Agosto ‘69 / Novembre ‘70 - in poco più di un anno vengono registrati i primi tre album in studio e il primo live-album.

“On Time” – “Grand Funk” – “Closer to Home” – “Live Album”

Una raffica di debutto che nessuna e dico NESSUNA band può vantare come rapporto qualità/quantità. Love, Doors, Zepp, Sabbath accomodatevi dietro, grazie.

Mark e Don hanno 21 anni e Mel diciotto.

Basterebbe questo per farli entrare di diritto .... nel vostro cuore.

Hanno un sound che definire portentoso non è un eufemismo ma una cazzata colossale.

I GFR sbriciolano, asfaltano tutto come il “famoso” e, stavolta mai meglio perfettamente indicato, rullo compressore.

Sono dei selvaggi nel senso più nobile della parola.

La “favolosa” critica musicale dell’epoca non può che giudicarli grezzi, grossolani e sfracassatimpani.... come fossero difetti poi.... ah no per la “favolosa” critica lo sono, vero.

Per me sono godimento totale per le orecchie, per l’anima e per gli ormoni.

Ora è semplicissimo, beati voi per questa facilità d’azione, ma trent’anni fa reperire i dischi dei GFR ricordo che era una fatica bestiale e le notizie su di loro da noi erano praticamente nulle.

Se in Europa rimarranno semi sconosciuti al grande pubblico, in America saranno l’unica band capace di tentare , almeno di contrastare, la supremazia dei Led Zeppelin nei tour.

Poi nei tre anni successivi altri 4 album in studio. “Solo” ottimi questi, culminati con il loro più grande successo commerciale “We’re an American Band” in cui entra nella formazione ufficiale Craig alle tastiere.

“Survival” - “E Pluribus Funk” - “Phoenix” - “We’re an American Band” -

Il suono del gruppo diventa più leggero, meno brutale, le tastiere contribuiscono ad ammorbidire il sound; l’atmosfera non è più la stessa.

La "favolosa" critica musicale dell'epoca non comprende e non appoggia questo cambiamento, troppo pop, hanno perso la loro

Caratteristica.... "ma come?! Se vi faceva cagare proprio quella??!!”…. Misteri della “favolosa” critica musicale.

Altri 3 anni per gli ultimi 4 album. Non certo brutti (a parte “Born to die” decisamente scialbo), buoni album, ma i GFR che conoscevamo non esistono più.

“Shinin’ On” - “All The Girls In The World Beware!!!” – “Born To Die” - “Good Singin’, Good Playin’”

La chicca dell’ultimo album in studio “Good singin’ good playin’” vede la produzione e la collaborazione del genio di zio Frank Zappa che tenta di rilanciare i ragazzi... ma la magia è ormai finita.

La chicca invece dell’ultimo periodo della discografia è il secondo live “Caught In The Act”. Qui torniamo su livelli altissimi, io continuo a preferire il primo ma è una mera questione di gusti davvero stavolta. Due live che entrano di diritto, anzi di prepotenza, nel ristretto novero degli album impossibili da dimenticare.

Era tanto, anzi sicuramente non avevo mai sentito tutta la discografia di fila...

Dopo trent’anni rimane un’esperienza affascinante... che ti rimane dentro.

Ah la Nobil Festa/Morte, che ormai non si farà più perché dai 50 sei vecchio non vale adesso....

Avevo dato due uniche dritte obbligate.

Il pezzo che apriva le danze doveva essere..... “My Generation” e i GFR dovevano essere protagonisti assoluti.

Cinquanta euro per tutta la discografia... che nobile regalo!!!

Buon ascolto.

Questa DeRecensione di TRUNK OF FUNK, VOL.1 - TRUNK OF FUNK, VOL.2 è distribuita da DeBaser con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 4.0 Internazionale.
Può essere parzialmente o totalmente riprodotta, ma solo aggiungendo in modo ben visibile il link alla recensione stessa su DeBaser: www.debaser.it/grand-funk-railroad/trunk-of-funk-vol1-trunk-of-funk-vol2/recensione

Area sponsor. La vedono solo gli utenti non registrati.


Commenti (VentiSei)

Pinhead
Opera: | Recensione: |
Che bella. Magari se vivi al presente, e chi se ne frega del futuro e del passato, magari diventi vecchio naturalmente, senza nemmeno pensarci e senza peso. Per me, più o meno funziona.
BËL (01)
BRÜ (00)

Pinhead: Comunque, il gruppo ed il disco che hanno ispirato il J-Ax dei tempi belli. Articolo 31 - Tranqi Funky (videoclip)
IlConte: Ahahahahahahah !

Comunque tranquillo la Contessa dice che ora “vi” sotterro tutti (purtroppo) ahahahah
IlConte: Cazzo mi sono dimenticato di mettere #novita’
Non vale...
Pinhead: Ah, poi, giusto perché sei tu non ti faccio causa per plagio White Light, White Heat, White Trash - Social Distortion - Recensione di Pinhead
IlConte: Saghe’?!
Jie ne capisc pa....
Pinhead: Quando ti va, leggiti la paginetta che ti ho linkato :-)
IlConte: Ah ok avevo letto il titolo è ho detto “ ma che cazzo dice il Maestro” ahahahah
Pinhead: Ahahahahahahahahah muoio, questa volta lo dico io.
IlConte: Ahahahahahahah ti leggo nel pensiero....
sfascia carrozze
Opera: | Recensione: |
Perdincinbacco!
Questi buzzurri, non so perché, mi stanno simpatici apprescindere.
Nel merito: Le intimo di smetterla di morire à ogni pié sospinto.
Che poi ci prende gusto e lo fa veramente: e io, gliel'ho già detto più e più volte, non ho i talleri per le esequie.
Non ultimo La informo ché per cinquanta euro vado in Nuovazelanda a nuoto.
Per tornare ne voglio altri cinquanta, ça va sans dire.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahahahahah
E comunque gli adorati buzzurri hanno anticipato anche i Manouar!!!
sfascia carrozze: Mika pizzefichi!
spiritello_s: Eh no scusate. Ma non posso astenermi da una puntualizzazione. I MahNoVali non si anticipano si pagano a rate.
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Dopo la leggo; era solo per dirti che finalmente Genital, il Conte e Pinello sono in home page uno in fila all'altro!!!
BËL (02)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Son cose belle.
Forse.
RinaldiACHTUNG
Opera: | Recensione: |
l'occasione giusta per ascoltarli come si deve
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: I primi 3 devi averli, anche se forse il tuo preferito potrebbe essere “We’re an American Band”
Thank Nobile
fedezan76
Opera: | Recensione: |
Recensione fracassona per dei fracassoni che adoro. Io però al contrario di molti preferisco i dischi "solo ottimi". Ce li ho quasi tutti, tranne gli ultimi che effettivamente sono deboli. I miei preferiti We're an american band e Closer ti home. E comunque Viva la Principessina che ci ha preservato cotanta forza della natura.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahah stamattina quando sono andato a vedere chi aveva recensito gli album ho visto anche il tuo nome. Grandissimi. Si a me più i primi ma insomma solita storia dei gusti e comunque grandi album anche dopo pure per me ovvio. Io poi subisco il fascino del o dei dischi iniziali, sempre.
Recensione fracassona ahahah, grazie mille, per me un gran complimento. E poi era una scusa per omaggiarli. Grazie del tempo.
fedezan76: Ovviamente fracassona come i GFR, perché spacca. E quindi è un complimento.
IlConte: Grandissimo complimento!
Merci
CosmicJocker
Opera: | Recensione: |
Solo tu potevi iniziare una pagina cosi:
"Ahahahahahahah... "Novità", che bello!

GFR/Morte/Festa

Doppio cofanetto di nobilissima muffa rocchenrolle".
grandissimo!!
Molto sagace anche la critica alla "critica".
Di loro conosco qualcosa persino io ("on time" mi pare) e mi hai fatto venir voglia di ricercarmeli..

BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahah, cazzo e’ comunque appena uscito, novità.... e mi sono dimenticato di metterlo!!!
“On Time”, debutto al fulmicotone.
Un giorno metti in pausa le tue nobili atmosfere e spacca lo stereo!!!
CosmicJocker: Lo farò!!
masturbatio
Opera: | Recensione: |
Li sto ascoltando, spaccano i culi
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Esatto Nobile!!!
riteofspring
Opera: | Recensione: |
Nonostante la caduta verticale delle ultime opere, I Grand Funk Raikroad restano una band immortale. Non è neppure vero che siano stati solamente caciaroni e tonanti, e bastino gli inserti orchestrali di "Loneliness" e "Closer To Home" o il sound sixties di "Bad Time" a dimostrarlo, ma quando hai la migliore sezione ritmica del mondo fai casino per forza, ed il look alla proto-Manowar di Mark Farner (discreto urlatore) ha fatto il resto. A distanza di decenni anche gli scettici possono rivalutarne gli arrangiamenti ed apprezzare l'incredibile inserto di Craig Frost, avvenuto a metà corsa.
Una parte importante delle band che provano a pestare oggi hanno preso spunto da questi scatenati maestri.
A mio parere la recensione non descrive in modo apprezzabile le qualità uniche dei Grand Funk.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Hai ragione ma per quello ci sono le recensioni singole altrimenti se descrivevo tutto stavi qui fino a domani... poi io non so scrivere e non so nulla è risaputo. Porta pazienza, anzi grazie del tempo.
zappp
Opera: | Recensione: |
la 1a volta che ho ascoltato e comprato i GFR è stato con E Pluribus Funk in audiocassetta, e per uno che come me ama i cursori dei bassi oltre tutti gli altri, l'ingresso di People Let's Stop the War ricordo, mancò poco mi spedisse le casse in soffitta. E soprattutto per colpa di Mel Schacher.... riuscivo a sentire i movimenti dell'aria, la roboante e caotica potenza di 3 individui che però sembravano in 30.
Erano grossolani come già è stato detto, caotici, il feedback era il loro 4° componente e non ne facevano miseria, ma il tutto era spontaneo, con il sangue agli occhi, sinceri, ma purtroppo nei loro migliori giorni non hanno avuto i riconoscimenti e le gratificazioni che in tempo reale altri hanno beneficiato.
Ma quelli erano anni molto competitivi, oggi sarebbero dei fuoriclasse, fosse solo per la qualità media.
Li ho amati fino a Pluribus compreso, mentre dal vivo per chi non avesse niente, può benissimo comprare a caso, che tanto cadrà sicuramente in piedi.

ps: obbligatorio ascoltarli a pieno volume.
BËL (02)
BRÜ (00)

hellraiser: Sempre grandi commenti, bravo Gobbo fiorentino
zappp: ma figurati!
Troppo gentile :-)
IlConte: Il dramma è il gobbo...
Per il resto è un Nobile strepitoso...
Grazie del passaggio Zappp
IlConte: E comunque in America dopo Zepp e Stones c’erano loro.
IlConte: Ma hanno fatto tour europei?!
Che flash...
zappp: Grazie a te per la recensione Bonzo
hellraiser
Opera: | Recensione: |
I magnifici di Detroit Rock City. Ascolti questi e ti fan vivere 100 anni altro ché... cofanetti imprescindibili, costano poco per 12 album, in bella vista sullo scaffale del mobile del soggiorno. Con la mia compagna che tira Cristi dato che ho spostato i suoi libri per metterli lì.. ;^)) te sempre bravo, stile semplice ed efficace, parli e scrivi con passione
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahahahahah ho fatto spostare tutto anche settimana scorsa... gli accidenti che tirava ahahahah
Grazie del tempo che mi dedichi sempre, Nobile.
GFR grandissimi, ovviamon!
hellraiser: Sempre bello leggerti, poi i tuoi gusti sono i miei gusti e allora... ;^))
lector
Opera: | Recensione: |

E pò, guardannm fiss'in ta ll'uocchie ricett: "Gé nù chiagnr. O' nonn fott pur'a mort: appena sent che stà p'arrivà o nonn se ne va...."

BËL (01)
BRÜ (00)

lector: L'importante è che la Morte ci trovi vivi
lector: Quei finti zozzoni dei Grand Funk! Roba fine, che finge di essere una buzzurrata.
lector: E, poi, vengono da Flint: la città martire, quella dell'acqua avvelenata, della pulizia etnica e del tradimento di Obama....
Non dimenticatevi mai di cosa è stato fatto a Flint!
IlConte: Grande Nobile,
Grazie di te, come sempre!
imasoulman
Opera: | Recensione: |
spero che lei l'abbia scritta dopo aver evitato qualunque contatto con acqua e deodoranti per (almeno, ma meglio ancora alpiù) una settimana.
L'omm (che ascolta i Grand Funk) ha da puzzà!
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahahah in effetti... da domattina ricomincio le docciate....
IlConte: Thank Nobile
mrbluesky
Opera: | Recensione: |
giuro che non li ho mai sentiti,ci proverò(before i die)ovviament
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Olà grande Mister, ti piacciono sicuro.
Secondo me a te la fase centrale ti gusta un tot.
Ascoltati “We’re an American Band” o il live “Caught In The Act”

Grazie del tempo
Almotasim
Opera: | Recensione: |
Avrei detto che stavolta avresti recensito un adesivo dei Zeppelin. E invece ti presenti coi GFR! Ah! Pero'! Absolutely 5. PS. Il debutto dei Love, per me, e' fantastico. Ti dedico, con stima e affetto, I Hope That I Get Hold Before I Die dei They Might Be Giants. Una sorta di polka per rispondere a My Generation degli Who ("I hope i'll die before I get old").
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahah caro Nobile. Le quattro che ho citato sono ovviamente band che adoro e che hanno avuto un inizio strepitoso. Ma questi, 3 album è un live da panico al di là dei gusti, pazzeschi.
De...Marga...
Opera: | Recensione: |
Prima di iniziare la lettura mi ero prefissato un piano diabolico: mi son detto "adesso ne canto quattro al Conte, nel senso che mi schiero apertamente contro questa musicaccia dal sapore retrò che ormai non ascolta più nessuno (!!!). Apriamoci al nuovo che avanza, a band attuali lasciando da parte una volta per tutte questi dinosauri del Rock che fù...ecc...ecc...ecc..." Inizio la pagina, le prime righe mi fanno venire voglia di fare una cosa, al termine della recensione: salire in camera di mia figlia che sta già dormendo e darle un bacio...e come averlo dato alla Contessina. Un abbraccio da farti male Robby...tra le lacrime credimi porca zozza. Spero davvero un giorno di poterti incontrare; lo sappiamo entrambi che non ci saranno parole. Sappiamo già tutto di entrambi. E ti ringrazio per l'onore che mi hai dato di poterti conoscere......Respirone buona notte.....
BËL (02)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: Questo non toglie, comunque e in ogni caso, ché trattasi di musicacc(i)a dal sapore retro.
Ecco.
IlConte: Eh nobile fratellone montanaro ... che vuoi.... ci vorrebbe molta pazienza...
Grazie di te...
IlConte: E Lei, Signore della Nobile Isola, non mi offenda i nobilissimi selvaggi che vengo a nuoto
Ahahahahahah
sfascia carrozze: Fino in Azerbaijan?
Apperò!
L'aspetto.
Là.
IlConte: Ahahahahahahahahahah
gaston
Opera: | Recensione: |
Bravo Conte! Scrivi tanta roba, ma la scrivi in un modo che uno può andarsi a leggere le cose che più gli interessano. Che non necessariamente corrispondono sempre alle cose davvero importanti. Poi per il concetto della ciliegia, che una tira l'altra, alle cose importanti ci arrivi.
Senza neppure accorgertene.
Questi artisti li avevo sentiti da giovane, ma non mi avevano impressionato in modo particolare.
Li vado a risentire con più attenzione.
La tua passione per loro avrà pure un senso.
Merci. (So che sai cosa vuol dire)
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahah grande Gaston, grasse del tempo intanto.

GFR ... se ti piace l’hard rock blues loro sono tra i numeri uno di sempre punto.

I primi sono i più grezzi e belli (per me)

altri preferiscono i successivi 4 meno caciaroni.

Per tagliare la testa al povero toro ti fai i due live (strepitosi) indicati sopra dei due diversi periodi e sei a postissimo!
gaston: Ok, grazie per l'ulteriore consiglio.
gaston: Scusa Conte, se torno sull'argomento.
Vorrei spendere due parole su questa deprecabile usanza di tagliare la testa ai tori.
In primo luogo di questi tempi trovare dei tori (ancora con la testa) è difficilissimo.
Consenzienti poi, non ti dico.
Poi non vorrei far passare Debaser per un forum dove si incentiva la decapitazione dei tori.
D'altra parte non penso che un nobile come te vada in giro a scapocciare il primo toro che passa.
Non senza un valido motivo, voglio dire.
Che poi è tutto un equivoco.
Prima dell'invenzione della stampa il detto era "tagliare la testa al topo".
Vedi il casino da dove nasce? Un banale refuso tipografico ed il topo è diventato toro.
Capisco gli inconvenienti dell'innovazione ma, sticazzi, c'è una bella differenza fra le due cose.
Tagliare la testa al topo (che comunque non è una bella cosa)è una operazione mediamente affrontabile, prendendo le dovute precauzioni.
Inoltre la cosa ha un suo senso logico anzi ecologico.
A quei tempi i topi rompevano parecchio i maroni.
Dello stesso periodo infatti è l'altro detto "fastidioso come un topo attaccato ai maroni".
Come poi quel topo, nel tempo, sia diventato un gatto non te lo so dire.
Tagliare la testa al topo, dicevo, è una cosa, ma tagliare la testa al toro (cosa fra l'altro che non ha nessuna motivazione plausibile) è una operazione che potrebbe riservare svariate difficoltà ed imprevisti.
Te lo posso assicurare: è un lavoraccio.
Proprio per questo sono voluto andare in fondo alla cosa.
Pertanto Conte se sei d'accordo, vado a cercarmi i cd dei GFR che mi hai consigliato, però il toro io non lo decapiterei. E, a meno che tu non ci tenga in modo particolare, lo stesso farei col topo. Dimmi tu.
In attesa di un tuo positivo riscontro, ti auguro la buonanotte.
P.S. Scusa Conte, so che una sequenza di cazzate di questa portata non ti era mai capitata, ma era solo per farsi due risate. Au revoir.
IlConte: Ahahahahahahah ma che sequenza di cazzate!!??!!
Sono d’accordissimo su tutto, pure sul topo ovvio.
Il mio “tagliare la testa al POVERO toro” era in quel senso, appunto.
E ho imparato pure queste nobili cose storiche, vedi.
Merci le Noble
nes
nes
Opera: | Recensione: |
Non si diventa "il gruppo preferito di Homer Simpson" a caso. Bella pagina, di loro ho solo un disco, probabilmente una compilation. Lo ricordo bello sporco e sudato.
BËL (02)
BRÜ (00)

IlConte: Bella, beccato in diretta Nobile. Per “te” bastano i due live o i primissimi. Favolosi.

Homer infatti ha grande gusto.

Ciao, grazie del tempo.
hjhhjij
Opera: | Recensione: |
Volevo dire la cosa di nes, e niente vabè. Grande band, al contrario di altre band hard-rock cresciuti nelle mie considerazioni.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Lei mi è Nobilissimo, si sa.
IlConte
Opera: | Recensione: |
@[Harlan], grazie del passaggio , Nobile.
BËL (00)
BRÜ (00)

Caspasian
Opera: | Recensione: |
Avremo vent'anni per sempre. Commosso da quelle accennate confessioni dell'infanzia. Fa te che al tempo, sarà stato il 1987 e non avevo ancora vent'anni, comprai il primo MC5 e dopo una settimana, per caso, GFR live album... Fa te come stavo.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ne ho scritte di “peggio” di confessioni....
Cazzo due discreti dischi ti sei beccato..
‘87... facevo vent’anni...
Grazie del tempo dedicato.
macaco
Opera: | Recensione: |
Non li conosco se non di nome, ma io sono stato post prima di essere pre, come qualcuno cantó.
Sulle altre menate di vita é morte sorvolo quest´oggi, che é troppo impegnativo, magari in altra sede scriveró due robette. Ciao.
BËL (02)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahahah solo TU potevi essere post prima di pre, ovviamon.

Loro....unici!

Grazie del tempo. Saluti al Brazil.
Falloppio: Citazione di Ferretti Lindo Giovanni. Qualcuno è post, senza essere mai stato niente.
Urka che roba!!!
macaco: E l´ho pure scritta sbagliata, d´altronde non scriverei mai che non sono mai stato niente, grazie Fallopio!
claudio carpentieri
Opera: | Recensione: |
Mi mancava una "recensione globale" come questa. Sia dal punto di vista personale che musicale sei riuscito nell'intento di trasmettere le tue impressioni/sensazioni. Non sarò io a dirti che l'incipit - forse - è stato un pò troppo lungo, visto che anche a me quando prende a scorrere la penna mi ferma davvero poco, allo stesso modo in cui la seconda parte di quanto hai scritto è una lodevole summa di un pensiero che trova riscontro anche nell'oggettività dei fatti. Un saluto e a presto dallo scrittore meno invidiato di debaser,ah,ah..ah.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahahahah
Cosa vuoi io debbo collegare i dischi o altro a mie emozioni o situazioni altrimenti, tecnicamente, non so cosa scrivere. GFR a manetta, Claude!
Johnny b.
Opera: | Recensione: |
Loro li ho scoperti in questi giorni meglio tardi che mai. Tu la solita macchina da guerra.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahah grande Nobile. Guarda, pensando a tea alla tua viscerale passione per gli Stooges (pure mia eh!), loro sono gli Stooges dell’hard/rock blues. Primi 4 album assolutamente Tuoi, poi pian piano più tranquilli (oddio tranquilli si fa per dire)
Sempre grazie del tempo dedicato.
Kagayama
Opera: | Recensione: |
Il Sommo Imperatore Kagayama, già a suo tempo Reggente dell'Impero d'Oriente, nonché Dispensatore di Magnificenza, approva con viva commozione questa pubblica scrittura e ne dispone capillare divulgazione tra i popoli dei nove regni, il tutto a decorrere da oggi.
La mancata esecuzione di questo ordine verrà considerata Atto Ostile al quale seguirà immediata invasione della Basilicata.
BËL (04)
BRÜ (00)

sfascia carrozze: E' qvesta la invasione givsta!
IlConte: Ahahahahahahahahahahahah mitico Imperatore.

È qvesto l’UNICO Imperatore riconosciuto!!!

Onorato e commosso, Emperor!
sfascia carrozze: Ecco, appunto, chissà (mai) sé (e dico sè) il Nostro Sommo Imperatore risulta estimatore dei Suoi Trve Norwegian omonimi
Emperor - Moon Over Karah Sheer
Come tutti noi, peraltro.
IlConte: Appero’ altri nobili tranquillissimi .... verigud
sfascia carrozze: Da degustare durante il té delle 5.
Mign(i)olo all'insù, mi braccobaldo.
IlConte: Ahahahahahahahahahah.... muoioooooo
(Colpa Sua, vede!!!)
hellraiser: Credevo il Molise. Credevo...
sfascia carrozze: Usti!
Tutta colpa del maledetto tè!
Si beva una arcigna spremuta di Pompelmo, allora.
sfascia carrozze: @[hellraiser]
Il Molise è talmento piccino che non si fa a tempo ad invaderlo che già si è dall'altra parte: che gusto c'è?
hellraiser: Facciamo l'Alto Adige e non se ne parla più ok? Uniremo le forze Piemonte e Sardegna come nell' antico Regno Sabaudo e proveremo a liberare dall' ostile invasor le terre delle Mele e delle Marmotte. Ci sta'?
sfascia carrozze: Ma l'Alto Adige (volgarmente detto trentino) è il regn(i)o incontrastato dei Sommissimi
@[G]
e
@[turkish]

Lei vuole la sommossa, Lei, lì.
hellraiser: Andremo a riconquistarlo. E assedieremo e faremo italica la terra di Insbrukk. Ecco.
sfascia carrozze: Essia!
Faccia strada.
Quando vedremo la Sua DeTesta Bannata rotolare diremo che eravamo lì (dietro e solo) di passaggio.
Aiò!
hellraiser: I soliti fifoni sardi. L'ho sempre detto io che i Corsi sono più coraggiosi. Se lo lasci dire, se lo lasci.
sfascia carrozze: Ma non è qvestione di Fifa ('98): è chè essa, la regione da conquistarsi, è talmente lontana da noi proto-sardi che una volta arrivati lì in fondo per fare la DeRivoluzione siam talmente affaticati che ci tocca tornare a casa a riposare.
Eh!
hellraiser: Ah ah ah! ;^))
sfascia carrozze: E' qvesta la Fifa givsta!
Falloppio
Opera: | Recensione: |
Scusate il ritardo.
C'è ancora posto per il funerale del Conte? Minkia dovevo prenotare? No, vabbè, mi sta bene l'ultimo anello. Dicevate? 80.000 persone? Azz.
Allora spazio ai Grand Funk Railroad.
BËL (01)
BRÜ (00)

IlConte: Ahahahahahahahah senza di “te” non parte la festa Nobile Frontman...

Se ci arrivi, set di birre pagate ov cors
ilafante
Opera: | Recensione: |
Con questa bella recensione mi hai incuriosito e li ho ascoltati, non li conoscevo neppure di nome... ho fatto bene.
BËL (00)
BRÜ (00)

Ocio che non hai mica acceduto al DeBasio!

Per vivere con pienezza la vera esperienza dello stare sul DeBaser è bello esserci registrati. Quindi:

Il tuo voto alla recensione:
Il tuo voto all’opera: